Come

Ucraina, una guerra ad aria condizionata – Quotidiano Sociale

“Se ci attacchi, moriremo come martiri, ma macellerai come cani senza il tempo di pentirsene.”

Questa frase dal forte sapore cinematografico, del tutto inaspettata e senza motivo apparente, non è una battuta di Rambo o Ivan Drago, ma di un altro russo, quello vero: Vladimir Putin. Lo ha detto nell’ottobre 2018 non troppo lontano durante Club Valdain, un forum di discussione creato nel 2004 dove ha riflettuto sull’agenda politica del 2021. Tra i numerosi temi, non sono mancate certo le riflessioni sulla situazione in Crimea e in Ucraina.

Okuma: Moriremo come martiri e voi morirete come cani

Le tensioni nell’Est Europa vanno dalla Rivoluzione arancione del 2004 all’Euromaidan di fine 2013 e al Protocollo di Minsk del 2014. Senza dimenticare la rottura nel 2018 dell’allora Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su lo storico trattato firmato a Washington nel 1987 da Ronald Reagan e Mikhail Gorbachev per limitare il numero di missili schierati in Europa.

In Vita Activa. Conditio humana Hanna Arendt spiega con la consueta magistrale chiarezza che le persone si rivelano nel dramma. Ma in una guerra, tutte le parti coinvolte sono smascherate, non solo quelle soggette alla lente d’ingrandimento del retto pensiero.

In un tweet twittato all’inizio del conflitto, Vladimir Putin ha scritto: «Sono solo stufi dell’esistenza della Russia. Imposterebbero immediatamente tutte le sanzioni e disaccoppierebbero tutto il possibile dalla Russia. E non devi nemmeno cercare scuse. Per otto anni l’Ucraina è stata in guerra con la sua stessa gente nel Donbass, uccidendo civili – e non te ne sei reso conto, stavi fornendo armi e denaro all’Ucraina. Per tre giorni la Russia ha ripristinato la giustizia rimuovendo gli aggressori dal Donbass e dai suoi confini – e tu stai imponendo le tue pazze sanzioni nell’isteria reciproca. La Russia sopravviverà senza l’Occidente, come ha fatto molte volte nella sua storia. La domanda è: l’Occidente sopravviverà senza la Russia? Lo sapremo presto!”

Il presidente russo ha il suo stile: minaccia senza minacciare, indica senza usare l’indice. Per concentrarsi sul problema gli basta il cablogramma dal titolo Il tutta la verità sui crimini dell’Ucraina nel Donbas, in cui ci sono testimonianze accompagnate da immagini, in cui le stragi furono commesse otto anni fa dal battaglione ucraino Azoz (di cui non è necessario commentare bandiere e slogan) contro la popolazione filorussa del Donbass. E il tentativo, adottato da alcuni intellettuali da salotto italiani, di un volgare revisionismo storico, secondo il quale i nazisti di oggi non sono esattamente nazisti, cioè … solo funzionano come Nazisti >, soppianta la denuncia ideologica L’ermeneutica, proclamata da più di settant’anni in una propaganda maliziosa e maliziosa, volta a distruggere il concetto stesso di resistenza e difendere

Che le guerre sono brutte, sporche e cattive, nessuno potrebbe dire diversamente, almeno a parole. Tuttavia, almeno un ragionevole dubbio sui fatti dovrebbe essere obbligatorio.

Anche la nostra Costituzione, la stessa carta che negli ultimi due anni è stata violentata e complottista, ora è tornata in auge e l’articolo 11 viene recitato come un mantra perché i padri un tempo erano verbo costituente, oggi sono solo rifiuti di carta. Quando Enrico Letta, vicepresidente del Pd (ma non l’unico a schierarsi in modo così chiaro e manicheo) ha dichiarato: “Servono sanzioni che mettano in ginocchio la Russia”, avrebbe dovuto rivedere la costituzione italiana . E non solo, magari per avere una maggiore capacità di prevedere (anche il mio gatto ci sarebbe riuscito) e per capire che le famigerate sanzioni contro il pessimo Putin avrebbero colpito più gli italiani che i russi.

Ayrıca bakınız: Diarrea nei bambini, rimedi naturali – Cure-Naturali.it

Ma anche il problema quando la ricerca della tranquillità o dell’aria condizionata sembra uno spauracchio, una finzione puramente semantica, un po’ come lo slogan “Chi non si vaccina muore e si lascia morire, ecc. Perché sembra che la crisi energetica si possa risolvere sostituendo il pane con i croissant. Draghi, infatti, guarda ben oltre il Canale di Sardegna e Sicilia, inviando in Algeria una delegazione composta dal ministro degli Esteri Luigi di Maio (l’abbiamo!) e dall’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi per incontrare il presidente Abdelmadjid Tebboune e il ministro dell’Energia Mohammed Arkab. Scopo della missione: aumentare le forniture di gas dal Paese nord africano per liberare l’Italia da quello russo.

