Come

7 cose da sapere per fare un orto in casa – Il Post

“Quello che tutti gli amanti del giardino sapranno, e forse scopriranno, è che non c’è miglior balsamo per l’anima che piantare semi”, ha scritto Charlotte Mendelson sul New Yorker qualche giorno fa, lodando gli effetti positivi del giardinaggio a casa. In effetti, il giardinaggio è un’attività spesso consigliata dagli esperti di salute mentale perché fa bene all’umore e aiuta ad alleviare i sentimenti di ansia e tristezza, che in questi giorni ci lamentiamo e temiamo più del solito.

In questo senso il giardinaggio è un motivo per stare all’aria aperta e un’attività che si sposa perfettamente con l’hobby della cucina, a cui molti si sono dedicati con particolare entusiasmo nelle ultime settimane. È anche un passatempo in cui i bambini possono essere coinvolti e un’opportunità per insegnare loro qualcosa di nuovo – o imparare con loro, per i meno esperti. Avere un giardino o un patio sarebbe l’ideale, ma possono andare bene anche un balconcino o un ampio davanzale.

Okuma: Come fare l orto in casa

Come organizzare lo spazio creare un piccolo orto non serve Non ha tutto lo spazio che pensi: dipende dalle piante, ma la maggior parte di esse non ha bisogno di molto terriccio e può crescere bene anche in vaso sul balcone. La cosa più importante è organizzare gli spazi in modo efficace.

Un modo per farlo l’ha esplorato Bama, azienda che da quarant’anni si occupa di prodotti per il giardino e la casa: il suo “Orto” è un sistema di tre fioriere di una larghezza di 80 centimetri poggiante su una struttura a più livelli. Ogni “piano” è abbastanza capiente da ospitare anche tre o quattro piante, e la distribuzione in altezza permette di ottimizzare anche un piccolo spazio e dare una buona esposizione a tutte le piante: hanno solo una superficie di 74×80 centimetri, soleggiate ma non troppo.

Le fioriere sono dotate di un vassoio per l’acqua, da cui si può innaffiare l’orto, e la struttura portante è dotata di ruote per poter essere facilmente spostata. C’è anche un vano portaoggetti dove è possibile riporre gli attrezzi da giardino.

In alternativa si possono utilizzare pentole semplici: vanno bene sia la plastica che il terracotta, mentre i metalli sono da evitare perché rischiano di surriscaldare ed evaporare l’acqua. Il modo migliore per dare alle piante lo spazio di cui hanno bisogno per crescere è in vasi grandi, profondi almeno 50 centimetri: se sono molto grandi, puoi sempre aggiungere altre piante.

Come scegliere il balcone (se ne hai più di uno) In termini di esposizione alla luce, ogni pianta ha le sue esigenze ed è meglio informarsi ogni volta che si acquista uno nuovo. Tuttavia, in generale, è meglio scegliere un balcone rivolto a sud-ovest o sud-est. Quelli che si affacciano a nord rimangono all’ombra per la maggior parte della giornata, quindi non sono i migliori per le piante. Se sei rivolto a sud, c’è il rischio che il sole bruci troppo e per troppo tempo. Tuttavia, oltre all’orientamento del balcone, è necessario tenere conto anche della presenza di muri o “ostacoli” e ricordare che un giardino deve ricevere almeno 7 ore di sole al giorno.

Ayrıca bakınız: Come Guadagnare Soldi a 13 Anni con Semplici Lavoretti

Chi ha un balcone che si affaccia su una strada trafficata, può coprire il proprio giardino con un vello che lascia passare luce e aria, ma senza polvere fine.

Trapiantare piantine già coltivate Aprile è il mese ideale per trapiantare piante già coltivate, soprattutto se sei un principiante o se vuoi vedere subito i frutti del tuo lavoro. Puoi iniziare con piante perenni aromatiche come basilico, rosmarino e salvia. Anche la menta è adatta, ma è meglio piantarla da sola in un vaso poiché le radici sono molto erbacee. In questo periodo queste piante possono essere acquistate da vivai che effettuano consegne online e sono anche facili da trovare in alcuni supermercati.

Prima del trapianto, è necessario preparare un vaso grande o una fioriera con un fondo di ghiaia o argilla espansa, quindi mescolare terra e sabbia (circa un decimo) e premere. Dopo aver preparato il vaso, si può procedere rimuovendo con cura le piantine dai contenitori in cui si trovano: le radici e il terriccio rimarranno incastrati in un blocco che deve essere sbriciolato un po’ prima di metterlo nel Metti il ​​terriccio nella pentola. Una volta completato il trasferimento, il tutto va annaffiato abbondantemente. Le spezie sono piante resistenti e danno una gratificazione immediata, ma puoi fare lo stesso anche con altre piante.

Come fare le talee Un altro modo per arricchire un orto senza dover iniziare la semina prevede l’utilizzo di talee o rami di piante che, staccate e poste in acqua o terriccio, formano nuove radici e crescere in modo indipendente.Il metodo di taglio non funziona con tutte le piante, ma ce ne sono molte che puoi provare: si può fare con menta, rosmarino e basilico, ad esempio, se vuoi piante aromatiche, così come alcune piante da fiore, come il crisantemo , ginestre e forsizie. Al giorno d’oggi le talee possono essere la soluzione migliore se non hai la possibilità di ordinare online e non hai negozi vicino casa dove acquistare piante o semi: puoi tagliare i rami delle piante che hai già in casa o creane uno. Scambia idee con i vicini.

