Come

Come abituare un neonato a dormire nel lettino

Quando il nostro bambino nasce, l’istinto materno ci porta a prenderlo in braccio , avvolgerlo per dargli da mangiare e tenerlo vicino a noi mentre dormiamo. E in effetti, questo atteggiamento sembra essere utile nei primi giorni.

Il neonato aveva nove mesi nel grembo materno: sentire il calore della madre lo aiuta a regolare il battito cardiaco. temperatura corporea e per aumentare il sistema immunitario. Ovviamente, però, questo atteggiamento non può durare a lungo, anche perché c’è un reale rischio di soffocamento per il neonato che dorme nel letto con mamma e papà.

Okuma: Come abituare un neonato a dormire nel lettino

Motivo di ciò, anche in i primi giorni dopo il parto è bene sapere come abituare un neonato a dormire in culla.

Diamo un’occhiata ad alcuni consigli utili > Rendi il passaggio il più traumatico possibile

Consigli per abituare il tuo bambino, da solo a dormi

Per alcune settimane puoi far dormire il tuo bambino nel suo rifugio – Enfant: In questo modo si sentirà più protetto in un ambiente più ristretto che nella culla. Se invece vuoi farlo addormentare immediatamente nella culla, è consigliabile dotarsi di un dispositivo antisoffoco.

Una volta deciso. questa soluzione, il prossimo passo da definire è: Lasciare il lettino nella stanza dei genitori o metterlo direttamente nella stanza dei bambini? La teoria è che sia pedagogicamente appropriato portare subito il neonato nella sua stanza. Un bambino che impara a dormire da solo è più composto, più sicuro di sé e ancora più spensierato e rilassato durante il giorno.

È chiaro che guardando avanti è molto più facile creare un’abitudine a dormi da soli quando sono piccoli e non quando già iniziano a camminare e diventano indipendenti. Perché quasi sicuramente si alzerà dal letto nel cuore della notte in tempo per correre al letto dei suoi genitori!

La realtà è spesso diversa e le mamme italiane spiegano di preferire la culla in camera, almeno per i primi mesi. a letto. Indubbiamente la sorveglianza è maggiore, per non parlare della comodità delle poppate notturne. In generale, però, non si dovrebbe lasciare che il bambino maggiorenne prima di portarlo in camera sua, proprio per evitare di rendere la separazione troppo traumatica e non troppo allettante di uscire dalla culla è tentato. alto (con pericolo di scavalcamento e lesioni).

Ayrıca bakınız: Come prendere le misure sartoriali per un abito da uomo

In ogni caso, indipendentemente dal fatto che resti un po’ più a lungo in camera da letto o che tu vada direttamente in camera da letto, una cosa è importante da notare: no, i lettoni! Il neonato deve dormire nel suo letto fin dai primi giorni di vita

Ovviamente il bambino non sarà affatto d’accordo, urlerà e urlerà per tornare tra le sue braccia la madre (o il padre). Quindi prova:

  • a riconoscere i primi segni di stanchezza. Un bambino sbadiglierà tre volte prima di piangere per la stanchezza (e a questo punto sarà necessario cullarlo un po’ per calmarlo). Imparare a cogliere quel primo o quel secondo sbadiglio è importante: è il momento d’oro per interrompere tutte le attività, abbassare le luci e metterlo a letto, cantare una ninna nanna o ascoltare il carillon
  • Crea una routine prima di andare a letto , ad esempio B. fare il bagno, indossare il pigiama, entrare nella stanza e mettere in pausa il gioco, spegnere la luce, lasciare solo la luce notturna e parlargli piano o cantargli piano
  • Dagli un piccolo peluche o lo straccio di una coperta in modo che il contatto con il suo corpo lo calmi

Ti consigliamo anche di leggere la nostra guida su come aiutare un bambino ad addormentarsi.

La chiave del successo di questa “azienda” risiede nella tenacia dei genitori. Infatti è facile farsi prendere dalla stanchezza o dal nervosismo, perché le prime settimane con il bambino sono destabilizzanti per tutti. La mancanza di sonno complica le cose ed è molto allettante cercare la soluzione più semplice (che è il magico lettone) per guadagnare qualche minuto prezioso di sonno.

Invece, è fondamentale calmare il piccolo, creare un’atmosfera serena e rilassata e non farlo sentire teso quando vai a dormire.

