Come

Diploma da privatista: scopri come conseguire il titolo

Non tutti gli studenti che si avvicinano all’ultimo anno di scuola superiore sono in grado di diplomarsi nei tempi previsti. C’è chi non ha potuto portare a termine gli studi per motivi personali, chi non ha frequentato le lezioni e chi purtroppo non ha lavorato abbastanza.

Il nostro sistema scolastico ci permette di riposarci, completare gli studi e passare il diploma come privato o come candidato esterno

Okuma: Come prendere il diploma da privatista

Cos’è il diploma di privato?

Essere candidato esterno significa sostenere l’esame di stato insieme agli altri candidati interni (studenti che hanno frequentato regolarmente corsi) ed essere esaminati dalla stessa commissione didattica presso una scuola scelta dal candidato.

Lo studente privato deve studiare il programma di tutte le materie da autodidatta, poi privatamente e poi sostenere l’esame. Dopo aver superato l’esame di maturità, il diploma acquisito è legalmente equiparato a quello ordinario. Ciò che cambia è solo la fase di preparazione.

I requisiti per la partecipazione all’esame privato

I candidati esterni devono preliminarmente superare un esame preliminare per poter sostenere l’esame finale . Questa prima fase di “selezione” è necessaria per stabilire le conoscenze di base di ciascun candidato.

Ecco i requisiti, a patto che tutti possano presentare il diploma come privato, indipendentemente dall’età. In particolare:

  • Titolo di istruzione secondaria di primo grado (ovvero devi aver conseguito il attestato di maturità media , con il certificato di riferimento) . Senza tale documento non è possibile l’ammissione alla prima selezione.
  • Idoneità all’ultima classe , che attesta la promozione delle classi precedenti, ovvero dalla prima alla quarta elementare e alla scuola dell’infanzia.

Coloro che soddisfano questi primi requisiti possono sostenere l’esame preliminare, che porta al Maturità. Sostengono anche i recidivi che non hanno superato l’esame finale pur avendo sostenuto l’esame finale.

Iscrizione all’esame di stato come residente

Ayrıca bakınız: Come fare il pan di spagna alto e soffice

Una volta stabilite le basi, il prerequisito è che tutti coloro che si iscrivono come Esterno possono fare domanda per l’esame di stato. La domanda deve essere presentata all’inizio dell’anno scolastico.

Di norma, alle domande dei candidati esterni si applicano le seguenti termine:

  • 30 novembre : Termine ultimo per la presentazione della domanda da parte dei candidati esterni ai gestori della regione di residenza. I candidati esterni indicano nella domanda di ammissione almeno tre scuole dove intendono sostenere l’esame e la scelta della lingua e/o delle lingue straniere
  • 31 gennaio: Termine ultimo per la presentazione delle domande tardive ai Direttori Generali degli Uffici Regionali per l’Educazione, limitatamente a gravi e comprovati motivi. L’esame di tali domande è rimesso al giudizio esclusivo dei direttori generali competenti.
  • 20 marzo: Termine ultimo per la presentazione della domanda al Direttore Generale dell’Ufficio Provinciale per l’Educazione della Regione di residenza di alcuni degli studenti arrivati ​​dopo il 31 gennaio ed entro il 15 marzo dell’anno scolastico in corso e intendono sostenere gli esami di stato come studenti esterni.

Svolgimento degli esami

Se la domanda viene accolta, il candidato può consultare il Ministero programma con tutte le informazioni dettagliate. Ogni candidato esterno, a differenza dei laureati interni, è assegnato ad un corso diverso che indica quanto fatto nell’anno scolastico precedente. Sono elencate le materie da studiare e le materie incluse nell’esame.

Le modalità di valutazione delle competenze dei candidati esterni durante il primo, secondo e terzo esame sono le stesse per i candidati interni. Ogni studente deve sostenere l’esame a partire dalle prove stabilite dal Ministero dell’Istruzione.

L’esame di maturità per candidati esterni verte su:

  • tre (forse quattro) prove scritte
  • una Conversazione orale

le prove scritte

la prova scritta per gli esterni Il candidato è suddiviso in 3 prove: Le prime due prove sono predisposte dal Ministero e sono disponibili in tutta Italia per le stesse tipologie di istituti, mentre la terza prova è scelta da ciascuna commissione d’esame.Il laureato ha a disposizione 6 ore per il primo e il secondo esame.

