Come

La divisione a due cifre: come spiegarla ai bambini | Studenti.it

Introduzione

Come spiegare la divisione a due cifre ai bambini – fonte: redazione

La divisione è una delle operazioni più complesse per molti bambini, specialmente quando stanno appena iniziando ad imparare. Anche se si parla di divisione a una cifra, questa operazione richiede una conoscenza pregressa e una buona memoria, poiché è fondamentale conoscere molto bene le tabelle per effettuare le divisioni.

Il numero a due cifre senza calcolatrice può essere difficile anche per un adulto, per non parlare di un secondo o di terzo grado. Pertanto, devi essere davvero un bravo insegnante per far capire rapidamente e bene ai tuoi piccoli studenti questo tipo di operazioni matematiche in cui il divisore è rappresentato da un intero a due cifre.

Okuma: Come spiegare la divisione ai bambini

Sarà sicuramente importante spiegare l’importanza degli esercizi agli studenti che generalmente preferiscono meno compiti; In questo caso, però, più che in altri, esercizi e ripetizioni sono fondamentali per prendere confidenza con il processo di divisione, ma anche per creare una “memoria numerica” che aiuti i bambini a ricordare i risultati più semplici (e più comuni) senza che abbiano per eseguire la divisione ogni volta.

Ecco alcuni metodi abbastanza semplici ed efficaci, separati per caso, per spiegare la divisione per due Cifre per i bambini .

Un altro consiglio

Iscriviti al nostro canale Telegram Aiuto scuola e compiti: notizie quotidiane e materiale utile per i tuoi studi e compiti!

Richiede

  • Lavagna
  • Pastelli
  • Carta
  • Pastelli
  • Matita
  • Gomma da cancellare

Stack

I tuoi studenti sapranno già come compilare una griglia di divisione, poiché hanno già appreso questa singola transazione di dividendo.

Tuttavia, è buona norma ripetere i concetti finché non diventano istintivi: spiega che il dividendo va a sinistra della linea di divisione (in verticale), mentre il divisore va a destra. È inoltre necessario tracciare una linea orizzontale sotto quest’ultima, che servirà a separare il quoziente, ovvero il risultato finale dell’operazione.

Disegna questi dati iniziali con il gesso bianco o con una matita nera per distinguerli dai diversi passaggi dell’operazione da svolgere e che spiegherai caso per caso ai bambini.

Dividi per due cifre

Innanzitutto scegli una semplice divisione senza resto in cui il divisore e il divisore sono costituiti da due cifre. In questo caso è bene utilizzare un dividendo multiplo del divisore.

Come primo esempio, potresti scegliere l’operazione 36:12.

Scrivi 36 (dividi), 12 (dividi) sulla lavagna con il gesso bianco e disegna lo schema utilizzato su le divisioni.

Usando due pastelli colorati diversi, segna le decine e le unità in modo che i bambini possano capire facilmente le corrispondenze da annotare.

Esegui la divisione colore per colore come se fosse un’operazione tra due numeri a una cifra e segna il risultato ottenuto (3).

Moltiplica 3 (quoziente) x 12 (divisore) per confermare che la divisione è esatta e non ha resto.

Dividendo a tre cifre con quoziente a una cifra

Ayrıca bakınız: In barca con il mare mosso in prua: come comportarsi

Come secondo esempio, scegli un dividendo a tre cifre e un quoziente a una cifra, come la divisione 144:24.

Dopo aver inserito i numeri nella colonna, sempre con gessetti colorati, suddividere nuovamente l’operazione in sezioni.

Spiega ai bambini che poiché il 2 non “entra” nell’1, devono “abbassare” il 14, cioè colorarlo come un 2. Con un colore diverso segnano le unità (4 e 4).

A questo punto, il risultato della divisione delle decine è 7, ma moltiplicando quel numero per il divisore si ottiene un numero diverso dal dividendo (168).

Quindi dobbiamo provare un numero più basso, tenendo conto anche delle unità precedentemente ignorate.

Quindi scrivi 6 come quoziente e moltiplica per 2, ottieni 12. Se metti quel risultato nella colonna in cui stai lavorando e fai la sottrazione, ottieni un resto (2).

“Abbassa” le unità, scrivi il numero ottenuto (24) con il colore scelto per questa sezione e segna come devi dividere ora per 4.

Il risultato è ancora 6 , quindi la divisione è completa.

Dividendo a tre cifre con quoziente a due cifre

Con un dividendo a tre cifre, puoi anche ottenere un quoziente a due cifre.Questa divisione può essere più difficile per i bambini, ma è abbastanza facile da insegnare.

Utilizzare l’operazione 396: 22 come esempio e disporre i numeri. Di’ ai bambini di “abbassare” un numero uguale o maggiore del divisore (22), che è 39.

A questo punto, dì ai bambini di concentrarsi solo sulle decine del numero diminuito e sul divisore (3 e 2), e chiedi loro di calcolare il numero di volte in cui le decine del divisore sono nel dieci del numero ridotto. In altre parole, i piccoli studenti devono ridurre la divisione a due cifre a una divisione a una cifra usando il trucco del numero ridotto.

