Come

Ragdoll, il gatto che assomiglia a un cane – I Miei Animali

Se chiediamo ad altri di usare un aggettivo per descrivere il gatto, è facile trovare termini come “indipendente”, “odioso” o “solo”. Ma se ami i gatti, ti rifiuterai di usare queste parole e oggi ti daremo un altro motivo per farlo. Esiste infatti un gatto molto particolare con tratti molto simili ai cani. Parliamo del ragdoll.

Perché diventa come un cane? Perché il suo carattere è molto più simile a quello del migliore amico dell’uomo che a quello di un gatto. Oggi lo conosceremo a fondo e, perché no, forse ne deciderai uno anche tu.

Okuma: Gatto che si comporta come un cane

Cosa distingue il Ragdoll dagli altri gatti?

Innanzitutto ciò che distingue questo gatto da tutti gli altri è il suo carattere poco indipendente, simile a quello dei cani. Raramente si separerà da te, né ti eviterà quando lo evocherai. Risponderà sempre al suo padrone, cercando attenzioni e coccole, restituendovi naturalmente tutto il suo amore.

È un gatto ideale per i bambini che vanno d’accordo con altri gatti e cani o qualsiasi altro animale che hai in casa. Proprio come un cane, il Ragdoll ti accoglierà ogni volta che varcherai la porta d’ingresso. Vorrà sempre stare accanto a te e se smetti di prestargli attenzione, ti seguirà piangendo ovunque tu vada. Sì, un vero ricattatore di emozioni.

Si dimostra anche un ottimo padrone di casa quando si tratta di ospiti, poiché anche lui si lascerà coccolare da loro. Un’altra carezza non fa mai male!

Come un gatto con un personaggio cane, puoi giocare con lui lanciandogli oggetti e lui li inseguirà. Se ti piacciono le attività in famiglia, sai che viene da te ogni volta che ti vede sorridere e divertirti. Fa anche parte della famiglia e ama giocare. Infine la sua intelligenza è superiore a quella degli altri gatti – non aspettarti di vederlo bloccato in una scatola e non puoi uscire! Questo non accadrà al Ragdoll.

Caratteristiche del Ragdoll

Storia e origine

Ayrıca bakınız: Voucher: cosa sono e come funzionano | Guidainfografica

Il Ragdoll è un incrocio tra diverse razze di gatti, la maggior parte delle quali sconosciute. La sua nascita risale in realtà a un esperimento di una donna di nome Ann Baker, la “creatrice” di questo particolare felino.

Lei possiede già un gattino bianco, Ann un giorno ha pensato che gli sarebbe piaciuto un gatto un po’ diverso dagli altri. Probabilmente aveva già in mente un’immagine molto specifica del gatto dei suoi sogni. Senza perdere tempo, iniziò ad incrociare più volte il suo gattino, sempre con gatti di specie diverse, fino ad arrivare al Ragdoll.

Successivamente sarebbe stata ufficialmente riconosciuta come razza.

Caratteristiche fisiche

Il suo pelo è liscio e di media lunghezza. La coda è spessa e soffice, molto simile a quella dei gatti persiani. Potrebbe essere una delle razze usate nell’esperimento di Ann? Possibile. Per prendersi cura in modo ottimale della coda e del pelo del tuo Ragdoll, è necessario pettinarlo a secco almeno tre volte a settimana.

Il mantello del Ragdoll può essere di una varietà di colori, ma la coda e le zampe sono sempre più scure rispetto al resto del corpo.

La loro struttura corporea è robusta e forte, ma piuttosto lunga: è difficile trovare un pupazzo di pezza obeso.

Ayrıca bakınız: Lo yogurt fa bene o fa male? Ecco tutta la verità

La sua testa è grande ea forma di triangolo e ha due bellissimi occhi azzurri. Anche se le sfumature variano, gli occhi sono sempre azzurri.

Stranezze sul Ragdoll

Una delle caratteristiche più curiose è il loro nome, che significa ragdoll. Gli è stato dato questo nome per due motivi: primo, perché i ragdoll sembrano non avere massa corporea quando nascono poiché i loro muscoli sembrano intorpiditi. Secondo, perché quando vengono accarezzati, si rilassano finché non appaiono senza vita.

Non miagolano quasi mai, ma la loro voce è potente e preferiscono avvisarti dicendo che hanno fame e fanno lievi rumori.

A loro non piacciono le altezze. Spinti dalla passione per le coccole, preferiscono restare sul divano e aspettare che qualcuno li accarezzi.

Vengono utilizzati anche nelle sedute terapeutiche, soprattutto negli anziani. L’affetto e l’amore che offrono li fa sentire amati e utili, il che migliora il loro umore e l’autostima.

È un gatto? È un cane? No, è un ragdoll!

Ayrıca bakınız: Caffè del nonno: la ricetta veloce della crema di caffè buona come al bar

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button