Come

Secondo parto: ecco come ho affrontato la mia paura

Stai per avere un secondo parto e inizi a sentirti ansioso e ansioso? Capisco che il parto sia un evento bellissimo ma allo stesso tempo spaventoso perché può essere doloroso, imprevedibile e potresti non sentirti abbastanza preparato.

Il mio primo parto è stato lungo (17 ore di travaglio si sono concluse con un parto artificiale) non ve lo dico, non era una passeggiata nel parco e quando ho scoperto che aspettavo il mio secondo figlio, io… ho detto che voglio avere un bel ricordo della seconda nascita. E ora sono qui per raccontarvelo, sperando che troverete degli spunti utili.

Okuma: Come superare la paura del secondo parto

Un secondo parto un po’ diverso

Ho partorito in ospedale a San Marino Sono vivo, anche se nel mio cuore ho sentito il bisogno di fare qualcosa che la mia esperienza conferma altrettanto consapevole e felice.

Devo dire con grande sorpresa che nell’ospedale del reparto di ginecologia e maternità ho riscontrato grande disponibilità e apertura da parte di tutto il personale.

La mia preoccupazione principale era rendere cosciente la mia seconda nascita Volevo viverla, rimanere lì ed essere vigile, ma per farlo, Dovevo attivarmi e agire, altrimenti la paura del parto mi avrebbe accompagnato tutto il tempo.

Il secondo parto e la paura del primo

Pensandoci, avevo paura del mio primo parto perché non sapevo cosa fossi atteso con l’avvicinarsi del mio secondo parto Ero ancora spaventato perché la mia prima esperienza non è stata facile.

Quando ho pensato al dolore del primo parto, alle difficoltà, alla fatica che ho dovuto allungare, alle lacrime che ho versato perché avevo paura di non farcela e questo dolore di non poterlo sopportare ha causato tensione e rigidità nel mio corpo.

Ho dato alla luce la mia prima figlia 9 anni fa e ogni volta che ho parlato della mia nascita l’ho sempre descritta come un evento doloroso, faticoso e smemorato nonostante nessuna complicazione di sorta. Poi, con la mia seconda gravidanza, è scattato quando Francesca, l’ostetrica con cui ho fatto yoga durante la gravidanza, mi ha detto quando le ho raccontato del mio primo parto:

Romina, la durata di un la nascita non ne determina la qualità ”.

Ascoltare questa affermazione così diretta e concisa mi ha dato una nuova direzione. E da quel momento ho capito che volendo avrei potuto saperne di più su questa nascita benedetta e che il dolore non è tutto. C’era qualcosa che non avevo considerato.

Paura del parto: ascoltalo e non evitarlo

La paura del parto è una Paura come tante altre e sapevo che più cercavo di nasconderla più avrebbe influito sulla mia esperienza.

Un po’ come voler tenere una palla sott’acqua… è dura e quando esce diventa ancora più forte!

Quando ho iniziato il travaglio, sono andata in ospedale, erano le 21:30, la stessa ora in cui sono arrivata in ospedale per il primo parto e l’ostetrica Alice mi ha salutato è stata la stessa della prima volta . Faccio il layout, la visualizzazione e Alice mi dice, come l’ultima volta, che sto appena iniziando e che ci vorrà del tempo.

Oh mio dio… non potevo crederci. La mia vecchia memoria è tornata di nuovo. Com’è stato possibile?

Non potrebbe essere lo stesso, questa volta ho potuto vivere la nascita di mio figlio con consapevolezza e quello di cui avevo bisogno era rimanere mentalmente vigile e presente.

Era proprio quel ricordo che mi veniva in mente, vecchi pensieri che si manifestavano di nuovo nella mia esperienza.

Fatti prendere!

Lettura consigliata: Paura del giudizio altrui: come riconoscerlo e affrontarlo

Fase uno: accetta la paura

Accettare che avevo paura di partorire Ancora una volta, toglierle l’alimentazione è stato il primo passo. Accettare te stesso e le tue debolezze è essenziale per iniziare il cambiamento.

