Come

Ansia e Disturbi d’ansia – sintomi, caratteristiche e cura 

Paura e stati ansiosi. I disturbi d

Secondo le linee guida NICE, i disturbi d’ansia sono comuni, cronici, causano disagio e disabilità significative, spesso non vengono riconosciuti e, quando lo fanno non adeguatamente gestiti, impongono costi significativi agli individui e alla società (Wells, 1999).

Che cos’è la paura? Definizione e caratteristiche

Messaggio pubblicitario La paura è un’emozione caratterizzata da sentimenti di tensione, minaccia, preoccupazione e cambiamenti a livello fisiologico; Sebbene la paura condivida aspetti fisiologici simili, è diversa perché mentre la paura è una risposta emotiva a un pericolo reale e immediato, l’ansia è una risposta emotiva a una minaccia futura percepita.

Okuma: Una persona ansiosa come si comporta

L’American Psychiatric Association (1994) descrive l’ansia come l’anticipazione ansiosa di un pericolo futuro o di un evento negativo accompagnata da sentimenti di disforia o sintomi fisici di tensione. Gli elementi esposti al rischio possono essere sia interni che esterni (APA, 1994; citato in: Franceschina et al., 2004, p. 213)

L’aspetto “immediatezza” tipico della paura. Infatti, contrariamente all’atto di “anticipazione” che caratterizza la paura, la paura ci permette di mobilitare tutte le nostre risorse per affrontare o, in alternativa, fuggire da una minaccia che “ >Paura > ci aiuta ad anticipare le minacce future e a prepararci ad esse.

Entrambi svolgono un ruolo di adattamento: quando una persona si trova in situazioni stressanti o minacciose, la reazione si innesca automaticamente: lotta o fuga, una risposta fisiologica che da millenni fa parte della costituzione biologica dell’uomo, preparando il corpo a difendersi attraverso un intenso sforzo fisico. Una volta terminato l’esercizio, le risposte fisiologiche scompaiono rapidamente, ma se l’esercizio non si verifica, i cambiamenti fisiologici possono essere di lunga durata e molto dirompenti (Andrews, Creamer, Crino, 2004).

Quindi, sebbene un certo livello di paura funzioni anche in attività che richiedono impegno, concentrazione e attenzione per evitare di commettere errori e quindi, come noi, la legge di Yerkes e Dodson (1908 ) insegna che un livello adeguato di ansia ci consente di essere più efficienti, può andare oltre i suoi aspetti adattivi e portare a disturbi d’ansia (Andrews, Creamer, Crino, 2004) .

Sintomi d’ansia

L’ansia comprende una costellazione di sintomi cognitivi, emotivi e comportamentali. Vediamoli nel dettaglio.

Sintomi cognitivi dell’ansia

I sintomi cognitivi dell’ansia sono:

  • vuoto dei sensi mentali
  • Crescente senso di allarme e pericolo
  • Presenza di immagini, ricordi e/o pensieri negativi
  • Adozione di comportamenti cognitivi protettivi
  • Sensazione di essere guardati e/o al centro dell’attenzione stare al fianco degli altri.

Sintomi comportamentali d’ansia

Gli attacchi d’ansia si distinguono anche sintomi comportamentali , tra i più comuni troviamo l’evitamento , cioè evitamento. H. stare lontano da tutte quelle situazioni che possono causare ansia . Ciò ha un effetto negativo, soprattutto quando si evitano situazioni utili alla persona (ad es. prendere i mezzi pubblici, parlare in pubblico, sostenere un esame, ecc.). A volte queste limitazioni vengono superate attraverso l’uso di un compagno o altri tipi di comportamenti protettivi come l’assunzione di ansiolitici secondo necessità. In alcuni casi, la persona ansiosa può adottare un comportamento passivo e remissivo.

Sintomi fisici dell’ansia

Più noti sono i sintomi fisici dell’ansia , tra cui:

  • tensione
  • tremori
  • sudorazione profusa
  • palpitazioni
  • aumento della frequenza cardiaca
  • capogiri
  • nausea
  • formicolio
  • Derealizzazione e/o spersonalizzazione

Ayrıca bakınız: Tre doti per diventare un avvocato di successo – Giuridica.net

Alcuni studiosi dividono i sintomi fisici dell’ansia in quattro gruppi:

  • Sintomi cardiovascolari: tachicardia, costrizione toracica, annegamento, mancanza di respiro, ecc.
  • Disturbi gastrointestinali: nausea, vomito, dolore addominale, tensione e/o dolore addominale, diarrea , ecc.
  • Disturbi vestibolari: vertigini, vertigini, svenimenti, ecc.
  • Sintomi psicosensoriali: disorientamento, derealizzazione, spersonalizzazione, ecc.

