Come

Ovaio policistico: gravidanza, sintomi, dieta e cura

Introduzione

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS o sindrome dell’ovaio micropolitico) è la causa più comune di infertilità femminile dovuta alla mancata ovulazione (denominata infertilità anovulatoria).

Molte donne non sanno di avere le ovaie policistiche finché non provano a concepire senza successo, sebbene molte delle caratteristiche e dei sintomi della PCOS siano già presenti prima che un’adolescente abbia il menarca (il suo primo ciclo).

Okuma: Come si cura l ovaio policistico

Il termine “policistosi ovarica” ​​o PCOS si riferisce alle cisti multiple (sacche piene di liquido) che crescono in una o entrambe le ovaie; Molte donne con ovaio policistico manifestano sintomi di PCOS, ma le cisti non devono necessariamente essere presenti per poter diagnosticare un’ovaio policistico.

I sintomi caratteristici di un’ovaio policistico variano da donna a donna e possono includere:

  • ciclo mestruale irregolare,
  • infertilità,
  • dolore pelvico,
  • eccessiva crescita di peli su viso, torace, addome o cosce (irsutismo),
  • aumento di peso,
  • acne e/o pelle grassa.

Poiché molte donne non percepiscono questi problemi e non li considerano “sintomi”, spesso non si rivolgono al medico, il risultato è che molte sindromi dell’ovaio policistico non vengono diagnosticate fino a quando rilevato dalla rilevazione di microcisti nelle ovaie o in caso di problemi di concepimento.

La definizione diagnostica precisa di PCOS è ancora dibattuta, quindi il numero esatto di donne colpite è sconosciuto. a; Si stima che tra il 5% e il 10% delle donne nella fascia di età 18-44 anni abbia un’ovaia micropolita.

Le donne con ovaio policistico sono più a rischio rispetto a

  • diabete di tipo 2,
  • sindrome metabolica,
  • malattie cardiache in generale,
  • e ipertensione .

La sindrome è più comune nelle donne che sono obese o hanno parenti stretti affetti dalla condizione.

La diagnosi viene solitamente effettuata mediante

  • esame fisico e anamnesi (z le due fasi principali della visita medica),
  • esami del sangue,
  • Ultrasuoni.

Non esiste una cura specifica, ma l’uso di una dieta adeguata, esercizio fisico regolare e possibilmente farmaci possono aiutare a controllare i sintomi.

Causa

Attualmente, le cause esatte delle ovaie policistiche sono sconosciute; il fatto che ci sia una certa familiarità con la sindrome indica una possibile componente genetica, anche se, poiché i sintomi possono cambiare da una generazione all’altra, altri fattori influenzano sicuramente l’eziologia del disturbo, in una complessa combinazione di geni e influenze ambientali.

Tuttavia, la gravità dei sintomi attribuibili alla PCOS sembra essere in gran parte determinata da fattori come l’obesità, quindi la sindrome presenta alcuni aspetti caratteristici delle malattie metaboliche (spesso i sintomi sono almeno parzialmente reversibili, ad esempio da recuperare il peso ideale). .

Da un punto di vista pratico, sono i livelli di androgeni (ormoni maschili) superiori a quelli considerati normali che causano la maggior parte dei sintomi della PCOS.

Le ovaie producono ormoni, sostanze chimiche che controllano il funzionamento del corpo. Uno degli ormoni prodotti dalle ovaie è l’estrogeno, a volte chiamato “ormone femminile” perché le donne in condizioni di salute normali ne hanno bisogno in quantità maggiori rispetto agli uomini. Anche le ovaie ne producono androgeni , a volte indicati come “ormoni maschili” perché gli uomini richiedono quantità maggiori rispetto alle donne in condizioni di salute normale.

Sia gli uomini che le donne richiedono livelli specifici di questi due ormoni per la salute normale, vale a dire che i livelli sono squilibrati nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico: hanno livelli di androgeni superiori al normale e possono avere livelli di estrogeni inferiori al normale. Gli alti livelli di androgeni possono:

  • causare problemi con la crescita e lo sviluppo dei follicoli ovarici, impedire il rilascio di ovuli maturi,
  • produrre follicoli immaturi sulle ovaie e formare cisti ,
  • causano altri sintomi di PCOS, inclusi peli in eccesso e acne.

