Come

Successione legittima: come funziona

Eredi effettivi e legittimi, la parte dell’eredità spettante agli eredi ereditati.

Quando una persona muore intestata lascia un testamento, il la ripartizione dei suoi beni tra gli eredi avverrà sulla base di quanto stabilito dal codice civile, che per la fattispecie ha previsto un tipo di successione legale definita legittima, alternativa o integrativa a quella che avviene per testamento (successione testamentaria ).

Okuma: Come funziona la legittima in caso di testamento

La successione legale, come funziona e come sono distribuite le quote dell’eredità in caso di domanda sono esaminate nell’articolo. Tuttavia, la successione legale avviene non solo se il testatore non ha redatto un testamento olografico, pubblico o segreto, ma anche se questo non comprende l’intero suo patrimonio. In entrambi i casi, quindi, l’eredità viene trasferita secondo le regole stabilite dalla legge, in base al rapporto tra il testatore e gli eredi.

Nella successione legale ?

La successione è lecita o “diretta” [1] quando non vi è testamento o quando le disposizioni testamentarie non incidono sull’intero patrimonio del testatore. Pertanto, per la ripartizione del residuo, si rinvia alle disposizioni del diritto successorio, che sono in parte nel testamento e in parte a norma di legge.

Nel caso di successione legale

strong>, i soggetti che ereditano i beni del defunto definiti capaci di ereditare e suddivisi in cinque categorie:

  1. il coniuge;
  2. i discendenti (figli);
  3. gli antenati (genitori) ei parenti (fratelli, sorelle e cugini);
  4. gli altri parenti meno stretti;
  5. lo stato.

Si segnala che nell’ordinamento italiano la parentela è rilevante solo fino al sesto grado e i rapporti familiari sono regolati in modo particolare dal Codice Civile [ 2] .

Tra gli eredi si individuano i cosiddetti legittimi – cioè il coniuge, i discendenti – (figli) e, se non vi sono figli, gli ascendenti – e gli eredi legittimi , cioè numeri di pagina, altri parenti entro il sesto grado, ed in assenza di erede, lo stato che interviene nella successione solo in assenza del legittimo.

Qual ​​è la differenza tra eredi legittimi e legittimi

I legittimi hanno sempre il diritto di ereditare. Ne consegue che se solo i figli riescono al defunto, ne ereditano equamente i beni. La situazione cambia quando non solo i figli ma anche il coniuge contribuiscono all’eredità. I figli nati fuori dal matrimonio sono legittimi anche se la parentela è stata riconosciuta o accertata da un tribunale.

Ayrıca bakınız: Come pulire loro bianco e giallo: consigli semplici e veloci

Invece, gli eredi legittimati possono ricevere l’eredità solo in determinati casi. Ad esempio, i genitori del defunto possono ereditare solo in assenza di discendenti, fratelli o loro discendenti [3], mentre fratelli e sorelle possono ereditare in assenza di discendenti, genitori o altri antenati >[4] .

Quanto sono alte le quote di eredità nella successione legale

Nella successione legale le quote di eredità maturano a seconda del grado di parentela, legando il testatore agli eredi, e quanti sono i coeredi.

Gli eredi nominati sono espressamente previsti dal Codice Civile secondo un preciso regolamento già menzionato in precedenza in relazione agli eredi.

In particolare, il trasferimento di eredità segue questo schema:

  • se il testatore succede ai figli, ereditano parti uguali [5]
  • se il defunto lascia un coniuge e un figlio figlio maschio, la proprietà è divisa al 50% tra questi due soggetti, cioè H. 1/2 al coniuge e 1/2 al figlio. Se ci sono due o più figli, il coniuge ha diritto a 1/3, mentre i figli hanno diritto a 2/3 ugualmente [6]. I figli sposati sono trattati allo stesso modo dei figli adottivi, illegittimi e naturali. Se il coniuge non è in concorrenza con i figli del defunto, ma solo con gli antenati, fratelli o sorelle, o con soggetti di entrambe le categorie, ha diritto ai 2/3 dell’eredità, fermo restando il diritto a 1/3 degli ascendenti e collaterali. Se invece il coniuge non è in concorrenza con figli, antenati, fratelli o sorelle, allora l’intera eredità [7] appartiene a lui. Il coniuge separato contribuisce all’eredità come se non fosse un’eredità, a meno che non sia stato accusato della separazione.In caso di atto d’accusa, ha diritto all’ergastolo solo se era a carico al momento dell’eredità;
  • nell’ipotesi che il defunto muoia senza lasciare figli, fratelli o sorelle o loro discendenti, i genitori seguono in parti uguali. Se non ci sono nemmeno i genitori, la metà degli antenati della linea materna e la metà della linea paterna riescono. Nel caso di antenati di grado diverso, il grado più prossimo esclude gli altri (es. se il defunto lascia un nonno materno e un bisnonno paterno, il primo è l’unico legittimo erede);
  • Se il defunto muore senza coniuge, figli o genitori e lascia solo fratelli, questi sono divisi equamente. Se ci sono fratelli unilaterali, hanno diritto alla metà del [8] bilaterale. I fratelli unilaterali sono quelli che hanno un solo genitore in comune. Questi sono i figli di un padre ma di due madri diverse, oppure i figli della stessa madre ma di due padri diversi. Applicando questa regola, abbiamo che se il testatore lascia, ad esempio, un’eredità di 75 e un fratello e una sorella-figlia bilaterali succedono all’unica madre (la cosiddetta “sorella uterina”), il fratello bilaterale ha diritto a 50, mentre la sorella unilaterale-uterina ha solo 25 anni (metà);
  • In caso di unione tra genitori e fratelli, il primo ha diritto ad almeno la metà dell’eredità, mentre l’altra metà è divisa tra fratelli e sorelle [9] . Anche in questo caso vale la regola secondo cui i fratelli unilaterali raggiungono la metà dei bilaterali ovvero i genitori. Nel caso in cui i genitori non vogliano la successione e vi siano altri antenati, l’eredità spetta a questi ultimi;
  • se il defunto muore senza lasciare alcun antenato, discendente, fratello o coniuge, l’eredità viene donata a persone a carico entro il sesto grado [10]. Si noti che vale la regola che i legami più stretti escludono i più distanti (es. zii, parenti prima di terzo grado, poi cugini, parenti di quarto grado, ecc.). Inoltre, si segnala che i parenti, sia diretti (suoceri, generi, nuora) che indiretti (suoceri, ecc.) non rientrano nella categoria dei successori.
  • ul>

