Come

Chi è il paziente guarito da Covid-19: domande e risposte | Fondazione Umberto Veronesi

I dati sulle nuove infezioni da coronavirus e il numero delle vittime da Covid-19 restano particolarmente impressionante giorno dopo giorno. strong>. Allo stesso tempo, però, cresce il numero di pazienti dichiarati guariti. Entro la fine di ieri, 16.487 connazionali avevano superato l’infezione respiratoria, che nei casi più gravi porta alla polmonite interstiziale. Ma quando è possibile visionare un paziente fuori dal “tunnel” Covid-19? Proviamo a chiarirlo con l’aiuto di alcuni esperti.

Quando ci riprenderemo dal Covid-19?

La malattia causata da Sars-CoV-2 > > si è verificato per la prima volta quest’anno e il decorso dei pazienti precedentemente colpiti non era chiaro. Il periodo di incubazione tra infezione e lo sviluppo di sintomi (febbre, tosse e mancanza di respiro) passa nei casi lievi o moderati, polmonite e apnea nei casi più gravi), si stima che tra 2 e 11 giorni fino a un massimo di due settimane. Nella maggior parte dei casi registrati, la malattia si manifesta tra il quinto e il settimo giorno dopo il “contatto” con il virus. Anche il corso è variabile. A seconda che il Covid-19 si sviluppi nelle forme più lievi o più gravi, i sintomi sono rilevabili in un periodo compreso tra 5-7 giorni (per gli ambulatori) e 15-16 giorni (se necessario). il reparto di terapia intensiva). In ogni caso, la loro intensità diminuisce gradualmente.

Okuma: Come capire se si è guariti dal covid

Come si definisce la guarigione di un paziente affetto da Covid-19?

Il Consiglio Supremo della Sanità è intervenuto su questo tema e ha definito due “tipi” di guarigione: quella e quella completata.

Che cos’è il recupero clinico?

“Un paziente può essere dichiarato clinicamente guarito dal Covid-19 quando saranno scomparsi i sintomi legati all’infezione da Sars-CoV-2 documentati dall’esame del tampone” Franco Locatelli ha precisato più volte

strong>, Direttore del Dipartimento di Oncoematologia Pediatrica, Terapia Cellulare e Genica dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma e Presidente del Consiglio Superiore della Sanità. Come accennato, questa guarigione avviene entro un periodo da una a tre settimane, a seconda della gravità del decorso della malattia. Una volta raggiunto questo obiettivo, la persona potrebbe essere ancora contagiosa.

Quando si può essere sicuri che una persona guarita dal Covid-19 non sia più contagiosa?

Ayrıca bakınız: Come disporre e appendere i quadri: trova lispirazione! – Resinflame Decoart

Per essere sicuro che anche il contagio sia scomparso, devi fare un altro passo. “Il paziente guarito è colui che ha superato i sintomi del Covid-19 e che risulta negativo in due test consecutivi alla ricerca del Sars-CoV-2”, afferma il Consiglio Supremo della Sanità. I due tamponi naso e faringe devono essere eseguiti a distanza di almeno 24 ore l’uno dall’altro al fine di (mediante un test di biologia molecolare, la RT-PCR) determinare la presenza di il materiale genetico del virus di verifica nei campioni di muco e saliva. Il giorno successivo, i pazienti vengono tenuti isolati: a casa o in ospedale (a seconda del decorso della malattia). Se il risultato di entrambi i tamponi è negativo, “questo significa che l’RNA (acido ribonucleico) da Sars-Cov-2 non è più rilevabile nelle secrezioni respiratorie attraverso le quali si verifica l’infezione”, spiega Maria Chironna , Responsabile del Laboratorio di Epidemiologia Molecolare e Sanità Pubblica del Policlinico di Bari. Solo a questo punto si è considerati guariti e non contagiosi.

Ma cosa succede se uno dei due tamponi dà esito positivo?

Se il primo o il secondo tampone sono positivi, il paziente non può essere dichiarato guarito. I sintomi che mancano da giorni probabilmente non sono più rilevanti. Ma in questi casi è necessario attendere una settimana per fare un altro tampone e tenere isolata la persona con Covid-19. Se il test è negativo, il paziente può essere dichiarato guarito e non contagioso.

Cosa dovrebbe fare un paziente affetto da Covid-19 dopo essere stato dichiarato guarito?

I pazienti che hanno superato il Covid-19 sono completamente guariti. Tuttavia, diversi studi hanno dimostrato che in alcuni casi la capacità di eliminare il virus persiste anche dopo che sono stati effettuati i due tamponi.Secondo Chironna, “In questi casi è abbastanza normale che ci sia una fase oscillante tra negatività e positività“, aspetto che può dipendere anche dal modo in cui si scambiano vengono realizzati. Per questo, in Italia, come precauzione e ulteriore tutela per la comunità, le persone che tornano dal Covid-19 sono istruite al rispetto di un ulteriore isolamento (7-14 giorni). In questa fase si chiede al paziente di comportarsi come se fosse ancora sintomatico. Questo tempo può essere speso presso la tua casa (se vivi da solo o comunque isolandoti dai familiari) o in una delle strutture che i Comuni e le ASL stanno provando per fornire ridurre il rischio di infezione all’interno della stessa abitazione.

Quali precauzioni dovrebbe prendere il paziente guarito al ritorno dall’ospedale?

