Come

Punture di insetti: come riconoscerle, cosa fare e come prevenirle – Poliambulatorio Monza

Oltre ai suoi inconfondibili aspetti positivi, l’estate ha anche alcune insidie, tra cui terribili punture di insetti. Non stiamo parlando della classica puntura di zanzara, che provoca al massimo un po’ di prurito, fatta eccezione per chi soffre di allergie, ci sono innumerevoli altri insetti, come ragni, zecche, api, pulci, cimici, vespe, calabroni, tafani, pulci, pidocchi, acari e zanzare che possono evocare reazioni più importanti.

Vediamo nel dettaglio come riconoscere, curare ed eventualmente prevenire le punture di insetti.

Okuma: Come riconoscere le punture di insetto

Morsi di insetti: come riconoscerli

Morsi di ragno

Nella stragrande maggioranza dei casi, i morsi di ragno sono quasi innocui, ma ci sono alcuni tipi che hanno molto hanno un morso pericoloso per l’uomo , che può provocare necrosi e tossicità sistemica.

In Italia esistono solo tre specie di ragni pericolosi per l’uomo: il ragno violino, che si trova principalmente in Sardegna, Sicilia e nelle isole minori; la tarantola, ragno dal pelo nero diffuso nell’Italia centro-meridionale; e la vedova nera, diffusa nell’Italia centro-meridionale e nelle isole.

In caso di reazione allergica, tessuto necrotico o sintomi neurologici, è importante recarsi immediatamente al pronto soccorso. Per i sintomi lievi è sufficiente applicare ghiaccio e unguenti al cortisone per uso topico (sempre su consiglio del medico o del farmacista).

Morso di zecca

Il morso di zecca non lo è, non va mai sottovalutato. Innanzitutto, la zecca che colpisce l’uomo è diversa dalla zecca che colpisce i cani. In secondo luogo, non colpisce, ma morde: si infila la testa nera appena sotto la pelle. Una volta inserito, aspira il sangue ed emette veleno.

È importante rimuoverli rapidamente (assicurarsi che la testa della zecca non rimanga sotto la pelle). Dopo l’estrazione, è importante monitorare eventuali sintomi successivi perché le zecche possono agire come portatrici di malattie gravi come la malattia di Lyme o l’encefalite da zecche

Per la malattia di Lyme, non esiste vaccino, ma profilassi antibiotica. L’encefalite, invece, è una malattia virale acuta del sistema nervoso centrale, trasmessa dalla puntura di zecche infette, per la quale esiste un vaccino.

Infine, vale la pena acquistare uno dei tanti prodotti in commercio, per tenere lontane le zecche, perché come si suol dire: prevenire è meglio che curare.

Morsi delle pulci

Ayrıca bakınız: Come scoprire un tradimento su Messenger: 5 indizi e consigli utili

Le pulci infestano comunemente i nostri animali domestici, ma gli esseri umani possono anche nascondersi tra i capelli o mordere braccia e gambe e causare reazioni cutanee pruriginose. Comunque niente di grave, per curarle è sufficiente applicare del ghiaccio o al massimo unguenti cortisonici per uso esterno.

Le flebotomi pungono

Le flebotomi, spesso scambiate per zanzare, sono molto presente nelle calde sere d’estate. Conosciuti anche come flebotomi (dal greco “gocciolare” e “temno”, che letteralmente significa “taglia vene”), possono trasmettere diverse malattie all’uomo e agli animali agendo da vettore per virus, batteri e parassiti.

Le femmine sono sanguisughe e sono responsabili solo degli attacchi all’uomo e agli animali. A causa della loro scarsa capacità di volare, di solito si colpiscono gli arti inferiori di notte. Sebbene estremamente piccoli, possono eseguire punture violente che causano arrossamento diffuso, prurito, gonfiore e talvolta dolore.

In caso di punture senza conseguenze sistemiche è sempre sufficiente utilizzare gelati e unguenti a base di cortisone per alleviare i fastidiosi sintomi.

Pursi di cimici

h3>

Le cimici dei letti sono parassiti notturni di forma ovoidale e di colore marrone che si nutrono del sangue di mammiferi a sangue caldo. Si insinuano proprio tra cuscini e materassi, così come divani o poltrone.

I loro morsi provocano piccole macchie rosse circoscritte una dopo l’altra nello stesso punto, che provocano un fortissimo prurito. Sono più fastidiosi per coloro che sono allergici alla saliva delle cimici. Per sbarazzarsene in modo permanente è fondamentale sbarazzarsene nel punto di origine, ovvero lavando i panni e la biancheria da letto in modo intensivo a 90 gradi.

Punti di vespa

Le vespe sono insetti particolarmente aggressivi e possono ripetutamente pungere lo stesso oggetto perché, a differenza delle api, il pungiglione non si incastra nella pelle. Il veleno di vespa contiene sostanze tossiche e allergizzanti. Questi ultimi di solito hanno effetto entro pochi minuti e provocano reazioni importanti solo in soggetti predisposti.Le sostanze tossiche, invece, provocano una reazione vasodilatatrice, che porta a reazioni cutanee locali come pomfi in rilievo, arrossati e pruriginosi, combinati con forte dolore o bruciore nella zona interessata.

L L’intensità delle manifestazioni dopo una puntura di vespa dipende dalla dose di veleno inoculata dall’insetto e dalla sensibilità del soggetto. Di solito, le reazioni di gonfiore, bruciore e dolore rimangono specifiche dell’area interessata e durano alcuni giorni. Negli individui più sensibili può verificarsi una reazione più importante con edema superiore a 10 cm di diametro accompagnato da dolore, arrossamento, prurito e bruciore che peggiorano gradualmente nei primi tre giorni.

