Come

Linfoma di Hodgkin: sintomi, sopravvivenza, diagnosi, terapia

Introduzione

Il linfoma di Hodgkin è un tumore che si sviluppa nelle cellule che compongono il sistema immunitario, una complessa rete di funzioni e cellule del nostro corpo responsabili della lotta contro infezioni e altre malattie.

Il sistema linfatico fa parte del sistema immunitario e comprende:

Okuma: Linfoma di hodgkin come ve ne siete accorti

  • Vasi linfatici. Il sistema linfatico è costituito da una rete di vasi linfatici che si diramano e raggiungono tutti i tessuti del corpo.
  • Linfa. Un fluido limpido chiamato linfa circola nei vasi linfatici e contiene globuli bianchi, principalmente linfociti B e T.
  • Linfociti. I vasi linfatici sono collegati a piccoli centri di tessuto chiamati linfonodi. I linfonodi sono raggruppati nel collo, nelle ascelle, nel torace, nell’addome e nell’inguine e immagazzinano i globuli bianchi all’interno. Servono per intrappolare ed eliminare batteri o altre sostanze nocive che possono essere presenti nella linfa.
  • Altri organi. Altri organi che fanno parte del sistema linfatico sono: le tonsille, il timo e la milza. Il tessuto linfatico si trova anche in altre parti del corpo tra cui lo stomaco, la pelle e l’intestino tenue.

Il tessuto linfatico si trova quindi in diverse parti del corpo e questo è purtroppo il motivo per cui il linfoma di Hodgkin può appaiono quasi ovunque si sviluppano. Di solito ha origine in un linfonodo sopra il diaframma, il muscolo sottile che separa il torace e l’addome, ma può svilupparsi anche in un gruppo di linfonodi o, in alcuni casi, in altre parti del sistema linfatico.

Il sintomo più comune del linfoma di Hodgkin è la comparsa di gonfiore al collo, all’ascella o all’inguine; il gonfiore associato all’ingrossamento di un linfonodo è generalmente indolore.

In alcuni casi possono verificarsi i seguenti sintomi:

  • sudorazioni notturne,
  • perdita di peso inspiegabile,
  • febbre,
  • tosse persistente,
  • respiro corto (dispnea),
  • prurito persistente e diffuso

Per valutare le probabilità di sopravvivenza, è necessario valutare alcuni aspetti del singolo paziente, come i sintomi manifestati e la possibile coesistenza di altre malattie; Anche l’età può essere un fattore determinante nell’efficacia dei trattamenti, con un’eccessiva progressione che riduce le possibilità di sopravvivenza.

In generale, però, il linfoma di Hodgkin è considerato una malattia con un’ottima probabilità di sopravvivenza (oltre l’86% dei pazienti sopravvive cinque anni dopo la diagnosi).

Cause

Il linfoma di Hodgkin si sviluppa quando si verifica un’anomalia in un linfocita (solitamente un linfocita T), che è una cellula che fa parte del sistema immunitario.

La cellula anormale è chiamata cellula di Reed-Sternberg.

La cellula di Reed-Sternberg si divide e si replica; Le nuove cellule si moltiplicano e producono sempre più cellule anormali che non muoiono come fanno regolarmente le cellule sane. Non solo le cellule anormali non sono in grado di proteggere il corpo da infezioni o altre malattie, ma si accumulano e formano una massa di tessuto malato chiamata tumore.

Fattori di rischio

Questo è raro il caso per capire perché il linfoma di Hodgkin colpisce alcuni pazienti e non altri; Tuttavia, la ricerca mostra che alcuni fattori di rischio aumentano il rischio di sviluppare questo cancro.

I fattori di rischio per il linfoma di Hodgkin includono:

  • Virus. Se ha contratto il virus di Epstein-Barr (EBV, responsabile della mononucleosi) o il virus dell’immunodeficienza umana (HIV), il rischio di sviluppare il linfoma di Hodgkin potrebbe aumentare. Tuttavia, il linfoma non è contagioso, cioè non si trasmette da paziente a paziente.
  • Indebolimento del sistema immunitario. Il rischio di sviluppare il linfoma di Hodgkin può aumentare se il sistema immunitario è indebolito (ad es. a causa di una malattia ereditaria o di alcuni farmaci utilizzati dopo un trapianto).
  • Età. Il linfoma di Hodgkin è più comune negli adolescenti e negli adulti di età compresa tra 15 e 35 anni e negli adulti di età superiore ai 55 anni.
  • Familiarità. I familiari di un paziente con linfoma di Hodgkin, in particolare i fratelli, possono essere maggiormente a rischio di sviluppare la malattia.

