Come

Taglio e stagionatura

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

total02

Okuma: Come avviene la stagionatura delle tavole

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

trunk 2

CADE DEGLI ALBERI

I diversi ritmi vegetativi delle diverse regioni climatiche hanno portato ad alcuni disaccordi sul momento migliore per l’abbattimento degli alberi, anche tenendo conto delle diverse specie. Recenti studi svizzeri hanno dimostrato che l’infestazione fungina si verifica preferibilmente da dicembre a marzo (nel terreno, cioè abbattuto, legno). Pertanto, salvo in zone climatiche sfavorevoli, l’abbattimento avviene preferibilmente nella stagione invernale.

L’abbattimento, che oggi viene effettuato quasi esclusivamente con motoseghe e quindi limate le pittoresche asce e seghetti, inizia con intaglio da un lato, con spacco a cuneo, il tronco alla base determina così la direzione della caduta:

Si eliminano quindi i contrafforti radicali indebolendo la zona che funge da cardine durante la caduta . Il processo si completa con un taglio sul lato opposto dell’intaglio a cuneo.

Il trasporto

Viene effettuato dopo che i tronchi sono stati tagliati in pezzi lunghi mt. 4 / 4.20, si effettua con mezzi molto diversi (funivie, treni, autoveicoli, ecc.). Un metodo ampiamente utilizzato nei paesi del nord è la flottazione, che combina il vantaggio dell’economia con un lavaggio profondo in acqua dolce, che rimuove la materia putrefattiva.

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

RIDUZIONE DELLE TAVOLE LOG IN

TAGLIO

Mentre la tavola tagliata al diametro ha venature quasi parallele ed è priva di distorsioni, le altre presentano interruzioni, a seconda della conicità di il tronco e la sua posizione nelle vene e soggetto a distorsione.

Taglia le tangenziali. A causa dei bassi costi di elaborazione, questo è il metodo più comunemente utilizzato. Tuttavia, le tavole ottenute non sono di qualità e aspetto costanti, ma differiscono sempre di più man mano che ci si allontana dall’anima.

Tagli quarti e radiali. Questi tagli non possono essere eseguiti con un solo passaggio del tronco alla sega parallela alternativa, il che li rende più costosi. Questo svantaggio è però compensato dalle migliori proprietà meccaniche del prodotto; le lastre ottenute sono meglio specchiate e meno facilmente deformabili.

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

CALDO

Con questa operazione si vuole fare in modo che il legno perda quanta più umidità possibile e comunque quel tanto che basta affinché l’umidità residua sia in equilibrio con l’igroscopicità dell’ambiente in cui è posto il legname. Durante questo processo il legno subisce notevoli variazioni di volume, quindi ovviamente non è possibile posizionarlo prima della cottura. L’essiccazione del legno è il risultato di due fenomeni:

a) la circolazione dell’acqua nel legno

b) l’evaporazione dell’acqua nel legno

la circolazione acqua. Quando l’acqua al bordo del tronco viene assorbita dall’aria circostante, l’acqua nelle celle immediatamente inferiori migra verso l’esterno, verso la zona più secca, ed è a sua volta assorbita dall’aria. Questo fenomeno persiste fintanto che il tronco ha perso l’umidità in eccesso ed è quindi in equilibrio igroscopico con l’ambiente esterno. Il flusso, che avviene sia in direzione assiale che trasversale, diminuisce all’aumentare del peso specifico ed è più veloce in direzione radiale. Tuttavia, resta un fenomeno ben noto:

Evaporazione dell’acqua. L’evaporazione dell’acqua determina il fenomeno della circolazione sopra spiegato. È influenzato da temperatura, umidità e ventilazione.

FATTORI CHE INFLUENZANO L’EVAPORAZIONE E QUINDI IL CALORE

Temperatura dell’aria. È intuitivo capire come la temperatura possa influenzare l’evaporazione dell’acqua dalla superficie del tronco. Tuttavia, è noto come l’umidità si sposti da una parete calda a una parete relativamente fredda, per cui, a meno che l’interno del tronco non abbia raggiunto una temperatura superiore a quella dell’aria, l’essiccazione è difficile. Il sistema più comune di stagionatura artificiale utilizza la temperatura guidandola, cioè a bassa temperatura all’inizio della lavorazione si ha un graduale aumento della stessa fino al termine della stagionatura. Le temperature iniziali di servizio sono 40/60° per i legni duri e 56/70° per quelli teneri e resinosi, fino ad un massimo di 85/100° a seconda del tipo di legno (es. acero, faggio, noce 80°C; pioppo -abete 35/100°). Tuttavia, è necessario prendere alcune precauzioni; se non si vuole intaccare il colore, non deve superare i 50°C, se le resine non devono fuoriuscire i 60°C.

