Come

Denuncia lavoro nero: come si fa?

Che cos’è il lavoro nero?

Il lavoro sommerso, noto anche come “non dichiarato” e “irregolare“, si verifica quando un’azienda assume lavoratori subordinati senza regolare contratto o senza preavviso l’assunzione ai fini INPS, INAIL, ecc. è ignara dell’attività svolta da una persona. La conseguenza diretta è il mancato pagamento delle tasse necessarie e mancato pagamento dei contributi necessari per percepire la pensione. Tuttavia, è evidente che il lavoratore è gravemente danneggiato da una situazione del genere, in quanto ha diritto a una pensione più bassa per le decisioni aziendali di denunciare il lavoro nero?

Ma non è tutto. Il lavoratore non è tutelato in alcun modo in termini di sicurezza sul lavoro, ma anche diritto a ferie, malattia, maternità, ecc.

Okuma: Come denunciare una persona che lavora in nero

È fondamentale capire come agire in questi casi, senza dover preoccuparsi degli effetti negativi.

Esistono tre modalità per sporgere denuncia:

  • all’autorità di controllo competente per territorio
  • presso la Guardia di Finanza
  • con una controversia sindacale

Proviamo quindi ad analizzare le diverse alternative di seguito.

Leggi anche: Lavoro sommerso: cosa sono a rischio inquilini e locatori?

Denuncia il lavoro sommerso all’autorità di vigilanza

Chi lavora in nero e vuole il tuo Diritti di rivendicazione , puoi contattare l’Ufficio dell’ispettorato del lavoro per richiedere un’ispezione della questione.

L’interessato può venire di persona o inviare una raccomandata con avviso di ricevimento o una posta elettronica certificata. C’è da dire subito che non è possibile fare richieste anonime, pertanto il dipendente è costretto a identificarsi.

In ogni caso è garantita la riservatezza del soggetto , poiché nei primi minuti di accesso ispettivo e nei successivi documenti non è rilevata l’identità del dipendente che ha sporto denuncia inserito. Questo viene fatto proprio per evitare che la parte interessata subisca conseguenze e ripercussioni negative.

Leggi anche: Controllo account aggiornato: come funziona?

Ayrıca bakınız: Film Marvel in ordine cronologico: come guardare film e serie TV del MCU

Per rendere tutto più efficace, ha senso allegare prove documentali alla denuncia di lavoro nero, quindi tutte le ricevute di pagamento, le note sull’orario di lavoro, i dettagli del lavoro compiute e testimonianze.

Denunciare il lavoro nero alla Guardia di Finanza

Quando si parla di lavoro nero si fa inevitabilmente riferimento a evasione fiscale, in quanto l’azienda non rispetta gli obblighi che le vengono imposti

Il lavoro illegale di una persona danneggia per anni non solo l’interessato, ma anche l’erario dello Stato. In questo senso si crea una sorta di circolo vizioso attraverso il quale l’aumento del lavoro nero determina l’aumento delle tasse per i lavoratori assunti e, di conseguenza, un’ulteriore volontà di non sottrarsi alla regolarizzazione dei contratti a fronte di tante spese economiche, solo attraverso un cambio di mentalità è possibile fermare una situazione che negli anni è cresciuta. Il primo passo deve essere fatto dagli stessi lavoratori, che devono conoscere i propri diritti e agire per farli valere.

Leggi anche: Straordinario non retribuito: come agire?

È possibile contattare la Guardia di Finanza compilando un fax della denuncia di lavoro nero disponibile online inserendo i seguenti dati:

  • estremi del segnalante
  • la sede della società dove si svolgono o si stanno svolgendo attività irregolari
  • documenti giustificativi

In alternativa potete rivolgervi personalmente agli uffici oppure delegare qualcuno . In ogni caso, l’identità del soggetto che ha effettuato la segnalazione non sarà divulgata alla società.

Denunciare lavoro illegale con controversia sindacale

Un lavoratore che svolge il proprio lavoro senza regolare contratto, può contattare il proprio sindacato per segnalare la situazione.

Leggi anche: Savingsmeter: cosa controlla e a chi si applica?

In tal caso verrà avviato un tentativo di conciliazione tra le parti , che coinvolgerà anche altri organi quali l’Autorità di vigilanza, l’INPS e l’Inail. Qualora non si raggiunga un accordo, la parte interessata può decidere di sporgere denuncia presso il tribunale del lavoro con il supporto di un avvocato competente in materia.

Vale la pena sottolineare la possibilità di chiedere un risarcimento per tutti i contributi non versati durante il periodo di attività irregolare.

Le sanzioni previste per il 2019

Ayrıca bakınız: Cosa fare se lamministratore di condominio non interviene?

Visto nei paragrafi precedenti come è possibile denunciare il lavoro nero, vediamo ora quali sanzioni destinate alle aziende che non rispettare le leggi nel 2019.

Le principali conseguenze per le attività che decidono di assumere lavoratori senza regolare contratto sono di due tipi:

  • amministrative : sanzioni
  • Civile: Pagamento di tutti i contributi non pagati, stipendi, straordinari e TFR al dipendente

Ma vediamo a cosa esattamente vengono stanziati gli importi dopo Legge di Bilancio 2019:

  • per usi irregolari fino a 30 giorni effettivi: da 1.500 a 9.000 euro
  • da 31 giorni a 60: da 3.000 a 18.000 euro
  • oltre 60 giorni : da 6.000 a 36.000 euro

Tuttavia, se le violazioni vengono rilevate dopo il 1 gennaio 2019, le sanzioni aumenteranno del 20%.

Sono invece esclusi i datori di lavoro domestici e i rapporti con i lavoratori autonomi per i quali non sia stata inviata preventiva comunicazione.

L’azienda può ottenere riduzioni di penalità se il lavoratore è dipendente da almeno 120 giorni con contratto a tempo indeterminato Contratto

Se invece almeno il 20% dei lavoratori lavora in modo irregolare, l’attività sarà sospesa.

Cosa rischia il dipendente?

Finora abbiamo parlato delle conseguenze negative per l’azienda se non rispetta la legge. Ma cosa succede quando il dipendente diventa complice per ottenere determinati benefici?

A volte il lavoratore non è vittima della situazione, ma responsabile in ogni modo di ciò che accade.

Ad esempio, l’interessato potrebbe avere benefici dal lavoro nero, poiché ha lo stipendio e contemporaneamente la disoccupazione o il Naspi In una situazione del genere, il dipendente rischia davvero molto, poiché l’assegno verrà revocato e potrebbe essere costretto a restituire tutte le somme percepite senza averne diritto.

Ma non solo, si tratta in realtà di una truffa ai danni dell’INPS , punibile a norma di legge.

Ayrıca bakınız: Come Farsi Passare Una Cotta Per Un Collega – Tiamomolto.it – La rete dell&039amore

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Check Also
Close
Back to top button