La presenza di uno o più fattori di rischio non significa necessariamente che si ammali, al contrario i pazienti con fattori di rischio non si ammalano mai.

Sintomi

Il linfoma di Hodgkin può causare diversi sintomi:

  • linfonodi ingrossati (indolori) del collo, dell’ascella o dell’inguine ,
  • aumento della sensibilità all’alcol o dolore ai linfonodi dopo aver bevuto,
  • perdita di peso apparentemente inspiegabile,
  • febbre che non scompare,
  • Sudorazione notturna intensa,
  • Prurito generalizzato,
  • Tosse, difficoltà respiratorie o dolore toracico,
  • Debolezza e stanchezza che non scompaiono nonostante il riposo.

Tieni presente che nella maggior parte dei casi questi sintomi non sono dovuti a un tumore ma possono essere causati da infezioni o altre condizioni mediche.

Alcuni pazienti che sviluppano cellule malate nel midollo osseo possono manifestare:

  • aumento del rischio di infezione
  • eccessivo sanguinamento (scatti di sangue dal naso, mestruazioni abbondanti , lividi anomali).

Se i sintomi persistono per più di due settimane, si consiglia di consultare il medico per la diagnosi e il trattamento.

Sopravvivenza

Il tasso di sopravvivenza a 10 anni dalla diagnosi nei pazienti pediatrici con linfoma di Hodgkin è superiore al 90%, a testimonianza degli enormi progressi compiuti negli ultimi anni; negli adulti, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è stimato a circa

  • 86% 45-54 anni
  • 79% 55-64 anni
  • 59 % 65-74 anni
  • 31% 75-99 anni

Diagnosi

Se hai linfonodi ingrossati o altri sintomi indicativi della malattia di Hodgkin linfoma, il medico cercherà di diagnosticare la causa del problema, probabilmente chiedendo informazioni sui problemi di salute tuoi e della tua famiglia.

Possono essere prescritti i seguenti esami:

  • Visita. Il medico controllerà la presenza di linfonodi ingrossati nel collo, nelle ascelle e nell’inguine e se la milza o il fegato sono gonfi.
  • Esami del sangue. Test completi controllano il numero di globuli bianchi, altri globuli (globuli rossi e piastrine) e altre sostanze nel sangue.
  • Rx del torace. I raggi X possono mostrare linfonodi ingrossati o altri segni di problemi al torace.

Tuttavia, la biopsia rimane l’unico modo sicuro per diagnosticare il linfoma di Hodgkin.

Ayrıca bakınız: Come creare una nuova pianta di mirto?

Il medico può asportare un linfonodo

  • completamente (biopsia escissionale),
  • o solo parzialmente (biopsia incisionale).

Un ago molto sottile (chiamato tecnica di aspirazione dell’ago) di solito non può aspirare un campione sufficiente per rispondere alla diagnosi patologica del linfoma di Hodgkin, quindi l’intero linfonodo deve essere rimosso.

Il patologo utilizzerà quindi il microscopio per verificare se nel tessuto sono presenti cellule tumorali. Il campione di pazienti malati di solito contiene cellule anormali più grandi del normale, chiamate cellule di Reed-Sternberg, che non si trovano nei tessuti di persone sane.

Trattamento e terapia

Il medico descriverà le opzioni terapeutiche ei risultati attesi e, insieme al paziente, elaborerà un piano terapeutico che soddisfi il più possibile le sue esigenze.

Il medico può indirizzarti da uno specialista, oppure puoi chiedere loro un consiglio su quale specialista consultare. Gli specialisti che possono trattare il linfoma di Hodgkin includono:

  • Ematologo,
  • Oncologo,
  • Radiologo.

La scelta della terapia dipende principalmente da:

  • tipo di linfoma di Hodgkin (la maggior parte dei pazienti ha il linfoma di Hodgkin classico),
  • sede (area in cui si trova il tumore),
  • dimensione del tumore possibilmente maggiore di 10 centimetri,
  • età,
  • possibile presenza di sintomi come
    • perdita di peso,
    • intensa sudorazione notturna
    • o febbre

i pazienti con linfoma di Hodgkin possono essere trattati con chemioterapia, radioterapia o una combinazione di entrambi.