Sintomi

Oltre alle tre caratteristiche utilizzate per diagnosticare la sindrome dell’ovaio policistico:

  • Mancata ovulazione ,
  • alta circolazione degli androgeni (ormoni maschili),
  • presenza di microcisti ovariche,

Ayrıca bakınız: Unghia incarnita: cosa fare? – Myskin – Dermatologi Online

la sindrome può causare numerosi altri segni e sintomi, alcuni dei quali sembrano non correlati:

  • disturbi mestruali,
  • infertilità,
  • irsutismo (crescita eccessiva di peli su viso, torace, addome o cosce). ),
  • acne grave, tardiva o persistente che non risponde ai trattamenti abituali,
  • obesità, aumento di peso, soprattutto intorno alla vita, difficoltà a perdere peso,
  • Dolore pelvico ,
  • pelle e capelli grassi.

Infertilità

Molte donne con ovaio policistico soffrono di infertilità, definita come:

  • Incapacità per le donne di età inferiore ai 30 anni di rimanere incinta dopo 12 mesi di rapporto non protetto,
  • incapacità di una donna di età superiore ai 30 anni di concepire dopo 6 mesi di rapporto non protetto,
  • o incapacità di portare a termine la gravidanza.
  • li>

Molte donne che soffrono di infertilità da PCOS possono presumere, nonostante una maggiore suscettibilità alle complicazioni, di poter rimanere incinta con l’aiuto del ginecologo e essere in grado di portare a termine la gravidanza durante i nove mesi di gravidanza.

Irregolarità mestruali e ovulatorie

I problemi mestruali e di ovulazione sono comuni nella PCOS e la maggior parte delle donne affette presenta anomalie del ciclo mestruale:

  • Assenza di mestruazioni (amenorrea ),
  • ritmo mestruale alterato (oligomenorrea),
  • cicli dolorosi (dismenorrea),
  • perdita di sangue ma nessuna ovulazione (cicli anovulatori).

Crescita eccessiva di peli e/o acne

  • Oltre il 70% delle donne con PCOS soffre di irsutismo (crescita eccessiva dei peli), solitamente sul viso petto e addome.
  • Acne grave, acne tardiva o acne persistente che non risponde ad alcun trattamento: queste sono le possibili manifestazioni della sindrome.

Si tratta di sintomi fortemente legati all’eccessiva produzione di ormoni maschili.

p>

Diagnosi

L’esatta definizione di PCOS è ancora controversa, ma una donna che presenta due delle seguenti caratteristiche può essere affetta:

  • Mancata ovulazione cronica (il processo mediante il quale un ovulo maturo viene rilasciato dall’ovaio), con conseguente ciclo mestruale irregolare.
  • Alti livelli di androgeni (un tipo di ormone) non sono collegati ad altre cause o condizioni.
  • Presenza di microcisti in una o entrambe le ovaie (rilevate dall’ecografia)

Le donne con diagnosi di ovaio policistico possono avere i sintomi caratteristici ma nessuna cisti nelle ovaie. Allo stesso modo, alcune donne con cisti ovariche non manifestano sintomi di PCOS.

Il primo passo nella diagnosi di PCOS è escludere altri disturbi che possono causare sintomi simili. Alcune di queste condizioni includono:

  • Ghiandole surrenali che producono ormoni in eccesso (iperplasia surrenale),
  • Eccessiva produzione di cortisolo (sindrome di Cushing),
  • Tiroide disfunzione ,
  • Eccessiva produzione di prolattina da parte della ghiandola pituitaria (iperprolattinemia).

Una volta escluse queste e altre disfunzioni, il medico arriverà alla diagnosi:

  1. Viene raccolta un’anamnesi approfondita, ovvero le condizioni mediche del parente prossimo, i segni e i sintomi presenti nel paziente, lo stato di salute, l’anamnesi, …
  2. Esame dello stato di salute generale (esame fisico).
  3. Esami del sangue.
  4. Ecografia vaginale.

Complicanze

Ricerche recenti mostrano che le donne con sindrome ovarica micropolitica sono più inclini ad altre disfunzioni che non sono considerate semplici sintomi:

  • insulino-resistenza a,
  • sindrome metabolica,
  • diabete di tipo 2,
  • obesità,
  • problemi cardiovascolari,
  • sindrome delle apnee ostruttive del sonno,
  • disturbi dell’umore.

La maggior parte di queste altre condizioni richiede i propri trattamenti, possibilmente in combinazione con la terapia PCOS.

