Come

Pensione di vecchiaia: calcolo e conteggio dei contributi | LeggiOggi

Il sistema previdenziale italiano prevede diverse modalità di uscita dal mondo del lavoro, suddivise essenzialmente in due filoni: l’ordinario e l’anticipato. I metodi comuni includono: il pensionamento anticipato e la cosiddetta “pensione di vecchiaia“. Qual è la differenza fondamentale? Ebbene, in caso di pensionamento anticipato il lavoratore può andare in pensione indipendentemente dalla scadenza di una certa età, poiché l’utilizzo di tale modalità si basa solo sul raggiungimento di una certa soglia contributiva. In particolare, per l’anno 2021 sono richiesti 42 anni e 10 mesi (2227 settimane di contribuzione) per gli uomini e 41 anni e 10 mesi (2175 settimane di contribuzione) per le donne.

La pensione di vecchiaia, invece, funziona in modo del tutto diverso, in quanto c’è un’esigenza personale obbligatoria per andare in pensione, che per il 2021 è pari a 67 anni. La soglia demografica si applica sia alle donne che agli uomini. Tuttavia, i contributi minimi sono richiesti dall’età di 67 anni. Il sistema previdenziale italiano fissa questa soglia minima a 20 anni di contribuzione, anche se, come vedremo nel seguito di questo articolo, il lavoratore può andare in pensione con la pensione di vecchiaia anche con soli 15 anni di contribuzione, o anche con 5 anni. Si tratta di tipologie di pensioni molto specifiche e non accessibili a tutti.

Tuttavia, sembra opportuno chiarire come viene calcolata la pensione di vecchiaia per capire quanta pensione è dovuta ogni mese. Vediamo quindi di illustrare: come funziona la pensione di vecchiaia, alcuni esempi di calcolo, quanti contributi servono in settimane e la pensione di vecchiaia anticipata.

Okuma: Come si calcola la pensione di vecchiaia

Legge di Bilancio 2021: Approvate tutte le modifiche al pacchetto pensionistico

Pensione di vecchiaia: cos’è e come funziona?

In primo luogo, chiariamo cos’è la pensione di vecchiaia. Come è noto, si tratta di una prestazione pensionistica corrisposta:

  • dall’assicurazione obbligatoria generale (agosto);
  • dai fondi che li sostituiscono, in esclusiva o in esenzione fiscale;
  • dall’amministrazione separata dell’INPS dopo il completamento.

Come indicato in premessa, l’accesso è garantito solo a chi ha compiuto i 67 anni di età, insieme ai possedimenti, di norma almeno 20 anni di contribuzione (1040 settimane ).

Pensione di vecchiaia: con almeno 15 anni di contribuzione

Tuttavia si può ottenere anche la pensione di vecchiaia con meno di 20 anni di contribuzione, cioè esattamente 15 anni. Si tratta di un caso particolare previsto dalla cosiddetta “Legge Amato”, disciplinata dal D.Lgs. 503/1992, che prevede tre eccezioni, ovvero le cosiddette “Deroghe Amato”.

Ayrıca bakınız: Come trasformare una camera da letto classica in moderna

Ma come funzionano? Ciascuna di queste deroghe deve rispettare determinate regole. Vediamoli nel dettaglio.

La prima eccezione è soggetta al verificarsi di due condizioni. In particolare, il dipendente deve avere

  • 15 anni di contributi (780 settimane) riconosciuti entro il 31 dicembre 1992 . A tal fine, contributi volontari, obbligatori, figurativi, di rimborso e di ricongiungimento, ecc.;
  • essere iscritta nel fondo per il personale o nell’ amministrazione straordinaria dei lavoratori autonomi. lavoratori dipendenti dall’INPS. Ciò include ex-inpdap, ex-enpals, ex-ipost.

La seconda eccezione è che se sei idoneo a pagare i contributi volontari prima del 31 dicembre 1992 puoi accesso:

  • dipendenti e autonomi iscritti all’INPS;
  • ex membri Enpals (non per ex inpdap ed ex ipost).

