Letteratura

Romanzi russi da leggere: non i soliti libri per cominciare – ilLibraio.it

Da dove dovresti iniziare a scoprire i fantastici racconti e romanzi russi se non hai molta esperienza della letteratura di questo nazione?

Una strategia suggestiva è proposta in Racconti di demoni russi (il Saggiatore) dello scrittore Premio Campiello (e qui curatore) Andrea Tarabbia , che in in linea con l’evoluzione dei classici dell’editoria, è quasi identificato dall’anastilosi storie di autori capaci di rappresentare l’anima multistrato, le contraddizioni , gli scontri sociali ei sentimenti più inerenti alla terra russa.

Okuma: Letteratura russa da dove iniziare

Infine, un verso di Fyodor Tyutčev dice: “La Russia è incomprensibile se si usa la ragione” (Umom – Rossiju ne pon’jat ‘): È quindi meglio, buttando la razionalità in una canzone e inseguendo queste creature insolite, apparizioni demoniache e visioni fugaci sono presenti in così tanta letteratura slava forte > è sempre rimasto un leitmotiv, irriverente e allo stesso tempo inquietante. p>

Tra il grottesco e il fantastico , l’Ambiguo e il polimorfo, il sacro e il profano , l’energia di un Olimpo scandito da magnifici >leggende e desideri non riconosciuti vengono rilasciati, consentendoci di essere intuitivi del genius loci di questi N zione attraverso storie forse poco conosciute, ma comunque accattivanti immediatamente per chi le legge.

Storia dopo storia scopriamo patti e inganni , baci e marce , di incubi e fiori, di monaci e diavoli che seguono epoche e firme diverse curiose metamorfosi narratologiche >, eppure trascinala inesorabilmente in una danza macabra in continua evoluzione.

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Con questo in mente, anche noi abbiamo una selezione di racconti brevi e romanzi russi da il 19 Secolo pensiero. strong> alle nostre giornate per chi vuole fare i primi passi nel mondo della letteratura russa: è una scelta questa non è esaustivo e speriamo sia solo un punto di partenza.

Storie e romanzi russi per cominciare

  • La regina di picche di Aleksandr Pushkin
  • Il cappotto di Nikolaj Gogol’
  • Il gentile i> di Fëdor Dostoevskij
  • La morte dell’impiegato di Anton Cechov
  • La morte di Ivan Il’ič di Lev Tolstoj
  • Noi di Evgenij Zamyatin
  • Cuore di cane di Mikhail Bulgakov
  • Una giornata di Ivan Denisovič di Aleksandr Solženitsyn
  • La valigia di Sergej Dovlatov
  • Underground. Questo è un eroe del nostro tempo di Vladimir Makanin
  • L’ultimo amore del presidente di Andrei Kurkov
  • Attacco russo di Viktor Erofeev, Eduard Limonov e Vladimir Sorokin
  • Una storia russa di Lyudmila Ulitckaja
  • Il monastero di Zakhar Prilepin
  • Zuleika apre gli occhi di Guzel ‘Jachina

In questo percorso di lettura non troverai i grandi classici , o i titoli più famosi e studiati (come Guerra e Pace, Anna Karenina, Il Maestro e Margherita, I fratelli Karamazov solo per citarne alcuni). Così come Andrea Tarabbia ha trovato un fil rouge in Demons, noi abbiamo scelto di seguire il criterio dell’accessibilità, cercando opere che spesso brevi ma geniale per stile e contenuti, che sviluppa con grande acutezza i temi principali della letteratura russa.

In questo modo, anche chi non ha letto molto sull’argomento può andare dritto al cuore della storia e poi apprezzare testi sempre più impegnativi e articolato.

Da Aleksandr Pushkin a Lev Tolstoy , oltre Mikhail Bulgakov e per Sergei Dovlatov a Ljudmila Ulitckaja e Guzel ‘Jachina ecco quindici testi, inclusi racconti e romanzi Russo , c Potrebbe non essere il primo che ti viene in mente quando pensi a questi grandi intellettuali, ma ti consigliamo di rivolgerti a lui se vuoi iniziare a cercare per ispirare la letteratura > di questo paese senza confini.

