Come

Autismo: come riconoscerlo e qual è l’iter per la diagnosi – CMR

La parola autismo è spesso accompagnata da sentimenti di paura, preoccupazione e alti livelli di stress per i genitori che si trovano ad affrontare una situazione così problematica. Ci sono tanti dubbi e domande che sorgono. La più grande incertezza è che non sanno se il loro bambino può condurre una vita normale. Proviamo insieme a capire veramente che cos’è l’autismo, come riconoscerlo e in cosa consiste il processo diagnostico.

Disturbo dello spettro autistico

L’autismo rientra nella categoria dei disturbi dello spettro autistico, un insieme di difficoltà associate a cambiamenti neurologici durante lo sviluppo.

Okuma: Come capire se si è autistici

Un bambino che manifesta la sindrome di autismo può avere problemi specifici nel linguaggio, nella comunicazione e nell’interazione sociale. Il suo comportamento è alquanto limitato e ripetitivo e questi fattori influenzano la sua capacità di relazionarsi, anche con altri significativi come i genitori.

Non esiste un’unica forma di autismo : l esordio del disturbo può manifestarsi a livelli più o meno gravi, con caratteristiche e terapie diverse. E questo è uno dei motivi che provocano insicurezza tra i familiari del bambino, che spesso non riconoscono il problema.

Autismo: come riconoscerlo e quali segni prestare attenzione

I genitori del bambino autistico, anche se non hanno conoscenze mediche, possono riconoscere che qualcosa non va cercando alcuni segni che indicano un problema molto più serio.

I sintomi più comuni dell’autismo sono:

  • Isolamento dal mondo esterno. Il bambino tende a vivere nella propria realtà e non si preoccupa di relazionarsi e condividere le proprie attività con chi lo circonda. (I genitori dicono spesso che mio figlio vive in un mondo tutto suo.)
  • Chiusura affettiva. Questi bambini tendono a chiudersi in se stessi e a non esprimere sentimenti. Di conseguenza, non mostrano affetto e sono emotivamente assenti.
  • Problemi di linguaggio. L’apprendimento delle forme verbali di comunicazione è compromesso e assente. Anche nei primi anni di vita i bambini con un vocabolario scarso e parole sbagliate o formulate in modo errato hanno una certa difficoltà ad esprimersi. (Non è sempre facile per i genitori capire quando un bambino pigro sta parlando.)
  • Comportamento ripetitivo . Il bambino tende a fare sempre la stessa cosa e a muoversi con gesti ripetitivi (in questo caso parla di stereotipie). Se provi a cambiare queste abitudini, combatti.
  • Scarsa comprensione della comunicazione non verbale. Nota una certa difficoltà nel comprendere il significato di alcuni gesti compiuti da persone a lui vicine e nell’avere le proprie espressioni facciali ed espressioni facciali.
  • Poco interesse per gli altri bambini. Non mostra alcun desiderio di fare nuove amicizie o condividere attività con altri bambini della sua età. Il bambino tende a isolarsi nel suo mondo, anche quando partecipa ad attività ludiche di gruppo.
  • Movimenti scoordinati. Spesso questi bambini tendono a muoversi in modo scoordinato, camminando senza prestare attenzione agli oggetti sul loro cammino e spingendoli con noncuranza.

Altri segni di autismo

Il bambino autistico non asseconda gli sguardi di chi ha di fronte, anzi tende a distogliere lo sguardo per occuparsi delle sue attività stereotipate e per limitare qualsiasi forma di comunicazione, visiva o verbale.

Attenzione a non commettere l’errore di pensare che il bambino autistico mostri tutti questi sintomi contemporaneamente. A seconda della forma in cui si presenta l’autismo, possono comparire uno o più di questi sintomi, ma dipende sempre dalla gravità del problema.

Il bambino non risponde Se quindi continui a chiamare per nome? Questo può essere un altro importante campanello d’allarme per contattare un centro specializzato per una diagnosi accurata.

first-free-intervista / “icon =” icon-pencil-line “icon_position =” right “color =” # FF6600 ″ font_color = “# fff” size = “2 ″ class =” “]

Come rilevare l’autismo con i test diagnostici

Fare una diagnosi dell’autismo

strong> è un’operazione abbastanza complessa che richiede l’intervento di personale qualificato e specializzato per evitare di confondere il disturbo dello spettro autistico con altri disturbi neurologici.