Infatti, dietro la paura del parto c’era la paura del dolore, un dolore forte, intenso che non puoi capire finché non ci provi.

Ayrıca bakınız: Pulizia ugelli gas del piano cottura: guida completa

Eppure, nonostante questo dolore lancinante, quando partorisci succede qualcosa di meraviglioso perché quando ti fermi a pensare a come sia possibile che tuo figlio esca da questo buco e come tu possa sopravvivere a tale dolore è incredibile.

Il dolore c’è ed è inevitabile, ma ha una fine.

Ti stai chiedendo se Dio esiste? Assisti ad un parto e non avrai più dubbi.”

Davide Simone Arena

Una volta partorito, il dolore intenso scompare, l’unica cosa che devi fare è congratularti con te stesso, cosa l’hai fatto, meravigliati del potere che avevi (comunque sia andata la tua nascita) e ringrazia Dio (chiamalo come vuoi) per la creatura che ti ha dato.

Fase due: scopri la nascita

“Se la conoscenza può creare problemi, non è l’ignoranza che possiamo risolverli”

Isaac Asimov

Saperne di più il parto mi ha aiutato ad avere una visione più ampia di questo evento Un grande aiuto è stato il libro La gioia del parto (consigliato da un’ostetrica) che contiene molte testimonianze raccolte da donne che hanno vissuto con gioia il loro parto.

Se è vero che le storie di nascita sono negative e dolorose, lo stesso accade con le storie di nascita positive rispetto!

Nello stesso libro ho trovato molte informazioni su ciò che accade durante il travaglio e il parto, nuove prospettive, sostanzialmente ciò che dovevo sapere per rendere consapevole la mia nascita. Spesso non basta frequentare un corso di parto per avere le idee chiare su cosa sta succedendo durante questo importante evento.

A maggior ragione, nell’ospedale di San Marino dove ho partorito, che durante Il travaglio lascia molta autonomia e intimità, quindi quando non sai cosa ti sta succedendo e non hai gli strumenti per gestire quel momento, le cose si complicano.

Seconda nascita: strumenti utili

Oltre ai 2 passaggi che ti ho descritto, ho imparato 3 strumenti durante il secondo travaglio e il parto, che mi hanno aiutato affronto la paura del parto e ha fatto la differenza per me.

1. Allenati ad ascoltare te stesso e il tuo corpo

“Il corpo sa tutto, è la tua mente che devi convincere.”

Citazione di un mio carissimo amico

Se impari ad ascoltarlo, puoi riconoscere il tuo stato mentale ed emotivo.

Quello che mi ha aiutato ad ascoltare meglio me stesso e il mio corpo è stata sicuramente la pratica dello yoga.

Durante la mia gravidanza ho deciso di iscrivermi al corso Yoga in Gravidanza presso il Centro Le Nove Lune di San Marino. Devo ammettere che ogni lezione mi ha permesso di entrare in contatto con me stessa, di conoscere meglio il mio corpo e i cambiamenti che stanno avvenendo durante la mia gravidanza. Lo stato di benessere e relax alla fine di ogni lezione era impagabile.

Il corso non è solo un momento di scambio con le altre mamme, ma anche un’ottima occasione per mantenere il corpo morbido e flessibile. Raggiungere il travaglio con un sistema mente-corpo rilassato ed equilibrato aiuta a lasciarsi andare, anche nei momenti in cui sembra impossibile.

2. Fidati del tuo corpo

Dopo aver praticato un buon ascolto di sé, fidarsi del tuo corpo significa credere che sa esattamente cosa fare!

“Le donne sanno partorire e i bambini sanno nascere.”

