Come

Carta di circolazione, come si legge? Guida al libretto auto

Ogni vettura è accompagnata da un carta di circolazione, documento che per legge deve essere trasportato in vettura e che può essere richiesto dalle autorità (polizia, carabinieri , eccetera.) . ) ad un controllo su strada

Carta di circolazione, qual è lo scopo della carta di circolazione?

Il certificato di circolazione (“certificato di circolazione” in Svizzera italiana e Città del Vaticano) è meglio conosciuto come certificato di immatricolazione o semplicemente “libretto”, è Obbligatorio per la guida di auto, moto e rimorchi su strade pubbliche. La sua funzione è anche quella di certificare la idoneità tecnica del veicolo con cui viaggiamo.

Okuma: Come leggere una carta di circolazione

Cosa dice la carta di circolazione?

Ma cosa dice la carta di circolazione? Cosa significano abbreviazioni, codici e legende? Ci sono una serie di abbreviazioni e codici che ma come leggerli? Ecco una guida completa, semplice e chiara, che sicuramente ti aiuterà a comprendere tutte le informazioni sulla carta di circolazione strong> che rappresenta il veicolo e lo caratterizza.

La carta di circolazione contiene un numero di informazioni sulla macchina e sul proprietario , espresse attraverso una serie di codici previsti dalla legge. Il libretto è infatti regolato dalla DIRETTIVA EUROPEA 1999/37/CE del 29/4/1999 (scarica pdf)

Come leggere i codici e la legenda della carta di circolazione (opuscolo).

La carta di circolazione (libretto) rilasciata da Motorizzazione Civile è composta da un foglio di due pagine diviso in quattro quadranti >: Vediamo come viene letto il documento di registrazione e cosa significano i codici identificativi e le legende.

What c
Cosa c’è scritto sul retro della carta di circolazione di un’auto (carta di circolazione)

Ayrıca bakınız: Come calcolare il valore di un immobile: la guida 2022

Sul fronte sono trascritti tutti i dati importanti, mentre sul retro è presente una leggenda con il significato dei diversi codici e dei campi in cui sono riportati gli aggiornamenti, d. H. i risultati di revisioni o un trasferimento di proprietà del veicolo.

Come leggere la carta di circolazione (libretto auto)

Ma come leggere la carta di circolazione? Nel primo quadrante della carta di circolazione ci sono i dati del proprietario dell’auto. In alto c’è la sigla dello Stato membro che ha emesso il documento; al centro il nome completo dello Stato e dell’autorità competente, in Italia il Ministero dei Trasporti. Un po’ in basso a sinistra c’è la targa, accanto al numero di targa dell’auto (A).

A – Riporta la targa dell’auto B – Data di prima immatricolazione C – E’ la sezione riservata ai dati del proprietario o detentore. In particolare: C.1.1 e C.1.2 – dati del titolare della carta di circolazione; C.2.1 e C.2.2 – nome e cognome del proprietario del veicolo; C.3 – Persona fisica che può utilizzare il veicolo oltre al proprietario; C.3.1 – C.3.2 – C.3.3: Nome, cognome e indirizzo del soggetto D.1 – Marchio D.2 – Modello D.3 – Nome commerciale E – Numero di identificazione del veicolo, numero di telaio F – Massa F.1 – Massa massima F . 2 – Massa massima autorizzata del veicolo in servizio nel Paese di immatricolazione F.3 – Massa massima autorizzata G – Massa del veicolo in servizio con carrozzeria in kg H – Periodo di validità se non illimitato I – Data di immatricolazione a cui si riferisce il libretto J – Categoria del veicolo; J.1 – Destinazione e utilizzo; J.2 – Struttura K – Targa L – Numero di assi M – Passo N – Per veicoli con una massa superiore a 3,5 tonnellate indica la distribuzione della massa sui diversi assi, contrassegnati con N.1; 2; 3; 4; N.5 O – Massa massima autorizzata del rimorchio O.1 – Rimorchio frenato (espresso in kg); O.2 – Rimorchio non frenato (espresso in kg) P – Motore P.1 – Cilindrata; P.2 – potenza massima in kilowatt; P.3 – tipo di carburante (benzina/diesel) P.4 – velocità in giri/min a cui si esprime la potenza; P5 – Matricola motore Q – Rapporto peso/potenza per moto, espresso in Kw/kg R – Colore S – Sedili seduti; S.1 numero di posti compreso conducente; S.2 – Numero di posti in piedi disponibili T – Velocità massima U – Rumorosità in decibel; U.1 – a veicolo fermo; U.2 – regime motore in giri/min; U.3 – con veicolo in marcia V – emissioni inquinanti (espresse in g/km o g/kwh) V.1 – Co2; V.2-HC; V.3 NOx; V.4 – HC-NOx; V.5 Particolato (per motori diesel) V.6 – Tasso di assorbimento per motori diesel (in giri/min); V.7 – Co2; V.8 – consumi dichiarati in litri/100 km in ciclo misto; V.9 – Classe di emissione (Euro 1, Euro 2, Euro 6, ecc…) W – Capacità serbatoio

Numero targa vettura primo quadrante

Nei Codici sul libretto, la carta di circolazione, dell’auto del primo quadrante troviamo le iniziali B che indicano la data di prima immatricolazione. Se il titolare della carta di circolazione non corrisponde al titolare, come ad es nel caso di locazione permanente o locazione, i dati del titolare della carta sono riportati dapprima in quest’ordine: cognome o ragione sociale, nome per persone fisiche, indirizzo.