I test a cui vengono sottoposti questi bambini non rientrano nella categoria dei test medici che esaminano e osservano le loro parti del cervello, come la TC e la risonanza magnetica. Poiché i test diagnostici come tac per l’autismo non vengono utilizzati, come può essere rilevato? Come capire se un bambino è autistico?

Ayrıca bakınız: Download Left 4 Dead 2 Full Online [Update V2.1.4.7 – Fshare]

La diagnosi di autismo si basa su metodi osservativi.

Il bambino viene sottoposto ai cosiddetti test di autismo, che lo esaminano mentre svolge alcune attività appositamente predisposte.

Test diagnostici per autismo

I test più comunemente usati per determinare le diagnosi di autismo sono:

  1. ADOS-2 , Autismo Diagnostic Observation Shedule-2nd Edition, che osserva il gioco del bambino per rilevare i comportamenti atipici, in particolare le tendenze ripetitive. li>
  2. ADI-R , Autism Diagnostic Interview -Revised esaminando la presenza di sintomi attraverso un colloquio specifico con i genitori del bambino.

Dopo una volta compreso come riconoscere l’autismo e aver individuato la presenza del disturbo, si può procedere ad attuare trattamenti mirati quali: B. il metodo ABA per l’autismo.

Come si sviluppa la sindrome dell’autismo?

Nel caso di autismo, sei nato o cresciuto? È questa una delle domande più frequenti dei genitori con bambini affetti da questa patologia. Ancora una volta, gli scienziati si trovano in seria difficoltà nell’identificare le cause di un disturbo che colpisce l’infanzia. Ipotesi e dubbi si alternano intorno all’autismo, che si manifesta in forme mutevoli, rendendo difficile individuarne l’origine.

I ricercatori concordano sul fatto che il problema ha una base genetica . Ma nel dettaglio, le modalità e le peculiarità di come avvenga questa eredità di geni non sono ancora chiare.

Le cause genetiche si combinano spesso con quelle ambientali: malattie o infezioni, complicazioni al momento del parto e la salute dei genitori, che in presenza di una predisposizione genetica determinano la potrebbe verificarsi un disturbo autistico.

Strategie per evitare la crisi di un bambino autistico

Tra le conseguenze più negative che compaiono nel comportamento del bambino autistico ci sono le manifestazioni di aggressività e scoppi di rabbia . A volte si parla di vere crisi che i genitori o chi gli sta accanto devono imparare ad affrontare in quel momento.

Questa dinamica può nascere quando il bambino è privato di qualcosa, quando non soddisfa i capricci spontanei, o quando si distrae dalle sue attività ripetitive.

Con l’aiuto di uno specialista del settore, puoi seguire alcuni suggerimenti.

Comunicazione e rispetto delle regole

  • Migliorare la comunicazione con il bambino attraverso l’uso delle immagini . Ogni programma giornaliero o novità deve essere documentato con disegni accurati in modo che il bambino capisca quando compiere determinate azioni.

Esempio: se il piano è andare al supermercato, guardati intorno nella lista della spesa e disegna o stampa le immagini dei prodotti associati. È convenuto di comune accordo che solo le cose sulla lista dovrebbero essere acquistate. In questo modo, è meno probabile che il bambino faccia i capricci quando ha un giocattolo che non corrisponde alle immagini.

  • Insegna al rispetto delle regole in casa e fuori casa . Il bambino autistico tende a isolarsi ea vivere in un altro mondo, indipendente dalle regole. È importante che i genitori ottengano il rispetto delle regole di comportamento da osservare in casa e quindi anche in uscita. Anche in questo caso le immagini possono aiutare.

Esempio: compila un grande poster con le immagini stampate di tutte le azioni che si possono fare in casa e quelle vietate. Rallegrare il bambino ogni volta che rispetta una regola è un buon modo per migliorare la sua capacità di rispettarla sempre.

