Come

Bonus 2400 euro Inps a chi spetta e come richiederlo?

Articolo aggiornato il 30 marzo 2021 da Stefano Mastrangelo

Bonus Covid 2021, chi ha diritto?

Il Consiglio dei ministri, del 19 marzo 2021, ha adottato un nuovo decreto legislativo denominato Decreto Sostegni per introdurre ulteriori misure per le imprese e le famiglie colpite dal coronavirus ottenuto nei guai.

Okuma: Bonus inps 2400 euro come richiederlo

Indennità INPS Covid 2021: a chi spetta?

Il decreto legislativo del governo Draghi prevede un ulteriore bonus di 2400 euro per i beneficiari del decreto agevolazioni, in crisi nel settore di alcuni gruppi di i lavoratori che ora sono, a causa della situazione sanitaria, sono bloccati.

Il decreto Sostegni prevede il pagamento di un’indennità di 2400 euro, per i seguenti lavoratori:

  • a dipendenti stagionali del settore turistico (anche per precari) e delle terme che nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del presente regolamento hanno involontariamente cessato chi ha svolto la prestazione lavorativa per almeno trenta giorni nello stesso periodo. Tali lavoratori non possono essere pensionati, occupati o disoccupati alla data di entrata in vigore del presente decreto;
  • Lavoratori stagionali e precari di settori diversi dal turismo e dalle strutture termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del presente regolamento e nello stesso periodo aver lavorato per almeno trenta giorni;
  • Lavoratori temporanei ai sensi degli articoli da 13 a 18 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81, che lavorano nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2019 e la data di ingresso in in vigore del presente regolamento abbiano lavorato almeno trenta giorni;
  • Lavori autonomi, senza partita IVA , non iscritti in altre forme soggette a contributi previdenziali, sorti nel periodo compreso tra il 1 gennaio , 2019 e l’entrata in vigore del presente Decreto erano titolari di contratti autonomi occasionali, riconducibili alle disposizioni dell’articolo 2222 del codice civile, e che non hanno contratto il giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente Decreto. I lavoratori autonomi devono essere già iscritti all’amministrazione separata dell’INPS al momento dell’entrata in vigore del presente decreto, con riconoscimento di almeno una contribuzione mensile nello stesso periodo;
  • responsabile della vendita di abitazioni ai sensi dell’articolo 19 del D.Lgs. 114, con reddito derivante dalle medesime attività nel 2019 superiore a 5.000 euro e titolare di partita IVA attiva iscritta separatamente gestione ai sensi dell’articolo 2, comma 26 della legge 8 agosto 1995, n.335, alla data di entrata in vigore del presente decreto e non iscritta ad altre forme di previdenza obbligatoria;

Al momento della domanda, tutti i suddetti lavoratori (ad eccezione dei lavoratori stagionali del settore turistico, anche per quelli amministrativi e termali) non possono:

  • I titolari di contratto di lavoro subordinato, ad eccezione del contratto di lavoro a tempo determinato senza diritto all’indennità di disponibilità ai sensi dell’articolo 13, comma 4, del decreto legislativo 15 giugno 2015, n. 81;
  • pensionati diretti.

Ayrıca bakınız: Paura del parto: come affrontarla – Nostrofiglio.it

Il compenso di 2400 euro sarà riconosciuto anche ai lavoratori precari del turismo e delle terme per possesso cumulativo degli oggetti di scena:

  • nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del presente regolamento, i titolari di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato nel settore turistico e termale per una durata complessiva di almeno trenta giorni;
  • Possesso nel 2018 di uno o più contratti di lavoro a tempo determinato o stagionale del medesimo settore di cui alla lettera a) con durata complessiva di almeno trenta giorni;
  • mancanza di titolarità di pensione e di occupazione al momento dell’entrata in vigore del presente decreto.

