Come

Tumore ai testicoli: sintomi, fattori di rischio e sopravvivenza

Introduzione

I testicoli sono ghiandole che fanno parte del sistema riproduttivo maschile. Ogni uomo ha due testicoli e questi si trovano sotto il pene, in una sacca chiamata scroto. Possono anche essere chiamati gonadi.

I testicoli sono responsabili della produzione di sperma e testosterone, un ormone che svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo degli organi riproduttivi e dei caratteri sessuali maschili secondari.

Okuma: Come riconoscere un tumore al testicolo

Il cancro ai testicoli si verifica quando le cellule normali mutano e crescono senza controllo, formando una massa chiamata tumore. Un tumore può essere

  • benigno (non canceroso),
  • maligno (canceroso, nel senso che può diffondersi ad altre parti del corpo).

Il sintomo più comune del cancro ai testicoli è la presenza di un nodulo o gonfiore indolore in uno dei testicoli; può variare di dimensioni, essere paragonabile a un pisello o anche essere molto più grande.

Altri sintomi possono includere:

  • dolore sordo nello scroto,
  • Pesantezza nello scroto

I tumori testicolari sono classificati in base al tipo di cellule in cui si verificano; La forma più comune si sviluppa nelle cellule che producono spermatozoi chiamate cellule germinali, ed è quindi chiamata tumore delle cellule germinali. Rappresenta il 95% dei casi.

Esistono due categorie distinte di tumori a cellule germinali:

  • seminomi, che rappresentano più della metà dei casi di cancro ai testicoli,
  • non seminomi , che generalmente tendono a crescere e metastatizzare (diffondersi) più velocemente.

Entrambe queste forme rispondono bene alla chemioterapia.

L’articolo si concentra solo sui tumori a cellule germinali (seminoma e non seminoma) dei testicoli nei maschi che hanno raggiunto la pubertà.

Diffusione e sopravvivenza

Questo è un tumore relativamente raro da un punto di vista generale, anche se è il tumore più comune nei maschi nella fascia di età fino a 50 anni.

Ayrıca bakınız: Come smetterla di facilitare nella vita i figli cresciuti

È curabile in quasi il 95% dei casi, percentuale che scende al 75% se si considera il caso di metastasi.

Metastasi

Sono possibili metastasi nelle forme più avanzate:

  • fegato,
  • linfonodi,
  • polmoni.

Sintomi

Le persone con cancro ai testicoli possono manifestare vari sintomi o segni, ma a volte questi non compaiono affatto o possono essere causati da una malattia diversa dal cancro, come

  • Spermatocele (cisti non cancerosa che si sviluppa nell’epididimo vicino alla punta del testicolo),
  • Varicocele (ingrossamento dei testicoli). vasi sanguigni del testicolo),
  • Idrocele (accumulo di liquido nella membrana che circonda il testicolo),
  • Ernia (apertura nel muscolo addominale).

Il primo sintomo del cancro ai testicoli è spesso l’allargamento del testicolo stesso o la presenza di un piccolo nodulo o area dura che può essere indolore o dolorosa.

Il nodulo (o gonfiore) dovuto al tumore può avere le dimensioni di un pisello o di una biglia se preso in anticipo, ma nel tempo può diventare molto più grande. Qualsiasi nodulo, ingrossamento, area dura, dolore o dolorabilità atipica del testicolo deve essere valutato da un medico il prima possibile. Anche un testicolo molto rigido o duro può essere un segnale allarmante.

Altri sintomi possono passare inosservati fino a quando il cancro non è progredito e si è diffuso ad altre parti del corpo. Auto-esami testicolari regolari ed esami medici possono aiutare a rilevare il cancro in una fase iniziale, quando è più probabile che l’intervento chirurgico abbia successo. Se sei preoccupato per qualsiasi sintomo o segno, dovresti consultare un medico.

