Come

Lavaggio del nasino del neonato – BimbiSanieBelli.it

Un naso pulito è la migliore garanzia contro gravi infezioni respiratorie come raffreddori, otiti, faringiti e bronchiti. Solo se la membrana mucosa (tessuto di copertura) non è ostruita dall’accumulo di muco può effettivamente svolgere il suo ruolo di difesa da agenti infettivi o irritanti esterni. Occorre quindi tenere sempre il naso pulito e rimuovere il muco in eccesso: se uno strato sottile è considerato fisiologico, questo è normale, poiché se si ispessisce troppo serve a “catturare” particelle e microrganismi nocivi, ad esempio, a causa a un raffreddore o perché il bambino non può espellerlo, alla fine ostruisce i passaggi nasali, rendendo difficile la respirazione.

Questo evita complicazioni

Okuma: Come togliere le caccole dal naso dei neonati

Se il naso se non è ben pulito, ma intasato di muco, apre la strada alla comparsa di altri disturbi. Il ristagno nelle narici facilita la diffusione di infezioni come faringiti e bronchiti in tutto il sistema respiratorio. Il muco, infatti, rappresenta un ottimo ambiente per la proliferazione dei microrganismi dannosi, naso, gola e bronchi poi dialogano tra loro favorendo il passaggio di virus e batteri. Per lo stesso motivo il muco e l’infiammazione del naso possono salire all’orecchio (attraverso le trombe di Eustachio, i dotti che collegano il naso alle orecchie) e causare l’otite, un’infezione all’orecchio. È inoltre necessario tenere conto del fatto che il naso chiuso infastidisce molto il bambino, respira male e ha difficoltà a mangiare e riposare. Se il raffreddore dura a lungo, il piccolo potrebbe diventare più debole e vulnerabile alle complicazioni.

Attenzione ai più piccoli

Ayrıca bakınız: Come si calcola il valore venale di un area edificabile

Un naso pulito è sempre utile per tutti i bambini, per i neonati e fino a un anno è un’esigenza fondamentale per quattro motivi

  1. Il piccolo respira principalmente attraverso il naso, poiché il 70-80% del flusso d’aria è assicurato da questo organo: la sua disabilità comporta l’impossibilità di ottenere un corretto apporto d’aria (e quindi ossigeno) ai polmoni da mantenere.
  2. Il bambino è per sua natura un soggetto “debole” in termini di risposta immunitaria, cioè di difese naturali, e per non ammalarsi deve puntare sul naso come importantissimo filtro contro i virus , batteri e sostanze inquinanti o allergeniche presenti nell’aria.
  3. Inoltre, nei bambini più piccoli, le trombe di Eustachio (i dotti che collegano il naso alle orecchie) sono più corte e orizzontali rispetto ai bambini più grandi e agli adulti. Questo favorisce il passaggio dei germi e facilita l’insorgere di infiammazioni. Questo è il motivo per cui le infezioni alle orecchie nei bambini sono così comuni.
  4. I bambini non possono soffiarsi il naso da soli fino a quando non hanno circa tre anni. Ciò significa che ha difficoltà a liberare il muco dalle narici e tutto ciò che è intrappolato all’interno da solo.

I prodotti più adatti

Per la pulizia delle cavità nasali del neonato, la preparazione più indicata è la soluzione fisiologica costituita da cloruro di sodio (sale) e acqua sterile, in concentrazione simile a quella dei principali liquidi corporei. Oltre ad essere prodotto in laboratorio, può provenire anche da acqua depurata di mare o termale. In questo caso il prodotto finale viene arricchito con vari sali minerali che aiutano a combattere le infezioni e la congestione delle mucose.

  • La soluzione fisiologica del tuo bambino la trovi nei biberon monouso o sotto forma di spray . In quest’ultimo caso deve avere un getto fine e nebulizzato che, pur riuscendo ad espellere le secrezioni stagnanti, non irrita le mucose sensibili dei più piccoli. È anche importante che la bocchetta da inserire nel naso sia piccola e progettata per le narici del bambino.

