Come

Come si calcolano i chilowatt di unauto?

Kilowatt, hp, hp e hp fiscale: cosa dovresti usare come guida? Sapere quanti kilowatt ha un’auto è necessario per conoscere la potenza del veicolo e per calcolare la tassa di circolazione da pagare.

Se possiedi un’auto, probabilmente conosci già il numero di cavalli (CV) ma non sai quanti kilowatt ha e come trovare quei dati . Il numero di kilowatt è essenziale per conoscere la potenza del motore e per calcolare l’importo della tassa di circolazione. Pertanto, dobbiamo sapere di cosa si tratta e dove trovarlo. Conoscere da solo la cilindrata non basta: a parità di quantità cambiano anche cavalli e kilowatt. Il numero di cavalli può essere fuorviante, perché il kilowattaggio è sempre inferiore a quello dei cavalli corrispondenti. Inoltre, sia il fisco che il codice della strada attualmente “pensano” in kilowatt e non più che in cavalli; La potenza rimane commercialmente utile solo perché siamo abituati a esprimere le prestazioni del motore in questi termini e quindi le case automobilistiche continuano a offrirci questi dati. I kilowatt esprimono la potenza del motore dell’auto. Questa si misurava in cavalli (CV o HP in inglese): quando la macchina sostituiva carrozze, carri e altri veicoli trainati da animali, era utile sapere a quanti cavalli corrispondeva la potenza del motore. Tuttavia, i cavalli furono presto chiamati “cavalli fiscali” perché i dati venivano utilizzati dalle autorità fiscali come base per il calcolo della tassa sugli autoveicoli, ovvero la tassa sugli autoveicoli che si applica al proprietario di ogni veicolo. Di conseguenza, il numero di cavalli è diventato nella pratica enormemente importante: non solo bisognava sapere quanto fosse potente il motore dell’auto, ma soprattutto calcolare l’importo della tassa di circolazione. Tuttavia, negli ultimi anni i cavalli sono stati finalmente sostituiti dai kilowatt e questa è la cifra ‘ufficiale’ utilizzata sia dal fisco che dal codice della strada. Ma come si calcolano i kilowatt di un’auto? Il rapporto tra le due misurazioni, come vedremo, è molto semplice e si basa su una semplice formula matematica che può essere utilizzata senza alcuna terminologia o strumenti particolari: basta conoscere le date di inizio indicate sulla carta di circolazione.

Okuma: Come si calcolano i kw di una macchina

HP: da cavalli a watt e kilowatt

Nel 18° secolo, con la rivoluzione industriale, nacquero le macchine a vapore. Hanno gradualmente sostituito le attività manuali e anche quelle svolte da animali come i cavalli.

Indica a quanti cavalli corrispondeva la potenza del motore Con questa macchina un è nata la nuova unità di misura denominata “cavalli“. In questo modo si potrebbe stabilire un rapporto tra la vecchia potenza animale e la nuova potenza meccanica: ad esempio, una macchina da dieci cavalli esprimeva la potenza di dieci cavalli.

>

Convenzionalmente, è stato determinato che un cavallo è uguale all’energia necessaria per sollevare un peso di 75 libbre ad un’altezza di un metro in un secondo. L’espressione della potenza in cavalli veniva usata per determinare il valore delle macchine sia dal punto di vista tecnico che commerciale.

Nel 19° secolo questa unità di misura divenne ancora più utile, perché si diffusero i motori con motori a combustione interna derivati ​​dal petrolio (motori a benzina o misti e motori diesel): così nacquero già nei primi decenni le automobili e gli altri trasporti moderni del 20° secolo carrozze e altri veicoli trainati da cavalli o altri animali in minoranza.

Si è reso ancor più necessario avere un’unità di misura espressa in un unico numero sintetico, la potenza effettiva del motore e quindi del veicolo. La potenza andava bene per questo.

Il numero della cilindrata del veicolo (ovvero il volume dei cilindri: ad esempio un sei cilindri con una cilindrata di 1/3 di litro ciascuno e 2.000 cc di cilindrata) non erano sufficienti per calcolare con precisione le prestazioni del motore, che dipendevano da altre variabili come il tipo di carburante e il meccanismo di trasmissione.

