Come

Puntura (morso) di zecca: sintomi, foto, pericoli, come toglierla

Video

Segue la trascrizione del video

Cos’è una zecca?

Le zecche sono artropodi, ma non sono insetti, ma appartengono ai grandi artropodi famiglia Famiglia di aracnidi, che comprende anche ragni, acari e scorpioni.

Okuma: Come riconoscere puntura di zecca immagini

Si tratta di “parassiti succhiasangue obbligatori”, tre parole che già ci dicono molto sulle loro abitudini:

  • Parassiti, perché hanno bisogno di un ospite per sopravvivere ma hanno bisogno le risorse acquistano senza dare nulla in cambio, infatti, come vedremo, possono rappresentare anche un pericolo per la salute piuttosto concreto;
  • Succhiasangue, perché le risorse che bramano sono essenzialmente il sangue dell’ospite;
  • obbligati perché non hanno alternative, o trovano un ospite o muoiono.

Hanno dimensioni variabili da pochi millimetri a circa 1 centimetro quando si tratta di femmine dopo aver mangiato; La testa è caratterizzata dalla presenza di una bocca, il cui vero nome è rostro, capace di penetrare la pelle per succhiare il sangue dello sfortunato ospite.

Sono distribuiti in tutto il mondo e ne esistono quasi 1000 specie diverse; In Italia, secondo fonti dell’Istituto Superiore di Sanità, esistono 36 specie, ma la più rilevante per la salute è

  • Ixodes ricinus (menta di legno),
  • Rhipicephalus sanguineus ( la zecca del cane),
  • Hyalomma marginatum
  • e Dermacentor reticulatus.

Non so dirti se sei più assoluto è nato prima l’uovo o la gallina e quindi non so nemmeno se è nato prima l’uovo o la zecca ma quello che so , è che il ciclo biologico comporta necessariamente l’intervento di uno o più ospiti, senza il quale lo sgradevole animaletto non può riprodursi; l’intero ciclo può svolgersi sullo stesso ospite o su 2-3 differenti con preferenze diverse a seconda della specie, ma attraversa necessariamente 4 stati:

  1. uovo,
  2. larva,
  3. Ninfa,
  4. Adulto

Dopo la schiusa, ogni passaggio da uno stadio all’altro richiede inevitabilmente un pasto di sangue e forse è per questo che non è un parassita speciale e schizzinoso nella scelta dell’ospite: con alcune differenze di specie, tutti possono diffondersi felicemente a animali diversi, in alcuni casi possono colpire sia mammiferi che parassiti uccelli, e in alcuni casi anche l’uomo.

Mettendo da parte per un attimo la comprensibile antipatia, sono animali affascinanti: le zampette sono dotate di pelo con funzioni sensoriali in grado di rilevare gli odori, le sostanze chimiche prodotte dall’ospite, ma anche gli sbalzi di temperatura e la luce infrarossa, che emana da un potenziale bersaglio tiv. Sono estremamente resistenti e resistenti e possono sopravvivere, ad esempio, nel vuoto per quasi mezz’ora; Hanno sviluppato un metabolismo abbastanza lento da consentire loro di sopravvivere tra i pasti per un tempo molto lungo, fino a diverse settimane. Esistono specie che si sono adattate a parassitare i pinguini con apparente resistenza alle temperature estreme dell’Antartide.

Il pasto di sangue, durante il quale la zecca deve necessariamente rimanere attaccata all’ospite, ha una durata variabile da un a da poche ore ad alcune settimane, a seconda della specie di zecca; pensate che in alcuni casi, a pasto finito (vedi la seconda foto sotto), il peso della zecca può aumentare fino a 600 volte, tanto da gonfiarsi visibilmente di più rispetto al momento dell’attacco. p>

L’habitat ideale varia a seconda della specie, ad esempio possono essere boschi o più in generale luoghi erbosi e arbustivi dove possono attendere il passaggio di un potenziale ospite, ma sicuramente anche pascoli e stalle che il nostro si avvicina molto al concetto di self-service. È importante capire che le zecche non saltano, non volano, non cadono dagli alberi come dei piccoli paracadutisti, quindi l’attacco richiede un contatto diretto, cosa abbastanza facile se si pensa che possono raggiungere le estremità di piante e cespugli. P>

Quando sono davanti, anche sopra, il loro cibo, che sia cane, animale selvatico o umano, il passo successivo è sempre lo stesso: forare il podio nella pelle per iniziare a succhiare il sangue. Simile alle zanzare, il morso è solitamente indolore grazie alla vaccinazione con anestetici e sostanze anticoagulanti e antinfiammatorie farmacologicamente interessanti. A questo punto il banchetto dura alcuni giorni, dopodiché la moneta si stacca spontaneamente per passare alla fase successiva.

Sono particolarmente attivi e diffusi durante i mesi caldi, mentre nei mesi più freddi tendono a rifugiarsi sotto le rocce, scavando in profondità o rifugiandosi nelle fessure dei muri, soprattutto nel caso dei pollai e dei come strutture.