Quando il linfoma si ripresenta dopo la terapia, si parla di cancro ricorrente o ricorrente. I pazienti con linfoma di Hodgkin recidivato richiedono chemioterapia e/o radioterapia più aggressivi e quindi trapianto di cellule staminali:

  • autologhe (utilizzando cellule prelevate dallo stesso paziente),
  • allogeniche (con cellule di un donatore compatibile)

Si consiglia di informarsi sugli effetti collaterali della chemioterapia e della radioterapia sulle normali attività quotidiane. In effetti, la chemioterapia e la radioterapia spesso danneggiano cellule e tessuti sani, quindi gli effetti collaterali sono comuni.Gli effetti collaterali possono variare da paziente a paziente e anche cambiare da sessione a sessione. Prima dell’inizio della terapia, il team che ti segue spiegherà quali effetti collaterali possono verificarsi e ti darà consigli su come affrontarli: più giovane è il paziente, più facile è affrontare la terapia e gli effetti collaterali. p>

Durante l’intero periodo di trattamento possono essere generalmente utilizzate terapie di supporto, ovvero farmaci idonei a

  • prevenire o combattere le infezioni,
  • controllare il dolore e altri sintomi,
  • alleviare gli effetti collaterali della terapia del cancro
  • aiutare ad affrontare gli aspetti psicologici della diagnosi del cancro

prima di iniziare la Terapia, noi ti consiglio di porre al tuo medico le seguenti domande:

  1. Che tipo di linfoma di Hodgkin è? Posso avere una copia del referto del patologo?
  2. A che stadio è il mio cancro? Dov’è?
  3. Quali terapie posso aspettarmi? Quale mi consigliate? Come mai?
  4. Devo sottopormi a diverse forme di terapia?
  5. Quali risultati posso aspettarmi da ogni forma di terapia?
  6. Quali sono i rischi e le opportunità? Effetti collaterali di ogni terapia? Cosa possiamo fare per tenerli sotto controllo?
  7. Quanto durerà la terapia?
  8. Cosa devo fare per prepararmi?
  9. Devo essere ricoverato in ospedale? ? Se si, per quanto tempo?
  10. Sono disponibili per il prestito esami e terapie?
  11. Quali effetti ho sulla mia vita quotidiana?
  12. Quanto spesso devo prendere in prestito? Revisione post trattamento?

Chemioterapia

La chemioterapia per il linfoma di Hodgkin utilizza farmaci speciali che possono uccidere le cellule del linfoma. Si chiama terapia sistemica perché i farmaci devono entrare nel sistema circolatorio per raggiungere le cellule tumorali in quasi ogni parte del corpo.

Di solito viene somministrato più di un farmaco e la maggior parte di essi viene somministrata per via endovenosa mentre alcuni vengono assunti per via orale.

La chemioterapia viene somministrata in più cicli, dopo ogni ciclo deve essere osservato un periodo di riposo. La durata del periodo di riposo e il numero di cicli dipendono dallo stadio del linfoma e dal tipo di farmaco utilizzato.

È possibile sottoporsi a chemioterapia

  • in ospedale (per alcuni ricoverati),
  • in ambulatorio
  • o a casa

Gli effetti collaterali dipendono principalmente dal tipo e dal dosaggio del farmaco somministrato: la chemioterapia è in grado di danneggiare non solo le cellule malate, ma anche quelle sane, che si danneggiano rapidamente esempio:

  • Cellule del sangue: la chemioterapia distrugge molte cellule del sangue sane, quindi sei a maggior rischio di infezione, lividi o sanguinamento facilmente; ti senti anche molto debole e stanco. Il team che ti segue ti farà eseguire esami del sangue per verificare se ci sono abbastanza cellule sane. Se sono pochi, ci sono farmaci che possono aiutare l’organismo a produrne di nuovi.
  • Cellule del bulbo pilifero. La chemioterapia può causare la caduta dei capelli. I capelli ricresceranno dopo la fine della terapia, ma la consistenza e il colore potrebbero essere leggermente diversi.
  • Cellule della mucosa dell’apparato digerente. La chemioterapia può causare perdita di appetito, nausea, vomito, diarrea e ulcere della bocca e delle labbra. Chiedi consiglio al tuo team sui trattamenti che possono aiutarti a superare questi problemi.

