Come

Come riscaldare casa risparmiando e senza inquinare: 10 consigli pratici

In occasione del riscaldamento del 15 ottobre in più della metà degli 8.000 comuni italiani (zona climatica E), comprese le principali città come Milano, Torino, Bologna, Venezia, , l’ENEA propone 10 Regole pratiche per la tua casa Riscalda meglio la tua casa, proteggi l’ambiente e risparmia sulla bolletta, soprattutto in questo momento di aumento dei prezzi dell’energia. Inoltre, l’Assessorato all’Efficienza Energetica dell’ENEA fornisce una guida gratuita per i condomini con le regole per una corretta allocazione dei costi di riscaldamento, raffrescamento e acqua calda, in base ai consumi effettivi di ciascuna unità abitativa.

I 10 CONSIGLI PRATICI.

Okuma: Come riscaldare casa risparmiando e senza inquinare: 10 consigli pratici

>

1) Eseguire la manutenzione dei sistemi. È la prima regola in termini di sicurezza, risparmio e tutela dell’ambiente. Un impianto consuma meno ed è meno gravoso se impostato correttamente, pulito e senza depositi di calcare. Per chi non esegue la manutenzione del proprio impianto è prevista una sanzione da 500 euro (DPR 74/2013).2) Controlla la temperatura degli ambienti. Il surriscaldamento della casa può essere dannoso per la salute e il portafoglio: la legge prevede una temperatura di 20 gradi più una tolleranza di 2 gradi, ma 19 gradi sono più che sufficienti per garantire il comfort necessario. Inoltre, per ogni grado in meno, puoi risparmiare dal 5 al 10 percento sul carburante. 3) Ricorda le ore di accensione. Non è utile lasciare il riscaldamento acceso giorno e notte. In una casa efficiente, il calore accumulato nelle strutture edilizie durante il funzionamento dell’impianto garantisce un comfort sufficiente anche durante i tempi di fermo. Il tempo massimo giornaliero di accensione varia per legge in base alle 6 zone climatiche in cui è suddivisa l’Italia: da 14 ore al giorno per gli impianti della zona E (settentrionale e montano) a 8 ore della zona B (fascia costiera del sud Italia)

Ayrıca bakınız: Come Aggiustare le Cuffie: Guida alla Riparazione > Cuffie.Pro

4) Installa pannelli riflettenti tra la parete e il radiatore. È una soluzione semplice ma molto efficace per limitare le dispersioni di calore, soprattutto nei casi in cui il radiatore è incassato nella parete, riducendone lo spessore e il grado di isolamento. Per ridurre le fuoriuscite verso l’esterno, può essere sufficiente un semplice foglio di carta stagnola. 5) Fai scorrere i finestrini di notte. Chiudere tapparelle e serrande o appendere pesanti tende riduce la dispersione di calore verso l’esterno. 6) Evita gli ostacoli davanti e sopra i radiatori. Posizionare tende o mobili davanti ai termosifoni o utilizzare i termosifoni come asciugabiancheria impedisce la dissipazione del calore nell’ambiente e crea sprechi. Inoltre, bastano pochi minuti per rinfrescare l’aria in una stanza, quindi le finestre non dovrebbero essere lasciate aperte troppo a lungo poiché ciò comporterebbe una perdita di calore non necessaria. 7) Controlla la tua casa. L’assunzione di un tecnico per eseguire un’analisi energetica dell’edificio è il primo passo per valutare lo stato dell’isolamento termico di pareti e finestre e l’efficienza degli impianti di condizionamento. Con la diagnosi è possibile conoscere gli interventi da effettuare valutando il rapporto costo-beneficio. Oltre a ridurre le spese di riscaldamento fino al 40%, gli interventi sono ancora più convenienti se si usufruisce delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, l’ecobonus che permette di detrarre dall’IRPEF o dall’IRES le tasse a partire da 50 all’85% delle spese sostenute a seconda della complessità dell’intervento e super bonus con aliquota di detrazione del 110% 8) Scegli sistemi di riscaldamento innovativi . Dal 2015, salvo poche eccezioni, possono essere installate solo caldaie a condensazione. Si consiglia di valutare la possibilità di sostituire la vecchia caldaia con una a condensazione o con una pompa di calore ad alto rendimento. Sono inoltre disponibili caldaie a biomassa e sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) abbinati a sistemi solari termici per il riscaldamento dell’acqua e sistemi fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. È anche possibile usufruire di agevolazioni fiscali per questi interventi.9) Scegliere soluzioni tecnologiche innovative. È importante dotare il proprio impianto di un controllo automatico della temperatura in grado di evitare inutili picchi o sbalzi di prestazioni. La possibilità di programmazione oraria, giornaliera e settimanale garantisce un ulteriore risparmio energetico. La domotica favorisce anche il risparmio: cronotermostati, rilevatori di presenza e regolatori elettronici consentono di impostare la temperatura dei singoli ambienti e l’orario di accensione del riscaldamento anche da remoto tramite il proprio cellulare.

10) Installare le valvole termostatiche. Questi dispositivi vengono utilizzati per regolare il flusso di acqua calda nei radiatori, il che consente di non superare la temperatura impostata per il riscaldamento degli ambienti. Richieste per legge nei condomini, le valvole termostatiche aiutano a ridurre i consumi fino al 20%.

Ayrıca bakınız: Come si compone il prezzo del carburante

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button