Guida

Come fare per guidare un treno

Il lavoro di macchinista comporta responsabilità, sacrifici e ritmi di lavoro pesanti, ma garantisce un buon reddito.

Hai ancora i treni in quella soffitta con cui passavi interi pomeriggi a giocare da bambino, a costruire binari, posizionare passaggi a livello e caselli, con la fabbricazione di scambi per controllare traffico di locomotive. Quindi, ora che hai raggiunto la maggiore età e stai per laurearti, non hai dubbi su cosa farai in futuro: vuoi trasformare questa passione in un lavoro diventando un macchinista. Va da sé che guidare i treni è una materia che ti interessa molto.

Okuma: Come si guida un treno

Quella di fare il macchinista, detto anche macchinista, è un mestiere antichissimo, nato contemporaneamente alla nascita del treno. In origine il macchinista doveva essere in grado di effettuare tutti i movimenti necessari per azionare le locomotive a vapore dell’epoca,

Oggi il macchinista guida veicoli diesel ed elettrici su linee tradizionali e ad alta velocità . È una figura fondamentale del sistema ferroviario, che, oltre a conoscenze e competenze, richiede anche competenze negli ambiti della sicurezza, dell’elettrotecnica, della meccanica, della termodinamica e della legislazione. Vediamo quindi come si diventa macchinisti, quali sono i requisiti, quali sono i compiti e qual è lo stipendio.

Cosa implicano i compiti del macchinista

Il macchinista pratica svolgere attività di veicoli ferroviari e da treni passeggeri e merci che circolano sull’intera infrastruttura ferroviaria nazionale o su tratti appositamente autorizzati della stessa tratta. Può lavorare per una compagnia ferroviaria pubblica o privata.

Oltre a guidare il treno, che è il suo lavoro principale, il autista è:

  • ispeziona la locomotiva e verifica il corretto funzionamento di tutti i sistemi di controllo e sicurezza prima della partenza e durante il viaggio;
  • collabora con il personale di stazione e forma altro personale ferroviario per garantire il rispetto degli orari;
  • gestisce la comunicazione con il personale di stazione e con il centro operativo della tua azienda;
  • vigila e garantisce il rispetto dei limiti di velocità e dei tempi di percorrenza prescritti;
  • applica le procedure e le normative di settore;
  • in qualità di tecnico specializzato risolve tutti i problemi tecnici di portata limitata che possono manifestarsi nel corso della propria attività;
  • fornisce segnalazioni di problemi plus gravi, li descrive in una relazione tecnica, su appositi registri o allegati in modo che le officine di manutenzione possano prendersene cura.

Come lavora il macchinista

Il lavoro del macchinista si svolge principalmente sui veicoli ferroviari , mentre le attività secondarie nelle stazioni ferroviarie o nei depositi di locomotive.

Normalmente il lavoro è suddiviso in turni, che vengono svolti su specifiche tratte ferroviarie o su strada per un tempo limitato lontano dalla propria struttura.

Come avviene l’accesso alla professione di macchinista?

L’accesso alla professione di macchinista segue la stessa procedura prevista per i dipendenti delle grandi aziende, ovvero il superamento di specifiche selezioni , annunciato dalla compagnia ferroviaria. Di solito puoi trovare informazioni utili a riguardo sul sito di Trenitalia, ma anche su quelli di altre compagnie ferroviarie.

La selezione comporta un’attenta valutazione del curriculum vitae presentato dai candidati, nel rispetto della normativa nazionale in materia e dei requisiti necessari per l’acquisizione della patente di guida.

Quali sono i requisiti per un macchinista

Ayrıca bakınız: Come si guida una moto a marce? Affina la tua abilità

Per l’accesso alla professione di macchinista è necessario: ​​​​

  • 18 essendo 20 se vuoi ottenere la licenza per guidare tutti i treni che operano in Europa;
  • Devi essere in possesso di un laurea secondaria, preferibilmente un indirizzo tecnico;
  • avere la cittadinanza italiana o quella di uno stato membro dell’UE, fatte salve le eccezioni previste dalla legge [1].

Quali caratteristiche psicofisiche deve avere un conducente

Il conducente deve avere anche alcune caratteristiche psicofisiche, ovvero:

  1. buona vista
  2. buon udito
  3. e buona Salute psicofisica .

Per esercitare la funzione di macchinista, in particolare il possesso di:

  • altezza minima di almeno 1,55 centimetri;
  • una visione di almeno 10 decimi in ciascun occhio, anche se è consentita la correzione con lenti sferiche o cilindriche;
  • un senso del colore nella norma;
  • Udito In grado di udire una voce sorda a una distanza non inferiore a 8 metri da ciascun orecchio.

idoneità psicofisica il lavoro deve essere stato valutato da un medico competente secondo la normativa vigente in materia [2] .

