Come

5 Strategie per ricominciare dopo la fine di un amore – Psicosessuologa e psicoterapeuta Giuliana Melandri

Nella mia esperienza clinica ho incontrato spesso donne che, pur di età e caratteri diversi, univano due fattori:

Il primo è la circostanza in cui è iniziata la richiesta di supporto psicologico, cioè dopo una grande delusione emotiva che l’ha quasi distrutta. Il secondo è il finale che continua a commuovermi: la sua rinascita.

Okuma: Come rinascere dopo la fine di un amore

È risaputo che noi donne abbiamo una grande capacità di adattamento, forse perché geneticamente “programmate” per la grandezza. cambia, ma siamo anche consapevoli dell’estrema sensibilità tipicamente femminile (sebbene ci siano uomini altrettanto sensibili!) che ci porta a dopo un grosso investimento emotivo che si rivela fallimentare, subire un vero e proprio ” depressione da stress post-traumatico” che può devastare anche la persona più reattiva e indipendente.

Ho visto molte donne smettere di piangere per se stesse e non riuscivano a vedere una via d’uscita da questa sofferenza.

Ho quindi cercato di semplificare il più possibile la descrizione del “viaggio” che queste donne portano con me in studio, per tornare, non solo al nuovo guardare le prospettive, uscire da questa paralisi emotiva bloccata dalla disperazione, ma anche imparare ad amarsi, riscoprendo la bellezza e unicità della propria individualità, trovando nuovi modi di relazionarsi con se stessi sentirsi bene con se stessi e con gli altri.

Quando un’importante storia d’amore finisce, tutto il nostro mondo viene sconvolto. Difficilmente il nostro lavoro, qualunque esso sia, viene influenzato in alcun modo. Certamente tendiamo a rivalutare le nostre amicizie. A volte cambiano i luoghi in cui eravamo, spesso cambiamo le nostre abitudini.

Poi, quando veniamo abbandonati, emergono sentimenti di dolore, delusione, disperazione e talvolta umiliazione.

La fine di una relazione importante, per qualsiasi motivo, , viene vissuta come un vero “dolore”.

E come nel lutto si susseguono momenti ben definiti, che vanno dallo sgomento alla tristezza, passando per la rabbia, l’accettazione e infine la metabolizzazione degli eventi necessaria per poter guardare avanti.

Quindi ecco 5 strategie di implementazione per agire in una situazione che pensiamo di attraversare passivamente. E inizia consapevolmente il tuo viaggio verso la rinascita.

1. Dolore esterno

Piangi, urla, urla, rompi i piatti, colpisci il cuscino, dormi se vuoi e se non riesci a dormire inizia a pulire forno, anche se sono le 3 del mattino. Quello che voglio dire è che non insistere per interpretare il ruolo della “donna forte, colei che resiste alle tempeste, colei che deve comunque andare avanti e volta pagina in un batter d’occhio un occhio.

Far uscire il dolore non ti rende una persona debole, anzi, facilita l’accettazione emotiva di una condizione che ti fa soffrire. E l’accettazione è un passo necessario per poter reagire.

Chi viene abbandonato sviluppa una fortissima ansia da separazione che cerca di mitigare cercando ossessivamente una spiegazione razionale che possa lenire l’angoscia dovuta al vuoto che l’altro ha lasciato.

Ecco perché continuiamo a chiederci e chiederci “perché” (“perché l’ha fatto?” … “perché è successo a me? “ecc.), e continuamente avanzando nuove ipotesi ” se “ (“se mi fossi comportato diversamente… “,” se non avessi conosciuto l’altra persona . .. “ecc).

Ayrıca bakınız: Camicia coreana: come indossarla? I look per tutte le occasioni – invidia1973.com

Dobbiamo poi sforzarci di abbandonare questo processo di razionalizzazione che ci impedisce di stare con le nostre emozioni e di conseguenza di rimanere nel presente invece di spostare costantemente la nostra attenzione su un passato immutabile o su un futuro imprevedibile.

È solo il “qui e ora” che possiamo provare a cambiare a nostro vantaggio, pur non avendo alcun potere sui tempi passati e futuri.

Se vuoi e puoi, chiedi ai tuoi amici o amici di ascoltarti , ad esempio “Dai, questa non è la fine del mondo …”, “Devi tirarti su di morale…”, “Non merita le tue lacrime”, “Rispondi…” e così via.

Questo non perché le tue amicizie non siano valide o genuine e non possano aiutarti nel tuo processo di ricostruzione, ma semplicemente perché questo non è il momento di reagire, è il momento di affrontare il tuo dolore per entrare toccare con la tua sofferenza, che non è un esercizio masochistico ma un modo per affrontare la crisi, non per negarla ma per viverla.

2.Abbandona il controllo

Sei confuso, stordito, ferito, ferito e non sai cosa fare. Non aver paura di questa confusione, ma accettala. Quello che devi tenere a mente è che questo è un tempo che finirà.

Non c’è un’ora esatta, dipende da come sei, chi è intorno a te è intorno . a quali risorse puoi ricorrere per uscire da fattori esterni imprevisti… ma prima o poi finirà .

Rinunciare a controllare tutto , anche perché è impossibile.

Se qualcuno ti fa domande, rispondi che non lo sai. Se ti chiedono come stai, digli che sei triste. Se ci sono decisioni da prendere, rimandale il più a lungo possibile. Se hai qualcosa in programma, da solo o con gli amici, e all’improvviso non vuoi più farlo, non farlo.