Questi dati corrispondono ai codici “C.1.1″, “C.1.2”, “C.1.3” . Il codice “C.4″ spiega se il titolare è il titolare o meno, in tal caso il codice è “A”, “B”, in caso contrario . Quando titolare e titolare coincidono con la stessa ragione sociale o sociale, i codici utilizzati sono: “C.2.1”, “C.2.2” e “C.2.3”.

Codici del certificato di registrazione, secondo quadrante

Il secondo quadrante del certificato di registrazione contiene tutte le informazioni e i codici per >> quel Veicolo. La sigla “D.1” denota il nome del produttore , “D.2” invece denota il modello con una sigla utilizzata dal produttore, mentre ” D . 3 “ viene visualizzata la denominazione commerciale del modello.

Ayrıca bakınız: Come fare la lista della spesa | Consigli, regole, esempi – Donna Moderna

Scorrendo con il codice ” E ” si legge il numero di telaio. “F.1” è la massa massima a pieno carico , “F.2” è la massa massima a pieno carico (questi due elementi indicano il peso totale inclusi liquidi, ruota di scorta e tutto Passeggeri omologati). La posizione “F.3″ è invece la massa massima ammissibile del veicolo a pieno carico e del rimorchio. “I” indica la data di prima immatricolazione , il lo stesso è scritto nella Posizione “B” del primo quadrante

La categoria del veicolo è indicata con > “J” ad esempio gioco “M1” è un’auto , “J.1″ è lo scopo , un’autovettura, “J.2” è il tipo di carrozzeria >> , ad esempio AF, MPV , AA Sedan . “K” è il numero di targa , “L” indica il numero di assi , “M” è il passo (passo in millimetri) . Per i camion oltre le 3,5 tonnellate c’è anche il codice “N” che indica la massa per ogni asse. “O” rappresenta la massa massima consentita di qualsiasi trailer.

Il codice “P” si riferisce al motore: “P.1″ è la cilindrata in centimetri cubi , “P.2 ” è la potenza massima in kilowatt , “P.3” è il tipo di alimentazione , “P.4″ è il regime massimo del motore anche se non sono sempre presenti, “P.5” il numero di identificazione del motore (questo dato è importante per l’acquisto di ricambi. “Q” vale solo per le motociclette e indica il rapporto tra potenza e massa scorrendo il punto “R”. strong> riguarda il colore della carrozzeria, “S.1” il numero dei sedili strong> conducente inclusivo, “S.2” il numero di posti in piedi negli autobus.

Scorrendo fino alla fine del secondo quadrante, ecco sono voci per emissioni : “U” rumore, “U.1” i n Livelli espressi in decibel a veicolo fermo, “U.2” Il regime del motore al quale il valore di “U.1” , “U.3 ” è il rumore del veicolo in movimento. “V” per emissioni di scarico : “V.3” per ossidi di azoto, “V.5 “ per particolato nei motori Diesel, ” V.7 “ CO2, ” V.8″ il consumo medio di carburante nelle prove a ciclo misto o combinato, espresso in litri per 100 km, “V.9” la classe ambientale di omologazione CE (Euro 6, Euro 5, Euro 4 , ecc.)

Codici della tessera di iscrizione (libretto), terzo quadrante

Nel terzo quadrante del documento di iscrizione c’è tutto un insieme di informazioni integralmente riportate senza codici Qui troviamo, ad esempio, le dimensioni veicolo, il rapporto prestazioni/peso a vuoto (info per nuove immatricolazioni), le dimensioni pneumatici consentite strong>.p>

codici immatricolazione veicoli, Legenda

👉 ELENCO COMPLETO CODICI tessera immatricolazione (scarica pdf)

Verifica autoscadenza, fare riferimento al documento di immatricolazione

La data di scadenza dell’ispezione è disponibile nel manuale del veicolo Certificato di registrazione: deve essere rilasciato dopo 4 anni. Si fa poi riferimento al timbro di revisione stampato dal revisore dei conti

Tagliando di revisione (data di scadenza) allegato sul retro della carta di circolazione

Potrebbe interessarti anche in questo contenuto

👉 Brochure per auto elettriche omologate

👉 Notizie e consigli sulla revisione dell’auto

👉 Prove di revisione dell’auto

👉 Revisione dell’auto quando dovrebbe essere fatto

👉 Cosa ne pensi? Visita il FORUM e Google News per tutte le novità sull’auto

Ayrıca bakınız: Come pulire e lucidare l&039acciaio inox per un risultato splendente senza aloni – itamoby

COMMENTA CON FACEBOOK

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button