Come

Come comportarsi con i figli nelladolescenza? 3 consigli per i genitori | Save the Children Italia

Arriva un momento nella vita dei genitori in cui sorge questa domanda: come ti comporti con i bambini nella loro giovinezza? Questo periodo, che va dai 14 agli oltre 20 anni, in realtà può essere complicato, è il momento in cui il ragazzo inizia a lasciarsi l’infanzia alle spalle, lavora per capire chi sarà da adulto.

Gli adolescenti affrontano un mondo incredibilmente complesso e devono imparare a navigarlo con successo. In questa lunga e importante fase della vita, imparano a capire tutti gli elementi che li rendono ciò che sono, modellano la loro identità, imparano cosa serve per diventare indipendenti. Comprendere il comportamento tipico degli adolescenti ei cambiamenti biologici, emotivi e cognitivi che sperimentano è il primo passo per facilitare la gestione della relazione genitore-figlio durante l’adolescenza. Molti cambiamenti si verificano in questi anni, ma ci sono tre aspetti che riteniamo fondamentali per affrontare il cambiamento del rapporto tra genitori e figli adolescenti.

Okuma: Come comportarsi con un figlio di 17 anni

Scopri Save the Parents, il nostro podcast sui genitori, ascoltalo su:

Spotify o Apple Podcast

Ragazzi adolescenti, 3 consigli per i genitori

Ayrıca bakınız: Nuove regole quarantena scuola, come funzionano adesso. Il governo lavora per semplificarle – Orizzonte Scuola Notizie

L’inizio della pubertà può portare a problemi di relazione tra genitori e figli. È importante non scoraggiarsi e cercare sempre di capire il motivo e l’origine di determinati comportamenti. Ecco 3 consigli per gestire al meglio questa fase.

1) Non incolpare la propria emotività

Quando un bambino si avvicina alla pubertà, le sue emozioni diventano più intense. come lo sappiamo Non è solo per sbattere le porte e tenere il broncio al tavolo. Uno studio ha dimostrato che bambini, adolescenti e adulti reagiscono in modo molto diverso quando viene presentata l’immagine di un viso emotivamente espressivo o neutro. Hanno trovato risposte emotive più intense negli adolescenti e una risposta relativamente lieve sia nei bambini che negli adulti. Ciò significa che i giovani sentono e percepiscono le emozioni molto di più. È anche più probabile che li vedi in altre persone, anche se non ce ne sono. Mostrare una faccia neutra a un adolescente attiva la sua amigdala: pensi che la persona abbia una risposta emotiva negativa piuttosto che neutra. Lo svantaggio di questa accresciuta emotività è che gli adolescenti possono diventare irritabili, arrabbiati e lunatici più facilmente. Queste intense influenze sottocorticali sembrano venire dal nulla. Se un adulto rimprovera l’adolescente solo perché è molto emotivo, lo respingerà. Il tuo cervello fa solo ciò per cui è progettato: essere più emotivo!

2) Non sfuggire ai conflitti, ma gestiscili

I ragazzi hanno un grande bisogno di relazioni con gli adulti. e con esso il conflitto. Nell’adolescenza sembra esserci un bisogno di fare ciò che non si può fare. La trasgressione diventa un elemento essenziale nel percorso di crescita che porta i bambini ad affrontare la propria responsabilità, libertà e quindi le conseguenze delle proprie azioni. Il ruolo dei genitori è fondamentale in questo. I rapporti con gli adulti caratterizzati solo dalla cooperazione, senza alcuna spinta all’insurrezione o al conflitto, non contengono fattori di sviluppo. È importante che i bambini sperimentino l’autorità degli adulti, devono essere severi nello stabilire confini chiari. Solo così gli diamo l’opportunità di trascendere e capire davvero gli errori: è molto probabile che un bambino in crescita si arrabbi con un genitore, le sue idee e i suoi consigli, e ci saranno momenti in cui penserà che sia ingiusto. Bene. In effetti, è davvero positivo per un ragazzo sfidare le prospettive dei suoi genitori e usare la loro risposta per guidare il suo nuovo apprendimento. Il conflitto è una parte normale e sana della vita. Il modo in cui lo affrontano viene appreso in larga misura dal modo in cui anche i genitori affrontano i conflitti. È bene ricordare che ad ogni tentativo di risolvere la controversia, che abbia successo o meno, il cervello di tuo figlio cresce e si sviluppa. Questo è anche un modo per imparare a stare nel mondo. L’adolescenza non durerà per sempre, il momento più “tempestoso” è solitamente all’inizio di questa fase e svanisce intorno ai 17 o 18 anni.