La persona che è guarita dall’infezione da Sars-CoV-2 deve stare lontana dagli altri membri della famiglia, preferibilmente in una stanza singola ben ventilata, e non deve ricevere visite. Se possibile, nessuna persona fragile (anziani, bambini, donne incinte, parenti già ammalati) dovrebbe rimanere a casa, le cui condizioni potrebbero peggiorare in caso di infezione. La persona in isolamento domestico deve dormire da sola, mantenere una distanza di metro dagli altri residenti della casa, mangiare i pasti in camera o in qualsiasi caso non contemporaneamente coinquilini, avere cestini a pedale in camera ed essere muniti di doppi sacchetti, indossare guanti monouso quando il bagno è disinfettato (dopo ogni utilizzo) con candeggina (0,5 percento di cloro) o con alcool disinfettanti (60-70 percento). Durante il periodo di isolamento domestico deve essere sospesa anche la raccolta differenziata. Si consiglia di lavare i abiti, le lenzuola e i abiti del paziente a 60-90 gradi in lavatrice. Questo consiglio si aggiunge a tutti gli altri emessi dal Dipartimento della Salute per prevenire la contaminazione, assicurandosi di utilizzare tovaglioli di carta usa e getta dopo ogni lavaggio.

Dopo questa fase, è possibile tornare alla vita normale?

Una volta scaduto anche questo periodo, la persona affetta da Covid-19 potrà riprendere le proprie abitudini, con le stesse restrizioni attualmente previste in tutta Italia, al fine di distanziamento sociale da promuovere. Prima di ciò, però, è richiesto il nulla osta dell’ufficio igiene del tuo ASL, che è l’unico autorizzato a rilasciare la prova di cura dal Covid-19.

Quali sono le indicazioni per i pazienti sintomatici che non hanno potuto fare il tampone?

Ayrıca bakınız: Come vedere film su AltaDefinizione senza registrarsi

In questa situazione vivono migliaia di italiani che, pur riportando i sintomi (più lievi) riconducibili al Covid-19, non hanno mai fatto il tampone al MMG né al 118. “Ora che la stagione influenzale è finita, consideriamo queste persone positive al coronavirus”, ammette Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale (Simg). Per questo motivo, devono stare a casa e isolarsi da eventuali parenti che vivono nello stesso appartamento. Non essendo stata rilevata la presenza del virus, non è possibile impostare tempi di isolamento esatti. Se si presume che si tratti di un’infezione da Sars-CoV-2, si deve tenere conto del fatto che può essere ancora contagiosa per diversi giorni o settimane dopo che i sintomi si sono attenuati. “Chi si trova in questa situazione deve contattare la propria Asl per sottoporsi al tampone dopo la guarigione e dopo 14 giorni di isolamento – aggiunge Cricelli. Se negativo, può considerarsi guarito e tornare a vivere come tutti».

Che ruolo potrebbero avere i test sierologici nel determinare la guarigione di un paziente affetto da Covid-19?

La produzione di anticorpi inizia dopo – ma non si sa ancora esattamente quando – l’eliminazione del virus dai fluidi corporei. Il tuo dosaggio offrirebbe una garanzia ai sopravvissuti a una forma sintomatica di infezione da Sars-CoV-2, consentendo loro di intercettare coloro che sono stati in contatto con il virus senza sviluppare sintomi. Un’indagine che preveda l’utilizzo di test sierologici in grado di misurare gli anticorpi permetterebbe quindi di determinare il vero polso della diffusione dell’infezione. Ma ora i confini sono diversi.”Quelli attualmente disponibili non sono affidabili né in termini di diagnosi di Covid-19, né nella definizione di eccezione all’isolamento”, è il pensiero di Ranieri Guerra , assistente della direzione generale dell’Organizzazione mondiale della sanità. Anche i medici sono sulla stessa lunghezza d’onda. “Bisogna studiare gli anticorpi sviluppati dai pazienti che sono tornati dal Covid-19 per essere sicuri che gli anticorpi catturati con i test siano specifici per Sars-Cov-2 – riassume Nicola Petrosillo, Direttore di il Dipartimento Clinico e di Ricerca di Malattie Infettive dell’Ospedale Spallanzani di Roma -. Altrimenti c’è il rischio che i test ne catturino altri che sono sorti a seguito di infezioni da un altro coronavirus”. Al momento, l’affidabilità nell’identificazione dei pazienti negativi è elevata, mentre è positiva per il 60-70%. Ciò significa che in 3-4 casi su 10 c’è un risultato (falso) negativo. Il rischio, quindi, è quello di dare alle persone che non sono ancora una «licenza» per guarire, con le conseguenti insidie ​​in termini di contagio.

Il contatto con il coronavirus esclude l’ipotesi di reinfezione?

Ci sono ancora poche informazioni e varie ipotesi sul tipo di immunità sviluppata dai pazienti guariti. È plausibile che le persone infette sviluppino un’immunità che consente al corpo di reagire in modo appropriato di fronte a un secondo contatto con Sars-CoV-2. Ma ci sono ancora alcuni punti da chiarire. «La produzione di anticorpi è una delle componenti attraverso cui si valuta l’immunità a un virus – afferma Antonella Viola, direttore scientifico dell’Istituto di ricerca pediatrica Città della Speranza e professore ordinario di Patologia generale all’Università degli Studi di Padova -. Sarebbe utile registrarne la presenza, ma non completerebbe il quadro. Ad esempio in questa infezione non sappiamo quando inizia o cessa la produzione di anticorpi, possiamo solo fare affidamento su quello, che abbiamo visto con altre infezioni da coronavirus, che in genere non evocano risposte immunitarie che rimangono forti nel tempo”.

L’articolo è stato aggiornato il 17 novembre sulla base delle informazioni contenute nell’ultima circolare del Ministero della Salute (riportata sotto le fonti)

Non fermare la ricerca. Dona ora per i pazienti più vulnerabili.

Ayrıca bakınız: Insetti in casa: 10 modi per eliminarli per sempre

Sostieni la ricerca, sostieni la vita. Dona ora per la ricerca.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button