Perché il conducente deve possedere determinate qualifiche psicofisiche

Il motivo per cui essere un conducente richiede determinate qualifiche psicofisiche è facile da dire. Nel suo lavoro responsabile, l’autista deve avere una grande capacità di concentrazione e, talvolta, di percorrere lunghe distanze senza essere distratto. Deve avere pronti riflessi per rispondere rapidamente a un segnale audio o visivo. Inoltre, deve essere in grado di utilizzare contemporaneamente mani e piedi per azionare leve o dispositivi. Deve essere in grado di percepire da lontano tutti gli oggetti che incontra lungo la strada e riconoscere le differenze tra i colori, comprese le sfumature e la luminosità > .

Deve essere in grado di vedere bene quando guida di notte in condizioni di scarsa illuminazione.

Come viene addestrato un conducente

Dopo aver superato il test psicologico attitudinale e motivazionale, il candidato conducente deve partecipare a specifici corsi di formazione e corsi di formazione, sia a livello teorico che pratico. Inoltre, deve superare una serie di esami per ottenere la abilitazione alla professione.

Di solito sono le stesse aziende che assumono, formano e istruiscono il personale meccanico. Nel caso specifico di Trenitalia, il sito web dell’azienda, nella relativa sezione “Formazione”, spiega nel dettaglio come avviene l’intera formazione dopo l’assunzione presso l’impresa ferroviaria. Ma ci sono anche corsi che possono essere seguiti privatamente. In entrambi i casi, l’obiettivo è quello di poter offrire una formazione teorica completa e formazione tecnica e formazione tecnica.

Un’azienda Il tutor accompagna il tirocinante durante il periodo di apprendistato al fine di attuare il piano formativo individuale a lui assegnato e di certificare che l’attività formativa sia stata effettivamente svolta.

Cosa fa la qualifica un macchinista deve possedere

La professione di macchinista è legata al possesso di due lauree, ciascuna delle quali può essere conseguiti al termine di un tirocinio formativo e di una specifica prova scritta, orale e pratica.

Le qualifica sono:

  • la Licenza di condotta dell’unità europea ;
  • e il certificato complementare armonizzato

L’unico tipo uniforme europeo

Ayrıca bakınız: Chi elabora le linee guida citate dalla legge gelli

la prima certificazione valida a livello europeo viene rilasciata dopo il completamento di un’istruzione di base e generale, dopodiché il partecipante z. B. Conoscenza di:

acquisisce

  • competenze, contesto lavorativo, doveri e responsabilità del conducente;
  • principi generali di esercizio del sistema ferroviario, sicurezza ferroviaria e norme di esercizio;
  • Principi di base della fisica applicati al settore ferroviario (meccanica, elettrotecnica, termodinamica);
  • tipi di veicoli e loro parti;
  • Motori elettrici, diesel, forze in gioco e risparmio energetico, ecc.

La patente europea è una tessera della > tipo di smart card , personale, con microchip e valida per 10 anni.

Il certificato integrativo armonizzato

Il secondo certificato è costituito da un documento cartaceo dell’impresa ferroviaria, che contiene i modelli delle unità di trazione per le quali l’agente è autorizzato a condurre e tutte le Rotte o tratti di rotte per le quali è stato creato e sui quali è autorizzato a viaggiare.

Più precisamente, il certificato aggiuntivo consente la guida di motrici con le seguenti specializzazioni :

  • Tipo A, per treni adibiti a manovra o vengono utilizzati lavori di manutenzione;
  • Tipo B, per treni adibiti al traffico passeggeri e/o merci.

Gli argomenti trattati durante la formazione per ottenere questo certificato riguardano, ad esempio, la struttura organizzativa delle imprese ferroviarie, il servizio ferroviario (predisposizione all’uso, presa in consegna e controllo dei veicoli), la documentazione , manovre di segnalazione, legislazione su, ad esempio, partenza e arrivo dei treni, guida di locomotive, ecc.

Durante il corso sarà svolta anche una formazione pratica per sviluppare abilità pratiche ed esperienza in guida dei treni, sia attraverso un simulatore di guida che attraverso prove pratiche su veicoli reali.

Quanto guadagna un macchinista

Lo stipendio di un macchinista può variare da un salario minimo di 1.400 euro netti al mese fino ad un salario massimo di 2.500 / 3.000 euro netti al mese.

Per essere più precisi, un guidatore inesperto, cioè con meno di 3 anni di esperienza professionale, può guadagnare uno stipendio medio totale di circa 1.530 netti al mese.

Un pilota con più esperienza (4/9 anni) può avere uno stipendio medio di circa 1.920 euro.

Un guidatore con un’esperienza di 10/20 anni può raggiungere una media di 2.400 euro.

Quindi un pilota a fine carriera con più di 20 anni di esperienza può portare a casa uno stipendio medio totale di 2.550 > euro.

Ayrıca bakınız: Quanti errori si possono fare all’esame di guida pratico

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also
Close
Back to top button