Racconti e romanzi russi del XIX secolo

La regina di picche di Aleksandr Pushkin

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Aleksandr Pushkin (1799-1837), morto a soli 38 anni dopo un duello, è considerato il fondatore della Lingua e letteratura russa del nostro tempo con le sue odi classiche, drammi storici, romanzi realistici, fiabe, favole e racconti.

Una sintesi raffinata e incantevole della sua poetica si trova nel racconto La dama di picche del 1834, mista ad ironia, utilizzando la g per il Gotico e quella per il Fantastico: il protagonista è infatti il giovane ufficiale Hermann >, di ogni immaginabile Cerco saggiamente di svelare il segreto di una vecchia contessa vincere la partita fino a quando la persistenza diventa un’ossessione rischiosa e beffarda

Il cappotto di Nikolaj Gogol’

Il mantello di Gogol

Conosciuto come Il mantello , sebbene la sua traduzione più accurata sia Il mantello, questo racconto del 1842 di Nikolaj Gogol’ (1809–1852) è uno dei maestri più commoventi e divertenti della satira grottesca, caratterizzata a San Pietroburgo dal “realismo magico >” racconta la storia del dipendente Akakj Akakievic Bašmackin.

Quest’ultimo, che vive solo e spesso viene deriso al lavoro, se la cava con un risparmi di una vita per comprarti un bellissimo mantello pronto a diventare il suo unico compagno e consolazione fino a quando l’invito a una festa si trasforma in un dramma esistenziale: una storia che rivaleggia con molti grandi in termini di allusione e caratterizzazione I romanzi russi non sono in alcun modo inferiori.

Mildness di Fëdor Dostoevsky

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Inizia invece ad esplorare la prosa spezzata e suggestiva di Fëdor Dostoevskij (1821-1881). Ottieni La mite , una brillante storia del 1876 ispirata a una notizia seguita da una Acuta e spietata l’analisi apre vertiginose intuizioni nei meandri della psiche umana.

Ayrıca bakınız: Perchè si definisce tardiva la nascita della letteratura a roma

Infatti, un uomo è stupito davanti al cadavere ancora caldo della moglie del suo suicidio e rievoca la loro storia d’amore finché, tra flashback e reticenze, ci rendiamo conto che la sua colpa è qualcosa di oscuro nascondi …

La morte dei dipendenti di Anton Čechov

Nel caso di il drammaturgo e narratore Anton Chekhov (1860-1904), anche tre cartelle si impadroniscono della sua immaginazione: sono quelle di La morte dello scrittore , una Storia pubblicata nel 1883 che rompe i cliché e le aspettative della narrativa in pochissimo tempo .

La storia inizia durante un’esibizione nel teatro quando l’usciere Ivan Dmitrič starnutisce spruzzando accidentalmente la testa del generale autoritario Brizžalov . Sconvolto e spaventato, il pover’uomo cerca di scusarsi nonostante la moglie cerchi di dissuaderlo e il generale gli ripeta che non c’è motivo finché il sorriso del lettore non si trasforma rapidamente in rabbia, stupore e amare riflessioni sul senso della vita e sulle relazioni sociali.

La morte di Ivan Il’ič di Lev Tolstoy

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Tra le opere più famose di Lev Tolstoj (1828-1910) , La morte di Ivan Il’ič descrive in modo dettagliato e sapiente il progressivo declino fisico e la conseguente metamorfosi mentale di un borghese all’apice della sua carriera a cui seguì un malattia colta di sorpresa e costretta ad affrontare le ipocrisie della vita ta .

Il testo, pubblicato per la prima volta nel 1886, dimostra ancora una volta il potere di molti racconti russi e romanzi russi di ‘Otto che lanciano centinaia di Frecce contro le convenzioni del tempo e per stimolare riflessioni approfondite in poche e scorrevoli pagine in cui i temi chiave sono già contenuti > da narratori che sono ancora ammirato in tutto il mondo.

