Come

Artrosi cervicale: sintomi, rimedi e cura – Valori Normali

  • Introduzione
  • Cause
  • Sintomi
  • Diagnosi
  • Trattamento e rimedio
  • Fonti e Bibliografia

Introduzione

La spondilosi cervicale, detta anche artrosi cervicale (che è la causa più comune), è una condizione che provoca alterazioni a carico delle ossa, dei dischi e del collo articolazioni; Questi cambiamenti sono causati dal deterioramento fisiologico associato all’invecchiamento, in cui i dischi intervertebrali del rachide cervicale perdono liquidi e si irrigidiscono a causa della formazione di osteofiti sulle ossa cervicali, o escrescenze ossee anomale simili a speroni o spine che si formano lungo il bordi articolari dell’osso. Queste sporgenze ossee possono causare il restringimento del canale midollare, lo spazio in cui scorre il midollo spinale, o il restringimento delle aperture in cui escono i nervi spinali. Questi restringimenti sono chiamati stenosi spinale cervicale, una condizione che può causare

  • mielopatie (malattie del midollo spinale)
  • radicolopatie (patologie delle radici dei nervi spinali).

L’artrosi cervicale è più comune nelle persone di mezza età e negli anziani e si stima che colpisca oltre l’85% delle persone di età superiore ai 60 anni, sebbene non tutti i casi si manifestino clinicamente; La maggior parte delle persone che soffrono di spondilosi cervicale non presenta sintomi significativi, mentre quando si verificano, i più comuni sono:

Okuma: Come si cura l artrosi cervicale

  • dolore alla scapola, al braccio e alle dita,
  • Debolezza muscolare,
  • torcicollo,
  • mal di testa
  • e formicolio o intorpidimento, in particolare alla testa, alle spalle, alle braccia e alla punta delle dita.

La diagnosi si basa principalmente sull’esame obiettivo e sui sintomi riportati dal paziente, ma potrebbero essere necessari alcuni test di imaging per confermare la diagnosi.

Il trattamento è conservativo quando possibile e si basa sulla terapia fisica e sull’uso di analgesici per controllare il dolore. In alcuni casi più gravi e complessi può essere necessario ricorrere all’intervento chirurgico.

Cause

La causa principale della spondilosi cervicale è l’invecchiamento.

Come passa Nel corso degli anni, le ossa, la cartilagine e le altre strutture che compongono la colonna vertebrale e il collo si deteriorano e sviluppano gradualmente segni di usura. I principali cambiamenti che si verificano in queste strutture responsabili dei sintomi della spondilosi cervicale sono:

  • Disidratazione dei dischi intervertebrali: i dischi intervertebrali sono cuscinetti cartilaginei che funzionano come ammortizzatore tra le vertebre della colonna vertebrale. Intorno ai 40 anni, i dischi spinali della maggior parte delle persone perdono acqua, si restringono e diventano più rigidi. Ciò provoca uno stress da osso a osso più dannoso tra le varie vertebre della colonna vertebrale.
  • Ernia del disco: il disco è costituito da un nucleo polposo interno e gelatinoso e da un nucleo esterno solido anello fibroso, che ha lo scopo di contenere e proteggere il nucleo centrale. Con l’avanzare dell’età, sui dischi intervertebrali compaiono spesso lacerazioni esterne, che portano al distacco, la cosiddetta ernia, del nucleo polposo interno. L’ernia nucleare può premere sul midollo spinale e sulle radici nervose, causando disagio e dolore.
  • Osteofiti: la degenerazione del disco cartilagineo provoca un carico osso-osso improprio tra le vertebre . Questo può stimolare la produzione anormale di osso extra, causando la formazione di escrescenze chiamate osteofiti, escrescenze ossee a forma di sperone o a punta, che possono causare il restringimento del canale midollare (attraverso il quale passa il midollo spinale) o il restringimento delle aperture dove il midollo spinale passa per l’uscita dei nervi spinali. Queste costrizioni possono portare a dolore nel tessuto nervoso con sintomi di dolore e, nei casi più gravi, ad anomalie nervose sensoriali note.
  • Legamenti rigidi: i legamenti sono strutture del tessuto connettivo che si legano le ossa insieme. Con l’età, i colletti possono irrigidirsi, rendendo il collo meno flessibile.

Fattori di rischio

Sebbene il fattore di rischio più importante sia l’invecchiamento, ce ne sono altri che possono aumentare il rischio di sviluppare l’artrosi cervicale, tra cui:

  • precedenti traumi e lesioni al collo,
  • attività legate al lavoro che mettono a dura prova il collo, come il tempo,
  • ripetendo gli stessi movimenti del collo durante il giorno (stress ripetuto),
  • fattori genetici (spondilosi cervicale nella storia familiare),
  • fumo di sigaretta,
  • obesità,
  • stile di vita sedentario .

