Come

Come capire se voglio un figlio: le domande da farsi – Donna Moderna

Come fai a sapere se vuoi davvero un figlio?

I motivi per cui vogliamo o non vogliamo un figlio sono ben nascosti dentro di noi. È difficile trovare la piccola chiave d’oro che possa aprire questa porta, ma puoi provare, ne varrà la pena. Perché vale sempre la pena essere onesti con se stessi, soprattutto considerando il fatto che… non siamo eterni. Esatto, è difficile da ammettere, ma è vero. Non avrai tempo per questo ogni giorno della tua vita: che si tratti di avere un figlio, quel progetto che rimandi da anni, o quel cambiamento che desideri, il momento giusto potrebbe non arrivare mai. In effetti, di solito succede proprio così. Non sembra mai essere il momento giusto . Per farlo, dobbiamo chiederci cosa vogliamo veramente… e agire.

Perché vuoi (o no) avere un figlio?

Sembra essere la più semplice di tutte le domande, così diretta da toccare la banalità. Ma non lo è, o meglio, la tua reattività non lo sarà. Una domanda semplice e diretta rivela un pezzo di pelle viva, motivo per cui è difficile rispondere alle domande dirette. Toccano ciò che non vogliamo mostrare agli altri, per non parlare di noi stessi.

Okuma: Come capire se si vuole un figlio

Puoi fare un elenco se vuoi. Mentalmente o per iscritto, per e-mail, per posta. Scrivi tutti i motivi per cui ogni tanto ci pensi e ti sentiresti pronto quell’impulso che ogni tanto scorre dentro di te, pronto a lasciarti andare e ad avere un figlio tutto tuo sogno proprio Quindi scrivi qualsiasi resistenza che devi immaginare con un bambino. Puoi aggiungere, eliminare, modificare. Prenditi il ​​tuo tempo . Ad esempio un mese. Una volta scritta, la tua lista potrebbe essere dimenticata in fondo a un cassetto, ma potresti ritrovarla dopo settimane (o mesi!) e diventerà un messaggio per te. Rileggerlo dopo un po’ è sempre una sorpresa, perché può svelare pagine e ragioni nascoste nel profondo di noi, che a posteriori sembrano quasi scritte da un estraneo. Un modo per capire quali pensieri e sentimenti ti appartengono davvero e quali no.

Dov’è la tua storia d’amore?

Quando dura una relazione d’amore? Anni o soprattutto quando si compiono trent’anni, succede così: o ti separi o hai un figlio. È tempo di pensarci. La persona con cui condividi la tua vita ti fa desiderare di espandere la tua cerchia d’amore? Perché un bambino dovrebbe essere così, nato dall’amore e dalla condivisione di un’esistenza che improvvisamente sembra troppo angusta. Ad un certo punto, dopo anni di conoscenze, si innesca la voglia di espandersi e di espandersi: può essere un bambino o la nascita di nuovi orizzonti, progetti, impegni. Una visione da realizzare insieme. Facciamo notare questo: non è necessariamente che devi avere un figlio. Anche se prendi la decisione consapevole di non avere figli, puoi essere felice insieme e magari concentrare le tue energie su altri progetti comuni.

Ayrıca bakınız: Com’è formato il Parlamento italiano: riassunto | Studenti.it

Quando la diversità fa vacillare i valori comuni, litighiamo sempre per gli stessi , problemi insormontabili. da anni, e le strade sembrano andare tutte per la propria strada, suona un campanello d’allarme.

Il desiderio di avere figli nasce dal desiderio di condividere il proprio amore con il proprio partner o si desidera un figlio perché pensi che ora sia il momento giusto ? A proposito, la persona con cui esci vuole figli? Sedersi e dirsi la verità è un atto di consapevolezza e onestà. Non sappiamo come andrà il futuro; possono stare insieme o separarsi, ma una cosa è certa: i figli non formano relazioni amorose e un uomo non dovrebbe essere scelto come padre a meno che non lo desideri davvero. Quando una relazione deve finire, è meglio affrontare i problemi immediatamente. Puoi pensare alla gravidanza da solo, è importante essere consapevoli di ciò che vuoi veramente ed essere onesti l’uno con l’altro.

Qual è la tua più grande paura?

Così caldo. Rispondi velocemente senza pensare. Scrivere le tue paure profonde della vita svelerà anche i motivi per cui hai istintivamente rimandato l’idea di avere un figlio. È positivo liberare le paure, è liberatorio. Spesso il no ci aiuta molto più del sì: accade perché contengono il segreto delle esperienze negative a cui resistiamo e che crediamo di non poter gestire.

