Come

La Legge Di Analogia E Corrispondenza: Come In Alto, Così In Basso

La legge di analogia (detta anche legge di corrispondenza) è una legge universale, spesso abbreviata con la definizione ” come sopra, quindi sotto >. strong>”, espresso nel secondo punto della Tavola di Smeraldo e attribuito al leggendario Maestro di Saggezza Ermete Trismegisto. Questo “tre volte grande Ermete” era un sacerdote iniziato in un Egitto sapiente che ora chiamiamo “esoterico”, sebbene l’esatta biografia di questa persona straordinaria si perda nell’oscurità della storia. Molti dei principi esoterici gli sono attribuiti e sono considerati il ​​fondatore della filosofia ermetica. Scrisse la quintessenza di tutta la saggezza in quindici punti su una tavola verde smeraldo, la tavola smeraldo (lat. tabula smaragdina), che riporta al punto due la legge dell’analogia, di cui parleremo in questo articolo.

“Ciò che è in basso è come ciò che è in alto, e ciò che è in alto è come ciò che è in basso, per fare il miracolo di una cosa.”

Okuma: Come in alto così in basso

Parole, che, prese in questo modo, possono essere presi letteralmente dire tutto e niente, ma sono ancora oggi la chiave della filosofia ermetica. Cosa significa: “Ciò che è in basso è come ciò che è in alto, e ciò che è in alto è come ciò che è in basso”? È infatti la legge dell’analogia che a sua volta spiega la teoria micro-macrocosmica, un antico e potente costrutto teorico che unisce le leggi che governano il corpo e la psiche umana con le leggi che governano la terra, insieme a quelle che governano l’intero universo. “Fare di qualcosa il miracolo”, in altre parole.

In parole povere, possiamo dire che tutto ciò che accade in ogni luogo dello spazio, dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande, è soggetto alle stesse leggi. Ovunque nell’universo, sopra e sotto, “in cielo e in terra”, dentro e fuori, nel macrocosmo come nel microcosmo, su ogni piano di manifestazione lo stesso

La legge dell’analogia serve per capire che se, guardando l’immagine della struttura di un atomo nella tua mente, la sua controparte appare “in alto” non è un “caso”: il sistema solare . Non è un caso che osservando la catena del DNA umano, vediamo il movimento a spirale che possiamo osservare in molte forme naturali, fino alla composizione delle galassie. In breve, le stesse leggi valgono per l’infinitesimo piccolo come per l’infinitesimo grande. E viceversa. Analogie che effettivamente si verificano e si moltiplicano.

In verità, non siamo in grado di comprendere la maggior parte di queste analogie per un motivo molto semplice: abbiamo una cognizione molto limitata come esseri umani. Possiamo vedere solo una piccola porzione dello spettro luminoso, sentiamo solo frequenze che rientrano nei limiti di un campo specifico e abbiamo solo cinque sensi. Ad esempio, alcuni animali sono in grado di percepire suoni e colori inaccessibili all’uomo.

Ayrıca bakınız: PROPOSTA DI LOCAZIONE – FAC SIMILE E GUIDA

Stesso discorso per la nostra immaginazione, possiamo solo immaginare situazioni o realtà “medie”, se proviamo a immaginare qualcosa di estremamente piccolo o molto grande la nostra mente si spezzerebbe, perché non Non ho le formule per questo. Se qualcuno ti dicesse: “Immagina una distanza di tredici anni luce”, potresti immaginarlo in modo chiaro e netto come la distanza tra il tuo posto di lavoro e la tua casa? Oppure, se ti chiedessero di immaginare il muro di fronte a te come un insieme di particelle atomiche, potresti farlo con la stessa facilità con cui immagini i ciuffi d’erba su un campo da calcio?

Così possiamo diciamo che la nostra conoscenza e percezione sono sintonizzate su dimensioni “intermedie” e sfuggono a qualsiasi cosa al di sopra (“ciò che è al di sopra”) o al di sotto (“ciò che è al di sotto”) al nostro conoscenza ed è inutile se non attraverso le tecniche. Ecco quindi l’utilità di questa corrispondenza, “come in alto, così in basso”, una legge di analogia che ci consente di avere uno strumento in mano per passare attraverso la tecnica dell’analogia per trasferire le esperienze apportate mediamente ad altri piani a nostra disposizione.

Nel “Timeo”, scritto intorno al 360 aC da questo grande pensatore di Platone, indica come la struttura del nostro corpo molto simile a quello della terra i S. In noi scorrono “fiumi”, rappresentati dai fluidi corporei, nei polmoni c’è aria.Il nostro scheletro può essere ragionevolmente paragonato alla terra e alle pietre, e se stiamo cercando qualcosa che assomigli al fuoco, non è difficile per noi trovarlo nelle energie che emanano dai nostri corpi e dalle nostre menti.

Lo stesso Platone rimase molto colpito dal fatto che la forma sferica della nostra testa fosse stranamente diversa dalle forme allungate che caratterizzano il resto del corpo. Come a segnare una differenza strutturale tra alto e basso. Ed è proprio nello stesso “Timeo” che Platone descrive l’universo come un grande essere, dotato anche di un’anima collettiva, l’anima mundi, appunto.

