Come

Come curare le orchidee – Fatto in casa da Benedetta

Oggi voglio condividere con voi tutti i miei segreti per la cura delle orchidee. Le chiamo orchidee in generale, ma in realtà mi riferisco alle Phalaenopsis, le piante più comuni nelle nostre case. Queste orchidee sono chiamate Phalaenopsis perché il loro bel fiore ricorda una farfalla con le ali spiegate. Molti anni fa mi hanno regalato una pianta ed è stato amore a prima vista. Tuttavia, la mia prima orchidea è stata un disastro totale ed è morta all’istante, ma non mi sono mai arresa! Ho comprato altre orchidee, ho chiesto aiuto al mio giardiniere di fiducia, ho letto dei libri e col tempo sono rimasta soddisfatta. In realtà è davvero facile prendersi cura di un’orchidea nel miglior modo possibile, bastano pochi accorgimenti e queste piante ci regaleranno dei bellissimi fiori.

L’ORCHIDEA PHALAENOPSIS

Queste orchidee sono originarie dell’Asia e sono tipiche delle zone calde e umide. La loro particolarità è che crescono sulla corteccia degli alberi. Le radici infatti sono tutte ariose, quindi questa pianta non ha bisogno di terriccio per crescere; i loro fiori sono spesso grandi e a fioritura lunga. Questa è una pianta monopiede, il che significa che si sviluppa su un solo piede vegetativo.

Okuma: Come tenere le orchidee in casa

QUALE ORCHIDEA COMPRARE?

Ayrıca bakınız: Funerali di domenica, ecco perché la Chiesa vieta di celebrarli

In commercio esistono tanti tipi diversi di Phalaenopsis, che si differenziano per il colore dei loro fiori: bianchi, rosa, gialli, arancioni, fucsia, insomma c’è l’imbarazzo della scelta. L’unico colore che non appartiene naturalmente a queste piante è il blu con tutte le sue sfumature. Quindi, quando trovi un’orchidea con questi colori, in realtà sono fiori bianchi con un tocco di blu. Sono spesso venduti in vasi trasparenti che mostrano le radici. Quando compriamo un’orchidea, controlliamo lo stato di salute delle radici; devono essere sodi, pieni e di un colore verde intenso… insomma non devono essere asciutti! Anche le foglie devono essere sode e di colore verde chiaro, ma soprattutto tendenti verso l’alto; Sconsiglio l’acquisto di orchidee con foglie a “spighe di gallo”, cioè foglie che scendono verso il basso, in quanto ciò significa che la pianta avrà dei problemi. Allora vi consiglio di acquistare un’orchidea con tanti boccioli ancora chiusi, in modo da poter godere a lungo della fioritura.

QUALE PENTOLA SCEGLIERE?

Ayrıca bakınız: Funerali di domenica, ecco perché la Chiesa vieta di celebrarli

Per i principianti consiglio vasi trasparenti, ma solo per comodità. Molti considerano quasi imperativo utilizzare contenitori trasparenti per incoraggiare la fotosintesi delle radici. In realtà la fotosintesi è svolta quasi interamente dalle foglie dell’orchidea e pochissimo dalle radici. Il vantaggio dei vasi trasparenti è che possiamo facilmente controllare lo stato di salute delle radici e il loro fabbisogno idrico. Pertanto, se ci consideriamo esperti nella coltivazione di orchidee, possiamo tranquillamente utilizzare un vaso opaco, la pianta non subirà affatto il cambiamento. Come già accennato, le orchidee hanno radici aeree, quindi non dovrebbero mai essere piantate in terriccio tradizionale. Il substrato ideale per le orchidee è la corteccia d’albero tritata, chiamata anche corteccia. In molti casi, per aumentare l’umidità del vaso, viene aggiunto anche un po’ di sfagno per piante, un tipo di muschio in grado di trattenere l’acqua. La dimensione del vaso deve corrispondere alla dimensione della pianta, in ogni caso è meglio scegliere vasi piccoli per favorire una fioritura abbondante.