I sintomi del cancro ai testicoli possono includere anche:

  • Dolore o fastidio (con o senza gonfiore) in un testicolo o scroto che può andare e venire. Il dolore può essere causato da una varietà di condizioni, tra cui infezioni, lesioni, torsioni e cancro. L’infezione testicolare è chiamata orchite, epididimite invece di epididimite. L’epididimo è un piccolo organo attaccato al testicolo ed è costituito da tubi a spirale che espellono lo sperma dal testicolo. Se si sospetta un’infezione, il medico può prescrivere antibiotici. Se gli antibiotici non risolvono il problema, spesso vengono eseguiti i test per il cancro ai testicoli.
  • Cambiamento che si può avvertire alla palpazione del testicolo, che può essere percepito come una consistenza diversa rispetto agli altri, ad esempio, o il cancro che provoca l’ingrossamento o la contrazione del testicolo.
  • Una sensazione di pesantezza nello scroto, ma è un sintomo comune anche in condizioni minori come il varicocele.
  • Dolore sordo al basso ventre o all’inguine.
  • Accumulo improvviso di liquido nello scroto.

Gli uomini con questo tumore hanno un aumentato rischio di coaguli di sangue nelle vene, che possono causare gonfiore a una o entrambe le gambe e difficoltà respiratorie (dispnea). Gonfiore o respiro sibilante a causa di un coagulo di sangue in una vena profonda (chiamata trombosi venosa profonda o TVP) o un’arteria polmonare (chiamata embolia polmonare) in un uomo di mezza età può essere il primo segno di cancro.

Se il tumore si diffonde ad altre parti del corpo, possono comparire altri sintomi e ciò si verifica in circa il 5% dei casi; Gli obiettivi più comuni delle cellule metastatiche sono i linfonodi addominali e polmonari, meno comunemente il fegato, il cervello e le ossa.

I sintomi dei tumori metastatici possono includere:

  • respiro corto, dolore toracico, tosse e sangue nell’espettorato (flemma),
  • zona lombare dolore ,
  • dolore sordo nel basso addome,
  • ingrossamento o dolorabilità del seno (sebbene raramente alcuni tumori testicolari producano ormoni che fanno sì che il tessuto mammario diventi tenero o gonfio, una condizione nota come si chiama ginecomastia),
  • grumi o gonfiori al collo .

Fattori di rischio

Ayrıca bakınız: Come dormire dopo un intervento alla spalla? – EvergreenWeb

Un fattore di rischio è qualcosa che aumenta la probabilità di ammalarsi di cancro. Sebbene i fattori di rischio spesso influenzino lo sviluppo del cancro, la maggior parte non è la causa diretta. Alcune persone con più fattori di rischio non svilupperanno il cancro, mentre altre senza fattori di rischio noti si ammalano. Tuttavia, conoscendo i tuoi fattori di rischio e discutendoli con il tuo medico, puoi prendere decisioni più sensate sul tuo stile di vita e sull’assistenza sanitaria.

I seguenti fattori possono aumentare il rischio di sviluppare il cancro ai testicoli, ma è importante tenere presente che la causa di questo tipo di cancro è sconosciuta.