Alcuni tipi di chemioterapia possono causare infertilità:

  • Uomini. forte>. La chemioterapia può persino danneggiare lo sperma in modo permanente. Alcuni uomini scelgono quindi di congelare il loro seme prima della terapia (banca del seme).
  • Donne. La chemioterapia può danneggiare le ovaie. Le donne che desiderano diventare madri dovrebbero chiedere al team che si prende cura di loro come conservare i loro ovuli prima di iniziare la terapia.

Alcuni farmaci che combattono il linfoma di Hodgkin possono causare problemi al cuore o altri tumori a in un secondo momento, per questi motivi, dopo la fine della terapia, vengono programmati controlli regolari.

Prima di iniziare la chemioterapia, ti consigliamo di porre al tuo medico le seguenti domande:

  1. Quali farmaci mi verranno somministrati? Quali effetti positivi possiamo aspettarci?
  2. Quando inizia la terapia? quando finirà Quanto spesso si svolgerà?
  3. Dove devo andare? Posso guidare dopo la sessione?
  4. Cosa posso fare per affrontare meglio la terapia?
  5. Come posso sapere se la terapia sta funzionando?
  6. Cosa effetti collaterali dovrei avvisarti? Posso prevenirli o curarne alcuni?
  7. Ci saranno effetti collaterali permanenti?

Radioterapia

La radioterapia per il linfoma di Hodgkin ha un alto beneficio: radiazioni energetiche per uccidere le cellule del linfoma; è in grado di ridurre le dimensioni dei tumori e aiutare a prevenire il dolore.

Durante la radioterapia, il dispositivo che emette radiazioni è puntato direttamente sui linfonodi e sulle aree interessate dal linfoma. È una terapia locale perché mira solo alle cellule dell’area da trattare. La maggior parte dei pazienti deve essere ricoverata in ospedale o in clinica, cinque giorni alla settimana per diverse settimane.

Gli effetti collaterali della radioterapia dipendono principalmente dalla dose di radiazioni e dalla parte del corpo da trattare, come le radiazioni diretti contro i getti diretti all’addome possono provocare nausea, vomito e diarrea, mentre getti diretti alla gola e al torace possono provocare secchezza della gola, mal di gola e difficoltà di deglutizione.

Ayrıca bakınız: Come dire ad una ragazza che ti piace senza rischiare un rifiuto

La pelle della zona trattata può

  • arrossisce,
  • diventa secco
  • e diventa fragile;

nell’area di esposizione alle radiazioni i capelli possono anche cadere o capelli.

Molti pazienti lamentano un forte affaticamento durante la radioterapia, soprattutto nelle ultime settimane di terapia. Il riposo è importante, ma i medici di solito raccomandano di mantenere una vita il più attiva possibile.

Gli effetti collaterali della radioterapia possono essere difficili da gestire, ma di solito possono essere gestiti o controllati. Ricorda che il tuo medico è a tua disposizione e può suggerirti le migliori opzioni per il sollievo.

Può anche essere utile sapere che gli effetti collaterali non sono permanenti nella maggior parte dei casi Tuttavia, ti consigliamo di consultare il tuo medico sui possibili effetti a lungo termine. Ad esempio, al termine del trattamento, potrebbero esserci maggiori possibilità che il tumore si ripresenti e la radioterapia al torace potrebbe causare malattie cardiache o danni ai polmoni.

La radioterapia pelvica può causare infertilità Temporanea o permanente, a seconda dell’età:

  • Uomini. Se la radiazione si concentra sull’area pelvica, i testicoli possono essere danneggiati. Ricorrere alla banca del seme prima della terapia può essere un’opzione.
  • Donne. Le radiazioni dirette nell’area pelvica possono danneggiare le ovaie. Il ciclo mestruale può essere interrotto e potresti provare vampate di calore e secchezza vaginale. Se la paziente è giovane, è più probabile che il ciclo mestruale ritorni. Se vuoi diventare mamma, prima di iniziare la terapia, dovresti chiedere all’équipe medica come conservare gli ovociti.

Prima della radioterapia, ti consigliamo di porre al tuo medico le seguenti domande :

  1. Perché devo sottopormi a radioterapia?
  2. Quando dovrei iniziare? quando si ferma
  3. Come mi sentirò durante la terapia?
  4. Come faccio a sapere se la terapia sta funzionando?
  5. Ci sono effetti collaterali permanenti?

