Come

TFR in Busta Paga: Cos&039è, Dove Si Vede e Come Si Calcola

Il TFR è regolato in Italia da 40 anni. Questo strumento è rivolto ai dipendenti del settore pubblico e privato. Tuttavia, per prendere le decisioni giuste e comprendere i vantaggi del TFR, è necessario conoscerlo. Quindi in questo articolo cerchiamo di dare una panoramica dello strumento.

Che cos’è il TFR?

Il trattamento di fine rapporto (TFR), detto anche liquidazione, è una componente della retribuzione dei dipendenti che viene maturata mensilmente dal datore di lavoro ed corrisposta alla cessazione del rapporto di lavoro, indipendentemente dal motivo della cessazione, ad esempio la pensione.

Okuma: Tfr in busta paga come si legge

Calcolo TFR in busta paga

Per calcolare l’importo annuo del TFR è sufficiente dividere la retribuzione annua comprensiva della tredicesima e quattordicesima per 13,5. Il rateo è rivalutato in misura fissa dell’1,5% in relazione ai mesi effettivamente lavorati nell’anno maggiorato di una quota legata al CPI Istat.

In particolare si effettua il calcolo del TFR come segue:

  • per ogni anno di servizio viene calcolato un importo pari alla retribuzione annua totale divisa per 13,5;
  • si aggiungere i contributi annuali precedenti;
  • Lo 0,5% di tale quota è destinata all’INPS a titolo di contributo pensionistico;
  • l’aumento dell’indice dei prezzi al consumo al 31 dell’1,5% più 75% fissato dall’Istat

Che cos’è la busta paga?

La busta paga è un documento che viene inviato mensilmente al dipendente con l’obiettivo di pagargli lo stipendio, farlo percepire i contributi pensionistici e accantonare il TFR mensile.

  • La busta paga è divisa in tre parti:

1) La parte superiore

Qui troviamo il nome dell’azienda, Numero di iscrizione INPS, PAT INAIL, dati identificativi del dipendente e dati di rendicontazione.

Ayrıca bakınız: Campane Tibetane: Cosa sono, a cosa servono e benefici

2) Il corpo

Ecco invece tutti gli elementi mensili riconosciuti quali stipendio lordo, premi, assenze, malattia e/o o indennità infortuni, cassa integrazione, permessi richiesti, ferie godute, premi e straordinari.

3) La parte bassa

Qui, invece, là sono le trattenute effettuate nel mese di stipendio lordo del dipendente, la retribuzione utile per il calcolo del bonus INAIL, le trattenute, i contatori progressivi delle ferie e dei permessi accumulati, il TFR e il netto

vedi il TFR sulla busta paga?

Il trattamento di fine rapporto si trova in fondo alla busta paga e mostra sia quanto hai accumulato nel mese di riferimento sia quanto è stato risparmiato nel tempo. Molto spesso le buste paga riportano anche l’importo del TFR dell’anno precedente. In questo caso troverete la scritta: “Fondo TFR al 31/12”.

Anticipare il TFR

Non tutti possono richiedere un anticipo sul TFR. Solo il lavoratore dipendente che abbia almeno 8 anni di servizio presso lo stesso datore di lavoro può richiedere l’anticipo. Tuttavia, l’importo non può superare il 70% dell’importo maturato. La richiesta deve essere motivata anche da esigenze particolari, ad es. Ad esempio spese sanitarie o acquisto di una casa. Tutto deve poi essere supportato da documenti comprovanti la questione.

Come viene tassato il TFR

Il TFR rimasto in azienda dopo il pensionamento è soggetto ad aliquote IRPEF per far fronte ai diritti pensionistici. Se invece è destinata alla previdenza complementare, l’aliquota d’imposta è molto più bassa, tra il 15% e il 9%. Prima inizierai a fare accantonamenti per la tua pensione e ad destinare il TFR, prima raggiungerai la quota del 9%. In breve, la differenza di trattamento fiscale è molto evidente.

TFR e Pensione

Ayrıca bakınız: Puntura (morso) di zecca: sintomi, foto, pericoli, come toglierla

I dipendenti possono scegliere di mantenere il TFR in azienda per poi riceverlo in pagamento, oppure di far versare i contributi mensili in un fondo pensione. Mantenerlo in posizione significa rivalutare insieme alla media mobile a 5 anni del PIL italiano e sappiamo che le prospettive di crescita potrebbero non essere entusiasmanti. Investirlo invece in un piano pensionistico, perlopiù equità per i più giovani, più equilibrato per chi si avvicina alla pensione, è la strada da percorrere.

Quanto guadagnerà il mercato globale nei prossimi 15, 20, 25 o 30 anni? La storia e il buon senso suggeriscono che produrrà molto di più della media mobile a 5 anni del PIL italiano. Secondo le nostre stime, un lavoratore di 40 anni che guadagna $ 2.000 netti in un’azienda con meno di 50 dipendenti potrebbe aver accumulato più del doppio del capitale se avesse scelto di investire nella pensione piuttosto che nel TFR.Una differenza stimata del 110%. Siamo consapevoli che la fortuna di poter trasferire il trattamento di fine rapporto all’interno di un fondo pensione non vale per i lavoratori autonomi, perché ovviamente non hanno il trattamento di fine rapporto… Vi consigliamo aprire un PIP per iniziare a soddisfare quanto prima i requisiti per portare il tasso dal 15 al 9%. Lo stesso vale per i dipendenti pubblici. Il trattamento di fine servizio, cd TFS, purtroppo non è una vera e propria determinazione e non può essere trasferito internamente al PIP. Tuttavia, ciò non significa che non devi pensare alla pianificazione pensionistica e ai vantaggi che la pianificazione pensionistica può apportare. In qualità di dipendente privato, ti consigliamo di trasferire immediatamente il TFR a un fondo pensione. Sappiamo che se sei un lavoratore autonomo o un dipendente pubblico, non potrai beneficiare dei vantaggi sopra descritti. Cmq pensa al tuo futuro e apri ancora un PIP.

Conclusione

Sapere dove si trova il TFR nella busta e quanto ha accumulato è un aspetto molto importante nella vita di un lavoratore. Come detto, questo strumento può confluire in un fondo pensione e godere di tutti i benefici del caso oppure rimanere in azienda a seconda degli strumenti forniti da ciascuna attività. Il trattamento di fine rapporto è importante anche perché può aiutarti nei momenti cruciali della tua vita, ad es. B. acquisto casa o spese mediche impreviste. Tieni presente che la richiesta di anticipo TFR deve seguire delle regole e solo il 70% dell’importo versato negli anni può essere concesso.

Domande frequenti

Quando compare il TFR sulla busta paga? Il TFR va in busta paga al termine del rapporto di lavoro, a prescindere dal motivo.

Cosa significa pagare il TFR imponibile in busta paga? Il TFR imponibile in busta paga è pari alla somma di tutte le quote a lui spettanti, maturate durante l’intero periodo di collaborazione con il datore di lavoro

Come viene calcolato il TFR per un mese? Il TFR si calcola prendendo la somma della retribuzione annua percepita (al lordo delle imposte) divisa per 13,5

Ayrıca bakınız: I vulcani: come si formano? Che cosa li alimenta? Quanti tipi di eruzioni esistono? – FocusJunior.it

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button