Peccato che negli ultimi anni i rapporti tra Algeria e Stati Uniti si siano raffreddati, mentre si sono intensificati i rapporti con il Cremlino.Diventano infatti sempre più cruciali le collaborazioni tra Sonatrach, una delle più importanti compagnie petrolifere del mondo e la più importante società per azioni africana, e le compagnie russe: da pochi mesi Gazprom e Sonatrach hanno avviato la fase di produzione di un giacimento di gas nel Bacino di Berkine, dove opera anche Eni. Un altro accordo è stato firmato a maggio 2020 tra Sonatrach e Lukoil, il secondo colosso petrolifero russo. Insomma, il gas scorre tra Algeria e Russia. Non è un caso che il governo di Algeri si sia astenuto dal votare contro la Russia sulla risoluzione Onu sull’Ucraina. E guardando oltre, vediamo che la Russia di Vladimir Putin è il principale fornitore dell’esercito algerino, tanto che la scorsa estate i due paesi hanno firmato un mega accordo di armi da 7 miliardi di dollari, sollevando alcune preoccupazioni negli studi legali occidentali.

La situazione è simile con l’altro Paese che il premier Draghi ha nominato come possibile sostituto del fornitore russo: l’Azerbaigian, da cui proviene il gas trasportato dal gasdotto TAP. Appena due giorni prima dell’inizio dell’invasione militare dell’Ucraina, il leader azero Ilham Aliyev era a Mosca, e in questa occasione è stato firmato un accordo strategico che prevede la massima cooperazione diplomatica, militare ed energetica tra Russia e Azerbaigian. L’accordo prevede inoltre che i due paesi si asterranno da qualsiasi tipo di politica economica che possa danneggiare una delle parti.

La strategia del made in Italy di approvvigionamento delle fonti energetiche russe è un po’ simile all’agenda dietetica di chi decide di eliminare la polpa del pane per dimagrire – perché sta ingrassando – ma il Fare le scarpe con la crosta di su coccoi .

La Germania è meno retorica: non può fare a meno del gas di Mosca. Gli inglesi, invece, amano le parole leggere e vorrebbero sanzionare la Germania per questa decisione ovvia e illuminata.

Cosa puoi farci? Questa è l’Europa (dis)unita che vuole consegnare al dittatore Putin le perle del giudizio democratico con demagogia draconiana.

Ma la guerra del gas non è iniziata due mesi fa. Proprio come la guerra in Ucraina iniziò otto anni fa. Sebbene molti abbiano atteso il dado, viene lanciato per risvegliarli dal loro sonno dogmatico.

Per capire meglio la posizione di Eni (e dell’Italia) e il difficile compromesso tra sanzioni contro la Russia e protezione dei legami con Gazprom, occorre fare un passo indietro e rivedere i cablogrammi pubblicati da Wikileaks nel 2005 che rivelavano gli Stati Uniti ‘ preoccupazioni per la politica estera ed energetica italiana, che hanno messo a repentaglio l’auspicata strategia di diversificazione di Washington.

Per gli amanti della cospirazione collegamento torbido era l’espressione usata dai diplomatici americani per riferirsi ai legami geopolitici e commerciali tra Roma e Mosca. Oltre ad essere uno dei maggiori clienti di Gazprom, Eni collabora anche con il colosso russo Rosneft nello sfruttamento del giacimento di Zohr in Egitto. condivide le concessioni al largo delle coste del Messico con Lukoil. Eni e Lukoil sono anche partner del consorzio che detiene i diritti del giacimento di Karachaganak in Kazakistan, uno dei più grandi al mondo. La creatura di Enrico Mattei sembra essere uno Stato nello Stato, e le sue mosse future potrebbero davvero determinare la sopravvivenza energetica del nostro Paese.

Ayrıca bakınız: Come pulire la lavastoviglie – Fatto in casa da Benedetta

Allora la domanda è: Draghi c’è o lo sta facendo lui?

Nel frattempo Mariupol viene rilasciato. Liberata perché questo è il termine usato dai residenti della città ucraina quando arrivò l’esercito russo. Mentre i miliziani Azov sono barricati nelle Acciaierie Azovstal. E secondo i vari tweet, sembra che chiedano aiuto alla Nato per creare corridoi umanitari.

“Questo continuerà fino a quando i nazisti Azov non usciranno dai loro buchi o ci rimarranno per sempre.”

Il verdetto del Cremlino.

«Muble muble».

della NATO.

Le guerre “calde” scoppiano solo quando le guerre “fredde” non hanno buoni deterrenti e l’unico inibitore che fa davvero paura è una vittoria senza un’opportunità per firmare i Trattati di Parigi.

Le guerre, d’altra parte, possono avere un duplice scopo: aprire più finestre di Overton nei periodi storici in cui vogliamo che tutti tengano le dita incrociate e non guardino la luna .

Michela Pisu

Ayrıca bakınız: Treesseitalia srl Calcolo Ravvedimento Operoso

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button