Michel Odent

Se questo è vero , significa che non ci preoccupiamo e lasciamo che sia lui a fare tutto. Invece, spesso si concentra maggiormente su ciò che deve essere fatto per intervenire in ciò che potrebbe andare storto piuttosto che su ciò che potrebbe essere buono. Pertanto, è importante esaminare i pensieri che risiedono nella mente.

Ayrıca bakınız: Come far prendere il ciuccio ai bambini?

Il corpo riflette ogni pensiero, convinzione e convinzione.

Nascere con pensieri positivi e di supporto ha un impatto sullo stato del nostro corpo.

Lettura consigliata: 5 pensieri positivi che supportano la tua autostima

3. Respirazione consapevole

“L’unico uno e il più efficace La tecnica di rilassamento che conosco è la regolazione consapevole della respirazione”

Andrew Weil (medico e autore)

Durante la mia formazione come Breath® Coach, ho ha scoperto l’importanza della respirazione consapevole e come possiamo trasformare i nostri stati mentali, emotivi e fisici intervenendo volontariamente in essa.

Ognuno ha il proprio schema di respirazione, di solito respiriamo inconsciamente senza pensarci. Possiamo però intervenire allungando, accorciando, accelerando o rallentando il respiro. Se scopri di respirare in modo diverso quando hai paura rispetto a quando sei calmo o rilassato.

Pertanto, un intervento consapevole nella tua respirazione aiuta a gestire sia la paura del parto che il dolore delle contrazioni e dei dolori, perché il dolore non deve essere evitato, le contrazioni e il dolore sono davvero utili.

Ciò che mi ha aiutato è stato inspirare attraverso il naso quando ho sentito la contrazione arrivare ed espirare attraverso la bocca (contando fino a 5/6 nella mia mente) quando provavo un forte dolore. Quando provi dolore, generalmente devi digrignare spontaneamente i denti e trattenerti irrigidendoti. Questo non aiuta durante il travaglio, anzi, rende la dilatazione difficile e molto lunga.

L’idea è quella di concentrarsi sul respiro per distrarre il dolore e lasciarsi andare il più possibile.

Durante il travaglio è ora di lasciarsi andare. Il bambino sta per nascere ed è ora di lasciarlo andare!

newborn

Lettura consigliata: Avere un bambino oggi: 5 cose che devi sapere

Seconda nascita: consapevolezza nella valigia

Il mio bambino era 3 ore dopo il mio arrivo in ospedale. Durante il parto ho sempre cercato di avere pensieri potenzianti, fiduciosa che tutto sarebbe andato bene.

Sicuramente nella mia seconda nascita ho avuto una nuova consapevolezza di me stessa, una maggiore conoscenza dell’evento e tanti strumenti da utilizzare grazie al fatto che da allora perseguo un percorso di crescita personale da quasi 8 anni.

Il mio corpo sapeva cosa fare, la mia mente mi ha sostenuto e mio figlio sapeva come farlo

Tutti insieme ci siamo aiutati a vicenda e intorno a me oltre a sostenere la mia Mannes, ostetrica Alice è stata molto disponibile con i suoi consigli chiari e diretti su come continuare a respirare, spingere e come farlo al meglio, per me e mio figlio.

Non c’è nessun “non posso”, solo “sì, ok posso!”

non partorisci tutti i giorni e rendi questa esperienza bella il più possibile, arricchisce, rafforza e dona fiducia in me stesso.

Grazie per la mia ansia da parto: se no l’avrei avuta e non l’ascoltassi, non mi sarei attivata così tanto.

In bocca al lupo per la tua nascita e ricorda di mettere in valigia non solo ciò di cui tu e il tuo bambino avete bisogno, ma anche consapevolezza e fiducia. fiducia.

Se vuoi davvero prepararti ora per diventare madre e fare un ottimo lavoro con tuo figlio, leggi il primo capitolo del mio libro.

Ayrıca bakınız: Ermal Meta ft Giuliano Sangiorgi, Una cosa più grande testo

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button