Come

Lo zucchero di canna fa male? Il parere dell&039esperto

Non è nuovo che un consumo eccessivo di zuccheri semplici che vengono aggiunti agli alimenti sia nel piatto che durante la produzione possano causare danni alla salute . Su questo ha commentato anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che suggerisce di non superare i 6 cucchiaini al giorno.

Okuma: Come si fa lo zucchero di canna

Proprio questa nuova consapevolezza che ha portato ad una crescente consapevolezza di alcune valide alternative alla dolcificazione di cibi e prodotti dolciari, ma sono sicure? Dopo aver esaminato i rischi e le opportunità associati al fruttosio, abbiamo intervistato il dott. Francesca Evangelisti, biologa nutrizionista, ancora una volta per scoprire se lo zucchero di canna fa male o no.

Lo zucchero di canna fa male?

Con il termine zucchero di canna si intende il saccarosio ottenuto dalla lavorazione della canna da zucchero (Saccharum officinarum), da distinguere da quello ordinario zucchero bianco , che invece è il risultato della lavorazione della barbabietola da zucchero (Beta vulgaris) . Lo zucchero di canna si ottiene indebolendo il gambo della pianta, effettuato con apposite macchine, processo che dà inizialmente uno sciroppo caratterizzato da un colore scuro: «Questo colore – spiega il dottore – è dovuto al fatto che non è solo il saccarosio che contiene, ma anche altre sostanze come i sali minerali (ferro, magnesio e calcio), vitamine del gruppo B e PP e acidi organici, che danno luogo esattamente al classico colore scuro.” Queste sostanze ed il liquido che le raccoglie sono comunemente dette “melassa”, e con lo scopo di eliminarle isolando il saccarosio si centrifuga lo sciroppo di zucchero di canna.

Ayrıca bakınız: Infezioni delle vie urinarie: sintomi, cause e rimedi – Cure-Naturali.it

Lo è anche. È importante distinguere due diversi tipi di zucchero di canna . Infatti, da un lato c’è lo zucchero intero (che non è raffinato e rappresenta la principale differenza dallo zucchero bianco), e dall’altro lo zucchero greggio, che, seppur di colore bruno per la concentrazione di melassa, va attraverso il processo analogo allo zucchero tradizionale e quindi non è diverso particolarmente forte. Infine, non ci sono differenze significative nemmeno in termini di apporto calorico: 100 grammi di zucchero di canna contengono circa 360 calorie, mentre il bianco contiene circa 390 calorie.

Zucchero di canna sì o no? Il parere del nutrizionista

 Zucchero di canna

“Contrariamente a molte opinioni – introduce il dott. Evangelisti – dal punto di vista nutrizionale non ci sono differenze significative tra zucchero bianco e zucchero di canna (sebbene in entrambi In alcuni casi si tratta ancora del saccarosio, che è uno zucchero semplice che, a differenza degli zuccheri complessi (amidi) come quelli che si trovano nella pasta e nel riso, fornisce calorie vuote, non qualsiasi altra sostanza utile all’organismo, come le proteine, sali minerali, vitamine e fibre, quindi sia lo zucchero di canna che quello bianco sono semplicemente una rapida fonte di energia , utile solo quando è necessario accumularle in poco tempo.” In caso di assunzione eccessiva – aggiunge l’intervistato – può essere dannoso per la salute, come il noi mangiare, perché in questo modo ha bisogno di elevate quantità di insulina per abbassare il livello di zucchero nel sangue, che aumenta dopo essere stato regolato nel sangue.” Per questo motivo lo zucchero di canna non può essere necessariamente descritto come cattivo, ma proprio come lo zucchero bianco non è raccomandato , soprattutto nell’iperglicemia e nel diabete.

Meglio lo zucchero di canna integrale non raffinato

Dr. Evangelisti sottolinea poi in modo specifico come il consumo di zucchero di canna integrale e mais non raffinato possa essere un vantaggio rispetto al bianco, ma pur sempre un piccolo vantaggio. “A prescindere – aggiunge – se si decide di consumare zucchero, è sicuramente meglio usare zucchero di canna integrale e non zucchero di canna raffinato o bianco, ma è sempre un alimento dannoso.“. Per i dolcificanti in cucina ea tavola è meglio utilizzare dolcificanti naturali, come la Stevia (la loro assunzione va però valutata da uno specialista) o miele che, pur essendo un alimento molto dolce (e per questo va sempre limitato nelle quantità e controindicato nell’iperglicemia e nel diabete), è sempre più naturale dello zucchero di canna, anche integrale. “Infine, va sottolineato che lo zucchero di canna è spesso oggetto di frode alimentare nel senso che in alcuni casi si tratta semplicemente di zucchero bianco.”

Zucchero di canna: guida all’acquisto

Ayrıca bakınız: Note a piè di pagina nella tesi: cosa sono e come si scrivono

Mentre lo zucchero bianco è disponibile in commercio in varie forme (granulato, cristallizzato, granulato, pile, glassato e liquido ), lo zucchero di canna viene utilizzato commercializzato come tale (intero o raffinato). Tradizionalmente utilizzato per la preparazione di dolci a base di frutta cruda e specialità dolci dal gusto esotico, lo zucchero di canna può essere utilizzato anche al posto dello zucchero bianco in tutte le preparazioni. dott Evangelisti ribadisce che non sempre è consigliato utilizzare zucchero di qualsiasi tipo, ma se scegliamo di consumarlo è bene scegliere la canna da zucchero intera.

Vediamo quindi alcuni consigli che possono guidarci a scegliere il prodotto migliore e ad individuare il vero zucchero di canna.

  1. Innanzitutto i grani sono abbastanza grandi, molto scuri e di forma visivamente irregolare
  2. Si sente umido e appiccicoso, inoltre si scioglie molto più lentamente nel cibo o nella bevanda a cui viene aggiunto.
  3. Anche il gusto è abbastanza caratteristico; Infatti non è proprio quello dello zucchero bianco, ma molto più intenso e meno dolce, che ricorda vagamente la liquirizia.
  4. Per essere un vero zucchero di canna integrale, l’etichetta della confezione che acquistiamo può riportare solo la dicitura “zucchero di canna intero”.
  5. Attenzione se è presente la sigla E150 , che indica che allo zucchero è stato aggiunto un colorante (colore caramello), quindi potrebbe essere anche zucchero di colore bianco.
  6. L’imballaggio deve essere integro e privo di grumi e avere un colore marrone uniforme (quindi è meglio scegliere imballaggi trasparenti).
  7. Evita imballaggi danneggiati, zucchero bagnato o grumoso, con zone più scure di altre.

Droghiamo in un luogo fresco e asciutto dove si possa conservare per diversi mesi.

Quindi conosci le proprietà dello zucchero di canna?

Ayrıca bakınız: Come installare manualmente i driver delle schede di rete Intel®

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also
Close
Back to top button