Come

Quali sono gli oceani e come sono nati

Gli oceani sono vasti specchi d’acqua che circondano e separano i continenti.

Rappresentano una parte inconfondibile del nostro pianeta Terra e sono la base vitale per esso e per noi umani, da cui attingiamo cibo, materie prime e minerali, riserve di acqua ed energia.

Okuma: Come si sono formati gli oceani

Senza gli oceani non ci sarebbe la vita terrestre come la conosciamo oggi, è qui che ha avuto origine la vita, quel fenomeno meraviglioso e misterioso che ci permette di esistere.

Oceani che devono essere protetti e conservati perché senza oceani sani non c’è futuro.

Leggi anche: Aree marine protette

Teorie sulla formazione degli oceani

Tipi di oceani Esistono diverse teorie che cerchiamo di utilizzare per rispondere alla formazione degli oceani e dei mari.

Teorie che non hanno ancora trovato riscontro generale da parte dei vari esperti e che spesso contrastano tra loro.

È certamente risaputo che gli oceani hanno miliardi di anni e si sono formati poco dopo la formazione della terra.

Una delle teorie più accreditate vede la formazione degli oceani dopo un graduale raffreddamento del pianeta Terra, avvolti da vapori incandescenti e gas che gradualmente condensano, portando alla formazione e precipitazione dell’acqua.

Un’altra teoria, invece, presuppone che l’acqua sia stata formata dall’impatto di comete, asteroidi e altri corpi celesti congelati che avrebbero avuto nuclei di acqua congelata e una composizione molto simile a quella del corpi celesti ancora in fase di studio. Un’ultima teoria, invece, sostiene che l’acqua fosse già presente in alcune rocce della terra sotto forma di composti che in un miliardo di anni avrebbero cominciato a rilasciare l’acqua che formava il famoso brodo primordiale dove nacquero le prime forme di vita.

Ayrıca bakınız: Come cuocere un polpo precotto: le ricette e i consigli

Indipendentemente da quale sia la teoria esatta, si ritiene generalmente che le terre abbiano iniziato a formarsi circa 200 milioni di anni fa in un supercontinente, Pangea, circondato da Panthalassa, un oceano vasto e unico.

Oceano che ha portato alla formazione degli oceani odierni con la frammentazione della Pangea negli odierni continenti circa 130 milioni di anni fa.

Gli oceani Pacifico, Atlantico e Indiano, che occupano il 71% della crosta terrestre, sono i tre principali bacini oceanici, coprendo circa 361 milioni di km2 compresi i mari adiacenti.

Oceano Pacifico

Precedentemente chiamato Sud Pacifico, copre circa un terzo della superficie terrestre ed è l’oceano più grande in termini di superficie e volume. Racchiuso tra l’America a ovest e l’Asia e l’Australia a est, copre più della metà della superficie totale del mare, più di 180 km2, ed è profondo circa 4.000 metri.

Gli europei lo scoprirono nel 1520 tramite l’esploratore e navigatore portoghese Ferdinando Magellano, che gli diede il nome Pacifico proprio perché durante la sua spedizione intorno al mondo aveva una navigazione tranquilla senza maltempo e su acque calme. Un evento straordinario perché, contrariamente al suo nome, è lo specchio d’acqua più colpito da temporali e nubifragi.

I fondali profondi presentano numerosi rilievi sottomarini detti guyot.

Un tipo di montagne cedute e molto ripide che un tempo erano vulcaniche e il cui antico cratere è ora piatto perché nel tempo si è riempito di sedimenti formati dall’erosione del cono vulcanico a causa dei fenomeni di decadimento avvenuti al momento dell’origine.

La più famosa è la catena sottomarina Hawaii-Emperor, che consiste di 80 guyot e isolotti legati insieme per circa 3.000 miglia.

Atlantico

Secondo dopo il Pacifico, si trova tra l’Europa e l’Africa a est e l’America a ovest. La sua estensione di poco più di 100 milioni di km2 lo fa sembrare un grande S allungato, diviso in due sezioni principali dalle correnti equatoriali, l’Atlantico del Nord e del Sud. Originariamente era chiamato Atlantide, “Mare dell’Atlante”, e si è ipotizzato che è un vasto oceano che circonda un’unica massa continentale. Un mare che fu una barriera per l’antica Europa, un mare inaccessibile e sconosciuto che non si poteva navigare per la mancanza di isole utili come basi. I confini non furono superati fino al XV secolo.

