Come

Requisiti della pensione 2017: una breve guida per orientarsi

Le riforme degli ultimi anni hanno creato diversi casi, quindi non esiste ancora una regola unica per tutti, ma una serie di specifiche che richiedono di calcolare l’età pensionabile quasi su misura.

Quali sono i requisiti pensionistici per il 2017?

Qui vale la pena conoscerli nei singoli casi.

Okuma: Come si va in pensione nel 2017

I requisiti per la pensione di vecchiaia

La pensione di vecchiaia è al raggiungimento dell’età legale , che viene adeguata ogni due anni all’aspettativa di vita

Per determinare i bisogni personali necessari nel 2017 , un occorre distinguere tra contribuenti prima del 1 gennaio 1996 e contribuenti dopo tale data L’età minima per percepire la pensione è:

  • 65 anni e 7 mesi per i dipendenti;
  • 66 anni e 1 mese per i lavoratori autonomi ei dirigenti autonomi;
  • 66 anni e 7 mesi per dipendenti, lavoratori autonomi e dirigenti indipendenti.

Inoltre, devi aver pagato almeno 20 anni di contributi.

Per le persone che hanno iniziato un’attività lucrativa dopo il 1996 , va operata un’ulteriore differenziazione, questa volta il reddito

Se la pensione è più di 1,5 volte l’importo della prestazione sociale, si applicano le stesse condizioni precedenti al 1996.

Ayrıca bakınız: Osservatorio sulla Casa | Come trovare nido formiche in casa ed eliminarlo definitivamente

Se l’importo è inferiore, sono richiesti:

  • 70 anni e 7 mesi
  • 5 contributi obbligatori, volontari o di riscatto (figurato i contributi non sono validi).

C’è da dire che il caso dopo il 1996 è davvero limitato nei numeri: chi può andare in pensione nel 2017 con queste regole ha iniziato a lavorare nel 1996, all’età di 45 o 46 anni, e che hanno versato contributi ininterrottamente per 20 anni fino al 2016. Lo stesso vale per chi non raggiunge la soglia: la classe operaia 1946-47, a cui sono stati versati 5 anni di contributi dopo il 2016.

Requisiti per il prepensionamento

Pensionamento anticipato valutato in Contrariamente alla pensione di vecchiaia, il numero di anni di contributi versati dal lavoratore.

Anche in questo caso va fatta una distinzione tra chi ha iniziato a versare i contributi prima e dopo il 1 gennaio 1996.

Per il periodo antecedente al 1996 è richiesto:

  • 42 anni e 10 mesi di contribuzione per i maschi;
  • 41 anni e 10 mesi per le donne.

    li>

In teoria, chi va in pensione anticipata prima dei 62 anni incorrerebbe in una sanzione sulla parte della pensione calcolata con il sistema salariale. Parliamone:

  • -1% per ogni anno in cui vai in pensione a 60 anni;
  • -2% per ogni anno se vai in pensione prima dei 60 anni.

In pratica nel 2017 non succede nulla perché la sanzione è stata bloccata per i successivi 12 mesi

Chi ha avuto il primo credito di contribuzione dopo il 1.1 gennaio .1996 i requisiti per il prepensionamento nel 2017 sono:

  • 42 anni e 10 mesi di contribuzione per gli uomini;
  • con 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne.

    • li>

    Ayrıca bakınız: Postepay, come controllare saldo e movimenti della carta

    Nel 2017 nessuno andrà in pensione con quest’ultima regola, perché chi ha iniziato a lavorare dopo il 1996 avrà 41 o 42 anni di contribuzione più nel 2037 o 2038 accumulati 10 mesi.

    I criteri vengono comunque rivisti anno dopo anno, perché l’adeguamento alla speranza di vita deve essere aggiornato periodicamente e perché l’età pensionabile viene gradualmente innalzata dalla legge Fornero.

    Sulla d’altra parte, d’altra parte, può succedere che alcuni dei post-1996 arrivino al S rinnovo anticipato nel 2017 a 63 anni e 7 mesi se si hanno almeno 20 anni di contributi “effettivi” e l’importo mensile della la prima rata di pensione ha un limite mensile di 2, non è inferiore a 8 volte l’importo mensile dell’assistenza sociale

    Le alternative

    Le pensioni di vecchiaia e di prepensionamento sono le due più importanti formule pensionistiche. Ci sono anche una serie di alternative che ti consentono di anticipare il tuo pensionamento in termini di età prevista.

    In vigore, ma accessibile a pochi, c’è l’opzione per le donne che consente ai lavoratori di dimettersi anticipatamente, purché accettino il ricalcolo della pensione con il sistema contributivo, anche per coloro che sono ammissibile sarebbe calcolare l’importo con lo stipendio più basso.

    Dal 2017 entrerà quindi in vigore la formula Ape Anticipo, che permette di chiedere ad una banca di anticipare la pensione e poi rimborsare l’importo con trattenute dalla pensione versata dall’INPS.

    Per prima cosa La pensione ha i suoi costi, necessari per mantenere in ordine i conti dell’Istituto nazionale di previdenza.

    L’alternativa alla pensione completa è lavorare fino all’ultimo giorno o attenersi a formule di pensione integrativa che permettano di colmare il divario tra pensione piena e pensione ridotta. decidere più liberamente di lasciare il mondo del lavoro prima del previsto.

    Ayrıca bakınız: Duomo di Firenze: Biglietti (Prezzi 2022 dopo Covid-19)

    .

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button