Una volta che hai trovato quante volte le decine del divisore rientrano nelle decine del numero più basso, di’ loro di segnare quel risultato sotto il divisore, nella parte usata per il quoziente, o quoto è riservato (se presente). del resto) della tua divisione.

Verifica del risultato ottenuto

Dopo aver determinato quante volte le decine del divisore sono in quelle del dividendo diminuendole (1), moltiplicare il numero segnato in den parte riservata per moltiplicare il quoziente per il divisore e segnare il numero ottenuto a sinistra appena sotto il dividendo.

Se il numero è più alto di quello più basso, è un segno che il risultato è sbagliato, quindi dì ai bambini di ripetere la moltiplicazione per un numero con un valore più basso. Se invece il numero segnato sotto il dividendo è minore o uguale al numero diminuito, spiegare agli studenti a questo punto che devono eseguire una sottrazione, operazione che dovrebbero già conoscere molto bene.

Ayrıca bakınız: Catetere vescicale, come funziona |Santagostino Magazine

I valori da sottrarre ora sono il numero ridotto e il numero risultante dalla moltiplicazione del quoziente parziale e del divisore.

Calcolo del resto e del termine di divisione

Mostra graficamente dove scrivere il risultato di questa sottrazione, cioè sempre sotto il numero ridotto nella colonna di sinistra. Nel nostro esempio il risultato ottenuto è 17.

A questo punto dite ai bambini che devono diminuire anche le unità del dividendo nella colonna di sinistra, che va inserita accanto al risultato ottenuto utilizzando il sottrazione ( anche nel nostro esempio il risultato sarà 176).

Il numero ottenuto è anche chiamato resto parziale della divisione a due cifre; Scrivi questo numero in un colore diverso per sottolinearne il significato. Ora i bambini devono solo scoprire quante volte il divisore (22) è contenuto nel resto parziale (176) ottenuto, utilizzando uno strumento che devono conoscere molto bene: la tabellina.

Verificare il risultato

Attraverso alcune prove, grazie alla conoscenza delle tabelline, i bambini non dovrebbero avere difficoltà nell’individuare il numero corretto (cioè quante volte il divisore nel parziale resto ): Nel nostro In questo caso il risultato corretto è 8 ed è contrassegnato accanto al numero 1 nella parte riservata al quoziente.

Allora dì ai tuoi studenti di fare un ultimo passaggio, che è moltiplicare quest’ultimo numero individuato per il divisore e segnare il risultato di questa moltiplicazione sotto il resto parziale: anche in questo caso, se quello individuato Numero è maggiore del resto parziale significa che è sbagliato, quindi devi scegliere un numero inferiore.

Nel nostro caso, moltiplicando 8 per 22 si ottiene il resto parziale, che è 176, il che significa che il resto dell’operazione è zero.

Divisione Resto

È ovvio che alcune divisioni avranno dimensione, ovvero risulteranno in un numero finito e un “resto”. Questo accade quando la moltiplicazione tra quoziente e divisore dà un risultato minore del resto parziale: la sottrazione tra i due dà quindi un risultato diverso da zero (“resto”).

Questo valore può essere utilizzato in due modi diversi a seconda del tipo di operazione su cui stai lavorando. Per i più piccoli e per chi cerca un risultato intero e finito, il resto viene lasciato così com’è e messo tra parentesi o contrassegnato con la “r” accanto alla quota (105:25=4 r. 5).

Quando si lavora con i decimali la stessa operazione avrà un risultato completo ma diverso, poiché in questo caso il resto viene ulteriormente diviso per il divisore dopo che il “teorema del resto” è stato applicato al quoziente e “0” è stato aggiunto “ al resto stesso.

5 diventa 50/25, che è 2 e il risultato della divisione è (105/25 = 4,2).

In alcuni casi dovrai determinare il numero di cifre dopo la virgola decimale per includere e insegnare altri concetti importanti come i numeri razionali e irrazionali e come arrotondare questi ultimi per eccesso o per difetto.

Suggerimenti

Non dimenticare mai:

  • Sii paziente e lascia che i bambini imparino dai loro errori.
  • Usa colori diversi per evidenziare ogni fase della divisione in modo che i bambini possano ricordare i diversi passaggi.
  • Non dare nulla per scontato: scrivi ogni passaggio (moltiplicazione e sottrazione) con un colore neutro (gesso bianco o matita) per sottolineare che questi fanno parte del processo di divisione, non il suo risultato.

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Ayrıca bakınız: Polarità delle molecole – Chimicamo.org

  • Come fare divisione
  • Come uomo Fare una divisione con il metodo anglosassone
  • Come fare una divisione per sottrazioni consecutive

Altri contenuti sulle divisioni

  • Come fare fare la divisione con la virgola
  • Divisione a due cifre: spiegazione, metodo ed esercizi
  • Come dividere le frazioni

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button