Infine, la terza esenzione Amato prevede l’obbligo di soddisfare una serie di requisiti e si applica solo ai dipendenti che lavorano in AGA o in un subordinato o fondo di esenzione degli stessi. In particolare devono essere stati forniti i seguenti servizi:

  • 25 anni di assicurazione . In pratica, il primo contributo deve essere accreditato almeno 25 anni prima della scadenza del diritto alla pensione;
  • 15 anni di contributi;
  • ha lavorato almeno 10 anni per periodi inferiori a 52 settimane . Gli anni completamente lavorati con meno di 52 contributi settimanali non vengono presi in considerazione, poiché il lavoro a tempo parziale non include tutte le 52 settimane se il salario è inferiore al salario minimo.

Pensione di vecchiaia: con almeno 5 anni di contributi

Come accennato in premessa, la pensione di vecchiaia può anche essere ottenuto con meno di 5 anni di contributi. In effetti, è anche possibile andare in pensione con soli 5 anni di contributi. Si tratta proprio di «previdenza contributiva per la vecchiaia». Ovviamente, questo è un percorso assolutamente speciale.

Infatti non è accessibile a 67 anni, ma è necessario maturare bene 71 anni .

Ayrıca bakınız: Pietra di Luserna: posa e manutenzione – Vottero Riccardo

Inoltre, però, per percepire tale pensione è necessario essere soggetti al calcolo contributivo integrale della prestazione. Pertanto, tutti i dipendenti i cui benefici devono essere calcolati in regime contributivo integrale hanno diritto alla pensione di vecchiaia con 5 anni di contribuzione o alla pensione di vecchiaia contributiva. ul>

  • coloro che non hanno versato contributi prima del 1 gennaio 1996;
  • coloro che possiedono contributi solo in amministrazione speciale o hanno scelto di calcolare il contributo in tale amministrazione;
  • coloro che hanno deciso di utilizzare il sistema di calcolo dei contributi.
  • Pensione di vecchiaia: calcolo contributivo

    L’importo della pensione dovuta dipende essenzialmente dal periodo in cui sono stati accreditati i contributi. Fondamentalmente ci sono due metodi di calcolo:

    • stipendio
    • contributivo

    calcolo stipendio della pensione si applica a coloro che hanno almeno 18 anni di contributi accreditati al 31 dicembre 1995; Questo sistema di calcolo si basa sugli ultimi stipendi percepiti ed è diviso in due parti:

    • la Quota A , che si basa e rivaluta le ultime 5 anni di stipendio, e sul numero di settimane contributive al 31 dicembre 1992;
    • la Quota B basata sugli ultimi 10 anni di stipendio, rivalutata, e sul numero di settimane detenute al 31 dicembre 2011.

    Un metodo di calcolo molto rapido ma anche approssimativo consiste nel prendere il salario medio di vecchiaia degli ultimi anni di stipendio (rivalutato) e moltiplicarlo per dare un rendimento del 2% , che a sua volta viene moltiplicato per il numero di anni di contribuzione.

    Facciamo un esempio. Se il lavoratore dipendente, soggetto al solo calcolo della retribuzione, ha una retribuzione media di 1.500 euro e 40 anni di contribuzione, deve compiere la seguente operazione:

    • 1.500 x 40 x 2%;
    • Così ottiene una pensione di 800 euro.

    Il calcolo contributivo riguarda invece i contributi versati:

    • dal 1 gennaio 1996 per le persone con meno di 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995;
    • dal pagamento del primo contributo per tale contributo a titolo gratuito il 31 dicembre 1995;
    • per il totale del contributo trattenuto, per chi sceglie di ricalcolare il totale della pensione utilizzando il regime contributivo;
    • dal 1 gennaio 2012, per coloro che hanno più di 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995 (cioè per coloro che sono solo soggetti al calcolo della retribuzione).

    Il calcolo del Contributo non si basa su stipendi recenti o percepiti come il sistema salariale, ma sui contr ibuti effettivamente corrisposti nell’ambito di un’attività lucrativa, rivalutati e convertiti in rendita da un coefficiente crescente al crescere età di pensionamento.

    Ayrıca bakınız: Ho Bisogno di Soldi Subito: Tutte le Possibilità per Chi Ha Bisogno Urgente di Denaro

    Leggi anche “Pensione di vecchiaia 2021: requisiti, regole, domanda e novità”

    .

    Related Articles

    Leave a Reply

    Your email address will not be published. Required fields are marked *

    Back to top button