Come

Tutori per i pomodori: come costruire e legare i sostegni

I pomodori sono piante molto produttive, ma hanno un fusto piuttosto slanciato: per evitare che cadano sotto il peso del frutto durante la coltivazione, è bene porre dei paletti. Pertanto, come per altre piante rampicanti o rampicanti, come cetrioli, piselli, fagioli, è necessario costruire una struttura per sostenerle affinché crescano in altezza.

Lo scheletro del pomodoro deve essere progettato in modo tale da garantire stabilità e robustezza nel tempo, dando alla pianta la possibilità di crescere secondo la propria postura e integra e sana per dare frutto.

Okuma: Come legare i pomodori ai sostegni

La pianta di pomodoro non è una specie auto-rampicante, quindi oltre a preparare il supporto, è necessario ricordarsi regolarmente di legarlo ai supporti.

Ci sono diversi modi in cui possiamo sostenere le nostre piante: basta girovagare tra gli orti per trovare soluzioni diverse ea volte fantasiose. Scopriamo insieme quali tipologie di supporti si possono creare per dare al pomodoro un sostegno adeguato e come legare il gambo in fase di coltivazione.

Perché sostenere i pomodori

Sostenere i pomodori è importante: previene la rottura delle parti della pianta formando frutti che spesso sono piuttosto pesanti

Consente inoltre alla pianta di ricevere la giusta luce e crescere staccata dal terreno, evitando la conseguente eccessiva umidità che favorisce malattie come la peronospora.

Ayrıca bakınız: Come eliminare le formiche dalla casa: prevenzione e rimedi | Il Germoglio

Purtroppo l’allestimento di pali o pali di sostegno è troppo spesso trascurato da chi coltiva: la tendenza è quella di concentrarsi sulla lavorazione del terreno e sulla concimazione e la struttura sbagliata all’ultimo momento per compiere. Questo può avere spiacevoli conseguenze: in caso di forte vento, temporali o quando la pianta inizia a produrre frutti, il tralcio principale può rompersi e danneggiare irreparabilmente i nostri ortaggi.

Un altro difetto comune della pianta sono gli steli dopo il le piantine hanno messo radici : C’è un rischio inutile di danneggiare il giovane apparato radicale. Pensiamoci prima!

Tutor fai-da-te: ecco tre tecniche

Prima di elencare tutti i possibili metodi di impalcatura, diamo un’occhiata al video tre tecniche fai-da-te piuttosto semplici per utilizzare il Per sostenere i pomodori: dal tubo singolo al metodo a filo.

Strutture di supporto

Passeggiando per i giardini capita di vedere molti supporti diversi: i coltivatori fanno del loro meglio per sperimentare diverse impalcature per sostenere la pianta di pomodoro. Scopriamo le strutture più funzionali ed evidenziamo i punti di forza e di debolezza di ognuna.

La scelta della struttura è fondamentale affinché luce e aria siano meglio distribuite in tutta la pianta, il frutto raccolto sia integro e meno suscettibile ai parassiti.

Durante la fase di selezione Occorre valutare il portamento di crescita della pianta di pomodoro che si vuole coltivare, dipende dalla varietà:

  • Pomodori a crescita specifica: il la pianta sta raggiungendo una certa altezza, quindi può essere sufficiente assumere un semplice supporto verticale (paletto) non troppo alto.
  • Pomodoro a crescita indeterminata: la pianta cresce continuamente, se non circonciso. Necessita quindi di più spazio e di una struttura che lo sostenga in altezza.

Struttura a gabbia

Un grande classico per costruire un supporto stabile fatto di puntoni, è la cosiddetta “gabbia” , un sistema che viene spesso utilizzato da giardinieri e coltivatori professionisti. In realtà, è molto facile realizzare questo tipo di gabbia con un po’ di fai da te.

Ayrıca bakınız: Casetta per conigli fai da te – Bricoportale

Basta procurarsi della rete d’acciaio, del filo metallico e dei paletti che serviranno per tenere la struttura in posizione e fissarla nel terreno. Fondamentalmente, viene creata una “recinzione” che circonda la pianta ed è almeno il 60% dell’altezza finale della pianta. La recinzione viene chiusa fissando la rete con filo. La struttura può essere ulteriormente fissata a terra con pali ad “U” in filo di ferro.

Questo è un ottimo sistema se non hai molte piante in giardino in quanto richiede poco lavoro. La gabbia è riutilizzabile all’infinito e richiede materiali economici. Tuttavia, l’impianto per la coltivazione, soprattutto per la raccolta, non è facilmente accessibile.

Palo di Stoccaggio Verticale o “Canne”

Questo è il metodo più semplice: un palo piantato verticalmente a cui si può attaccare lo stelo principale.

Tra i supporti verticali utilizzabili in giardino ci sono:

  • Pali di bambù
  • Pali di legno
  • PVC Aspire

Fanno tutti egregiamente il loro lavoro, il PVC è significativamente più resistente alle intemperie, ma non è certamente una scelta “organica” da incorporare nel giardino di casa. Legno e bambù sono materiali rinnovabili e facilmente reperibili e sono quindi consigliati. Inoltre, sono disponibili anche in natura senza doverli acquistare.

I pali possono essere posizionati in file o piantati per ogni singola pianta. L’importante è piantare i picchetti prima di trapiantare le giovani piantine: altrimenti rischi di danneggiare le giovani radici conficcando il picchetto nel terreno e vicino alla pianta spingendo inutilmente il carico della pianta. P>

Di norma, i picchetti singoli sono adatti a piante con una determinata crescita per evitare che il sovrappeso di piante molto alte o eccessivamente fertili provochi danni irreparabili al vaso della pianta.

Ayrıca bakınız: Come mettere la matita per ingrandire l&039occhio – cocooners

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button