Dentro, la tua resistenza all’idea di avere un figlio può nascondere le paure che, in realtà, una volta fuori alla luce del sole, rivelino un nuovo lato di te e la tua idea di famiglia . Può darsi che il solo pensiero di responsabilità ti metta in crisi.O la questione finanziaria ed economica, il tuo lavoro, la routine quotidiana o il fatto che ti stai chiedendo chi può aiutarti se puoi fare tutto da solo. Continuerò a cercare e ritrovarmi liberamente? È una domanda valida. Ogni paura è legittima, lascia correre tutte le tue paure. Scopri le tue paure profonde e cogli l’occasione per guardarle davvero, vedrai di cosa sono fatte. Spesso si tratta di domande e dubbi abbastanza ragionevoli e razionali.

Soprattutto, ricorda che chi decide di avere un figlio non finisce per farlo con ottime ragioni pratiche. Qualsiasi genitore ti dirà che ci sono state e ci saranno difficoltà, momenti di paura, momenti in cui tutto vacilla e magari lavoro e certezze si sgretolano proprio quando pensavi di averle trovate. Eppure chi ha figli si apre a una maggiore fiducia. Quello che dicono molti genitori è di aver trovato un nuovo potere, capace di trovare nuove soluzioni e certezze. Quindi non cedere alla motivazione più semplice e andare a fondo del problema. L’insicurezza è un problema comune, ma forse c’è una motivazione più profonda e personale che si nasconde dentro di te quando rimandi l’idea che un bambino stia aspettando una casa e uno stipendio migliori.

Come ti immagini in futuro?

Ayrıca bakınız: Magia, incantesimi e riti per far tornare un ex: i migliori 7

Il cervello funziona per immagini, ce lo ricorda la neuroscienza. Ciò significa che le “fotografie” che alimentiamo la nostra immaginazione sono molto più schiette delle parole che ci raccontiamo. Potresti non averlo notato, ma a volte (molto più che a volte!) ciò che diciamo di volere non è quello che vogliamo veramente. Ci sono persone, forse ne conosci qualcuna, che hanno lavorato duramente per raggiungere un obiettivo. Ma una volta raggiunto l’ambita meta, hanno sorprendentemente scoperto che… non erano nel posto giusto! In questi casi ci sono due opzioni: o continui ostinatamente lungo il percorso che la tua testa ha determinato, o cambi rotta. Ci vuole molto coraggio per cambiare perché significa abbandonare tutti i riferimenti conosciuti e disegnare una nuova mappa. Il corpo aiuta, perché quando zittiamo i nostri sentimenti piano piano inizia a segnalarci che qualcosa non va: il termine “psicosomatico”, banalmente liquidato come sintomo creato dalla mente, identifica un nodo complesso, ancora in gran parte sconosciuto, per quanto riguarda il corpo, la mente, le emozioni, lo stress.

Come ti sei immaginato di “crescere”? Torna alla tua infanzia, anche tu eri una bambina. Di cosa ha bisogno la bambina che vive ancora dentro di te? Le risposte potrebbero sorprenderti perché il nostro lato bambino non pensa con tutti gli schemi che abbiamo imparato da adulti per affrontare la vita di tutti i giorni.

Quali sono le tue certezze?

Im Per tutta la vita, sintetizziamo le esperienze per trarre utili lezioni in futuro (e per aiutare il cervello a prendere decisioni rapide e automatiche). Questo processo riguarda la formazione delle abitudini: un costrutto molto utile, ma che può ritorcersi contro. Da un lato l’abitudine ci dà sicurezza, dall’altro blocca il nuovo. Perché ogni novità è un salto nell’ignoto oppure, è puro sconosciuto e per il computer nella nostra testa… suona davvero pericoloso!

Ci sono donne che hanno amato e sognato di avere figli sin dalla tenera età, che coccolano gli amici e si offrono di fare da babysitter in ogni occasione, per poi scoprire, una volta sola con il proprio bambino, che un impegno anche neonato, senza senso urla che non si calmano, capelli sporchi e occhiaie sotto gli occhi, perdita di pazienza, sonno e nervosismo. Al contrario, le donne che hanno avuto poco a che fare con i neonati si sono evolute in madri appassionate e giocose, capaci di crescere in modo indipendente e avventuroso insieme ai propri figli. Ad esempio, che tipo di madre avevi? In che modo la tua famiglia ha influenzato l’idea della madre che dovresti o vorresti essere?

Siamo prigionieri delle nostre certezze e delle idee che abbiamo su come dovrebbero andare le cose. Questi schemi sono fondamentalmente come fotocopie in cui è possibile colorare all’interno dei margini ma non a mano libera. Non ce ne rendiamo mai conto, ma molte delle nostre certezze assolutiste, positive o negative, non vengono da noi ma da molto lontano. Non ci appartengono davvero. Dentro racchiudono poche verità e molti giudizi, credenze basate su fondamenti teorici, spesso da altri. Prendi il tuo foglio bianco e inizia a disegnare, libera la mente. Fai uscire quello che senti nel profondo e un antico istinto ti dirà finalmente la verità del tuo cuore.Qualunque direzione prendano le tue scelte, la sensazione di pace intensa ti fa sapere che sei sulla strada giusta.

Ayrıca bakınız: Passion fruit: come si mangia il frutto della passione? – FruttaWeb

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button