Come

Truffa online: come recuperare i soldi?

Dobbiamo dire addio ai soldi che sono finiti nelle mani dei cattivi o c’è un modo per riaverli? La segnalazione in tempi brevi è fondamentale.

Diventa sempre più facile cadere vittime dei truffatori online. Le tecniche utilizzate per ingannare attraverso siti Web falsi o e-mail false sono ora molto sofisticate e distinguere tra verità e fake è spesso complicato. Il più delle volte ci cadiamo perché abbiamo fretta o perché pensiamo: “Ma perché dovrebbe succedere a me?”. Tuttavia, la vera domanda da porsi prima di inserire i dati della carta di credito e di “fare clic” per acquistare qualcosa online è “perché non dovrebbe succedere a me?”. Se, nonostante pensi di aver fatto tutte le verifiche necessarie, ti accorgi di essere caduto in una truffa online, come riavere i tuoi soldi?

Okuma: Truffe online come recuperare i soldi

Bisogna agire il prima possibile, dopodiché è inevitabile armarsi di pazienza. È importante anche identificare il tipo di frode subita: da un lato, qualcuno è entrato in possesso dei dati della tua carta di credito a tua insaputa e ha effettuato acquisti di cui verrai a conoscenza solo in seguito. In questo caso, la procedura per il rimborso delle spese non autorizzate diventerà più semplice. Viceversa, il caso in cui tu abbia autorizzato la transazione fidandoti di un sito web falso, ovvero la truffa. Come posso recuperare i soldi in entrambi i casi? Vediamo.

Spese online ignorate: come faccio a riavere i miei soldi?

Secondo una direttiva del Parlamento Europeo [1] , il contratto concluso tra banca e cliente deve prevedere la possibilità per l’ente di avvalersi di un carta di credito o bancomat si blocca indipendentemente nel caso in cui sospetti che qualcuno la stia utilizzando in modo fraudolento. Questo può accadere, ad esempio, se la banca registra una spesa insolitamente elevata rispetto alle abitudini del consumatore. Tuttavia, se possibile, la banca dovrebbe informare il cliente che bloccherà la carta.

È responsabilità del cliente notificare all’emittente della carta e alla banca qualsiasi furto, smarrimento, appropriazione indebita o >uso non autorizzato dello Strumento di pagamento non appena ne viene a conoscenza. In questo modo è possibile contestare operazioni successive, o comunque non autorizzate.

Ayrıca bakınız: Bonus affitti universitari: cos&039è e come si ottiene

Da parte sua, la banca deve adottare tutte le misure possibili per garantire la sicurezza e in tal modo tutelare tecnicamente il cliente per prevenire qualcuno può accedere ai dettagli della tua carta.

Se scopri che è stato rubato del denaro dalla tua carta di credito, devi prima contattare l’azienda che l’ha emessa per farla bloccare e rimborsare la denuncia alla polizia. Nel caso in cui si contesta l’autorizzazione di determinate operazioni di pagamento, la banca deve dimostrare che il cliente ha autenticato la transazione o non ha adottato le precauzioni necessarie per prevenire frodi (es. ha prestato la carta a qualcuno o non l’ha protetta adeguatamente). i dati di accesso alla sua pagina home banking).

Se la banca non è in grado di provare la colpa del cliente, è obbligata a rifondere l’importo della transazione non riconosciuta. Tuttavia, secondo la normativa europea, il rimborso non impedisce alla banca di provare successivamente che la transazione è stata autorizzata dal cliente. Di norma, il rimborso viene riconosciuto entro e non oltre 15 giorni dalla presentazione della domanda e solo se l’oggetto del furto è superiore a 50 euro (c.d. franchigia).

In caso di furto un contenzioso con l’istituto, c’è la possibilità di rivolgersi all’Arbitro Bancario Finanziario (Abf).

Spese approvate per un sito fake: come riavere i soldi?

Diverso è il caso in cui pensa di fare acquisti su un sito reale ma in realtà si trova davanti alla pagina di un portale e-commerce falso, di una banca, di un pubblico corpo, un corriere. Non mancano, infatti, i messaggi che arrivano via email che ti avvisano di pacchi non consegnati, credenziali account non andate a buon fine, controlli di accesso per presunti tentativi di intrusione, per non parlare dei premi fantasma vinti chissà dove e come. In tutti questi casi, e in altri casi come questi, l’utente si ritrova su pagine false perfettamente ricreate, provenienti da indirizzi simili a quelli originali. Pertanto, è facile essere fuorviati.

Ayrıca bakınız: Come mangiare i semi di zucca: consigli e ricette

È il cosiddetto phishing: il truffatore ti invita a cliccare su un link che ti porterà ad una pagina creata ad hoc per fermare il delitto: il malcapitato è pregato di iscriversi con i suoi dati anagrafici e quelli del conto corrente o della carta di credito per improbabili “assegni”. La stessa cosa accade con il cosiddetto “smishing“: messaggi ingannevoli non arrivano via e-mail, ma tramite SMS.

In altri casi, offerte vistose per merce in arrivo o servizi da acquistare online. La tecnica è molto simile: la vittima viene indirizzata a una pagina dove può utilizzare una carta di credito per “fare l’acquisto”. In questo caso si minaccia un doppio smacco: il truffatore non solo raccoglie i soldi spesi per un prodotto che non arriva mai, ma ottiene anche i dati della carta di credito della vittima.

Come recuperare i soldi? Chiunque scopre di essere stato oggetto di una truffa online deve preventivamente sporgere denuncia presso una Questura o un Carabinieri, che deve essere presa in carico conto che anche la polizia postale è responsabile di questa faccenda. È necessario chiarire i fatti e presentare tutti i documenti rilevanti per l’indagine, ad es. ecc.

È necessario agire entro tre mesi dal giorno in cui ti rendi conto di essere stato truffato, anche se è meglio contattare la polizia il prima possibile in modo che le indagini possano iniziare immediatamente. Il superamento di tale termine è possibile solo in caso di frode grave, in quanto in questo caso il reato è perseguibile d’ufficio.

La denuncia può essere presentata anche al pubblico ministero all’indirizzo il tribunale competente per la zona: la denuncia arriverà presto alla procura, che potrebbe decidere di avviare rapidamente le indagini e adottare alcune misure utili per bloccare il denaro.

Se il truffatore è perseguito, non solo deve restituire il denaro raccolto illegalmente, ma deve anche risarcire il danno causato.

Ayrıca bakınız: Come fare la pedicure a casa: consigli per piedi e talloni levigati

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button