Come

Per la storia dei cognomi ebraici in Italia

Titolo libro sui cognomi “Sulla storia dei cognomi ebraici di origine italiana” è il titolo del saggio dello storico Michele Luzzati, già docente all’Università di Pisa, pubblicato nel volume “Italia dei cognomi” (Pisa University Press, dicembre 2012) a cura di Andrea Addobbati, Roberto Bizzocchi e Gregorio Salinero. Il libro, il più recente e completo contributo alla storia dei cognomi in Italia, è il risultato di un progetto di ricerca dell’Università di Pisa che ha coinvolto l’Université de Paris I, l’Universidad de Extremadura e l’École des hautes études en sciences sociales a Parigi. Nella storia dei cognomi – come si potrebbe riassumere il volume – c’è la storia degli italiani, la storia della loro immagine di sé verso gli altri, la loro comunità e le varie autorità. La storia delle minoranze che compongono il nostro Paese, comprese quelle ebraiche. Nonostante la difficoltà di affrontare la questione dei cognomi ebraici, il saggio di Michele Luzzati fa il punto sugli studi sull’argomento e sui miti da sfatare sulla questione.

Il professor Luzzati, come ricorderete anche voi, il suo saggio, il “fantasma” delle liste di cognomi ebraici, è ancora oggi presente su Internet. Si può dire che tutta la storia inizia a Firenze nel 1925, quando l’ebreo Samuele Schaerf pubblica “I cognomi degli ebrei in Italia” per la casa editrice israeliana? Elenchi di nomi di ebrei italiani sono noti fin dal medioevo e i nomi e cognomi di ebrei vengono accuratamente distinti da quelli di decine di censimenti effettuati, in particolare nell’Ottocento, dai vari stati in cui L’Italia era divisa illustri non ebrei. Dopo l’unificazione, la data “sensibile” di appartenenza religiosa non è stata giustamente più registrata e non è più uno strumento utile per risalire, dai dati anagrafici, alla religione nota dei portatori di un determinato cognome. L’iniziativa di Samuele Schaerf e dell’Israel-Verlag di pubblicare un elenco di cognomi italo-ebraici nel 1925 fu improvvisata. L’autore e l’editore erano forse erroneamente convinti che l’antisemitismo in Italia fosse un fenomeno irrilevante e che, dato il contributo degli ebrei al Risorgimento e alla prima guerra mondiale, fosse opportuno onorare la componente attraverso il proliferare di cognomi del popolo italiano dediti alla apparteneva alla religione ebraica. Fu un vero boomerang perché nel giro di pochi anni (con il diffondersi del razzismo fascista) il significato originario di questa lista di cognomi venne completamente ribaltato e assunse il valore di una vera e propria black list. E di particolare importanza è stato il fatto che il riferimento alla religione è stato cambiato in un riferimento a una presunta “razza”. In ogni caso, l’elenco ricostruito da Schaerf conteneva centinaia di nomi senza alcun fondamento scientifico e alcuna forma di “ufficialità” che non avevano nulla a che fare con la storia degli ebrei d’Italia. Per certi versi un vero e proprio “scherzo” che è continuato fino ad oggi attraverso le varie ristampe in tono antisemita.

Okuma: Come capire se si hanno origini ebree

Ayrıca bakınız: Come vestirsi per un colloquio di lavoro | Adecco

Quali sono i miti per sfatare l’idea? I cognomi degli ebrei sono “oratori “, cioè che il cognome sia effettivamente riconducibile all’appartenenza ebraica di una persona? Erano o sono diventati tali nella coscienza collettiva perché associati a determinati luoghi di residenza (per gli ebrei, si pensi ai ghetti), stili di vita, attività professionali, abbigliamento, ecc. In generale, sono pochissimi i cognomi veramente “parlanti” oggi società che si richiamano a prima vista non solo riescono a “raccontare” frammenti della storia più o meno lontana della famiglia a cui un individuo appartiene, ma anche alcune connotazioni di lui eccomi. E questo vale certamente anche per i seguaci della religione ebraica: almeno in Italia, sono così sparsi sul territorio e così diversificati nei vari campi di lavoro che l’equazione sistematica cognome = vocazione religiosa non può essere elaborata. C’è poi la questione di un altro esito dei cambiamenti più o meno recenti avvenuti nelle nostre società. Religioni abbandonate, matrimoni misti e conversioni si ripetono: di conseguenza viviamo fianco a fianco con agnostici, magari portatori di cognomi riferiti a un santo, con musulmani con cognomi di tradizione italo-cristiana, e con cristiani che portano tipicamente arabo o turco cognomi. Allo stesso modo, oggi incontriamo ebrei con cognomi appartenenti alla tradizione cristiana e cattolici e cristiani con cognomi appartenenti alla tradizione ebraica.Infine, c’è un importante “pacchetto” di cognomi che appartengono sia alla tradizione ebraica che a quella cristiana italiana.