Non devi spiegarlo >. Il momento in cui vivi ti giustifica, sii onesto con chi ti circonda. Basti dire che sei confuso, non sei sicuro di quello che vuoi, che hai bisogno di un po’ più di tempo per riorientarti.

3. Fai una lista

Prendi un foglio di carta e dividilo a metà con una linea spessa: metti penna su carta alcune cose possono darci una visione più chiara della situazione.

Scrivi nella colonna di sinistra, schematicamente e nel modo più conciso possibile, cosa sta andando bene nella tua coppia ultimamente tra le più importanti. Non trascurare l’aspetto sessuale (considera di apportare modifiche alla tua intimità) o i piccoli tocchi che facevano parte della tua routine quotidiana.

Sul lato destro, invece, elenca cosa non è stato giusto di recente , cosa non ti è piaciuto, cosa è passato di recente da positivo a negativo o nelle tue abitudini quotidiane mancava.

Scoprirai che il lato destro del foglio pesa molto più del sinistro.

Quando una storia finisce, l’una o l’altra incolpare. La semplice verità è che abbiamo passato un pezzo di vita insieme perché ci sentivamo bene, perché i difetti dell’uno erano colmati dalle qualità dell’altro, perché almeno sembravano soddisfare i bisogni personali dell’altro. p>

Ma per tutta la vita non siamo immobili nelle nostre debolezze, fortunatamente e i nostri bisogni, i nostri bisogni cambiano man mano che evolviamo costantemente.

Succede poi che due persone che cambiano nel tempo non si adattano più così bene alle loro esigenze ad un certo punto e quindi non si coprono più la mancanza o semplicemente non hanno più la spinta per mantenere acceso il fuoco dell’amore.

Se guardi indietro a questo elenco, magari qualche giorno dopo che è stato creato, chiediti se quello che c’è sul lato destro del foglio può fare quello che vuoi all’interno di una relazione. Molto probabilmente la tua risposta sarà NO.

Ayrıca bakınız: Come pulire il pavimento in marmo, in pietra e granito

Tuttavia, quello che c’è scritto è quello che è successo nella tua precedente relazione e forse giustamente il motivo della tua rottura.

Mantieni questo elenco… ne avrai bisogno in futuro per essere sempre chiaro su ciò che vuoi e non vuoi in una storia d’amore.

4 Recupera i tuoi interessi

Dopo questi 3 passaggi, puoi iniziare a pensare a rimettere la tua vita nelle tue mani

Inizia da rispolverando vecchie passioni . Riprendere attività o hobby che avevi anni fa o a cui hai rinunciato per necessità della vita di coppia. O infine prova quello a cui non hai avuto il tempo o la strada per, a cui hai rinunciato perché l’impegno nella relazione non ti ha dato il tempo né la strada. p>

Non importa cosa sia, puoi spaziare dalla partecipazione a mostre d’arte contemporanea a corsi di cucina, da lezioni di danza del ventre alla lettura di fumetti… La cosa più importante è che sia qualcosa che ti appassiona > questo ti farà venir voglia di dargli il 100%.

Segui anche i tuoi amici , interessati a cosa fanno, dove vanno, invitali alla tua cena fatta di chiacchiere e intimità . Se fanno qualcosa che ti interessa o semplicemente ti affascina, chiedi loro di condividerlo con te una volta o accetta i loro inviti.

Tutto questo serve non solo per limitare la tristezza e la disperazione che inevitabilmente permangono in questa fase, ma soprattutto per scoprire (o riscoprire) ciò che conta davvero per te come o per te non mi piace prendere decisioni, capire nuovi lati di vecchie conoscenze, acquisire competenze, divertirsi e, perché no, conoscere nuove persone.

5. Sperimenta nuove esperienze

Presto ti renderai conto che la tua vita da single disperata è davvero un momento di opportunità perché è la possibilità che può rappresentare esperienze che altrimenti ti saresti negato.

E quando ciò accade, significa che stai per accettare il dolore della rottura.

Hai smesso di tutti quei “perché” e “se” e sei in grado di guardare alla fine della relazione in modo più obiettivo e arrivare alla conclusione che anche tu non ti senti più così sentirsi bene in esso.

È sorprendente comprendere (parola i cui sinonimi non sono “abbracciare” e “chiudere”) che sono veramente le gioie della vita di cui sei fatto Trova soddisfazione e appagamento che ti fanno stare bene, anche da solo.

Questa è la sine qua non per iniziare una nuova storia, questa volta non basata su un bisogno che non può essere soddisfatto per sempre dall’altra parte, ma dalla realtà e semplice presupposto di stare bene insieme , condizione che può essere continuamente misurata e regolata in base al momento che si sta vivendo.

Ecco fatto A questo punto, è con grande soddisfazione che ammiro la “rinascita” delle donne che seguo in studio. Donne che lasciano un passato doloroso alle spalle e vivono con entusiasmo un presente pieno di fiducia e voglia di sperimentare nuove situazioni.

In conclusione, vorrei dire che quello che qui descrivo è certamente un modo molto semplificato che non può tener conto delle infinite variabili che appartengono a ciascuna distinta identità femminile e che influiscono sul viaggio stesso e di volta in volta ci fanno deviare, fermarci o tornare indietro di tanto in tanto, a volte cambiare direzione, pensare agli errori, ci danno motivo di piangere o ammettere di noi stessi sorridere…

Ogni donna è unica e attraverso questa unicità costruisce il proprio modo di essere felice.

E anch’io posso essere felice e contento solo se posso aiutare alcuni di loro a ricominciare…

Ayrıca bakınız: Come farsi desiderare dalla moglie | Bravi In Casa

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button