Trapianto di cellule staminali

Se il linfoma di Hodgkin si ripresenta dopo la terapia, potresti ricevere un trapianto di cellule staminali. Un trapianto di cellule staminali ematopoietiche (trapianto di cellule staminali autologhe) consente di ricevere chemioterapia e/o radioterapia più aggressive. Le dosi più elevate distruggono sia le cellule del linfoma di Hodgkin che le cellule sane del midollo osseo, che possono essere trattate per eliminare eventuali cellule tumorali presenti tra di loro. Le cellule staminali vengono congelate e conservate. Dopo una terapia aggressiva che uccide le cellule del linfoma di Hodgkin, le cellule staminali vengono scongelate e ripiantate utilizzando un tubo flessibile inserito in una vena principale del collo o del torace. Da quelle trapiantate si formano nuove cellule staminali.

Prima del trapianto di cellule staminali, ti consigliamo di porre al tuo medico le seguenti domande:

  1. Quali sono i rischi ei benefici del trapianto di cellule staminali?
  2. Quanto tempo ci vuole per la degenza in ospedale? Devo anche sottopormi a terapia di supporto? Come mi proteggo dai germi?
  3. Come posso ridurre gli effetti collaterali?
  4. In che modo il trapianto di cellule staminali influirà sulla mia vita quotidiana?
  5. Qual è la probabilità di impatto di un recupero completo?

Dieta, attività fisica e cure di follow-up

È importante prendersi cura di sé seguendo una dieta sana e cercando di mantenersi il più possibile attivi .

Per mantenere un peso corretto è necessario consumare la giusta quantità di calorie, è anche importante consumare abbastanza proteine ​​per mantenere la propria forza. Mangiare bene ti aiuterà a sentirti meglio e ad avere più energia.

In alcuni casi, in particolare durante o subito dopo la terapia, potresti non voler mangiare perché ti senti stanco o nauseato. Probabilmente sentirai che il cibo ha un sapore diverso dal solito; Inoltre, gli effetti collaterali della terapia (p. es., perdita di appetito, nausea, vomito o ulcere alla bocca) possono impedirti di mangiare bene. Il tuo medico, nutrizionista o altro membro del team che ti segue può suggerirti i modi migliori per affrontare questi problemi.

Molte persone riferiscono di sentirsi meglio quando possono rimanere attive: camminare, fare yoga, nuotare o fare esercizio. Altre attività ti aiutano a mantenere la forza e ad aumentare la tua energia. Con l’esercizio fisico, la nausea e il dolore possono essere ridotti e la terapia e lo stress possono essere meglio tollerati. Prima di iniziare qualsiasi attività fisica, ricordati di chiedere consiglio al tuo medico. anche se l’attività provoca dolore o altri problemi, avvertire immediatamente il medico o l’infermiere.

Cure di follow-up

Dopo la fine della terapia, ti consigliamo di porre domande al tuo medico:

  • Quante volte devo fare un controllo?
  • Quali controlli consigliate?
  • Tra un esame e l’altro, a quali problematiche o sintomi dovrei prestare particolare attenzione e di cui vi parlo?

Dopo il trattamento per il linfoma di Hodgkin, è necessario sottoporsi a controlli regolari. Anche se i sintomi del tumore sono scomparsi, il tumore potrebbe effettivamente ripresentarsi perché la terapia potrebbe non aver eliminato alcune cellule tumorali in alcune parti del corpo.

Controlli regolari possono anche rilevare i problemi derivanti dalla terapia del cancro.

Coloro che hanno combattuto il linfoma di Hodgkin sono a maggior rischio di

  • malattie cardiache,
  • leucemia,
  • melanoma,
  • linfoma non Hodgkin,
  • tumore
    • osso,
    • mammella,
    • polmoni,
    • stomaco,
    • e tiroide.

I controlli vengono utilizzati per tenere traccia dei cambiamenti nello stato di salute e per trattare i problemi. I controlli necessari includono:

  • esami medici,
  • esami del sangue,
  • radiografie del torace,
  • scansioni TC e altro prove.

Dopo la terapia, i pazienti possono ricevere il vaccino antinfluenzale e altri vaccini. La necessità di vaccinazioni specifiche dovrebbe essere discussa con l’équipe medica.

Se si verificano problemi di salute tra i controlli, è necessario contattare immediatamente il medico.

Fonte principale:

Fonte principale:

p>

Fonte principale:

Ayrıca bakınız: Bonus 100 euro: le regole 2022 – FISCOeTASSE.com

h2>

  • cancer.gov

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button