Un recente studio, condotto su circa 80.000 donne e seguito per più di 10 anni, ha confermato che la presenza di ovaie policistiche è un fattore di rischio per lo sviluppo del diabete di tipo 2; La diagnosi era di otto donne per mille all’anno tra le persone affette da PCOS, rispetto a due donne per mille all’anno nel gruppo di pazienti non affetti dalla sindrome. Anche l’età media alla diagnosi era più bassa (31 contro 35). Gli autori dell’imponente studio confermano la necessità di isolare più accuratamente fattori come il peso corporeo, ma le conclusioni confermano comunque la necessità di adottare uno stile di vita adeguato per ridurre il rischio di sviluppare il diabete e le sue complicanze.

Trattamento e rimedi

Sfortunatamente, al momento non esiste una cura definitiva per la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) e anche dopo la menopausa, le pazienti che ne soffrono spesso continuano a mostrare livelli elevati di androgeni e insulino-resistenza. Ciò significa che i rischi per la salute associati alla PCOS sono permanenti.

Data la presenza di molti possibili sintomi, che possono essere anche molto diversi, è spesso necessario ricorrere ad un approccio combinato per curare il problema.

Dieta e stile di vita

Parte integrante di qualsiasi trattamento per l’ovaio policistico è la correzione dello stile di vita, che comprende in particolare:

  • dieta variata ed equilibrata,
  • Perdi peso se necessario,
  • fai più attività fisica.

Perdere peso è uno stile di vita più attivo che può effettivamente ridurre al minimo molti sintomi della PCOS e condizioni correlate, per molte donne queste due strategie da sole possono significare una cura completa dalla condizione;

  • La perdita di peso di appena il 5% ha effetti benefici sull’insulina di resistenza, sulla ridotta tolleranza al glucosio e sulla sindrome metabolica.
  • Le donne con PCOS che perdono peso hanno maggiori probabilità di recuperare e ovulare regolarmente, aumentando così le possibilità di gravidanza , abbassando i livelli di androgeni e abbassando la pressione sanguigna.
  • Per molte donne, la perdita di peso porta a una serie di cambiamenti che consentono loro di sbarazzarsi di una serie di sintomi della PCOS, come l’acne, senza altri farmaci o interventi.

Attualmente nessuna dieta o attività è universalmente riconosciuta come più efficace di altre, quindi ogni caso è considerato valutato individualmente; Ad esempio, tra quelle su cui la maggior parte degli scienziati è d’accordo ricordiamo la dieta mediterranea, ma numerose altre sono state valutate con risultati contrastanti, tra cui un approccio vegetariano e vegano.

Farmaci

Ayrıca bakınız: Le Tasse nel Medioevo – Zhistorica

I pazienti devono quindi valutare i rischi dei trattamenti scelti: tutti i trattamenti sono associati a diversi potenziali effetti collaterali, alcuni dei quali molto gravi (e alcuni fattori dello stile di vita, come il fumo, che possono aumentare i rischi).

Alcuni dei trattamenti più comuni volti a ridurre gli effetti di alti livelli di androgeni (es. ciclo irregolare, acne o irsutismo) sono:

  • Contraccettivi orali

    strong> : Di solito il trattamento di scelta per le donne che non desiderano una gravidanza è la pillola, che è una combinazione di ormoni in grado di:

    • regolare il sanguinamento mestruale e l’ovulazione,
    • Per ridurre l’acne e irsutismo,
    • abbassano o riducono la produzione di farmaci, che a volte migliorano la fertilità.

    Anche i contraccettivi orali riducono il rischio di alcuni tipi di cancro. Attualmente non esiste un contraccettivo ideale, quindi di volta in volta verrà scelto dal tuo ginecologo in base a fattori soggettivi.

  • Farmaci per aumentare la sensibilità all’insulina : questi farmaci migliorare la risposta del corpo alla secrezione di insulina diminuendo la quantità di zucchero circolante nel sangue. Alcuni studi sembrano dimostrare che l’uso a breve termine consente di:
    • regolare il ciclo mestruale e l’ovulazione,
    • ridurre l’infertilità associata alla sindrome dell’ovaio policistico,
    • diminuire l’irsutismo,
    • riduce l’acne.

    Un uso migliore dell’insulina riduce anche il rischio di eventi cardiovascolari come infarto, ictus e diabete. Attualmente nessuno di questi farmaci è approvato per questa indicazione, sono tutti antidiabetici (come la metformina) ma vengono sempre più prescritti per il trattamento delle ovaie micropolitiche.

  • Antiandrogeni: questi farmaci mirano a ridurre la produzione di androgeni oa limitarne l’attività. Trattamento con antiandrogeni:
    • abbassa i livelli di androgeni,
    • riduce i segni di irsutismo,
    • cura l’acne e la caduta dei capelli.