L’importanza delle abitudini e del rinforzo positivo

  • Premia il bambino quando si comporta in modo appropriato . Dare al bambino autistico incentivi reali, oltre alla gratificazione verbale, è un modo per incoraggiare comportamenti sempre migliori. I rinforzi lo aiutano a seguire le regole, evitare comportamenti aggressivi o fare capricci eccessivi.

Ayrıca bakınız: Campane Tibetane: Cosa sono, a cosa servono e benefici

Esempio: compra un puzzle e regala pezzo per pezzo come ricompensa per un atteggiamento corretto, una parola ben detta o una gita senza sfizi. Il desiderio di ricevere il premio, che può essere anche un giocattolo, influenza molto il suo comportamento.

  • Insegnamento delle più importanti abitudini quotidiane . Un bambino autistico ha anche difficoltà a compiere azioni di routine che di solito vengono apprese quasi automaticamente man mano che cresce: lavarsi i denti, vestirsi e mangiare da solo. La creazione di sequenze può aiutarlo a renderle parte della sua routine.

Esempio: stampa fogli da appendere vicino al letto con immagini in sequenza che rappresentano azioni da compiere durante la giornata. Orientare il bambino a seguire il modello serve ad acquisire sia abitudini che autonomia nella corretta esecuzione.

Una delle domande più frequenti poste dalle madri di bambini autistici è se dovrebbero continuare a usarlo per sempre. queste strategie con progetti e soddisfazioni per fare progressi. È vero che i bambini hanno bisogno di stimoli e cure costanti, ma con l’uso frequente di queste tecniche personalizzate si tende a raggiungere una fase in cui si raggiunge la piena acquisizione delle forme sociali e relazionali più importanti.

Una casa sicura per i bambini autistici

Anche l’ambiente familiare in cui vive un bambino con un disturbo dello spettro autistico deve essere sicuro non si confonde e lo aiuta ad avere stimoli costanti ma graduali.

Niente luci intense o musica a tutto volume. Il bambino con questo disturbo tende a sovraccaricare il cervello di informazioni e la musica può renderli assordanti e le luci quasi accecanti.

È meglio evitare il disordine in casa perché la sua mente spesso è già confuso e vivere in un ambiente caotico non può che aggravare la situazione.

Non riempire eccessivamente le scatole dei giochi: devono essere i genitori a gestire, almeno inizialmente, le fasi di gioco del bambino che gli presentano solo pochi giocattoli per volta. Altrimenti il ​​rischio è avere un figlio che si stanca subito del gioco e non concentra la propria attenzione su nulla in particolare. Inoltre, per evitare comportamenti ripetitivi anche nelle attività ludiche, bisogna sempre variare la tipologia del giocattolo, senza limitarsi a assecondarne le preferenze.

Quindi, colori tenui, musica di sottofondo, spazio ordinato e giocattoli incrementali sono le parole chiave per una casa sicura per i bambini autistici.

Genitori e autismo

I genitori di un bambino autistico necessitano di un supporto specialistico nel percorso di crescita del bambino, guidandolo nelle normali strategie genitoriali e nei comportamenti emotivi e interpersonali Su. Può essere utile usufruire del cosiddetto Parent training, una formazione pensata appositamente per loro.

I genitori, ma anche tutte le persone che sono in contatto con il bambino autistico, come insegnanti e familiari , può dargli indicazioni specifiche Fornire assistenza affinché possa condurre una vita normale e, per quanto possibile, autonoma.

È anche possibile sfruttarne la unicità per migliorare la comunicazione e costruire un legame di fiducia.

Stare a casa per paura che il bambino abbia una crisi al supermercato o limitarsi ad uscire con gli amici perché il bambino non interagisce con i coetanei è inutile e non fa che peggiorare la situazione.

Spiegare sempre esattamente cosa intendi fare, come e per quanto tempo può aiutare a evitare delusioni e farli sentire importanti. Evitare frasi complesse, non dare troppe informazioni in una volta e parlare lentamente lo aiuta anche nella comunicazione verbale e nella comprensione.

Ayrıca bakınız: Come pulire pavimenti in ceramica | Consigli pratici e veloci

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button