Ovviamente è importante creare un ambiente confortevole , controlla che la temperatura sia compresa tra 18-20°C, che il bambino non sia vestito troppo e che le lenzuola non siano fredde.

p>

Inserisci un’abitudine è questione di pazienza, ma soprattutto perseveranza.Con i bambini, ha senso tenere a mente la famosa “regola del 3”. Se il bambino piange, confortalo un po’ tenendolo tra le tue braccia, ma rimettilo nella culla quando è rilassato e non del tutto addormentato, in modo che possa imparare a gestirsi da solo. Se la scena si ripete, ruotala e ripeti la sequenza. Ogni volta così: la terza volta dovrebbe essere migliore.

È chiaro che più il bambino diventa grande, più tempo ci vorrà per cambiare le sue abitudini: 3 volte non saranno sufficienti, ci vorranno 3 giorni, 3 settimane, ecc.

Parlando del metodo appena illustrato, approfondiamo l’argomento e illustriamo anche l’approccio diametralmente opposto, che consiste invece nel far piangere sempre più il bambino per insegnargli ad addormentarsi da solo .

Abituare un bambino a dormire in un lettino: quale metodo?

Ayrıca bakınız: Dare senza chiedere nulla in cambio non è sempre positivo – La Mente è Meravigliosa

Analizziamo i due metodi principali suggeriti dagli esperti del settore per insegnare a un neonato a dormire da solo in una culla.

Metodo 1

Il primo metodo è quello di confortare un po’ il bambino che piange nel momento in cui sta imparando a dormire da solo. Il bambino che piange non può essere lasciato solo ad aspettare che si addormenti. Infatti, il fatto di vedere la madre che lo rassicura crea un forte legame e gli insegna a lasciarsi dormire senza paura di non ritrovare mai più i suoi cari. Al contrario, rendere traumatico il momento della notte potrebbe lasciarlo con sentimenti negativi che si porterebbe dietro per sempre.

Ovviamente bisogna imparare a distingere il pianto disperato da una semplice “chiamata” o denuncia: in questo caso basta guardare dentro la stanza senza essere visti e verificare che

p>

Metodo 2

In questo metodo, invece di andare direttamente dal bambino che piange, lascia che pianga più a lungo ogni volta prima che venga visto. La teoria è di far piangere il bambino per 3 minuti per la prima volta. A questo punto, cammina nella stanza per un massimo di 1-2 minuti senza prenderlo in braccio ed esci di nuovo anche se sta ancora piangendo. Ci vogliono altri 5 minuti dal nuovo grido. Al terzo tentativo, il bambino dovrebbe poter piangere per almeno 10 minuti. Il secondo giorno, la sequenza si ripete, ma attende 5 minuti la prima volta, 10 minuti la seconda e 12 minuti la terza.

E così via finché il bambino non sviluppa l’abitudine.

In realtà, gli esperti del settore affermano che dal punto di vista del bambino non esiste metodo migliore dell’altro. La scelta dipende dai genitori, dalle loro preferenze genitoriali e dalla loro capacità di gestire il pianto forte del bambino. Chi ha bambini, infatti, sa quanto sia difficile resistere alle urla del proprio figlio, figuriamoci nel cuore della notte e contare i minuti con l’orologio alla mano!

Il primo metodo permette di ottenere ottimi risultati : l’importante è essere costanti, creare una routine come abbiamo già accennato e soprattutto calmare il bambino

strong> , che non cerca altro che il conforto dei genitori (che però non devono mai cedere alla colpa, solo al buon senso!)

Un’ultima considerazione. E se non riuscissimo a far addormentare il bambino da solo e nel frattempo fosse un bellissimo bambino per alcuni mesi o addirittura un anno? Il consiglio rimane sostanzialmente lo stesso, l’importante è cogliere il momento giusto per “trasferirlo” nella sua cameretta.

Ad esempio, quando ti muovi o quando mamma e papà comprano un bel lettino nuovo per la cameretta. Prendersi cura dei bambini più grandi significa far loro affrontare costantemente un cambiamento dopo l’altro. Attenzione quindi a tanti aspetti: se arriva un fratellino quando inizia ad andare all’asilo, quando provi a togliergli il ciuccio, è bene aspettare ancora un po’ per insegnargli a dormire al lettino solo nella sua stanza .

Ayrıca bakınız: Come scrivere una lettera di reclamo al Comune

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button