La “La teoria umorale concepita da Ippocrate si basa sulla legge dell’analogia e rappresenta il più antico tentativo nel mondo occidentale di fornire una spiegazione eziologica per lo sviluppo delle malattie. In questa teoria, il corpo umano (microcosmo) è come la terra (macrocosmo): vive bene quando i suoi elementi fondamentali aria (cuore), acqua (testa), terra (milza) e fuoco (fegato) sono in armonioso equilibrio tra loro Altro. . Uno squilibrio di questi componenti porta a malattie.

Ci sono molti riferimenti che potrei riportare sulla legge dell’analogia, dalla medicina alla scienza, dall’arte all’astrologia, ma mi limito a dire che possiamo tranquillamente affermare che avremmo dovuto aspettare un molto tempo per Leonardo, Galileo e Newton senza l’insegnamento ermetico di “come in alto, così in basso”.

A questo punto c’è un importante chiarimento. Tutti coloro che apprezzano la legge dell’analogia hanno accettato una verità che a molti non piace. Cioè, l’analogia “come sopra, così sotto” può essere considerata una legge solo se si è disposti a riconoscere che l’universo nel suo insieme è un cosmo. E qui passiamo alla sua etimologia: dal greco kósmos = “ordine”.

Ayrıca bakınız: Treccia laterale: come farla alla francese, di lato e sui capelli sciolti – The Wom Beauty

In altre parole, accettiamo il fatto che siamo in un cosmo, un ordine in cui non c’è C’è spazio per “opportunità”. Non succede nulla per caso. Perché il solo fatto di ammettere il caso significherebbe accettare qualcosa che sfida le leggi, qualcosa che non può essere codificato e calcolato, che trasformerebbe istantaneamente il cosmo nel caos. Per illustrare questo, possiamo usare un’analogia:

Prendiamo un computer che rappresenta un piccolo cosmo. Un computer, insieme al relativo software, è costruito in base a determinate leggi e il suo corretto funzionamento dipende dal rispetto di tali leggi. Quando qualcosa di imprevedibile come un virus prende il sopravvento, questo “cosmo” artificiale inizierà a diventare un pasticcio e cercherà in ogni modo possibile di contenere e distruggere il virus prima che sia troppo tardi. Proprio come il nostro corpo. Qui lo stesso vale per il nostro pianeta. Per l’intero universo. Quindi, se stai leggendo questo, è perché c’è ancora un ordine molto specifico e le leggi che governano tutto. Dietro ogni evento c’è sempre una legge. E tu non leggi “accidentalmente” queste parole.

La legge dell’analogia è la stessa legge che ha portato il medico e alchimista svizzero Paracelso a sostenere che l’uomo è un microcosmo completo che contiene l’intero universo: “Non c’è niente in cielo o sulla terra che non esiste anche nell’uomo, e Dio, che è nei cieli, esiste anche nell’uomo, e i due sono uno». Basta tornare indietro nel tempo al racconto “Conosci te stesso” del Tempio di Delfi.

Ecco la “rivelazione” di quella Legge: Tutto è Uno e uniforme, tutto avviene – dentro di noi e fuori di noi, sopra e sotto – secondo un paradigma caratterizzato dalla semplicità e dalla moltiplicazione su diversi livelli, che si ritrova nelle strutture di base di ogni sistema vivente. Proprio come ogni cellula è una parte di noi, siamo anche una cellula di un organismo che possiamo chiamare terra. E anche il nostro pianeta è solo un organo di un essere vivente più grande, il sistema solare e così via.

Questo concetto lo spiega bene Gurdjieff quando parla del suo speciale “raggio “la Creazione”, in cui afferma che l’uomo non è altro che un “piccolo modello” dell’universo, un microcosmo nel macrocosmo. Lo studio dell’uomo e del cosmo deve essere sempre fatto insieme, perché quando sappiamo come funziona il cosmo (l’ordine), impariamo anche qualcosa su noi stessi e viceversa. Come sopra così sotto. Tutto torna.

Quello che non è vero è il contrasto che si crea con certe religioni che continuano a sostenere che tutto ruota intorno a “Dio” come se la creazione fosse solo per alcuni Giocattoli sparsi qua e là.E di conseguenza, tendiamo a credere che la volontà di questo “Dio” sia in contatto diretto con tutta la creazione e che sia in prima linea in tutti i giocattoli e nelle nostre vite individuali. Ciò che molti non notano è che questo fantasma “Dio”, “Uno”, “Creatore” ha creato leggi ben precise affinché tutto sia tenuto in ordine, in cielo come in terra, come in alto, così in basso, in risonanza e movimento sincronizzato con Tutto quanto. Compiere il miracolo di qualcosa.

“Se l’essere umano pensa un po’ a questo compito, si accorge presto che lui stesso come cellula ha un solo compito da compiere, ovvero quello è svolgere il servizio che gli è stato affidato nell’universo. Deve fare il possibile per essere una cellula tanto utile come si aspetta che lo siano le cellule del suo corpo, altrimenti diventerà lui stesso una cellula cancerosa di questo mondo. Se rinuncia volontariamente al suo incarico per assaporare la sua incompresa libertà, non dovrebbe sorprendersi di essere eliminato. Perché: come sopra, così sotto.” (Thorwald Dethlefsen – “Il destino come scelta”)

Ayrıca bakınız: Come abbassare la pressione in 5 minuti – Benessereblog

Tragicomico

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button