Molte delle componenti associate agli attacchi d’ansia possono essere intese se lette in termini evolutivi come risposte a una minaccia: la respirazione diventa più frequente, quale la quantità di ossigeno a disposizione dei muscoli aumenta; La frequenza cardiaca e la pressione sanguigna aumentano per trasportare rapidamente l’ossigeno e i nutrienti necessari ai muscoli; il sangue viene deviato ai muscoli degli arti inferiori, meno sangue scorre agli organi interni e anche al viso e potresti diventare “bianco di paura”; I muscoli si irrigidiscono mentre si preparano a contrarsi rapidamente; aumenta la capacità di coagulazione del sangue, quindi in caso di lesione la perdita di sangue sarebbe ridotta; Inizi a sudare per contrastare il surriscaldamento dovuto all’attività fisica. la mente si concentra su un pensiero dominante: “Sono davvero in pericolo, e se sì, come posso evitarlo?”; la digestione si interrompe, la bocca diventa secca e produce meno saliva, il cibo si blocca nello stomaco e può causare nausea o un “gonfiore allo stomaco”; Lo zucchero viene rilasciato nel sangue, che viene utilizzato per fornire energia; il sistema immunitario rallenta; il corpo sta ora concentrando tutti i suoi sforzi sulla fuga (Andrews, Creamer, Crino, 2004).

Esaminiamo in modo specifico alcuni dei sintomi fisici più comuni dell’ansia:

Sintomi di ansia cardiorespiratoria: palpitazioni, dolore toracico e mancanza di respiro

La palpitazione è spesso il sintomo che preoccupa di più la persona ansiosa , non è un caso la persona chi Le persone che soffrono di attacchi d’ansia a volte si recano dal medico o al pronto soccorso.

Le palpitazioni, anche conosciute come battito cardiaco, sono la consapevolezza cosciente del battito cardiaco spesso avvertito al precordio ( parte del torace davanti allo sterno), nella gola o nel collo. Le palpitazioni possono dare l’impressione di un’anomalia nel cuore; tuttavia, questa manifestazione è spesso temporanea.

La sensazione di mancanza di respiro o mancanza di respiro è molto comune nei disturbi d’ansia ed è causata dalla respirazione toracica prolungata e ripetitiva (bavaglino) . Infatti, il corpo risponde allo stress aumentando la respirazione toracica a scapito della respirazione addominale. Tuttavia, questo porta all’affaticamento dei muscoli intercostali, che, quando esercitati, porta a crampi e dolore toracico, con conseguente mancanza di respiro.

Questi sintomi cardiorespiratori possono manifestarsi in periodi di ansia in modo più intenso. Possono anche avere altre cause, che possono essere ricondotte, ad esempio, a malattie gastrointestinali. Tuttavia, se questi sintomi vengono interpretati in modo catastrofico, la persona ansiosa può sperimentarli amplificati e avere una crisi di panico.

Sintomi gastrointestinali dell’ansia: tra nausea e dolore addominale

Che il nostro stomaco si contrae e si rilassa regolarmente e costantemente. Quando questo ritmo viene modificato per vari motivi, si verifica la nausea. I cambiamenti sono dovuti a vari fattori, incluso il consumo di determinati alimenti o disturbi che colpiscono alcuni organi.

L’alimentazione e la digestione sono le prime funzioni corporee a fermarsi in uno stato di allerta. Tuttavia, la persona ansiosa può interpretare la nausea come un segno di vomito imminente, che porta a aumento dell’ansia e panico.

Disturbi d’ansia vestibolare: tra vertigini e svenimento

Le vertigini possono essere descritte come sensazioni di movimenti rotatori, dondolanti o scivolati sperimentati quando si è effettivamente fermi. A volte sembra che l’ambiente intorno a noi si muova e oscilli.

Ayrıca bakınız: Valvola EGR: costo, sintomi che è sporca e come pulirla senza smontare

Le vertigini si verificano quando le informazioni dal sistema vestibolare (sistema visivo, somatosensoriale e vestibolare) sono in conflitto. Questo può accadere spesso in situazioni stressanti. Tuttavia, se presti molta attenzione a quelle sensazioni di vertigine (come spesso accade con le persone ansiose), le vertigini stesse possono essere amplificate.