Sintomi

Ayrıca bakınız: Diritto di prelazione sugli immobili: la guida completa — idealista/news

La maggior parte dei soggetti affetti da spondilosi cervicale non presenta sintomi significativi e, quando presente, mostra una grande variabilità:

  • da lieve a grave,
  • esordio improvviso o progressione graduale.

A o I sintomi più comuni includono dolore a livello della scapola; in altri casi, il dolore può irradiarsi lungo il braccio fino alle dita o può essere solo localizzato. La posizione del dolore dipende da quali strutture nervose sono maggiormente colpite e può cambiare da individuo a individuo. In alcuni casi, il dolore può aumentare in determinate posizioni, come in piedi, seduti o inclinando il collo all’indietro. A volte il dolore può aumentare anche quando si tossisce o si starnutisce.

Un altro sintomo comune è la debolezza muscolare, che si trova più comunemente nelle braccia e nelle spalle (più specificamente, il cingolo scapolare); La debolezza muscolare può rendere difficile l’esecuzione dei movimenti quotidiani, come camminare. B. alzare le braccia o afferrare saldamente gli oggetti. Nei casi più avanzati può verificarsi anche atrofia muscolare, ovvero una riduzione del volume muscolare.

Altri segni comuni di artrosi del collo includono

  • un torcicollo che peggiora nel tempo,
  • dolore e/o rumori con alcuni movimenti del collo,
  • Mal di testa che si verificano principalmente nella parte posteriore della testa, a livello del collo,
  • Formicolio o intorpidimento che colpisce principalmente la testa, le spalle, le braccia e la punta delle dita, sebbene si manifesti a può verificarsi anche nelle gambe di alcune persone.

Sono neurologico e/o sintomi meno comuni possono includere:

  • Nausea,
  • Perdita di equilibrio,
  • perdita della vescica o dell’intestino di controllo della vescica.

Diagnosi

La diagnosi di osteoartrite cervicale si basa principalmente sull’esame obiettivo del paziente, sui segni e sintomi riportati e così via su studi di imaging.

Per fare una corretta diagnosi, il medico stabilisce il tipo di dolore di cui soffre il paziente e ne chiede le caratteristiche, la localizzazione, la durata e se queste sono aggravate dall’assunzione di determinate posizioni. È anche importante che il medico sia a conoscenza di eventuali sintomi associati, come debolezza muscolare o presenza di formicolio.

Ayrıca bakınız: Come far ridere una ragazza: il metodo per conquistarla

Durante l’esame fisico, il medico esamina la debolezza muscolare facendo eseguire al paziente dei contromovimenti. Eventuali deficit sensoriali vengono anche esaminati qualitativamente e quantitativamente e l’equilibrio del paziente viene valutato, ad esempio mediante l’osservazione dell’andatura durante la deambulazione. Tutto ciò è necessario al medico per comprendere sia la gravità della spondilosi cervicale che il problema.

Se l’esame clinico e fisico conferma la spondilosi cervicale, il medico può richiedere uno o più di questi test di imaging per confermare la diagnosi

  • Radiografia del rachide cervicale,
  • TC del collo,
  • RM del collo,

Potrebbero anche essere richiesti

  • Elettromiografia (EMG), uno studio per misurare l’attività elettrica dei nervi che controllano un muscolo specifico
  • Studio della conduzione nervosa per valutare la velocità e la forza dei segnali inviati da un nervo.

Trattamento e rimedi

I trattamenti per l’artrosi cervicale si concentrano principalmente sul sollievo dal dolore per consentire al paziente di condurre una vita normale. È anche importante stabilizzare la malattia in modo che non si trasformi in un danno permanente e invalidante.

I rimedi non chirurgici sono generalmente sufficientemente efficaci, compresi i più comunemente usati

  • fisioterapia,
  • terapia farmacologica, che ci sono tra le più comuni i farmaci utilizzati includono
    • rilassanti muscolari, come la ciclobenzaprina,
    • antidolorifici, come l’idrocodone e il gabapentin (rispettivamente un oppiaceo e una molecola usata invece per il dolore neuropatico),
    • Analgesici e farmaci antinfiammatori come i farmaci cortisonici e i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come il diclofenac.

Nei casi più complessi e gravi che non rispondono ad altre forme di trattamento, può essere necessario un intervento chirurgico; Speroni ossei, parti delle ossa spinali o ernie del disco possono essere rimossi per dare più spazio al midollo spinale e ai nervi che soffrono di compressione. Tuttavia, raramente è necessario un intervento chirurgico per trattare la spondilosi cervicale.

Dal dott. Alberto Carturan, chirurgo

Ayrıca bakınız: Batteria cellulare, come evitare che si scarichi per il freddo quando si scia | Dove Sciare

Fonti e riferimenti

  • Bakhsheshian, J., Mehta, V.A.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button