COME annaffiare un’orchidea

Ayrıca bakınız: Funerali di domenica, ecco perché la Chiesa vieta di celebrarli

Le principali cause di morte un’orchidea è troppa acqua! Il mio amico giardiniere lo ha confermato; l’errore più comune quando si prende cura di un’orchidea è senza dubbio l’irrigazione. Le orchidee non dovrebbero bagnarsi fino a quando non sono completamente asciutte, quindi è impossibile fornire una stima accurata dell’irrigazione mensile. In inverno sono generalmente sufficienti 2 annaffiature al mese, in estate, quando fa molto caldo, anche una volta alla settimana. L’unico parametro che ci aiuta a capire quando dare acqua sono le radici; Se si presentano di colore verde opaco e con riflessi grigio-argento, significa che è necessario annaffiarli. Un altro parametro che indica la mancanza di acqua è il peso del vaso; Pesiamo il vaso e se sembra troppo leggero, abbiamo bisogno di acqua. Le radici ben idratate appaiono gonfie e di colore verde chiaro.Quando siamo indecisi su cosa fare, pensiamo che sia meglio avere un’altra giornata asciutta che dare acqua quando non è necessaria! Se il terreno in cui coltiviamo l’orchidea è costituito da corteccia e sfagno, annaffiamo l’orchidea come qualsiasi altra pianta, ma attenzione a non lasciare residui nel sottovaso. Se invece coltiviamo l’orchidea solo con la corteccia, possiamo immergere il vaso 2/3 in acqua e attendere qualche minuto affinché la pianta si idrati bene (Foto 1) . In nessun caso i fiori dovrebbero bagnarsi, altrimenti potrebbero appassire. Le foglie possono essere inumidite con acqua, magari aiutandosi con uno spray (Foto 2), ma attenzione a non creare ristagni nel nucleo vegetativo della pianta…anche in questo caso la pianta potrebbe marcire. Pertanto, ti consiglio di tamponare le foglie con un panno per asciugare l’acqua in eccesso. L’acqua migliore è quella demineralizzata (cioè l’acqua del ferro), ma se ogni tanto diamo acqua del rubinetto non succede nulla. L’unico accorgimento con l’acqua è che non sia troppo fredda, quindi se dovete scaldarla nel microonde per qualche secondo (circa 35 gradi).

IL CONCIME

Ayrıca bakınız: Come diventare professore di educazione fisica: corsi online e lavoro

Dare fertilizzante alle orchidee è essenziale per garantire la crescita delle piante e fioriture rigogliose. Ce ne sono molti sul mercato appositamente per le orchidee. Variano tutti nel modo in cui vengono somministrati, quindi è meglio leggere le indicazioni che ogni produttore consiglia per il proprio prodotto. In linea di principio, è meglio concimare l’orchidea tutto l’anno, ma sospenderla durante il periodo di fioritura della pianta. Tuttavia, non scoraggiatevi se vediamo che un’orchidea cresce molto poco, questo è assolutamente normale! Le Phalaenopsis crescono molto lentamente, potrebbero anche emettere solo una nuova foglia all’anno.

IL FIORE

Ayrıca bakınız: Funerali di domenica, ecco perché la Chiesa vieta di celebrarli

Indubbiamente, il momento più soddisfacente per i coltivatori di orchidee è la loro fioritura. Se la pianta è stata curata e concimata, fiorirà due volte l’anno (in autunno e in primavera) per alcuni mesi (foto 1). Non bagniamo mai i fiori e se iniziano ad addensarsi ea diventare spugnosi, è perfettamente normale… stanno per appassire! Non appena l’ultimo fiore è caduto, decidiamo se lasciare i gambi o tagliarli. Se decidiamo di lasciarli, i fiori ricresceranno sempre in questi steli, ma un po’ più piccoli. I vecchi steli appassiscono nonostante le cure amorevoli? Nessun problema! La fabbrica ne produrrà di nuovi la prossima stagione. Se invece decidiamo di tagliarli subito (Foto 2) , quando arriverà il momento, la pianta formerà un nuovo stelo e da lì nasceranno i nuovi fiori.

UN POSTO PERFETTO PER LE ORCHIDEE

Le Phalaenopsis sono piante che necessitano di un punto caldo e luminoso. Il luogo ideale per posizionare un’orchidea è al chiuso davanti a una finestra, ma lontano dalla luce solare diretta. Quindi basta attaccare una cortina di luce alla finestra e la nostra orchidea sarà felice! Le orchidee non amano le fluttuazioni di temperatura. Quindi, se dobbiamo aprire la finestra in inverno, mettiamo la pianta in un angolo riparato. Per favorire l’umidità dell’ambiente, possiamo posizionare una piccola ciotola d’acqua vicino alla pianta. Quando le foglie dell’orchidea sono impolverate, lavatele con un batuffolo di cotone (io uso sempre dischetti per il trucco) inumidito con acqua e un goccio di latte. Per quanto strano possa sembrare, quella gocciolina di latte disciolta nell’acqua fa brillare le foglie senza lasciare residui di calcare. Il mio consiglio finisce qui! Scrivimi nei commenti se ne conosci altri e se ti piace mandami qualche foto delle tue orchidee.

Ayrıca bakınız: Come capire se gli occhiali sono anti luce blu

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button