Stato igrometrico dell’aria.Un fattore importante nella stagionatura perché quando l’aria è satura di umidità ovviamente non può trattenere più umidità e quindi non può aver luogo l’essiccazione. Al contrario, l’essiccazione in aria troppo secca porta ad un’evaporazione troppo rapida, provocando squilibri tra la zona interna del tronco e quella esterna troppo secca. Pertanto, per quanto possa sembrare assurdo, l’essiccazione deve avvenire in aria molto umida ma non satura e, soprattutto, costantemente umida. Nell’essiccazione forzata e ventilata, all’inizio del processo a, si assumono condizioni igrometriche dell’80-90% per legno umido, che si riducono solo gradualmente quando il legno ha un contenuto di acqua dal 25 al 30% >

VELOCITÀ DELL’ARIA

L’aria che circola nella cella a secco distribuisce il calore in modo uniforme al suo interno e allo stesso tempo rimuove l’umidità in eccesso.

Anni fa erano in uso una velocità di 0,5 – 0,7 m/s, ma richiedeva lunghi periodi di funzionamento e il legname mostrava un’essiccazione non uniforme, invece una velocità troppo elevata asciuga troppo l’aria e quindi richiede una condizione igrometrica più elevata e un maggiore consumo energetico. L’esperienza ha quindi dettato il concetto che l’aumento della velocità dell’aria riduce i tempi di asciugatura e si traduce in un’asciugatura più uniforme mantenendo costante la temperatura e l’umidità nella cella. Tuttavia, una velocità piuttosto elevata favorisce il funzionamento solo nella fase iniziale, cioè con legno molto umido non ha più un effetto diretto sui tempi di essiccazione successivi. Oggigiorno gli essiccatori sono prodotti con una velocità di 0,75 – 1,50 m/s.

EQUILIBRIO IGROSCOPICO E UMIDITÀ FINALE

Un legno raggiunge l’equilibrio igroscopico quando l’umidità in esso contenuta raggiunge un valore fisso con lievi variazioni positive o negative.

È un valore che dipende dalla temperatura ma è indipendente dalla natura dell’umidità.

Si tratta di valori tabulati con diversi valori medi stabiliti in base al clima.

L’umidità finale è quella che vuoi ottenere dopo l’asciugatura. Questo è un valore molto importante per evitare deformazioni del materiale utilizzato.

Ayrıca bakınız: Lavaggio del nasino del neonato – BimbiSanieBelli.it

In base alle condizioni d’uso si possono determinare le seguenti percentuali:

Legno per interni 8/ 12 %

Legno per esterni 13/18 %

STAGIONATURA NATURALE

E’ il metodo più semplice e antico e consiste nell’esporre all’aperto cataste di legno, al riparo dalla pioggia e dal sole, sistemate con sistemi precisi, fino a raggiungere l’umidità finale necessaria per l’uso specifico di le schede sono le più appropriate. Il buon risultato dell’operazione dipende dalla cura con cui sono stati disposti e dal terreno (asciutto, pulito e privo di vegetazione).

Tuttavia, questa pratica può essere svolta in due fasi: Primo, posizionando le tavole in verticale e disponendole ad “X” o “V” rovesciata in aria e senza ripari per intensificare la stagionatura e per accelerare, quindi posizionare le assi orizzontalmente in modo che l’aria le bagni il più possibile.

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

stack o 2

La durata di questo deposito è variabile ed è di circa 12 mesi per ogni cm di spessore per le latifoglie e di 6 mesi per ogni cm. lo spessore per legni teneri.

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Tuttavia, questi numeri sono in gran parte indicativi. Questo processo di stagionatura non richiede attrezzature particolari, l’umidità evapora lentamente e senza forzare, il che significa che il legno è più pastoso e duttile da lavorare. È un processo lungo che immobilizza molto spazio e capitale, non dimentichiamo inoltre che il legno così esposto è facile preda di funghi, umidità e fuoco, richiedendo una decomposizione e un assemblaggio accatastati più regolari. Infine, ma non meno importante, l’umidità finale non può essere controllata a seconda di come viene utilizzato il legno.

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Ayrıca bakınız: Un due tre stella in coreano come si dice

Estratto da:

Taccuini di liuteria n. 1 – Tecnologia del legno.

Ayrıca bakınız: Feticismo dei piedi – Servizio Italiano di Psicologia Online

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button