    Gli antiandrogeni possono danneggiare il feto, quindi vengono spesso assunti con contraccettivi orali per prevenire la gravidanza. Come i farmaci insulino-sensibilizzanti, gli antiandrogeni non sono ufficialmente approvati per il trattamento della PCOS. Anche in questo caso non esiste un farmaco di scelta, ma uno dei più utilizzati è la finasteride, nota e approvata per il trattamento della caduta dei capelli

  • Eflornitina > (Vaniqa): questa formulazione in crema viene utilizzata per rallentare la crescita dei capelli, soprattutto sul viso. Il farmaco agisce bloccando un enzima necessario per la crescita dei capelli. Se il paziente smette di usare la crema, i capelli ricrescono, è necessario un piano di trattamento a lungo termine. L’eflornitina è approvata per il trattamento dell’irsutismo sul viso ed è considerata sicura durante la gravidanza.

  • Cosmetici per rimuovere o nascondere i peli: la donna con PCOS può anche provare altri modi per ridurre al minimo è l’aspetto dei capelli, al posto dei farmaci:

    • Rasatura, decolorazione, depilazione o l’uso di creme depilatorie sono alcuni dei metodi più comuni per risolvere il problema dei capelli.
    • Elettrolisi, terapia intensiva con luce pulsata, laser e epilazione sono le altre opzioni, ma questi metodi sono spesso più costosi e richiedono più sessioni.

    I pazienti dovrebbero discutere i rischi di questi trattamenti con il proprio ginecologo.

  • Retinoidi, antibatterici e antibiotici per il trattamento dell’acne: questi farmaci riducono l’infiammazione, i batteri nei pori e la produzione di sebo per ridurre al minimo o eliminare l’acne. I retinoidi e gli antibiotici possono essere utilizzati in crema o in compresse; gli agenti antibatterici sono disponibili solo sotto forma di crema. Il trattamento specifico dipende dalla gravità dell’acne e da quanto tempo è presente.

Ovaio policistico e gravidanza

Trattamento

Sebbene la PCOS sia una delle principali cause di infertilità femminile, è nella maggior parte casi una condizione curabile . La paziente con ovaio policistico può ancora ragionevolmente tentare una gravidanza, a volte naturalmente, a volte con assistenza.

Cambiamenti dello stile di vita, come B. Perdere peso può innescare i cambiamenti fisici che migliorano le possibilità di concepimento. Molte donne con PCOS che stanno cercando di concepire dovrebbero chiedere al loro ginecologo di consigliare loro di perdere peso e apportare modifiche allo stile di vita prima di assumere qualsiasi farmaco per vedere se hanno il pieno recupero della fertilità e la capacità di concepire in modo naturale. Numerosi studi dimostrano che i cambiamenti nello stile di vita ripristinano l’ovulazione e aumentano le possibilità di gravidanza.

Il tuo ginecologo può prescrivere uno dei seguenti farmaci per aiutare le donne con PCOS a concepire:

  • Inositolo, precedentemente definito come una sostanza promettente, ma ora più di una pietra angolare la terapia di prima linea perché è stato dimostrato in diversi studi di essere efficace e quasi completamente privo di effetti collaterali. In ogni caso, va detto che non sono ancora disponibili conferme inconfutabili in letteratura.
  • Il clomifene (Clomid) è il trattamento più comune per l’infertilità nelle donne con PCOS. Le donne che hanno ricevuto questo trattamento avevano sei volte più probabilità di beneficiare della gravidanza rispetto alle donne che non potevano ricevere questo trattamento. Le donne trattate con clomifene hanno anche maggiori probabilità di avere gravidanze multiple (doppie, triple, ecc.).
  • La metformina, un farmaco insulino-sensibilizzante attualmente usato per curare il diabete, è sempre più utilizzato per curare il diabete Trattamento di Infertilità associata a PCOS. Il successo del trattamento si traduce in una ripresa significativa dell’ovulazione nelle donne con PCOS rispetto alle donne che non hanno ricevuto lo stesso trattamento, ma la metformina da sola non aumenta le possibilità di gravidanza.
  • A volte è stata utilizzata una combinazione di metformina e clomifene , in particolare nelle donne che non rispondono al clomifene da solo. Nella ricerca, i risultati dell’utilizzo della combinazione sono stati solo leggermente migliori rispetto all’utilizzo del clomifene da solo, tuttavia, la terapia di combinazione ha ridotto il numero di gravidanze multiple rispetto alle donne trattate con il solo clomifene.
  • Le gonadotropine sono una categoria di ormoni usato per trattare l’infertilità nelle donne con PCOS che non rispondono alla metformina o al clomifene. I trattamenti a basse dosi hanno un alto tasso di successo e meno problemi.