In altre situazioni, in pochi minuti può verificarsi una reazione generalizzata, con sintomi quali eruzione cutanea pruriginosa, pomfi e arrossamento su un’area più ampia del corpo, edema del labbra e palpebre, nausea, vomito e difficoltà di deglutizione, febbricola, palpitazioni e astenia. Infine, nei casi più gravi, può verificarsi shock anafilattico.

Ayrıca bakınız: Come si Gioca a Scacchi | Le Regole e 7 Passi Per Iniziare – Chess.com

Per reazioni più lievi è sufficiente applicare impacchi di acqua fredda e una crema antistaminica o cortisone. Se invece la manifestazione è più grave e generalizzata, è necessario chiedere un intervento medico urgente.

Infine, è importante sottolineare che in presenza di più morsi ravvicinati, anche in soggetti non allergici, si manifestano reazioni generali. In questo caso, anche dopo 24-48 ore, l’accumulo di veleno può portare a sintomi gravi.

Punture di insetto: cosa fare subito dopo la puntura di insetto?

Per il periodo immediatamente successivo alla puntura dell’insetto l’Istituto Superiore di Sanità dà alcuni consigli pratici generali:

  • Togliere accuratamente la puntura
  • In caso di una puntura di zecca, rimuovere la zecca il più rapidamente possibile con una pinzetta a punta fine per evitare di schiacciare il corpo. In alternativa, puoi utilizzare gli strumenti disponibili forniti con i kit per la rimozione di zecche e pulci. La zecca deve essere afferrata il più vicino possibile alla pelle in modo che la testa non rimanga nella ferita e poi estratta tirandola verso l’alto. Quindi l’area in cui si è verificata la puntura dell’insetto deve essere lavata con acqua e sapone.
  • Applicare prodotti freddi sulla ferita (acqua fredda, fazzoletti imbevuti di acqua fredda o ghiaccio) per almeno 10 minuti per ridurre il gonfiore
  • Evita di graffiare o strofinare la ferita e l’area circostante, anche se pruriginosa, per ridurre il rischio di infezione
  • Evita di usare i farmaci “della nonna” come aceto o bicarbonato di sodio
  • Consulta una farmacia per i prodotti da banco per alleviare il dolore, il prurito e il gonfiore.

Normalmente la ferita e il disagio scompaiono in 2-3 giorni. Se ciò non accade, si consiglia di consultare un medico.

Punture di insetti: quando consultare un medico o al pronto soccorso

In particolare, l’ISS raccomanda di consultare un medico quando:

  • I sintomi iniziano a peggiorare dopo 2 o 3 giorni invece di guarire;
  • Il morso o la puntura colpisce la bocca, la gola, la zona vicino agli occhi;
  • Il rossore intorno al morso si espande (almeno 10 cm di diametro) e la zona diventa gonfia o dolorosa;
  • La ferita mostra segni di infezione, pus, dolore in aumento, arrossamento, gonfiore
  • Compaiono sintomi generali, febbre, ingrossamento dei linfonodi e dolori muscolari e articolari, mal di testa, tosse secca, stanchezza .

Invece, vai al pronto soccorso o chiama il 112 o il 118 se la persona ha sintomi gravi immediati, come:

  • difficoltà respiratorie;
  • Gonfiore del viso, della bocca o della gola;
  • nausea o vomito;
  • Aumento della frequenza cardiaca (tachicardia);
  • Vertigini e debolezza;
  • Difficoltà a deglutire;
  • Incoscienza.

Punture di insetti: come evitarle

Cosa fare per evitare punture e punture di insetti? Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, è possibile adottare alcuni semplici accorgimenti:

  • Applicare un repellente per insetti sulla pelle esposta
  • In presenza di vespe, api o calabroni, prenditi il ​​tuo tempo, evita di prenderli in giro o picchiarli
  • Indossa maniche lunghe e pantaloni dove il rischio è maggiore
  • Non stare a piedi nudi all’aperto, indossa scarpe
  • Evita usare profumi e deodoranti, saponi e shampoo molto profumati in quanto possono attirare gli insetti
  • Fare attenzione intorno alle piante da fiore, ai rifiuti, all’acqua stagnante e nelle aree esterne dove c’è del cibo, poiché queste sono aree dove gli insetti possono radunarsi
  • Evitare di accamparsi vicino all’acqua (fiumi, laghi, ruscelli, paludi) dove sono più comuni zanzare e tafani
  • Evitare di sostare o accamparsi, anche vicino a pascoli o Fienili degli animali: tafani e zanzare abbondano nell’ambiente circostante
  • Conserva cibi e bevande, soprattutto zuccherate o dolci, coperti e protetti dagli insetti: api e vespe possono entrare nei barattoli e aprire le bottiglie da cui bevono
  • Tenere porte e finestre chiuse o installare zanzariere e zanzariere per impedire l’ingresso di insetti
  • Tenere i finestrini dell’auto chiusi per impedire l’ingresso, soprattutto durante la guida per evitare che gli insetti entrino nell’abitacolo.

Se viaggi in zone abitate da insetti responsabili di malattie gravi come malaria, dengue, febbre gialla, è necessario visitare il sito del Ministero della Salute informarsi Scopri di quali vaccinazioni hai bisogno avere prima della partenza.

Ayrıca bakınız: Consigli e rimedi contro le mosche

Ayrıca bakınız: Consigli e rimedi contro le mosche

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button