  • Primo esame – Analisi di un testo letterario, stesura di un breve saggio o di un articolo in stile giornalistico. E’ possibile consultare l’archivio tracce di precedenti anni di studio pubblicato sul sito MIUR.
  • Seconda prova – Riguarda un argomento che caratterizza il corso. In questo caso, i candidati esterni saranno avvisati entro un tempo massimo di preparazione pari al momento della loro iscrizione all’esame. La struttura della seconda prova, così come della prima, sarà comunicata al candidato lo stesso giorno
  • Terza prova – Riguarda non più di 5 materie; può consistere in una breve discussione di un massimo di 5 argomenti, nella risposta a questionari, nella risoluzione di problemi scientifici o nello sviluppo di un progetto. Il terzo test dura 4-6 ore; Se invece si tratta di un liceo artistico, l’esame dura tutto il tempo del progetto da realizzare

Anche per il terzo esame verranno avvisati gli studenti in tempo utile per la preparazione degli stessi. Di norma, tutte le informazioni utili vengono fornite al momento dell’iscrizione all’esame privato.

Il colloquio orale

Ayrıca bakınız: Ipersudorazione ascellare: cause e rimedi | Openfarma

I membri delle commissioni, sia interne che esterne, interrogano tutte le materie per le quali avere una qualifica di insegnamento. Il tempo necessario per un colloquio orale è così distribuito:

  • 15-20 minuti circa per dare allo studente il tempo di presentare la tesi
  • 15-20 minuti sono dedicati alle domande della commissione
  • 10-15 minuti sono dedicati alla revisione e commento delle prove scritte

In totale, una prova orale dura circa 40 – 50 minuti. Dopo aver completato il colloquio orale, lo studente conosce già il voto delle tre prove scritte. L’ultimo passaggio è l’elaborazione del voto finale, che viene determinato dalla commissione secondo vari parametri:

Il voto finale

Il Sufficiente > è determinato con il voto ottenuto da 60/100. Il voto complessivo dell’esame di maturità risulta dal rendimento scolastico e dall’esito degli esami scritti, dal colloquio orale e da eventuali bonus (e premi).

  • Rendimento accademico

    • p> strong> – Ogni candidato può ottenere un massimo di 25 punti come credito accademico.
    • Prove scritte – Il punteggio massimo raggiunto nelle prove scritte è 45 punti e si calcola sommando i risultati delle prove prima, seconda e terza prova (0-15). Ad ogni prova scritta che raggiunge la sufficienza viene assegnato un punteggio di 10
    • Intervista – Il punteggio massimo nella Conversazione orale dà tu 30 punti. Per raggiungere la sufficienza è necessario raggiungere un minimo di 22 punti.
    • Bonus – Il bonus è di 5 punti e può essere assegnato dalla Commissione in aggiunta al livello di maturità a condizione che il candidato abbia un record accademico di almeno 15 punti e un risultato complessivo alle prove d’esame di almeno 70 punti.
    • Lode – I premi sono scelti a discrezione della Commissione e sono da assegnare solo ai candidati che hanno iniziato con 25 crediti/programma nel triennio, in ciascuno prova scritta e orale hanno raggiunto il numero massimo di punti e quindi hanno raggiunto 100/100, indipendentemente dal numero di punti, ulteriori 5 punti.

    Cosa succede se superi l’esame preliminare e non superi l’esame di stato?

    Se il candidato supera l’esame preliminare ma per qualche motivo non supera l’esame di stato, l’Idoneo per l’ultimo anno della scuola secondaria prescelta Sostieni l’esame. In questo caso, puoi sostenere nuovamente l’esame l’anno successivo.

    Libri per preparare l’esame di stato

    Devi sostenere l’esame finale? Se hai bisogno di ripassare i temi principali di un argomento, consulta i libri della collana Memorix.

    Utile per apprendere velocemente i concetti di base di una disciplina o per riassumere temi principali, i Memorix facilitano il processo di memorizzazione tramite fornendo entrambi che stimolano l’attenzione visiva e la capacità di associare concetti per conservarli più a lungo.

    VEDI IL CATALOGO

    Cosa fare dopo la laurea?

    Hai pensato a cosa farai dopo la laurea? Se non hai ancora le idee chiare, scopri il nostro focus speciale, un percorso che ti aiuterà a scegliere il percorso che fa per te.

    Ayrıca bakınız: Come pubblicare un podcast su iTunes e Spotify Blog Guido

    .

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button