Come

Come chiedere l&39affido di un bambino?

Come ottenere l’affidamento di un minore i cui genitori sono in difficoltà: dalla presentazione della domanda all’accoglienza della famiglia.

Ci sono molti modi per sostenere i bambini che hanno bisogno di affetto e serenità. L’adozione è ovviamente uno di questi; ma la legge prevede altre possibilità. Uno di questi è l’affidamento, in cui un bambino che è temporaneamente incapace di essere adeguatamente accudito dai genitori viene affidato a un’altra famiglia che può provvedere a lui.

Okuma: Come prendere in affido un bambino

Come richiedere l’affidamento di un figlio? La procedura è semplice e abbastanza veloce; Tuttavia, è necessaria una buona dose di generosità e altruismo in quanto il bambino ha superato le difficoltà dei genitori biologici e tornerà con loro. Occorre quindi impegnarsi con lui, ma allo stesso tempo accettare con calma un incarico futuro. Se ne sei consapevole e allo stesso tempo determinato a vivere questa meravigliosa esperienza, questo articolo contiene tutte le informazioni utili a riguardo.

Cos’è l’affidamento?

L’affidamento è disciplinato dalla stessa legge che disciplina l’adozione [1] . Tuttavia, c’è una differenza importante tra l’uno e l’altro. Più in particolare:

  • L’adozione avviene quando un minore viene dichiarato trascurato da un tribunale per i minorenni. Questo è il caso quando il bambino ha perso entrambi i genitori o, più comunemente, quando questi ultimi sono ritenuti totalmente incapaci di prendersi cura di loro in modo permanente a seguito di una valutazione del servizio sociale. In tal caso, il minore sarà stabilmente collocato in una famiglia adottiva che sostituirà definitivamente quella biologica;
  • Le famiglie affidatarie vengono svolte quando i genitori del bambino si trovano in una situazione difficile che i servizi sociali considerano temporanei. Mentre cerca di aiutarli ad affrontare i loro problemi, il piccolo viene temporaneamente affidato ad altri adulti che possono dargli affetto, sostegno e tutto ciò di cui ha bisogno per vivere e crescere bene.

Ayrıca bakınız: Business plan: cos&39è e come farlo in modo efficace (2022) | Shopify Italia

È quindi evidente che le famiglie affidatarie, a differenza delle adozioni, sono di natura temporanea, in quanto il figlio loro affidato è destinato (almeno in senso giuridico) a rientrare presso la propria famiglia di origine prima o poi.

Chi può richiedere l’affidamento?

L’affidamento può essere richiesto:

  • da una coppia sposata, con o senza figli, anche se la legge favorisce le famiglie, dove vivono già i bambini. Non è necessario che la coppia sia sposata;
  • da celibe . Le famiglie affidatarie sono quindi concesse anche a persone non sposate, vedove o separate
  • provenienti da una comunità di tipo familiare . Questo è il caso degli individui che vivono con un’organizzazione simile a una famiglia nonostante la mancanza di legami di sangue o di legame. Consideriamo il caso di più amici che vivono sotto lo stesso tetto per compagnia;
  • da una struttura di supporto. Tuttavia, nei bambini di età inferiore ai 6 anni, questa ipotesi è esclusa.

Pertanto, per i non sposati, l’affidamento è un ottimo modo per dedicare uno o più figli con generosità e disinteresse. L’adozione in realtà non è impossibile per queste persone, ma è sicuramente più difficile che per le coppie sposate.

Come richiedere l’affidamento?

Per richiedere l’affidamento devi dimostrare di poter essere raggiunto dal servizio sociale del tuo comune di residenza.

Ayrıca bakınız: Diploma da privatista: scopri come conseguire il titolo

Dopo aver inviato la domanda, sarai contattato dagli assistenti sociali. strong> per iniziare un percorso cognitivo. Si tratta di una serie di incontri con finalità diverse:

  • diminuiranno le conoscenze sulle famiglie affidatarie e ti informeranno sui diversi aspetti dell’affidamento;
  • sono utilizzati dagli assistenti sociali e dagli psicologi per valutare le caratteristiche dei richiedenti l’affidamento e la loro idoneità ad accogliere un bambino, da loro ben valutati in modo ragionevole;
  • sono utili per determinare quale figlio debba essere affidato al richiedente in base alle caratteristiche di cui sopra (es. famiglia o meno e così via).

Oltre ai colloqui, è prevista una visita degli assistenti sociali al domicilio del richiedente per conoscere meglio la sua situazione familiare e le condizioni in cui vive .

Chi decide sulle famiglie affidatarie?

Per completare le informazioni su come richiedere l’affidamento di un figlio , vediamo chi lo decide.

Le famiglie affidatarie sono collocate:

  • dagli stessi servizi sociali se i genitori naturali del bambino sono d’accordo, che si rendono conto che stanno attraversando un momento difficile e quindi hanno bisogno di aiuto. Se necessario, il minore è ascoltato anche se ha compiuto i 12 anni di età o è ancora capace di giudizio nonostante la minore età. La direttiva sull’assistenza emanata dall’ufficio di assistenza sociale viene poi resa esecutiva con decisione del giudice tutelare. Quest’ultimo è un giudice che ha il compito di occuparsi delle diverse situazioni che interessano i minori;
  • dal tribunale per i minorenni in assenza del consenso dei genitori naturali.

La probabile durata della custodia risulta dall’ordinanza di custodia; Inoltre, definisce anche le modalità attraverso le quali la famiglia di origine del bambino può mantenere i rapporti con quest’ultima. Non bisogna infatti dimenticare che la famiglia affidataria è un aiuto temporaneo per i genitori biologici del minore, con i quali la famiglia affidataria deve avere un rapporto sereno.

Ayrıca bakınız: Osservatorio sulla Casa | Come spostare un armadio pesante senza farsi male alla schiena

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button