Ha vari collegamenti con l’Oceano Pacifico, ma uno dei più importanti è il Canale di Drake, che separa il punto più meridionale del Sud America dalle Isole Shetland Meridionali in Antartide, ea cui è stato dato il nome di Francis Drake, corsaro e politico inglese che nel 1578 oltrepassò lo Stretto di Magellano (un difficile collegamento di navigazione a causa della sua ristrettezza e del clima inospitale) e si diresse più a sud per dimostrare l’esistenza di un collegamento tra lo Stretto di Magellano e i due oceani.

Esiste però un secondo collegamento, il Canale di Panama, un collegamento artificiale lungo 81,1 km che collega le due Americhe e permette la circumnavigazione del Sudamerica fino allo Stretto di Magellano

Ayrıca bakınız: Istruzioni compilazione bollettino F35

I fondali con una profondità media di 4.000 metri è abbastanza bassa, ma ci sono montagne e fossi.

La profondità massima è di 8.000 metri e si raggiunge nel Milwaukee Abyss, situato nella fossa oceanica di Porto Rico vicino all’isola omonima. Trincea che segna il confine tra le placche caraibiche e nordamericane.

Come gli altri oceani, l’Atlantico è adatto a soluzioni energetiche innovative. Sono state installate centrali di marea che utilizzano le maree per generare elettricità, fornendo una fonte di energia rinnovabile e un’alternativa all’estrazione di idrocarburi che si trovano sulla piattaforma atlantica.

Oceano Indiano

Con una superficie di circa 74.000 km2, è il più piccolo dei tre oceani. Si trova nell’emisfero orientale e confina con l’Asia meridionale a nord, l’Africa a ovest, l’Australia a est e l’Antartide a sud.

L’origine del nome deriva dall’usanza degli esploratori greci di usare il termine indiano per riferirsi a qualsiasi spazio marino scoperto nell’Asia meridionale, ed era forte la convinzione che questi mari fossero un unico grande chiuso erano bacini che terminavano a sud con una sconosciuta terra meridionale. È solo nel XVI secolo che i suoi estremi vengono adeguatamente delineati, grazie a vari esploratori arabi e viaggiatori occidentali.

Ha una profondità media di poco meno di 4.000 metri, con il punto più profondo nella Fossa di Giava , dove raggiunge i 7.000 metri .

Le sue acque hanno visto molti conflitti e sono state un’importante via di transito tra Asia, Africa ed Europa e per la loro vastità non poterono mai essere conquistate del tutto fino al XVII secolo quando la Gran Bretagna riuscì a prendere il controllo dei territori che circondarlo per un breve periodo.

Oggi è sfruttato per l’estrazione, la raffinazione e la commercializzazione del petrolio, in particolare per le risorse minerarie, ma la pesca resta un sostentamento per molti paesi a sviluppo limitato.

Oceano Artico e Oceano Antartico

Va ​​chiarito che nella visione anglosassone anche l’Oceano Artico è compreso come oceani le acque che sono completamente situato nell’Artico e circondato dalle regioni settentrionali dell’Europa, dell’America e dell’Asia e dall’Oceano Australe come un insieme di specchi d’acqua al confine con l’Antartide.

Definizione avallata dall’Organizzazione Idrografica Internazionale, che è la massima autorità internazionale nel campo dell’idrografia, ma non utilizzata in Italia.

Nel nostro Paese, per ragioni legate alla minore estensione degli oceani Artico e Antartico, che sono più vicini al grande Mediterraneo rispetto ai tre oceani principali, si usa la definizione di Mar Glaciale Artico quando si considera questo parte dell ‘”Oceano Atlantico” mentre il termine “Oceano Antartico” è omesso, considerando che l’Antartide è semplicemente bagnata dai tre oceani principali.

Ayrıca bakınız: Come fare per bloccare un pagamento con carta di credito

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button