Sintomi di ansia psicosensoriale: tra derealizzazione o spersonalizzazione

Il termine depersonalizzazione nel DSM 5 descrive quelle esperienze di irrealtà, distacco o sentirsi osservatori esterni in relazione al proprio corpo o al proprio Essere pensieri, sentimenti, sensazioni, azioni. Per derealizzazione, d’altra parte, intendiamo quelle esperienze di irrealtà o distacco da un ambiente (ad esempio, persone o oggetti sono vissuti come irreali, onirici, senza vita o visivamente distorti).

Questi stati possono essere causati da traumi psicologici, stanchezza, privazione del sonno, meditazione o uso di droghe o sostanze come alcol e benzodiazepine.

Ancora una volta, la derealizzazione e la spersonalizzazione possono aumentare quanto più si ha paura di viverle: la paura porta ad aumenti della respirazione e dei livelli di ossigeno, che a loro volta possono aumentare tali sentimenti di distacco dalla realtà.

La dimensione cognitiva dell’ansia e dei pensieri ansiosi

La teoria cognitiva dei disturbi emotivi di Beck (1967, 1976) afferma che l’ansia è accompagnata da distorsioni del pensiero, che si manifestano come flusso negativo pensieri automatici nell’esperienza cosciente del paziente che corrispondono a una preoccupazione per il concetto di pericolo ea una sottovalutazione della capacità dell’individuo di affrontarlo (Beck, Emery e Greenberg, 1985).

Una volta attivata la valutazione del rischio, si crea un circolo vizioso che gli attacchi d’ansia amplificano. I sintomi di paura, a loro volta, possono essere interpretati come segnali dell’effettiva esistenza di un pericolo e possono influenzare il comportamento dell’individuo, aumentando il senso di vulnerabilità e potenziando la risposta alla paura iniziale >. forte> (Wells, 1999).

Uno dei componenti più importanti dell’ansia è la ruminazione, una forma verbale e astratta di pensiero ripetitivo che caratterizza l’ansia nel tempo, specialmente per >ansia generalizzata . I pensieri che lo costituiscono si concentrano sul contenuto catastrofico degli eventi che potrebbero manifestarsi in futuro; La ruminazione dà l’illusione di prevenire e controllare la situazione, ma allo stesso tempo questi pensieri sono vissuti come incontrollabili e invadenti (Borkovec et al., 2004). A lungo andare, la ruminazione si sente debole, fragile, insicura, spaventata e costantemente soggiogata dal pericolo del futuro, di conseguenza la ruminazione diventa cronica e diventa disfunzionale e disadattiva (Clark,

Il disturbo di panico consiste in attacchi di panico inaspettati ricorrenti seguiti da almeno un mese di preoccupazione per l’insorgenza di altri attacchi di panico e/o cambiamenti di comportamento inappropriati correlati agli attacchi.

Associato a disturbo di panico può essere presente agorafobia, paura di usare i mezzi di trasporto, stare all’aperto o al chiuso, stare in fila o essere in mezzo alla folla o uscire di casa. la persona teme o evita queste situazioni, oppure le tollera in presenza di un compagno. Tuttavia, la diagnosi di agorafobia rimane indipendente da quella del disturbo di panico e può verificarsi anche senza di essa.

Disturbo d’ansia generalizzato

Il messaggio Disturbo d’ansia generalizzato (DAG) è caratterizzato da ansia e preoccupazione eccessiva che dura almeno per sei mesi che si verificano quasi tutti i giorni e relativi a una serie di eventi o attività (APA, 2013), generalizzati accuratamente. La persona ha difficoltà a controllare la preoccupazione e l’ansia considerata eccessiva per intensità, durata o frequenza ed è associata a tre o più dei seguenti sintomi: irrequietezza, affaticamento, difficoltà di concentrazione o vuoti di memoria, irritabilità, tensione muscolare e disturbi del sonno.

Ayrıca bakınız: Come si fa una relazione scritta: la struttura da seguire

Psicoterapia dell’ansia

Il trattamento di scelta per i disturbi d’ansia è la psicoterapia cognitivo comportamentale (CBT). La CBT interviene aiutando i pazienti a migliorare la loro capacità di tollerare, affrontare e accettare l’inevitabile incertezza della vita quotidiana (DugasGli SSRI sono considerati i farmaci di scelta per i disturbi d’ansia a causa della loro efficacia complessiva, sicurezza d’uso e tollerabilità, ma possono essere presi in considerazione anche gli SNRI. Le benzodiazepine hanno un ampio spettro di attività nei disturbi d’ansia, ma possono portare ad abusi; tuttavia, possono essere prescritti “al bisogno” e limitati a situazioni specifiche, in particolare per il prevedibile trattamento dell’ansia (Stein

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button