Riesco a sopravvivere ai danni non solo di molti animali ma anche dell’uomo; in entrambi i casi, a causa del contatto diretto con il sangue dell’ospite, possono diventare un pericoloso vettore di malattie infettive, anche se fortunatamente i rischi in Italia sono probabilmente inferiori che in altre parti del mondo.

A questo proposito, però, vorrei segnalare un servizio fornito dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie, che aggiorna regolarmente le mappe di distribuzione delle varie specie di zecche.

Foto

La zecca punge o morde?

Spesso si pensa che la zecca morda attraverso una piccola bocca aliena, ma in realtà l’apparato boccale è composto da un apparato mordace e succhiante, quindi è più corretto parlare di puntura di zecca.

Quanto è pericoloso un morso di zecca?

Ayrıca bakınız: Preparare il terreno per l’orto: la lavorazione | OdC

Trovare una zecca addosso non è mai piacevole, ma chiariamo subito alcuni punti importanti:

  • Il morso della zecca in sé non è pericoloso.
  • La malattia è possibile Cravatta dalle zecche? Sì.
  • Puoi contrarre malattie gravi? Sì.
  • Si tratta di un evento comune e probabile? No, per fortuna no.

Il rischio di contrarre la malattia di Lyme da una puntura di zecca è di poco superiore all’1%, anche nelle zone dove la malattia è diffusa (fonte: UpToDate); occorre quindi prestare la dovuta attenzione al problema, poiché è possibile, ma fortunatamente, soprattutto in Italia, la probabilità di gravi complicazioni è inferiore a tipi di minacce, batteri, virus e persino protozoi, anche contemporaneamente, rendendo la vita particolarmente difficile per i medici con esso, poiché potrebbero trovarsi in quadri clinici sordidi che derivano dalla sovrapposizione di più di un’infezione.

In secondo luogo, l’Istituto Superiore di Sanità

Le malattie infettive trasmesse dalle zecche che rivestono un’importanza epidemiologica nel nostro Paese sono principalmente:

  • Encefalite da zecche
  • Malattia di Lyme
  • Rickettsiosi
  • Febbre ricorrente da zecche
  • Tularemia
  • Zecca encefalite trasmessa
  • li>

  • Ehrlichiosi .

La maggior parte di queste malattie può essere diagnosticata solo clinicamente o, ma una terapia antibiotica tempestiva nelle fasi iniziali è solitamente cruciale, soprattutto nelle forme di origine batterica. Raramente (fino al 5% dei casi) e negli anziani o nei bambini, queste infezioni possono essere pericolose per la vita.

Se scopri di avere una zecca, dovrebbe essere rimossa con un po’ di Speed , poiché la probabilità di infezione è proporzionale alla durata della permanenza del parassita, ma ancora una volta, non agire d’impulso se non l’hai mai fatto e prenditi il ​​​​tempo per consultare qualcuno più esperto o un medico. Magari evita il pronto soccorso, ma parla con il tuo medico con fiducia.

Quello che in realtà è il problema più grande è che spesso ti ammali senza aver visto la zecca, senza accorgerti che c’è stato un morso che dopo un po’ non possono più essere rilevati in modo affidabile.

In ogni caso, questi rischi non giustificano paure irrazionali: non rinunciare a una passeggiata nel bosco per paura delle zecche, non pensare ad Abbandonare il tuo animale domestico quando trovi un spuntalo perché rischi ogni giorno molto di più quando entri in macchina e nel traffico.

Secondo il Merck Handbook, ora MSD Handbook, ma sono un boomer che va ancora con il vecchio nome. Se non hai avuto eruzioni cutanee o sintomi entro 30 giorni, probabilmente non svilupperai alcun problema, ma soprattutto nelle aree endemiche, il medico potrebbe comunque optare per una copertura di sicurezza ezza.

Come rimuovere una zecca

Il metodo per rimuovere una zecca è sostanzialmente lo stesso sia che si tratti di un cane, di un gatto o di un essere umano; Ci sono pinzette speciali che rendono tutto molto facile, veloce e senza rischi. Ad esempio, li uso occasionalmente sul mio piccolo amico, ma li ho usati anche su me stesso dopo un percorso. Se hai animali domestici, vale la pena tenerli a casa, costano pochissimo e durano per sempre.

Non sono strettamente necessarie, ma è anche possibile intervenire con pinzette regolari con punte sottili, ma l’aspetto più importante è la necessità di un leggero movimento di torsione in modo da rimuovere senza traumi una specie di gancio che tenga la zecca ancorata alla pelle.

La zecca deve quindi essere il più vicino possibile alla pelle per non rischiare di lacerarla, il che avrebbe due spiacevoli conseguenze:

  • un alto rischio di eruttazione, con aumento della possibilità di contrarre infezioni,
  • ma anche la possibilità che il rostro si incastri nella pelle e sia molto complicato da rimuovere, azione che in questo caso andrebbe delegata al medico.

