Come

Come conservare le foglie di aloe vera – Idee Green

Preservare le foglie di Aloe Vera Apprezzato per le sue innumerevoli proprietà, L’Aloe Vera è una pianta ottimamente utilizzata nei prodotti dermocosmetici e non solo. Molte persone hanno la pratica di coltivare l’aloe in casa, coltivandola puramente come ornamento domestico e, in alcuni casi, usandola anche per altri scopi. Per chi non sapesse come fare, in questo articolo vedremo come conservare le foglie di aloe vera.

Cos’è l’Aloe Vera

L’Aloe Vera è una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Aloaceae. La pianta è originaria delle zone africane, regioni con clima caldo e precipitazioni scarse e poco frequenti durante tutto l’anno. Sebbene l’aloe vera sia la più conosciuta, in natura esistono in realtà oltre duecento varietà di aloe, che crescono in diverse aree del pianeta.

Okuma: Come conservare le foglie di aloe vera

Tra le diverse varietà, l’aloe vera è la più conosciuta perché ampiamente utilizzata in numerosi prodotti, soprattutto in campo dermocosmetico, ma non solo.

Conservazione delle foglie di aloe vera

Esistono diversi metodi per conservare le foglie di aloe vera che possono essere utilizzate a casa. Le foglie della pianta, infatti, sono utili in numerose situazioni. Per questo motivo può essere buona norma conservarli.

Il modo più comune per conservare le foglie di aloe vera è di solito congelarle. Ci sono due metodi principali che possono essere seguiti per raggiungere questo obiettivo. Nelle prossime sezioni, conosceremo i passaggi di ciascun metodo.

Cose da sapere sulla raccolta delle foglie di aloe vera

Prima di entrare nel merito dei metodi che possono essere utilizzati per conservare le foglie di aloe vera Si consiglia di osservare alcune precauzioni da osservare per una corretta raccolta delle foglie.

La prima cosa che dovresti sapere è quando lo faremo Raccogli le foglie di aloe vera per uso personale, si consiglia di tenere la pianta in acqua per non durare settimana. Questa accortezza aiuta a concentrare i principi attivi della pianta ancora più all’interno delle foglie per massimizzarne gli effetti.

Per un’adeguata raccolta delle foglie è inoltre necessario rifilarle in modo netto usando un coltello affilato, ancora meglio realizzato in ceramica.

Infine, è consigliabile scegliere sempre le mani grandi e raccoglierne tre o quattro.

Primo metodo per congelare le foglie di aloe vera

Ayrıca bakınız: Come rimuovere le macchie ai denti – Farmae Magazine

Il primo metodo è congelare le foglie intere della pianta. Per eseguire correttamente questo metodo, devi prima raccogliere le foglie prima della fioritura. È infatti il ​​momento in cui il fusto della pianta è più carnoso e ricco.

Oltre a prestare attenzione al momento in cui si effettua la raccolta, è bene sapere che è preferibile congelare le foglie più grandi. Dopo la raccolta, le foglie vanno lavate accuratamente e poi asciugate con un canovaccio. Il prossimo passo è metterli in una sacchetto trasparente per congelatore.

A questo punto puoi procedere mettendo la busta nel congelatore dove si possono conservare le foglie di aloe per un massimo di sei mesi.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo su Argomento: Aloe Vera, coltivazione

Secondo metodo per congelare le foglie di aloe vera

Il secondo metodo per congelare le foglie di aloe vera

Scorrere è generalmente considerato più efficace ed è quindi preferibile. In questo caso nel congelatore viene conservata solo la polpa gelatinosa contenuta nelle foglie della pianta. Più precisamente, il metodo consiste nel lasciare la polpa nei classici contenitori usati per i cubetti di ghiaccio.

A questo punto, vediamo i diversi passaggi da seguire per procedere con una corretta conservazione. La prima cosa che dovete fare è munirvi di un coltello affilato, con l’aiuto del quale taglierete le estremità delle foglie di aloe ed eliminerete la pelle ai lati delle stesse.

Come secondo passaggio, è meglio utilizzare un pelapatate per rimuovere la pelle esterna. Armatevi di un cucchiaio e l’operazione successiva è quella di estrarre la polpa dell’aloe vera che si trova all’interno di ogni foglia. La polpa si caratterizza per la sua consistenza, molto simile a quella di un gel.

Ora è il momento di prendere una vaschetta per il ghiaccio e lavarla bene. Il gel può essere versato nei vari spazi generalmente previsti per i cubetti singoli.

Ayrıca bakınız: Come scrivere un report in inglese: regole e consigli utili

Il contenitore può finalmente essere riposto nel congelatore dove il gel di aloe vera può essere conservato fino a otto mesi, ma non oltre questo periodo.

Conservazione della polpa e delle foglie fresche dell’aloe

In alternativa, la polpa dell’aloe vera può essere conservata in frigorifero. In questo caso, però, la shelf life può essere estesa fino a un massimo di dieci giorni.

Anche foglie fresche possono essere conservate in frigorifero senza congelarle. Tuttavia, se scegli questo metodo, le foglie dovrebbero essere utilizzate entro quattro o cinque giorni.

Quali sono i vantaggi della pianta di aloe

L’aloe vera è nota per le sue numerose proprietà . I benefici di questa succulenta includono:

  • l’effetto detergente
  • l’effetto lassativo
  • l’effetto sedativo ;
  • l’effetto antiossidante;
  • l’effetto curativo.

La particolare composizione del gel ottenibile dalle foglie di aloe ne consente l’utilizzo per la realizzazione di varie tipologie di prodotti, tra cui:

  • il gel di aloe primitivo;
  • il gel puro;
  • i rossetti;
  • gli integratori alimentari;
  • il succo.

Se stai acquistando succo di aloe, è buona norma controllare che la dicitura “succo puro” sia presente sulla confezione. Tali bevande sono in realtà a base di polpa di aloe stabilizzata a freddo e ne contengono almeno il 90%.

Usi dell’aloe vera sulla pelle

Ci sono numerosi usi che puoi fare dell’aloe vera. Uno dei più comuni riguarda la pelle, alla quale questa pianta può apportare diversi benefici. Applicata esternamente sulla nostra pelle, l’Aloe Vera può essere utilizzata, ad esempio:

  • dopo esposizione solare per donare alla pelle un effetto rinfrescante, prevenire eruzioni cutanee o lenire scottature;
  • per punture di insetti come un modo naturale per alleviare il prurito e il gonfiore;
  • per prevenire le irritazioni dopo la rasatura o la depilazione;
  • come sostanza per sfregare la pelle del corpo, rimuovendo le cellule morte superficiali della pelle.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato: Cosa fare con le foglie di malva

Pubblicato da Evelyn Baleani il 17 maggio 2021

Ayrıca bakınız: Orecchio tappato? 4 rimedi naturali per contrastarlo

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button