Come

Passaggio di proprietà auto: calcolo, costi e i documenti necessari nel 2022

L’auto è una proprietà mobile (effettiva) e registrata. Ciò significa che riceverai anche la corrispondente prova di proprietà al momento dell’acquisto. E se la acquisti usata, devi adempiere al relativo trasferimento di proprietà , che attesta che un precedente proprietario ha passato l’auto a un nuovo proprietario.

Quando si acquista il veicolo usato da un concessionario la cosa è semplice perché il venditore stesso accompagnerà il cliente durante tutta la procedura al fine di ottemperare agli obblighi di legge e sciogliere i nodi burocratici .

Okuma: Come fare passaggio di proprietà auto

Se l’acquisto e la vendita di un’auto usata avviene tra privati, allora ci sono due strade. Puoi affidarti ad un’agenzia di pratica auto o muoverti in autonomia. Nel primo caso, come in una concessionaria, l’agenzia si occupa di tutto. Nel secondo caso, ovviamente, devi farlo da solo. Il processo di cambio di proprietà non è così complicato, ma è bene sapere alcune cose che possono semplificarti la vita.

Innanzi tutto va ricordato, dal momento della firma del contratto, c’è un termine di 60 giorni entro il quale il veicolo verrà modificata la registrazione che dovrà essere aggiornata con l’inserimento dei dati del titolare entrante. Ma entriamo nel dettaglio.

CONTENUTO Di cosa hai bisogno? Costo del passaggio di proprietà dell’auto Come calcolare il passaggio di proprietà? Dove costa meno? La Nota Unica Circolazione Dove posso cambiare proprietà? Tutti i documenti necessari mini passaggio di proprietà

Cosa serve per il passaggio di proprietà

La prima cosa che devi sapere per affrontare la procedura di passaggio di proprietà riguarda i documenti necessari per le pratiche. Non ce ne sono molti. Tutto ciò che serve è:

  • Carta d’identità dell’acquirente (o altro documento);
  • € 16,00 di marca da bollo.

Dopo essere muniti di documento d’identità e di bollo è necessario recarsi presso un ufficio autoveicoli o in alternativa al Autoveicolo Pubblico Registrati (PRA) e compila due moduli. Se preferisci, puoi anche scaricarli online e montarli a casa. I due moduli sono:

  • Documento con domanda di passaggio di proprietà
  • Documento di aggiornamento dei dati indicati nella carta di circolazione

È importante notare che entrambi i documenti devono contenere sia la firma dell’acquirente che quella del venditore. Puoi quindi decidere di recarti negli uffici dove vuoi presentare i documenti insieme. In alternativa, la pratica può essere svolta solo dall’acquirente, che in tal caso deve ottenere la firma autenticata del venditore. Questa operazione prevede anche il pagamento di un un rca imposta di bollo di 16 euro.

Una volta che la documentazione è stata consegnata all’ufficio dell’ufficio responsabile, il gioco è fatto. La conversione si concluderà entro pochi giorni lavorativi con la consegna del Certificato di Proprietà aggiornato.

GUARDA I NOSTRI VIDEO CON FJONA

Costo trasferimento auto

Ayrıca bakınız: Come sedurre un uomo a letto, provocarlo, conquistarlo, farlo impazzire, stupire e sorprendere

Per capire quanto costa trasferire la proprietà dell’auto, deve essere tenuto conto che per la trascrizione è necessario pagare:

  • Bollo per l’aggiornamento della tessera di iscrizione: 16 euro
  • Bollo per la trasmissione al PRA: da 32 euro
  • Canoni al PRA: 27 euro
  • Canoni di motorizzazione: 10,2 euro
  • IPT (Tassa Provinciale di Trascrizione): verrà calcolata in base alla potenza dell’auto e varia a seconda della provincia di residenza, che può costare tra i 3,51 e i 4,56 euro al kW.

Quanto detto finora vale se l’auto acquistata equipaggiata con un titolo di proprietà tradizionale (cartaceo). Diversa la situazione con il certificato di proprietà digitale, varato nel 2015, che prevede una procedura simile sia in termini di operazioni da effettuare sia in termini di costo finale, ma il cosiddetto ” materializzazione”, che, fortunatamente, è gratuito.

Come viene calcolato il cambio di proprietà?

Come già accennato, il passaggio di proprietà prevede il pagamento di parte dei costi fissi e parte dei costi variabili. Per quanto riguarda il costo variabili relative alle prestazioni dell’auto che acquisti, ci sono una serie di cose da considerare.

  • Per le auto con una potenza fino a 53 kW, i costi fissi dell’IPT sono di 150,81 euro.
  • Per le autovetture con potenze superiori a 53 kW si paga un sovrapprezzo di € 3,5119 per ogni kW aggiuntivo, ma questo può aumentare fino ad un massimo del 30% sulla fornitura del Paese fino ad un massimo di 4,56 euro.

Dove costa meno e come risparmiare

Allora quanto costa il passaggio di proprietà? I costi fissi comprensivi di bolli, tasse e tasse ammontano a 85,2 euro. A ciò si aggiunge il 150,81 IPT, che rappresenta l’importo minimo per il quale può essere spesa la ritenuta d’acconto statale senza aumenti legati alla performance o incrementi decisi dai singoli stati federali. Quindi, un rapido calcolo mostra che l’importo minimo è 236,01 euro.

Questo fai da te, un metodo che ti permetterà di risparmiare il più possibile ma richiede un po’ Attenzione alle procedure e ai pagamenti. In alternativa puoi rivolgerti al Centro Consulenza KFZ che richiederà chiaramente il tuo contributo al servizio.