Una volta tagliati i rami, vanno riposti in bicchieri o vasi pieni d’acqua, in un luogo caldo e al riparo dalla luce diretta: le prime radici germoglieranno in pochi giorni. Poi si possono spostare nei vasi, ponendo sempre un substrato di ghiaia o argilla e sopra il terreno ben compattato.

Come germinare i semi Finalmente si può inizia con i semi. È la via più impegnativa, ma anche la più gratificante quando tutto va bene. Di solito si usa un vassoio per la germinazione per far germogliare i semi in casa, ma puoi anche usare un vassoio per le uova: basta fare dei piccoli fori sul fondo. Poi è necessario riempire ogni “stazione” con piccole quantità di terriccio e mettere due o tre semi in ciascuna: solitamente quelli più duri vengono spinti sotto la superficie mentre quelli più morbidi vengono lasciati riposare, ma è meglio leggere le istruzioni vendute insieme ai semi o cerca online le indicazioni per la pianta con cui hai a che fare. Per inumidire i semi, cospargili delicatamente di gocce, assicurandoti che il terreno sia umido.

Per dare ai semi la giusta umidità, è necessario coprire l’intera vaschetta con pellicola trasparente o un sacchetto di plastica, praticare dei piccoli fori per far passare l’aria. Le vaschette per la germinazione devono essere conservate al chiuso poiché richiedono una temperatura compresa tra 18 e 24 gradi. Quando le prime foglioline iniziano a germogliare, puoi mettere i germogli nei vasi con un cucchiaio, facendo attenzione a non strappare le piccole radici.

Queste sono linee guida generali, ma ogni seme ha le sue esigenze, quindi è sempre meglio fare le tue ricerche prima di seminare. Ad esempio, i semi di limoni, arance e mandarini possono germogliare anche in carta assorbente umida.

Ayrıca bakınız: Burro di mandorle: la ricetta velocissima del burro vegetale ideale per la colazione

Come scegliere cosa seminare In generale, quasi tutto in un vero orto può e può essere coltivato anche in vaso con alcune accortezze. Le uniche verdure che non crescono bene in vaso sono quelle che occupano molto spazio, come la zucca (a meno che non se ne trovi una molto piccola), le patate e i tuberi in generale. Inoltre, asparagi e carciofi sono poco consigliati ai non professionisti in quanto sono perenni e molto esigenti. Per il resto la scelta è molto ampia, l’unica cosa da considerare è che ogni ortaggio ha la sua stagione da piantare, quindi è necessaria un po’ di pianificazione prima di scegliere le piante.

Tra gli altri Gli ortaggi più facili da coltivare in balcone sono insalata e rucola: un pacchetto di semi costa pochi centesimi, l’uomo può piantarli tutti su un mese possono già essere raccolti e mangiati. Ma dovrebbero essere molto bagnati, così come il basilico. Le piante aromatiche, in particolare prezzemolo, rosmarino, salvia, timo, origano e maggiorana, danno molta gioia perché sono rustiche, persistenti e si accontentano di poco spazio.

Le Le fragole sono molto facili da coltivare sul balcone, occupano poco spazio e sono una delle piante più utilizzate per introdurre il giardinaggio anche ai bambini più scettici. Il periodo migliore per la semina è la primavera.

Barbabietole , rucola , costiera e cavolo rapa . strong> si possono piantare da aprile a fine giugno ma non sono un ortaggio altamente raccomandato in quanto ne producono solo piccole quantità alla volta. Aprile è anche il mese giusto per piantare alcuni legumi come fagioli e piselli, anche se in genere sono molto voluminosi e producono poco: i più consigliati sono la pianta di fagiolini. , perché si mangiano anche i baccelli. I legumi hanno però il vantaggio di essere un fertilizzante naturale per il terreno, quindi possono essere utilizzati per nutrire il terreno che già possiedi, magari in vista di una successiva messa a dimora.

La maggior parte delle varietà di cavoli (soprattutto cavoli, cavoli neri, cavolini di Bruxelles e broccoli) possono essere piantate in autunno, quando altre piante muoiono a causa delle basse temperature.

Zucchine, zucchine, meloni, angurie e cetrioli (chiamati piante di cucurbitacee) hanno bisogno di molto spazio e molta manutenzione, quindi non sono i più consigliati per quelli che hanno poco a disposizione. . Tuttavia, se vuoi provarlo, zucchine e cetrioli sono i più pratici.

Pomodori , melanzane e peperoni necessitano di vasi molto grandi, almeno 50 cm di diametro e 30/40 di profondità, e necessitano di molta luce e acqua, ma sono molto comuni sui balconi perché danno molti frutti molto consistenti.

Per i piccoli balconi soleggiati, cicoria, cavolo cappuccio, bietole e prezzemolo non hanno bisogno di troppa luce. Per chi cerca piante da giardino che facciano anche bei fiori, le migliori sono peperoncini, barbabietole, fragole, pomodorini e zucchine.

Come annaffiare Il periodo ideale per annaffiare le piante Al calar del sole l’acqua non evapora subito, ma deve essere assorbita per tutta la notte. In generale è meglio inumidire poco e spesso che molto in una volta sola: è importante che l’acqua non ristagni, altrimenti si rischia di soffocare o di far marcire la pianta. È meglio non bagnare le piante “sotto la pioggia”, ma versare il getto direttamente sul terreno, preferibilmente sui bordi: l’acqua raggiungerà le piante gradualmente, senza rischio di shock termico.

Ayrıca bakınız: Elezioni Usa 2020: chi sono i grandi elettori e come funziona il sistema elettorale? | Euronews

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button