Sappiamo tutti che i diversi modelli di auto in commercio con la stessa cilindrata, diciamo 1.600 cc, hanno numeri di potenza molto diversi: ad esempio 95, 120 o 150.

Anche la potenza aveva i suoi limiti, in quanto nell’Europa continentale si utilizzava il sistema di calcolo CV, mentre in Gran Bretagna e Paesi anglosassoni il metodo HP ( l’abbreviazione dei termini corrispondenti in inglese, cavalli): con l’uno o l’altro i risultati erano diversi.

La differenza era piccola (1 CV era pari a 0 , circa 98 CV) ma poneva sempre problemi di conversione e, soprattutto, impediva alla potenza di essere un’unità di misura valida e riconosciuta a livello internazionale.

Ayrıca bakınız: Contro il green pass circola un modulo per denunciare chi lo chiede all&039ingresso dei locali dove è obbligatorio

Fino ai mercati automobilistici prevalentemente nazionali, questo svantaggio non rappresentava un grosso ostacolo, ma più recentemente, con la globalizzazione del mercato automobilistico e la presenza in Italia di tutte le marche nel mondo, era impossibile escogitare una misura doppia e ormai obsoleta continua.

Quindi è stato utilizzato il kilowatt, una u speciale, Unità di misura che prende il nome dal fisico del 18° secolo James Watt. Fu il primo dall’introduzione della macchina a vapore a formulare la formula che misura la potenza elettrica: come ben ricorda chi frequentava il liceo, un watt è il risultato della moltiplicazione tra 1 volt e ampere.

Questa unità di misura ha il vantaggio di essere precisa e inequivocabile, poiché può misurare la potenza di qualsiasi tipo di lavoro fisico svolto da qualsiasi tipo di motore o macchina in genere. Ad esempio, è noto l’utilizzo di KW in elettricità ed energia per determinare i consumi degli elettrodomestici o le prestazioni degli impianti.

Il kilowatt che abbiamo esaminato non è altro che un multiplo di watt e corrisponde esattamente a mille watt (mentre un megawatt rappresenta un milione di watt e un gigawatt rappresenta un miliardo di watt).

HP e kilowatt: qual è il rapporto?

Ad oggi il numero di cavalli in macchina è usato nella pratica commerciale: la maggior parte di noi lo sa bene, perché è un fatto riconosciuto dalle Case concessionarie auto e concessionarie auto è ben pubblicizzato. p>

Quasi tutti sanno quanti cavalli ha la loro auto, ma non sanno a quanti kilowatt corrispondono, e se e come è possibile calcolare questa corrispondenza. La buona notizia è che non è necessario avere una laurea in matematica o fisica, per non parlare di una laurea in ingegneria, per determinare l’esatta relazione tra potenza passata e kilowatt attuali.

In effetti, il rapporto tra potenza e kilowatt è molto facile da calcolare e ricordare. La formula “magica” è una semplice equivalenza: un kilowatt equivale a 1,36 CV. A rigor di termini, 1 kW corrisponde a 1,35962 CV, ma l’arrotondamento delle ultime cifre decimali non mostra differenze significative e può quindi essere trascurato ai fini pratici.

Quindi se sappiamo quanti cavalli ha la nostra macchina , possiamo facilmente trovare i kilowatt equivalenti dividendo il numero di cavalli per 1,36. Ad esempio, se possediamo un’auto da 136 CV, ha anche 100 kilowatt di potenza; se la nostra macchina ha 75 cv, corrispondono a poco più di 55 kilowatt (esattamente 55,14).

È anche possibile fare il calcolo inverso se contiamo il numero di i kilowatt lo sappiamo e da quello vogliamo tornare al numero di cavalli. In questo caso la formula da utilizzare è moltiplicare il numero di kilowatt per 1,36.

Qui, per evitare errori, basta notare un semplicissimo “trucco”: il numero di kilowatt è e deve essere sempre minore rispetto al numero di cavalli corrispondenti.

Se dividiamo il numero di cavalli per 1,36, otteniamo i kilowatt; Moltiplicando i kilowatt per 1,36 ottieni potenza. In effetti, un cavallo “vale” 0,735 kilowatt, che è poco meno di tre quarti di kilowatt uguale a un cavallo.

