Come

Come cucinare la carne di cinghiale: consigli per trattarla a al meglio e ricette

Re incontrastato della selvaggina, il cinghiale è un cinghiale originario dei boschi e dei boschetti del Centro diffuso è l’Appennino e le Alpi Occidentali . Il sapore forte, la consistenza fibrosa e il pungente profumo di selvaggina sono le caratteristiche principali della carne di cinghiale, ingrediente tipico ampiamente utilizzato nella cucina tradizionale umbra e sarda, ed in particolare è forte > stile toscano .

Alla cacciatora, in umido o in un delizioso ragù: il cinghiale si può preparare in modi diversi > , più o meno elaborati, a patto che la scelta del taglio sia giusta e che la carne sia trattata e marinata nel modo giusto per smorzare il sapore che alcune di esse gira un po’ troppo “selvaggio”. Qual è il modo migliore per trattare la carne di cinghiale? Quali sono le possibili marinate e come sceglierle? Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla cucina della carne di cinghiale per imparare ad utilizzarla in piatti saporiti.

Okuma: Come rendere tenera la carne di cinghiale

Carne di cinghiale: come trattarla

La carne di cinghiale è particolarmente fibrosa e dal gusto forte e deciso, tipica della selvaggina: opportunamente lavorata, si apre prepararsi in diversi modi. Il cinghiale è considerato “carne nera” per la magrezza della sua carne e la massiccia presenza di fibre, caratteristiche che richiedono una fase di marinatura, utile per ammorbidire la carne. I tagli di cinghiale più utilizzati sono, come per il maiale, quelli vicini alla coscia, ma in alcune ricette regionali c’è spazio anche tra il collo e il strong>testa.

Ayrıca bakınız: Perché Instagram Sgrana Le Foto? (Come Evitarlo!!)

Come eliminare il sapore di selvaggina dalla carne di cinghiale? A seconda dell’età dell’animale, puoi procedere diversamente:

  • per animali molto giovani ( 3-6 mesi ) il cinghiale non necessita di marinatura in quanto la sua carne è già molto tenera e ha un sapore più delicato;
  • un capo più maturo (tra i sei mesi ei due anni) ha la carne ancora tenera ma ha un sapore più deciso ed è consigliabile > una leggera marinata fredda
  • per i cinghiali più maturi che arrivano all’età di cinque o sei anni, la marinata cotta è necessaria per preservare la consistenza sapore della selvaggina Per attenuare la selvaggina e “spezzarne” le fibre, rendendo la carne tenera e pronta per la cottura.

In alternativa alla marinatura è possibile ridurre il sapore di selvatico congelando la carne di cinghiale per 48 ore e facendola scongelare lentamente nella frigorifero forte> prima di iniziare la tua ricetta.

image

La marinata per il cinghiale

Come viene marinato il cinghiale ? Per la marinata a freddo, Ideale per i morsi, metti semplicemente la carne in una ciotola di acqua e sale e lasciala riposare in frigorifero per 12 ore o per tutta la notte. Trascorso il tempo necessario, togliere l’acqua e mettere a bagno la carne ancora per 12 ore in una marinata a base di vino rosso e aceto in proporzioni uguali, aggiungere anche uno spicchio d’aglio, alloro o salvia o cipolla, sedano e carote (a seconda del gusto e della preparazione); Dopo questa seconda fase di marinatura, la carne risulterà tenera e “sfilacciata” in tutti i punti giusti.

La marinata cotta è un altro passaggio che è necessario solo con capi più maturi , in quanto la carne è davvero fibrosa e dal sapore intenso: consiste nel cuocere la carne (dopo averla marinata a freddo) per 10 minuti in acqua bollente , a fuoco basso. Dopo questo ulteriore passaggio non hai più scuse e puoi preparare un delizioso piatto a base di cinghiale.

Ricette con carne di cinghiale

Ayrıca bakınız: Come leggere la centrale rischi – CentraleRischiPro

Qual ​​è il modo migliore per utilizzare la carne di cinghiale? In quali ricette questo ingrediente dal sapore così speciale riesce a dare il meglio di sé? Ecco qualche idea, tra grandi e classiche e gustose proposte, per rendere giustizia a questa carne nera.

1. Cinghiale alla cacciatora

Il cinghiale alla cacciatora è un piatto rustico dai sapori potenti, tipico della cucina toscana, in dettaglio la Area maremmana La carne di cinghiale viene marinata per 12 ore in vino, erbe aromatiche e spezie e poi cotta lentamente in una padella con aglio, cipolla e pomodoro Una preparazione semplice che consiglia cinghiale non troppo maturo e che può essere servito semplicemente con qualche fetta di pane abbrustolito, magari per una cena sociale ospitata dalla selvaggina.

2. Spezzatino di cinghiale

Se ami i sapori forti ei primi piatti sono la tua passione, il ragù di cinghiale è una ricetta che non può mancare per nessun motivo al mondo. Una preparazione tradizionale per insaporire la pasta fresca, le pappardelle o le tagliatelle fatte in casa: lo spezzatino di cinghiale può essere sia bianco che rosso ma cipolla, sedano e carote tritate; Il cinghiale non necessita di marinatura se viene tritato e non utilizzando tutta la polpa, magari da un esemplare giovane . Qual è il modo migliore per gustare il ragù di cinghiale? In compagnia dei propri cari e con un bicchiere di vino rosso fermo.

3. Cinghiale brasato

image

Un piatto tipico della cucina umbra e toscana, dove il cinghiale viene cotto e lentamente “coccolato “. , fino a diventare tenerissimo e profumato: il cinghiale in umido è un twist “selvaggio” del classico spezzatino, un piatto appetitoso e cremoso al quale la scarpa è d’obbligo. Erbe aromatiche, cipolle, sedano e carote e abbondante vino rosso rendono la carne di cinghiale morbida e succosa, semplicemente un piacere.

Ayrıca bakınız: Come si legge una Tablatura per Chitarra – Luca Ricatti

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button