Spento per per lo stesso motivo, generalmente è sconsigliato usare le dita con cui è indispensabile s gr ei dovrebbe ul il corpo del parassita con il pericolo di comprimerlo.

Ayrıca bakınız: Localizzare Telefono Senza SIM

Non utilizzare corpi estranei per rimuovere la zecca: alcool, benzina, acetone, tricloroetilene, ammoniaca, olio, grasso, oggetti incandescenti come fiammiferi o sigarette e nemmeno raggi laser e interstellari per prevenirne la condizione dal causare rigurgito di materiale infetto.

Dopo aver rimosso, lavare con acqua e sapone e quindi disinfettare bene la zona, ma non utilizzare disinfettanti scuri come Betadine o Mercuro Chromium, che macchierebbero la pelle e impedirebbero di notare eventuali cambiamenti nelle seguenti giorni. In caso di arrossamento, gonfiore, prurito, è possibile consultare il proprio medico per l’assunzione di un antistaminico per il tempo necessario.

Infine, l’ISS consiglia di conservare la zecca in una bottiglia con il 70% di alcol, se in seguito essere necessario sottoporsi ad analisi specifiche e procedere con la cura del tetano. Se decidi di non tenerlo, non farlo a pezzi, ma gettalo nel water.

Infine, vorrei sottolineare che alcuni autori suggeriscono che sarebbe preferibile optare per il congelamento della zecca senza procedere alla sua rimozione, un po’ come si fa per le verruche, soprattutto per la riduzione dei rischi allergici , ma per tutti i limiti delle mie capacità in Italia in generale, l’approccio classico è ancora preferito.

Quando preoccuparsi

A Dopo che la zecca è stata rimossa, potresti notare una pallina che si forma sotto la pelle per i prossimi giorni, ma senza provare alcun dolore o fastidio; è un granuloma, un tipo di residuo solido prodotto dal tuo sistema immunitario che può persistere a lungo ma è essenzialmente innocuo e raramente necessita di rimozione chirurgica.

Per quanto posso contare, non l’ho sviluppato , mentre i miei cani quasi sempre, anche se sono sicuro che non hanno lasciato il piedistallo.

Potresti invece sviluppare arrossamento, dolore e calore localizzati nella sede della puntura, segno di un’infezione locale che potrebbe essere dovuta a Staphylococcus aureus o streptococco di gruppo A, ad esempio: in questo caso, qualsiasi Residui della zecca o magari graffi da graffio sono fattori di rischio che possono favorirla, ma in generale tutto è risolvibile con un’adeguata terapia antibiotica, localmente sotto forma di crema, o sistemica al limite.

In questo contesto, NON utilizzare antibiotici senza prescrizione medica, e no, nemmeno Gentalyn Beta, cerchiamo di imparare a limitare l’uso degli antibiotici quando sono effettivamente necessari; In questo caso, abbiamo anche un motivo in più per non auto-medicare, in quanto potrebbe effettivamente mascherare tutti i segni di malattia e complicare e ritardare la diagnosi, con un aumento del rischio di complicanze.

Invece, segnalane uno immediatamente medico la possibile formazione di un alone rossastro a forma di bersaglio, manifestazione caratteristica della malattia di Lyme, anche se, purtroppo, non si osserva in tutti i pazienti; infatti se dovessi vederlo ti consiglio di fotografarlo per assicurarti di poterlo mostrare al medico e tieni presente che può comparire anche settimane dopo la puntura.

Così come è importante per i sintomi sistemici come

  • febbre,
  • mal di testa,
  • debolezza,
  • alla ricerca di una diagnosi accurata

  • dolore articolare
  • linfonodi ingrossati

anche se compaiono dopo una puntura di zecca da tempo.

Infine vorrei sottolineare una cosa chiamata Alpha Gal Syndrome, un’allergia alla carne rossa che sembra essere innescata da una puntura di zecca; Ci sono state segnalazioni negli Stati Uniti e in Europa, ma non ne so ancora in Italia, quindi prendila più come una curiosità per ora.

Prevenzione

Esistono alcune strategie utili per ridurre significativamente la possibilità di pungere in ambienti ad alto rischio:

Ayrıca bakınız: Come si gioca a Uno, il gioco di carte: ecco tutte le regole

  • Evitare di indossare indumenti di colore chiaro perché servono per la difesa, ma perché rendono più visibili le zecche per lo più scure
  • coprono le estremità, soprattutto le gambe, con stivali alti e calzettoni o meglio ancora con pantaloni lunghi,
  • evitate di recarvi in ​​zone con erba alta,
  • al termine dell’escursione vi controllate a vicenda con gli altri partecipanti e controllate anche tutti i cani che vi hanno accompagnato,
  • Controllate, scuotete e spazzola i tuoi vestiti se necessario prima di portarli a casa.

Fonti e riferimenti

  • ISS
  • CDC
  • Wikipedia IT
  • UpToDate
  • DermNet Italia

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button