Ci sono molti convertitori da cavallo a kilowatt su Internet, ma ora che conosciamo la formula che abbiamo spiegato e basta un semplice calcolatore per passare da un’unità di misura all’altra.

Ayrıca bakınız: Come diventare ricchi senza far niente – Lixi Invest

Per calcolare la quantità di bollo, strong>, I servizi auto a partire dall’ACI forniscono gratuitamente, il servizio che permette di ottenere l’importo dovuto semplicemente inserendo la targa del veicolo. Infatti, come vedremo nel prossimo paragrafo, la targa è legata alla carta di circolazione, che a sua volta contiene i kW motore dell’auto.

Tutto quello che abbiamo spiegato ci aiuta anche ad evitare inutili spaventi: se ad esempio abbiamo un’auto da 200 CV, non andremo oltre la soglia del “Superbollo ” (questo corrisponde a 185 kilowatt, paga 20 euro in più di tassa per ogni kilowatt oltre la soglia), perché il nostro veicolo varrà “solo” 147 kilowatt (cioè 200 diviso 1,36) ai fini fiscali. In realtà i 185 kilowatt oltre i quali il bollo aumenta corrispondono a circa 250 CV: una prestazione notevole che può essere raggiunta solo da alcuni modelli di auto.

Come utilizzare i dati nel libretto di circolazione del veicolo traffico

Il carta di circolazione è l'”ID” del nostro veicolo e lo legittima per il traffico. Tra le informazioni che contiene (data di immatricolazione, numero di telaio, numero di targa, marca, modello, categoria, omologazione, dati del proprietario, ecc.) c’è esattamente quello di cui abbiamo bisogno, ovvero il numero di kilowatt.

Dove possiamo trovarlo nel mare di numeri e abbreviazioni che compongono la carta di circolazione? Più precisamente si trova nel secondo dei quattro quadranti del foglio, cioè in alto a destra; il numero di kilowatt è indicato nella sezione contrassegnata dalla lettera P nell’elemento contrassegnato dal codice “P.2” (quello tra l’elemento “P.1” che indica la cilindrata e l’elemento “P.3”, indica la cilindrata indica il tipo di carburante, ad esempio benzina o diesel) [1].

Se dobbiamo pagare le tasse, oppure il passaggio di proprietà in caso di vendita del veicolo è fondamentale il numero di kilowatt, che dobbiamo moltiplicare per il coefficiente della tipologia fiscale stabilita.

Ricordiamoci: è il numero di kilowatt che conta e non il numero di cavalli, che sarebbe maggiore. La tassa automobilistica si calcola per kilowatt e non per cavallo.

La tassa cavalli, invece, veniva utilizzata per calcolare l’importo della tassa automobilistica fino a una ventina di anni fa , e solo a partire dall’introduzione del kilowatt, che oggi rappresenta lo standard per la tassa sugli autoveicoli, è caduto nel dimenticatoio.

Sopravvivono solo in singoli casi, come il pagamento chilometrico a dipendenti di aziende che guidano la propria auto per motivi professionali o nel calcolo dei premi assicurativi.

Ancora oggi, infatti, alcune compagnie assicurative calcolano ancora il tasso RC dalla cilindrata del veicolo al posto della potenza del motore stabilendo delle “fasce” a cui un certo numero di cavalli è assegnato è (z/p>

Tuttavia, questi “cavalli fiscali” sono solo una norma fittizia e non esprimono affatto le prestazioni effettive del motore come fanno i kilowatt.

Infine, lo è è bene sapere che i kilowatt dell’auto vengono utilizzati anche per determinare se i conducenti inesperti strong>, ovvero coloro che hanno la patente di guida da meno di tre anni, possono o meno guidare determinati veicoli.

Sappiamo che i driver principianti in generale non essere in grado di guidare auto molto potenti, ma è necessario sapere esattamente qual è la soglia e per calcolarla è necessario il numero di kilowatt. Il limite legale [2] è di 70 kilowatt, che corrispondono – ora sappiamo come calcolarlo – a circa 95 CV.

Quindi, quando acquisti un’auto, tieni presente che se supera questi limiti, non può essere guidata da un guidatore inesperto.

Ayrıca bakınız: Come calcolare le diagonali di un rombo | Studenti.it

Di Paolo Remer .

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button