3) Lasciare spazio

Una parte importante dell’adolescenza non è solo ‘imparare chi sei’ (cioè la tua identità), ma anche imparare a inserirti nella società. L’obiettivo sociale di base degli adolescenti si sposta dalla famiglia agli amici. Sebbene i genitori siano ancora influenti, i coetanei stanno cominciando a esercitare una maggiore influenza sul modo in cui le persone pensano e si comportano. Consentire l’indipendenza ai propri figli può essere difficile per alcuni genitori, ma è un passo importante da compiere in questo periodo.Gli adolescenti hanno bisogno di trascorrere del tempo con altre persone della loro età per sviluppare abilità sociali e provare un senso di appartenenza. Trascorrere del tempo insieme aiuta gli adolescenti a imparare a interagire e a creare connessioni positive con altre persone, specialmente quelle che potrebbero essere molto diverse da loro. Insieme alla loro maggiore indipendenza, molti adolescenti non solo trascorrono meno tempo fisico con le loro famiglie, ma anche meno tempo emotivo. Ciò significa che i bambini di questa fascia di età potrebbero non condividere i propri pensieri e sentimenti con i genitori come facevano una volta. Questo è perfettamente normale. lo spazio deve essere dato. È inutile cercare di costringere tuo figlio a parlare di ciò che sta pensando, sii solo disposto ad ascoltare. Se vuole un consiglio, chiederà. Meglio lasciarlo parlare. Se c’è qualcosa che deve davvero essere considerato, puoi chiedere a tuo figlio se vorrebbe sapere cosa ne pensano i genitori. Apprezzerà il rispetto per la sua indipendenza. Allo stesso modo, non è mai appropriato reagire in modo eccessivo quando il bambino dice qualcosa che potrebbe destare preoccupazione. È importante che il bambino senta di potersi rivolgere ai propri genitori se qualcosa non va. Va bene esprimere delusione, frustrazione o preoccupazione, ma non urlare, piangere o abbandonare la conversazione. Se il bambino in crescita sente che il genitore non può accettare quello che ha da dire, probabilmente sceglierà di dirlo a qualcun altro.

Adolescenza: un periodo di grandi cambiamenti

Ayrıca bakınız: Come dimostrare amore e 6 gesti che non sono amore | Roba da Donne

In sintesi, è importante ricordare che i nostri atteggiamenti da adulti nei confronti degli adolescenti possono incoraggiare o inibire il loro movimento, sia in quanto Integra sempre più gli individui come membri di una società più ampia. Più noi adulti possiamo entrare in contatto con il nostro “lato giovanile”, fatto di impegno sociale, passioni, amicizie, creatività, più possiamo sostenere i bambini in questo momento di grande cambiamento e crescita. p>

Puoi contribuire alla realizzazione del nostro intervento in Italia e nel mondo facendo una donazione che, anche se piccola, può cambiare la vita di un ragazzo o di una ragazza.

Dona ora

Grazie per quello che puoi fare!

Per approfondire il tema della genitorialità positiva, leggi anche:

  • Come migliorare i rapporti con i bambini: 6 consigli pratici

A video di 3 consigli per genitori con figli adolescenti

In questa scheda video abbiamo riassunto i 3 consigli per genitori per padroneggiare il loro rapporto con i figli adolescenti.

Ayrıca bakınız: Idee facilissime per decorare la borsa di paglia · Pane, Amore e Creatività

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button