Due metodi per i bambini

Per chiudere bene il naso del bambino , ci sono due metodi più consigliati dai pediatri: lavare e rimuovere il muco. Non si tratta di modalità opposte in quanto si possono fare insieme, soprattutto se il bambino ha un brutto raffreddore o è molto piccolo. Puoi scoprire cosa sono e come si effettuano qui:

Pulizia profonda

Ayrıca bakınız: Animali in auto: come trasportare cani e gatti secondo il Codice della Strada – Infomotori

Per pulire in modo ottimale il naso dei bambini più piccoli, si consiglia di utilizzare un Per eseguire una corretta pulizia, inserire l’apposito liquido direttamente nel naso per liberarlo dalle secrezioni stagnanti. Con il raffreddore, è bene aumentare il numero dei risciacqui nasali giornalieri in proporzione alle secrezioni prodotte dalla malattia. Tuttavia, per essere veramente efficace, la detersione non deve interessare solo le narici, ma anche i passaggi nasali, che sono le cavità situate proprio dietro le narici attraverso le quali l’aria passa prima di raggiungere la gola e i polmoni.Il metodo più efficace è detto “dinamico”: consiste nel muovere il liquido specifico da una narice all’altra, anche attraverso i passaggi nasali, con un flusso costante. In questo modo è possibile sciacquare bene tutto il naso, trascinando via il muco e gli agenti esterni (germi, polvere e pollini).

come

  1. Appoggia il bambino su una superficie piana e tienilo con il tuo corpo per evitare sussulti improvvisi. Il modo migliore per “bloccare” il bambino è tenere un braccio fermo al gomito e l’altro all’anca, abbassandosi per frenare anche i suoi movimenti con il proprio petto.
  2. Gira delicatamente la testa del bambino da un lato e tienilo con una mano. Inserire delicatamente il dispenser nella narice destra se la testa del bambino è inclinata a sinistra e nella narice sinistra se la testa del bambino è inclinata a destra. Ciò consente alla soluzione di spostarsi più facilmente da una narice all’altra. In questa fase è importante puntare il beccuccio dell’erogatore leggermente verso il basso e perpendicolarmente al viso, poiché i fori che collegano le due narici si trovano nella parte inferiore della stessa.
  3. Tenere l’erogatore fino alla pulizia la soluzione esce dall’altra narice (di solito dopo pochi secondi) dopo che tutto il muco che sta bloccando le vie nasali è stato rimosso. Non è necessario ripetere dall’altra narice. Se la soluzione è difficile da uscire dall’altra parte e finisce in gola, puoi provare a posizionare un piccolo cuscino sotto le spalle del bambino in modo che la testa sia più bassa del resto del corpo. In questo modo la gravità facilita l’uscita dalla narice opposta senza intaccare la gola.

Rimuovere il muco

Quando il naso è particolarmente congestionato o se il bambino è piccolo, l’irrigazione nasale potrebbe non essere sufficiente per rimuovere completamente il muco presente nelle narici. In questi casi può essere molto utile rimuovere le abbondanti secrezioni con appositi aspiratori per schiarirsi bene il naso prima di lavarsi con le soluzioni. Per questa operazione, fino a poco tempo fa esistevano in commercio solo piccole pompe aspiranti, dotate di una bocchetta anatomica adatta ai bambini e schiacciate con le mani. Tuttavia, da tempo è possibile effettuare agevolmente questa operazione utilizzando appositi accessori che consentono di controllare l’intensità dell’aspirazione. Si tratta di un sistema costituito da un dispositivo fisso con una punta anatomica che si inserisce nella narice del bambino, un piccolo serbatoio con un filtro che blocca il muco e, tramite un tubo flessibile, un beccuccio da cui l’adulto si ispira può rimuovere le secrezioni. I ricambi usa e getta garantiscono la massima igiene. Il sistema si completa con fiale di soluzione fisiologica che ammorbidiscono le secrezioni e favoriscono una migliore aspirazione.

Istruzioni

Ayrıca bakınız: Come scrivere una lettera formale: esempio

  1. Appoggia il bambino su una superficie piana. In caso di muco denso o secco, instillare nelle narici alcune gocce della soluzione fisiologica. Inserisci la punta della ventosa molto delicatamente nella narice del bambino. Fare attenzione a non spingere la punta troppo in profondità per evitare tagli o sanguinamenti.
  2. Aspira leggermente attraverso l’apposito beccuccio. Aumenta gradualmente l’aspirazione finché non vedi lo slime entrare nel serbatoio trasparente. Continua a inspirare finché la narice non è completamente pulita. All’interno, un filtro appositamente sviluppato trattiene le secrezioni. Ripeti il ​​procedimento nell’altra narice.

Potrebbe interessarti anche:

  • Budino di zucca
  • La voce della mamma “si accende ” Il cervello dei bambini
  • La nascita e l’allattamento al seno influiscono sul microbioma del bambino
  • Latte di gelatina di pera
  • L’allattamento al seno riduce anche il rischio di ictus

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button