Come

Sono Alice. Questo è il mio viaggio dentro e fuori dalla droga (15/06/2020) – Vita.it

I segni sulle braccia di Alice scompaiono. Invece il sorriso e la voglia di riprendersi, di ricostruire. Rimontando pezzo per pezzo, anche se a volte “ha nostalgia di qualcosa che ha messo radici in me come erbaccia“. Leggi la storia di Alice. È stata lei ad affidarlo a Simone Feder, psicologo nelle strutture della Casa del Giovane a Pavia, dove è coordinatrice dell’area giovani e dipendenze, autrice del blog “No Slot” su Vita . it, che si è trasformato in un libro “Alice e le regole del bosco” edito da Mondadori e disponibile da domani, 16 giugno.

Leggilo perché prima di tutto è una storia onesta. Ciò non esclude l’umiliazione in cui ti gettano le droghe, né le “persone normali” che indirizzano droghe e tossicodipendenti verso di loro dall’esterno, come se fossero un fastidio per gli occhi, come se questo corpo tossicodipendente aveva meno dignità e diritto alla vita degli altri. Siamo a Milano e il Grove di Rogoredo è considerato una delle più grandi aree dello shopping del Nord Italia . Alice ci porta così tanto nella foresta della droga che possiamo riconoscere i suoi odori e sentire il vuoto che attanaglia il tuo corpo e questo desiderio di riempirlo di sostanze. Vediamo anche i corpi devastati delle persone, “le loro protuberanze”, e sentiamo la pelle infiammarsi e farci male: “La protuberanza è un’eruzione cutanea, solo che prima non lo sapevo. Trafiggendoti le vene. Soprattutto, rompe la merda con cui tagliano la merda. Se insisti, le tue vene si intasano e ti gonfi come un palloncino. Se hai diviso le vene delle braccia, inizia a perforare l’inguine. Se si blocca anche quella, la gamba si gonfia completamente e resta lì come un nodulo: quella viene dalla vena», si legge nel libro.

Okuma: Come sono le braccia di un tossico

Ayrıca bakınız: Inguaribile Viaggiatore Vignetta slovena (Bollino sloveno) 2022 evitarla LEGALMENTE

Alice, che ora ha 20 anni, ha iniziato a drogarsi a 16 anni dopo aver conosciuto Samu, di cui si è innamorata. Iniziò a fumare eroina, passò all’iniezione dopo pochi mesi, fino a quando il bosco divenne la sua casa. Ma perché Alice? “Come tanti giovani”, dice Feder, “Alice vive in una famiglia normale. E come tanti giovani, le mancava qualcosa di ‘stimolante’ per usare le sue risorse e un’intelligenza scoraggiante. Poi l’incontro con Samu, l’azienda in generale, il fatto che molti giovani faticano a sentirsi parte di una conversazione. In fondo c’è la mancanza di qualcosa, la sensazione di essere parte di qualcosa”. Alice è una ragazza normale. E in quella somiglianza con tutti gli altri giovani, troviamo le ragioni per cui scriviamo un libro come questo. Lo spiega bene Simone Feder sulle pagine: «Ma proprio non riesce a far entrare nella testa delle persone normali che chiunque può essere un drogato. L’ho ricevuto di recente. Nella foresta non entrano solo i poveri, i disperati e gli ignoranti o che hanno nascosto un trauma da qualche parte. Perché quando le persone riconoscono un drogato, senza denti e con le vene che gli deformano il corpo, vedono solo il risultato finale, ma prima c’è sempre una storia, un inizio: prima del drogato c’è sempre un umano, uno normale. Sembra banale a dirsi, ma non lo è”.

Una coscienza che dovremmo abbracciare. Le sostanze non dovrebbero riguardare solo coloro che le usano. Perché nessuno dovrebbe permettere alle persone di diventare bestie. Ma per i “normali” anche la morte di questi giovani diventa motivo di stupidi pettegolezzi. “Sto per tornare al mio banco, accompagnato da Michele (l’istitutrice che la toglierà dalla droga),” si legge a un certo punto del libro, “quando sento una signora dire all’altra: ‘E chi ora conosce il prossimo biglietto del treno! Ma non potrebbe morire da qualche altra parte?”. La sua amica sorride: “Il ragazzo era drogato, ha fatto bene a saltare sotto il treno.” Poi la mia testa si spegne di nuovo. Il ragazzo che è saltato sotto il treno è stato Marco. In effetti, non è saltato sotto il treno. I primi rapporti che ci sono pervenuti erano sbagliati. Marco si è ucciso con una pera. Ha overdose apposta. Posso immaginare che pensi di morire nel modo più carino. Morì sul binario uno; L’ambulanza ha dovuto fermare alcuni treni per raggiungere il suo corpo. Ci sono stati dei ritardi, Marco ha causato disagi alla gente comune con la sua morte. Persone che non si vergognavano di dirlo ad alta voce. Mi è caduto come un sasso in faccia. Ciò ha mandato in frantumi intere settimane di equilibrio tra metadone e una sensazione di vuoto che ha offuscato il resto. È come se la vita di un ragazzo come Marco potesse scivolargli dalle dita da un momento all’altro e a nessuno importasse di niente”.

Ayrıca bakınız: Voto Maturità 2021, come si calcola/ Esami di Stato: curriculum studente, crediti e…

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button