Bonus INPS lavoratori dello spettacolo

Il nuovo decreto legislativo del governo Draghi riconosce un’indennità forfettaria di 2400 euro:

  • ai dipendenti iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo e che abbiano versato almeno trenta contributi giornalieri dal 1 gennaio 2019 alla data di entrata in vigore del presente Decreto Fondo dal di cui hanno un reddito percepisce un massimo di 75.000 euro. I lavoratori non possono avere una pensione o un contratto di lavoro a tempo indeterminato, ad eccezione del contratto di lavoro a tempo determinato previsto dagli articoli 13, 14, 15, 17 e 18 del decreto legislativo 15 giugno 2015, n.81, senza retribuzione dell’indennità di disponibilità ai sensi dell’articolo 16 del medesimo decreto,
  • ai lavoratori iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo con almeno sette contributi giornalieri versati il ​​1° gennaio 2019 sulla data di entrata in vigore del presente regolamento, determinando un reddito non superiore a 35.000 euro.

Tutti gli assegni COVID da 2400 euro non sono cumulabili tra loro e possono invece essere cumulati e cumulati con l’assegno ordinario di invalidità.

Il governo non ha previsto nessun bonus per i lavoratori agricoli

Inps 3600 euro per i lavoratori sportivi

Il Consiglio dei ministri ha anche un assegno riconosciuto dalla Società Sport e Salute S.p.A, ai dipendenti assunti in rapporti di collaborazione che hanno cessato, ridotto o sospeso la propria attività, presso:

  • il Comitato Olimpico Nazionale (CONI),

    • li >
    • il Comitato Italiano Paralimpico (CIP),
    • le Federazioni Sportive Nazionali, gli Sport Associati,
    • gli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale (CONI),
    • il Comitato Italiano Paralimpico (CIP),
    • le società e associazioni sportive dilettantistiche

    Ayrıca bakınız: Come Disinfestare il Giardino dalle Zanzare | Bestprato

    L’importo della rata unica è:

    • 3.600 euro , per i soggetti che, nell’anno d’imposta 2019, hanno percepito un compenso superiore a 10,0 00 euro all’anno,
    • 2400 euro , per i dipendenti sportivi che hanno percepito una retribuzione in relazione ad attività sportive da 4000 euro a 10.000 euro all’anno nell’anno d’imposta 2019 hanno ,
    • 1200 euro , per i soggetti che nell’anno d’imposta 2019 hanno percepito un’indennità relativa all’attività sportiva inferiore a 4000 euro.

    Come si richiede il bonus INPS Covid-2021?

    Per richiedere l’indennità Covid-2021 di 2400 euro è necessario entro il 30 aprile 2021. Aprile 2021 domanda online da presentare all’INPS, solo per coloro che NON hanno ancora beneficiato dei compensi di cui agli articoli 15 e 15-bis del D.Lgs. n. 137 del 2020 ( Comunicazione Inps n.1275 del 25 marzo 2021). È necessario accedere al servizio online INPS con le credenziali INPS (pin Inps, spid, carta d’identità elettronica o carta nazionale dei servizi): indennizzo Covid 600/1000, oppure rivolgersi ad un patrocinio zonale.

    All ‘ All’interno della procedura, clicca su invia domanda, inserisci il referente e seleziona la categoria di riferimento. Quindi devi scrivere le modalità di pagamento e inviare la domanda.

    I pagamenti non avverranno di certo prima di maggio 2021.

    Leggi i nostri ultimi articoli:

    Ayrıca bakınız: Disturbo ossessivo compulsivo: cause e cura – ISSalute

    • Cessazione del personale scolastico dal 1 settembre 2023: quando scade?
    • Pensioni Inps sospese per omessa dichiarazione dei redditi per l’anno 2018
    • Quando verrà prorogato l’assegno per l’infanzia dell’Inps ai figli disabili?
    • 730 in più: qual è, quando va presentata, termine
    • quando scade il termine per la presentazione della dichiarazione 730 2022 ?

    .

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button