Scontrino unico per circolazione e possesso

Dal 1 gennaio 2020, con recepimento in vigore del D.lgs. Il Decreto n. 98/2017 ha avviato la progressiva introduzione del Documento Unico di Immatricolazione e Proprietà del Veicolo (DU) in sostituzione della Carta di immatricolazione del Veicolo e del Certificato di Proprietà del Veicolo (CDP cartaceo o CDPD digitale). Il DU è costituito dall’attuale modello di carta di circolazione, che contiene anche i dati sulla situazione finanziaria legale del veicolo nel registro pubblico dei veicoli. Il DU è rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture Sostenibili e della Mobilità (MIMS).

Come per la carta di circolazione, il DU è il documento necessario per la circolazione del veicolo, il conducente deve essere sempre a bordo del veicolo per poter circolare. Dal 1 ottobre 2021, data di entrata in vigore delle nuove procedure DU, per tutte le operazioni che prevedono il rilascio di documenti di circolazione, al posto della carta di circolazione e della CDPD sarà sempre emesso il DU.

Per i veicoli immatricolati al PRA prima del 1 ottobre 2021 e non ancora dotati di DU, il DU sarà rilasciato in occasione della prima operazione effettuata per la quale il rilascio di un nuovo DU è previsto:

  • trasferimento di proprietà
  • ri-registrazione
  • rinnovo della registrazione
  • rilascio DU dopo carta di circolazione smarrita e/o CdP, danneggiata o rubata.

Ayrıca bakınız: Lavorare nel mondo dello spettacolo: come iniziare e a chi rivolgersi?

Per i veicoli immatricolati nel PRA prima del 1 ottobre 2021, la carta di circolazione e il certificato di proprietà rimarranno validi fino all’emissione di un nuovo DU.

Dove si può effettuare il passaggio di proprietà dell’auto?

Il passaggio di proprietà “Fai da te” può essere fatto nel comune di Mo o presso l’ACI

  • Per il passaggio di proprietà del veicolo in comune il venditore deve rivolgersi a uno degli organi preposti all’atto di notarile della firma. In questo caso dovrà essere versato un importo di 16 euro, necessario per richiedere la relativa marca da bollo. Una volta completata questa procedura, l’acquirente ha 60 giorni di tempo per richiedere al PRA il nuovo titolo di proprietà e aggiornare la carta di circolazione alla Motorizzazione Civile.
  • Per il passaggio di proprietà della motorizzazione, lo stesso pass deve avvenire contestualmente all’autenticazione per garantire l’aggiornamento dei dati del nuovo proprietario dell’auto .
  • Per il passaggio di proprietà dell’auto all’ACI, previa autenticazione della firma, è necessario trascrivere il passaggio di proprietà entro 60 giorni presso l’unità territoriale ACI – Automobile Pubblica Anagrafe (PRA) registro che rilascia il certificato di proprietà digitale aggiornato, quindi richiede l’aggiornamento del certificato di registrazione all’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile. Se l’autenticazione della firma viene effettuata presso lo sportello telematico dell’automobilista, è obbligatorio richiedere l’immediata registrazione del passaggio di proprietà.

Documenti per il trasferimento della proprietà dell’auto

Infine, ecco un’utile panoramica dei documenti richiesti per il trasferimento della proprietà dell’auto:

  • Prova originale della proprietà del veicolo;
  • Fotocopia e originale della carta di identità e codice fiscale dell’acquirente e del venditore;
  • Fotocopia e originale della carta di circolazione;
  • Ogni dichiarazione sostitutiva con la quale l’acquirente dichiara il proprio luogo di residenza se diverso da quello indicato nel documento di riconoscimento;
  • Tutte le procure richieste quando l’acquirente nomina un agente per effettuare il passaggio di proprietà della sua auto.

Il mini cambio di proprietà

Il mini cambio di proprietà, chiamato anche mini farm, avviene quando vendi la tua auto a un concessionario . Il mini passaggio di proprietà consente al venditore di esonerarsi da ogni responsabilità nei confronti del veicolo. La pratica è necessaria date le condizioni temporanee in cui si trova l’auto, passando di mano al concessionario per un periodo di tempo limitato prima di essere venduta ad un successivo acquirente.

Comodo anche il mini-atto senza pagamento della tassa di trascrizione provinciale e dimezza le tasse ACI.

Da un punto di vista pratico, per effettuare il mini passaggio di proprietà deve essere fornita la stessa documentazione richiesta per un passaggio di proprietà tradizionale. Si passa quindi al interruttore telematico dell’automobilista con i seguenti documenti:

  • Certificato di proprietà
  • Nota di presentazione al PRA
  • Fotocopia di una carta d’identità
  • Certificato di registrazione (o fotocopia)
  • Contratto di acquisto unilaterale comprensivo di marca da bollo da 16 euro con firma autenticata del venditore o contratto di acquisto bilaterale con certificato firme di venditore e acquirente

Informazioni utili

Quanto costa il passaggio di proprietà?

Ha un costo base di 224,41 € , che consiste nella somma di bolli, tasse, tasse e altro di circa 74 € e la imposta di registro risulta > variabile almeno 150,41 €.

Dove costa meno il trasferimento di proprietà?

Per risparmiare, puoi optare per il fai-da-te- Pratichi la pratica in completa autonomia senza za rivolgerti alle agenzie di consulenza auto.

Come cambiare la proprietà?

In generale, il passaggio di proprietà delle auto può essere effettuato sia presso il comune che presso la motorizzazione civile. In alternativa, la proprietà dell’auto può essere trasferita all’ACI.

Cos’è il certificato individuale?

È un certificato individuale che include sia il certificato della società civile che il certificato, che attesta la proprietà del veicolo, rilasciata dall’ACI.

Ayrıca bakınız: Bonus cultura 500 euro 2022: come richiederlo per i nati nel 2003 e cosa comprare | Studenti.it

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button