Le donne con PCOS possono anche utilizzare altre forme di tecnologia di riproduzione assistita, come la donazione di ovuli e la fecondazione in vitro, ma finora sono stati condotti pochi studi sull’efficacia di questi metodi nelle donne con PCOS.

Una procedura chirurgica chiamata trapano ovarico è stata utilizzata in passato per regolare l’ovulazione o aumentare le possibilità di gravidanza, ma non è ancora chiaro se tale procedura sia più efficace di droghe; tuttavia, si è dimostrato efficace nel ripristinare l’ovulazione.

Complicanze

Sfortunatamente, le donne con ovaio policistico hanno un rischio maggiore di complicanze durante la gravidanza.

Molte di queste complicanze sono simili a quelle tipiche delle donne con diabete, probabilmente a causa della maggiore incidenza di diabete nelle donne con PCOS.

Le possibili complicazioni includono:

Ayrıca bakınız: Come Riconoscere I Sintomi Dellasma | Prendiamo Fiato Approfondiamo Asma E BPCO

  • Aborto spontaneo: la causa non è ancora chiara, si presume che l’obesità sia in qualche modo correlata. Poiché molte donne obese sono anche insulino-resistenti, i ricercatori stanno cercando di capire se il miglioramento di questo aspetto può aumentare le possibilità di sostenere una gravidanza. Sembra che il trattamento con farmaci insulino-sensibilizzanti (come la metformina) possa ridurre significativamente il rischio di aborto spontaneo nelle donne in gravidanza con PCOS.
  • Diabete gestazionale: questo tipo di diabete può essere sviluppato solo dalle donne in gravidanza. La gravidanza è solitamente associata a un certo livello di insulino-resistenza, ma normalmente il corpo è in grado di funzionare normalmente. Nel caso del diabete gestazionale, il corpo non può reagire correttamente. Se controllato, il diabete gestazionale di solito non causa problemi immediati alla madre o al feto. Nella maggior parte dei casi, il diabete scompare dopo la nascita del bambino. Le donne con diabete gestazionale e i loro figli sono ad alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.
  • Preeclampsia: questa sindrome è caratterizzata da un improvviso aumento della pressione sanguigna dopo la 20a settimana di gravidanza. La preeclampsia può danneggiare i reni, il fegato e il cervello della madre. Se non trattata, la malattia può essere fatale per la madre o il feto. La preeclampsia può portare a eclampsia, una forma più grave che può causare convulsioni e coma nella madre. I controlli della pressione sanguigna devono essere eseguiti quotidianamente o settimanalmente per rilevare cambiamenti improvvisi. Attualmente, l’unica cura per la preeclampsia è il parto. Se una donna sviluppa la preeclampsia, il ginecologo può sviluppare un piano per cercare di prolungare la gravidanza e dare al feto più tempo per crescere e maturare. Questo piano può comportare l’assunzione da parte della madre di farmaci per prevenire le crisi epilettiche e per mantenere la pressione sanguigna entro un intervallo normale. Allo stesso tempo, lo stato di salute della madre deve essere attentamente monitorato, perché il parto deve essere indotto immediatamente ai primi sintomi.
  • Ipertensione correlata alla gravidanza: a differenza della preeclampsia, c’è un aumento generale nella pressione sanguigna qui., che si verifica prima della 20a settimana di gravidanza. La settimana di gestazione può iniziare. Se non trattata, la malattia può portare alla preeclampsia.
  • Parto pretermine: il parto pretermine è definito come il parto prima della 37a settimana di gravidanza. Molti ricercatori ritengono che l’aumento del rischio di parto pretermine sia più evidente nelle donne in gravidanza con PCOS e preeclampsia. I bambini prematuri sono a rischio di sviluppare gravi problemi, come essere sottopeso alla nascita o avere un polmone sottosviluppato.
  • Parto cesareo: questo tipo di parto può essere più comune nelle donne con ovaio policistico perché sono più inclini alla nascita pretermine, hanno maggiori probabilità di avere problemi di obesità e spesso sviluppano ipertensione arteriosa durante la gravidanza. Poiché si tratta di una procedura chirurgica, il recupero da un taglio cesareo può richiedere più tempo rispetto a un parto vaginale. inglese) “
  • NIH

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button