Fiabe e romanzi russi del XX secolo

Noi di Evgeny Zamyatin

Noi, Zamyatin, leggiamo romanzi russi Romanzi russi del genere distopico del ventesimo secolo, così come quelli di George Orwell (1903-1950) e Ray Bradbury (1920- 2012), da due dei suoi più famosi successori.

Da tempo inedito in Italia, Noi è infatti la storia di un ipermeccanizzato e socialmente ipercontrollato , circondato da un muro verde alla fine del terzo millennio. Raccontata da un ingegnere sotto forma di diario, la seguente storia della rivoluzione getta una luce desolante su libero arbitrio e taylorista teorie, in un momento storico in cui il regime stalinista non era nemmeno lontanamente all’orizzonte…

Cuore di cane di Mikhail Bulgakov

 Cuore di cane , Bulgakov , romanzi russi da leggere

Un anno dopo Noi, 1925, Cuore di cane di Mikhail Bulgakov (1891- 1940), che invece coniuga invenzione fantascientifica con la verve satirica da sempre tipica dei romanzi russi. strong>, racconta di un famoso chirurgo che trapianta la ghiandola pituitaria di un ubriacone recentemente scomparso in un cane.

Dall’“inevitabile ” segue nze del suo esperimento dispiega una critica feroce della società e della vita culturale di Mosca, le cui frizzanti battute sul mondo artistico e letterario strong> sono forti > si scontrano con amarezza per l’arroganza e l’ottusità del potere che manipola le migliori risorse e le trasforma nelle peggiori.

Un giorno di Ivan Denisovič di Aleksandr Solženitsyn

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Pubblicato nel 1962, I giorni di Ivan Denisovič di Aleksandr Solženitsyn (1918 -2008) ha osato pochi decenni dopo il primo tra i romanzi russi , la vita in un gulag di un semplice uomo, e anche dal punto di vista della grande letteratura.

Con una narrazione piatta, precisa, meticolosa e soprattutto senza odio , l’autore in queste pagine racconta la storia di un incubo , che ha assunto valore storico . strong> e letteralmente di una liberazione che, accanto al dubbio, alla sfiducia e alla tensione tipica degli anni Trenta in Unione Sovietica, il paesaggio , il lingua e l’anima della Russia che permeano la ricerca espressiva di ogni altra sua pubblicazione.

La valigia di Sergej Dovlatov

La valigia, Dovlatov, per leggere i romanzi russi

Tutti gli articoli ha Leningrado , lo scrittore ebreo russo ( dissidente e morto prematuramente in esilio) Sergej Dovlatov> (1941-1990) li descrive nel 1986 in La valigia: ogni Oggetto è quindi sinonimo di un ricordo o di un episodio o di un personaggio della sua vita errante.

Attraverso questo libro, fortemente autobiografico, ci soffermiamo su tanti piccoli episodi quotidiani da cui possiamo trarre lezioni di vita, misto a grottesche e alla bizzarra natura filosofica delle persone che l’autore ha incontrato. Uno spaccato della società dell’epoca, con una certa mentalità e i limiti con cui si scontravano gli intellettuali dell’Unione Sovietica dopo gli anni ’50.

Underground. Questo è un eroe del nostro tempo di Vladimir Makanin

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Tra i romanzi russi più maturi di uno scrittore recentemente proposto e studiato negli ultimi anni casa, sottoterra. Questo è un eroe del nostro tempo di Vladimir Makanin (1937–2017) è stato pubblicato nel 1998 ed è ancora essenziale per comprendere la transizione cruciale dall’era sovietica fino ai giorni nostri post-comunismo .

Il protagonista è Petrovic , scrittore fallito , filosofo quasi Clochard , intollerante verso ogni potere e ogni autorità costituita che agisce come manager degli alloggi temporaneamente non occupati di un “house hotel” a Mosca e contaminandosi con due omicidi

Racconti russi contemporanei a causa sua travolgente “Io” e romanzi

L’ultimo amore del presidente di Andrei Kurkov

L

Nato a Leningrado, ma di origine ucraina, Andrei Kurkov (1961 ) è figlio della cultura e dell’Unione Sovietica, in cui mancano i romanzi russi (e anzi fino al midollo) ambientati in una realtà già post 1991 > mai dell’umorismo nero e di alcuni elementi del surrealismo cari a molta letteratura slava.