    Tabelle riepilogative

    Per chiarimenti, segue una tabella che riporta l’assegnazione delle quote di eredità a seconda dei casi.

    Se avviene la successione dello stato

    Se il defunto non ha parenti, parenti stretti o lontani, o nessuno di loro gli è sopravvissuto e non c’è volontà, cade il eredità interamente allo Stato [11] .

    L’apertura della successione a favore dello Stato è un’ipotesi del tutto residuale, che avviene solo quando non ci sono parenti di sesto grado o hanno rinunciato all’eredità

    Rinuncia all’eredità e alla successione legale: c Cosa succede?

    L’erede può decidere di rinunciare all’eredità o dichiarare di non volerla acquistare, ad esempio perché i debiti del defunto superano i ringraziamenti. In tal modo, gli effetti dell’apertura della successione che gli sono capitati vengono meno e ne rimane del tutto indipendente. Pertanto, nessun creditore può rivolgersi a lui per saldare i debiti del defunto.

    Ayrıca bakınız: Come allenarsi a calcio da soli per migliorare la preparazione – Calcio News 24

    La rinuncia all’eredità deve comunque essere accompagnata da una dichiarazione :

    • davanti a un notaio >;
    • o ricevuto da un cancelliere del tribunale nel cui distretto è stata aperta la successione.

    La dichiarazione è iscritta nel libro delle successioni tenuto dallo stesso tribunale

    Il diritto di accettare l’eredità e quindi anche di rinunciarvi deve essere entro dieci anni dalla data di morte del testatore, pena la sua limitazione [12] . Tuttavia, tale termine può essere abbreviato: chiunque vi abbia un interesse (es. un creditore personale dell’erede) può rivolgersi al tribunale del luogo in cui è stato aperto il patrimonio per un periodo da fissare entro il quale l’Eredità dichiara se egli accetta o rifiuta l’eredità. Decorso tale termine, senza che l’erede abbia fatto la dichiarazione, perde il diritto di accettare/rinunciare all’eredità parte della rinuncia equamente ripartita tra questi coeredi. In questo caso si tratta di crescita [13] .

    In ogni caso è riservato il diritto di rappresentanza [14] , che consente ai discendenti di prendere il posto e il grado del proprio antenato, anche se quest’ultimo non vuole l’ eredità. Se invece non vi sono altri legittimi coeredi, l’eredità spetta a coloro che ne avrebbero diritto in caso di inadempimento del rinunciante.

    Daniela muore senza testamento e lascia tre figlie, Alessandra, Chiara e Miriam. Se Alessandra rinuncia all’eredità della madre, la sua quota (33,3%) si aggiunge a quella delle sorelle, che ricevono così ciascuna il 50%.

    Enrico muore senza testamento, lasciando solo il figlio Federico. Quest’ultima, a sua volta, ha una figlia, Martina. Se Federico rifiuta l’eredità del padre, questa passa alla figlia Martina.

    Cos’è la dichiarazione di successione

    Gli obblighi fiscali che gli eredi devono adempiere dopo la morte del testatore, in particolare per quanto riguarda il pagamento delle tasse, sono quelli legati alla dichiarazione di successione l’eredità gli eredi hanno dodici mesi Tempo per inviare quelli e pagare le tasse associate.

    La dichiarazione di successione deve essere presentata per via telematica all’ufficio competente dell’Agenzia delle Entrate.

    Per ulteriori informazioni su questo argomento, consultare gli articoli:

    Ayrıca bakınız: Come unire due foto online gratis in una sola | Gufo

    • Modulo di calcolo dell’imposta di successione ;
    • Documenti di successione.

    .

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button