Puoi fare qualche esempio in tal senso? Re Tra i cognomi comuni sia tra ebrei che cristiani, è sufficiente fare riferimento a “Rossi”. Questo è un tipico cognome ebraico. È evidente che da ciò non si può concludere che le molte centinaia di migliaia di italiani che portano il cognome Rossi siano tutti ebrei o di origine ebraica. Il discorso è analogo per i cognomi di formazione toponomastica. Un “Pontremoli” o un “Toscano” o un “Calabresi” possono in alcuni casi essere ebreo o di origine ebraica, ma nella maggior parte dei casi sono persone che non hanno mai avuto contatti con il mondo ebraico. Quanto alle conversioni e ai matrimoni misti, anche i cognomi più ebrei, come Levi o Coen, possono essere portati da persone non religiose o da devoti cattolici. Questo significa che posso incontrare una Sbrana – per citare solo un cognome di forte impronta pisana – che è ebrea perché lo è sua madre”.

Ayrıca bakınız: Il Carnevale e la Pasqua: come calcolare le date delle feste mobili?

Ci sono però dei punti fermi riguardo agli studi ebraici Cognomi in Italia? A che ora vengono “fissati”? E qual è la loro origine? Una volta che ci siamo liberati della “zavorra” delle riflessioni spesso razziste sul significato attuale di un cognome portato dagli ebrei d’Italia da diversi secoli, siamo finalmente liberi di utilizzare i mezzi della critica storica e, su caso per caso, l’indagine sulle modalità della sua formazione. Si può così dimostrare che nel mondo ebraico, almeno per alcuni gruppi familiari, era già in vigore l’uso di cognomi distinti espressi in ebraico. Quando l’uso del cognome ha cominciato a diffondersi, almeno in alcune zone, negli ultimi secoli del medioevo, si assiste a una moltitudine di risultati nel contesto ebraico che necessitano ancora di ulteriori approfondimenti. In linea di principio, il sistema dei cognomi dell’espressione ebraica è generalizzato e si estende a buona parte dei membri della congregazione. In sostanza, il sistema cognomico dell’espressione italiana che qui ci interessa si sviluppò da forme patronimiche, le quali, data la ristrettezza del bacino toponimo tradizionale, furono presto accostate a forme prevalentemente toponomastiche. Data l’elevata mobilità della popolazione italo-ebraica, le forme toponomastiche tendono a disintegrarsi rapidamente, una dopo l’altra, secondo gli spostamenti delle famiglie. Per citare un caso, un Abramo d’Isacco nato nella seconda metà del XIV secolo avrebbe potuto avere un gran numero di coetanei con lo stesso nome. Da qui la necessità di aggiungere al suo nome il luogo di nascita Forlì. Trasferitosi in Toscana e stabilendosi a Piombino, il nostro Abraham ha potuto sostituire Forlì con Piombino. Passato a Lucca generò un figlio che prese il nuovo “cognome” “da Lucca”. E fu solo successivamente l’attribuzione a Camaiore a generare il cognome Camaioli o Camaiori, che si stabilì dall’inizio del XVI secolo per discendenti stanziati in Emilia, Lombardia e Piemonte. La diffusione di cognomi a formazione toponomastica (e anche macrotoponomastica se provenivano da grandi regioni o nazioni, o microtoponomastica se insediati in grandi città) è ovviamente accompagnata dalla diffusione di cognomi più o meno contemporanei (tardomedioevale e antemoderno ). ), educazione patronimica e cognomi legati all’aspetto o alla professione.

Senza cadere nel mito dei cognomi “parlanti”, il suo studio ha individuato alcune peculiarità del cognome ebraico in Italia? Fermo restando il segmento dei cognomi strettamente ebraici (Levi, Coen, ecc.), la mia impressione è che la formazione dei cognomi ebraici espressi in italiano abbia più a che fare con la tendenza generale a formare cognomi italiani con cognomi ebraici speciali caratteristica. Si può quindi ipotizzare che la percentuale di cognomi con formazione toponomastica sia maggiore nel gruppo ebraico che in quello cristiano, che la percentuale di cognomi con formazione patronimica sia sempre la stessa in entrambi i gruppi, e il numero di cognomi derivanti da “attività professionale ” è una percentuale inferiore per il gruppo ebraico che per il gruppo cristiano, ecc. Ma essenzialmente, ebrei e cristiani d’Italia hanno seguito un percorso simile nella costruzione dei loro sistemi cognominali di espressione italiana.

Ayrıca bakınız: Guadagnare 50 euro al giorno non è impossibile: ecco 6 metodi per fare soldi subito

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button