Ne L’ultimo amore del presidente , pubblicato nel 2004, il presidente dell’Ucraina Sergei Bunin sorseggiando vodka a bordo piscina con Vladimir Putin. L’anno è il 2013 e la sua rapida ascesa politica è ora al culmine, anche se dopo aver subito un infarto Sergei ha trapiantato il cuore sospettoso di un altro uomo pronto a lui tradire in qualsiasi momento…

Attacco russo di Viktor Erofeev, Eduard Limonov e Vladimir Sorokin

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Una guerra tra culture e potere . Per questo, nel loro Paese, gli autori dei testi raccolti nell’antologia Russian Attack , pubblicata nel 2010, sono considerati scomodi , hanno sofferto pressione /strong> e Censura e sono stati al centro di campagne diffamatorie e convinzioni.

Tuttavia, Viktor Erofeev (1947), Eduard Limonov (1943-2020) e Vladimir Sorokin (1955) sono non “dissidenti politici”: la loro arte è più un attacco al rifiuto di cambiare, al gusto narcotico di una opinione pubblica ancora sorda dopo lo shock del post- sconvolgimento sovietico. E il filo conduttore che li collega è il conflitto tra libertà di parola e controllo sociale, tra arte e ideologia , “tra il poeta e lo zar“.

Una storia russa di Lyudmila Ulitckaja

Una storia russa, Ulitskaya, romanzi russi da leggere

Una storia russa (2011) raccontata invece, la storia di tre compagni di scuola che si incontrarono a Mosca negli anni ’50: un poeta orfano, un pianista fragile ma di grande talento e un aspirante strong>fotografo con un grande talento nel collezionare misteri. Tutti e tre raggiungono l’età adulta in una società in cui i loro eroi sono stati censurati se non banditi.

Una storia di passioni e intrighi , come tutti i romanzi russi di Lyudmila Ulitckaja (1943), il cui L’indagine esplora individualmente l’integrità in una società post-stalinista governata dal KGB e i cui protagonisti cercano di minare la repressione del regime da arte , amore per la letteratura e attivismo

Il monastero di Zakhar Prilepin

Il monastero, Prilepin, romanzi russi da leggere

Zakhar Prilepin (1975) è uno scrittore, politico e giornalista e veterano della GU in Cecenia err. Nel 2014 ha pubblicato Il monastero, uno dei romanzi russi più emozionanti degli ultimi anni, raccontato sullo sfondo di una natura magnifica e violenta da Disumanità e ingiustizia, rivalità, amicizie e amore impossibile.

Il protagonista è Artëm Gorjainov che ha scontato una condanna a tre anni nelle Isole Solovki negli anni ’20, dove c’è un monastero che funge da prigione per politici e crimini comuni. Tra chekisti e antichekisti, ladri e assassini, rivoluzionari e controrivoluzionari, il giovane cerca di sopravvivere nonostante fame, abuso e stanco lavoro >. ..

Zuleika apre gli occhi di Guzel ‘Jachina

Ayrıca bakınız: G.B. Palumbo Editore & C. – Perché la letteratura

Guzelʼ Yachina (1977 ) è invece una scrittrice, giornalista e sceneggiatrice originaria del Tatarstan e per il suo debutto Zuleika apre gli occhi< fa parte di questa selezione di romanzi russi contemporanei /strong > (2015), grazie al quale ha vinto numerosi premi letterari nel suo paese natale ed è stato tradotto in diversi paesi.

L’opera è una storia nella storia che descrive la devastante dekulakizzazione degli anni ’30 (con le sue centinaia o migliaia di deportati) da parte della Storia di una donna, la sua suocera arpia e un marito dispotico che catapulta il lettore in antiche usanze con forza >, in modo schiacciante strong>, terra desolata e piccoli bagliori di umanità che riescono ancora a brillare…

Ayrıca bakınız: Perchè publio virgilio marone è importante nella nostra letteratura

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button