Come

Estrazione olio di cannabis in etanolo. A cura di Luigi Romano

Parola agli esperti e ai ricercatori

  • 22-01-2014
  • 13 commenti

Estrazione di olio di cannabis in etanolo

Il processo di estrazione per ottenere olio di cannabis utilizzando etanolo (EtOH) o il semplice alcol etilico comunemente disponibile come alcol da cucina al 95-96% produce un estratto molto concentrato contenente cannabinoidi, terpeni e alcuni flavonoidi.

Quindi un’estrazione totale delle sostanze attive contenute nella cannabis.

Okuma: Come fare olio di canapa con alcool

La resa media di estrazione di questo olio di cannabis è del 20%, quindi da 10 grammi di cannabis puoi ottenere 2 grammi di olio di cannabis.

La procedura è molto semplice e non devi essere un chimico, ma devi stare molto attento a NON UTILIZZARE FIAMMA APERTA.

Il processo di concentrazione dell’estratto richiede l’evaporazione del solvente, l’EtOH, quindi è necessario un processo di riscaldamento dell’estratto.

Perché EtOH, così come i suoi vapori, è infiammabile. Il processo di evaporazione del solvente deve essere effettuato in un AMBIENTE BEN VENTILATO su una normale PIASTRA ELETTRICA (o per la cucina o per caffè americano), meglio se con temperatura e impostazioni dell’ora.

Materiali necessari:

  • Cannabis di buona qualità (la qualità della tua cannabis influisce ovviamente sulla qualità del tuo estratto finale.
  • Etanolo alimentare 95-96% (disponibile in qualsiasi negozio di liquori o supermercato).
  • Barattoli di vetro o ceramica
  • Carta da filtro, filtri per caffè americano o altri materiali inerti (fazzoletti di cotone) per rimuovere la materia vegetale dal tuo estratto.
  • Piastra elettrica

Processo per fare l’olio di cannabis in etanolo:

Possiamo utilizzare 5 grammi di cannabis e 200 ml di EtOH per eseguire 2 estrazioni (il volume del solvente può essere variato a seconda delle necessità).

Dopo successivi esperimenti, ho consiglio di eseguire le fasi di estrazione nel congelatore, conservando la cannabis e l’EtOH separatamente ma entrambi nel congelatore.

Ayrıca bakınız: Secondo parto: ecco come ho affrontato la mia paura

Trita la cannabis (“dita” o macina, anche se io preferisco “dita”) e poi conservala in congelatore per una notte.

In un contenitore, metti la quantità di EtOH che vuoi usare separatamente nella congelatore.

Estrazione

Il giorno successivo possiamo procedere con l’estrazione.

  • 1. Estrazione: 5 grammi di cannabis con 100 ml di EtOH, possibilmente in congelatore e agitando per 30 minuti. Una volta ottenuto il primo estratto, filtrare il liquido con carta da filtro o un tovagliolo di cotone. Conservare l’estratto nel congelatore e recuperare la cannabis per la seconda estrazione.
  • 2a estrazione: 5 grammi di cannabis con 100 ml di EtOH nel congelatore e agitare per 30 minuti. Una volta ottenuto il secondo estratto, filtrare il liquido con carta da filtro o un tovagliolo di cotone.

Unire il 1° estratto al 2° estratto, metterli in congelatore e prepararli per la fase di vaporizzazione l’EtOH

vaporizzazione

Per la fase di evaporazione, considerando che EtOH ha un punto di ebollizione di ~78 °C, si possono utilizzare diverse strategie.

Mettere i contenitori con l’estratto totale a bagnomaria (~98 °C) in un’area ben ventilata (o all’aperto) utilizzando la piastra elettrica come fonte di calore.

Se hai a disposizione un dispositivo di controllo della temperatura, puoi optare per un’evaporazione più lenta, diciamo 50°/60°C.

Se vuoi recuperare un po’ di EtOH, puoi fare Have divertimento con un semplice sistema di raccolta del vapore e condensa.

Ayrıca bakınız: Come finisce Inés dell&039anima mia anticipazioni finale

Man mano che l’EtOH evapora, inizierai a notare l’estratto concentrato molto viscoso e appiccicoso.

Se la procedura il peso dell’estratto è stata eseguita correttamente, è necessario rispettare le proporzioni sopra.

Il concentrato è di colore ambrato, quasi petrolifero, con odore e sapore molto intensi.

Raccogliere l’estratto e conservare in siringhe o capsule commestibili (per facilità d’uso) e riporlo in un contenitore al buio o avvolto in un foglio di alluminio ecc. nel frigorifero a 4°/6°C.

p>

Istruzioni per l’uso

Applicazione

h3>

L’olio di cannabis derivato da solvente, nel nostro caso EtOH, è un estratto molto concentrato destinato all’uso in malattie gravi come quelle multiple sclerosi, SLA, cancro, gestione del dolore, ecc.

Ad esempio, nei malati di cancro, il dosaggio indicato è di 1 g di olio di cannabis al giorno per via sublinguale o orale.

Sii naturale prima di ordinare la dose di 1 g al giorno Per raggiungere questo obiettivo, il paziente deve “rafforzare” la propria tolleranza, poiché questi livelli di cannabinoidi potrebbero causare problemi anche a un consumatore esperto.

Si consiglia di iniziare con un dosaggio basso e aumentarlo manualmente.

Ayrıca bakınız: Quando crescono i denti, lo fa anche la febbre? – Angelini

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button