  • Età . Il cancro ai testicoli è più comune negli uomini di età compresa tra 20 e 40 anni.
  • Criptorchidismo (testicoli ritenuti). Questa condizione patologica, in cui uno o entrambi i testicoli non scendono nello scroto come di consueto prima della nascita, è il principale fattore di rischio; L’impossibilità di discendere i testicoli si verifica in circa il 3-5% della popolazione maschile, ma nella maggior parte dei casi la situazione si risolve spontaneamente nel primo anno di vita. Se ciò non accade, è sufficiente un intervento chirurgico per riposizionare il testicolo nello scroto. Se la discesa, naturale o dopo l’intervento chirurgico, avviene prima dei 6 anni, il rischio di cancro è significativamente ridotto, mentre gli uomini con uno o entrambi i testicoli che non sono mai scesi hanno un rischio da tre a 10 volte maggiore di cancro ai testicoli.
  • Sindrome di Klinefelter. Caratterizzata da un’anomalia cromosomica in cui un maschio ha un cromosoma X in più, questa condizione genetica può aumentare il rischio.
  • Familiarità . Un uomo che ha un parente stretto che ha avuto un cancro ai testicoli ha un rischio maggiore di sviluppare questo tipo di cancro; un fratello aumenta il rischio di 8 volte e un padre con un precedente tumore ai testicoli aumenta il rischio di 4 volte.
  • Storia. Gli uomini che hanno avuto il cancro in un testicolo hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro nell’altro testicolo. L’aumento del rischio è stimato tra le 4 e le 12 volte.
  • Etnia. Sebbene gli uomini di qualsiasi razza possano ottenerlo, gli uomini bianchi hanno maggiori probabilità di sviluppare questo tipo di cancro rispetto agli uomini di altre razze. È raro negli uomini di colore, ma i malati di cancro hanno maggiori probabilità di morire rispetto agli uomini bianchi, soprattutto se il cancro si è già diffuso ai linfonodi o ad altre parti del corpo al momento della diagnosi.
  • Esposizione a sostanze che interferiscono con l’equilibrio endocrino (es. pesticidi).
  • Infertilità . Secondo l’AIRC, gli uomini infertili hanno una probabilità tre volte maggiore di sviluppare il cancro rispetto agli uomini fertili.
  • Virus dell’immunodeficienza umana (HIV). Gli uomini con HIV o AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita causata dal virus HIV) hanno un rischio leggermente maggiore di sviluppare seminoma.
  • Infine, il fumo raddoppia il rischio che si verifichi.

Prevenzione

Molti uomini con diagnosi di cancro ai testicoli non dimostrano la presenza di fattori di rischio noti a posteriori e molti di questi non sarebbero comunque modificabili (età, etnia , …); Per questi motivi è difficile riuscire a prevenire attivamente la comparsa del tumore, ma molto spesso questo tumore può essere individuato in una fase precoce e per questo motivo è consigliabile che l’uomo impari a svolgere regolari autoesami con grande attenzione ad eventuali alterazioni dei testicoli e dello scroto.

Vale la pena notare che l’autoesame non è più raccomandato da tutti gli autori, poiché è stato dimostrato per le donne con cancro al seno, ad esempio, che questa “abitudine non aumenta realmente il tempo medio di sopravvivenza e comporta ancora un rischio maggiore.” soffre di complicazioni associate a un trattamento precoce.”

Ad esempio, l’American Cancer Society scrive:

L’American Cancer Society consiglia agli uomini di essere consapevole del rischio essere consapevole dello sviluppo del cancro ai testicoli e consultare immediatamente un medico se viene trovato un nodulo. Tuttavia, poiché l’autoesame regolare e sistematico non è stato adeguatamente studiato per determinare se riduce effettivamente la mortalità per questo tumore, l’ACS non fornisce una raccomandazione per la popolazione maschile nel suo insieme.

Bei Altre considerazioni possono essere fatte in presenza di specifici fattori di rischio.

Trattamento

Le opzioni terapeutiche per il cancro ai testicoli includono:

  • Chirurgia
  • Radioterapia
  • Chemioterapia .

La scelta dipende da diversi fattori, tra cui il tipo e lo stadio del tumore, ma anche la salute generale e le preferenze del paziente.

L’asportazione chirurgica del testicolo (orchiectomia radicale inguinale) è il trattamento di scelta per quasi tutti gli stadi e tipi di cancro ai testicoli e prevede l’esecuzione di un’incisione a livello inguinale e quindi l’estrazione del testicolo (possibilmente per motivi di protesi sostituibile). estetica) attraverso l’apertura. Nel cancro allo stadio iniziale, questo può essere l’unico trattamento richiesto, mentre in caso di metastasi, a volte vengono rimossi anche i linfonodi vicini.

Ayrıca bakınız: Come trovare il tuo Punto G (ma anche il Punto C e il Punto A) | Vanity Fair Italia

Fonti e riferimenti

  • AIRC
  • krebs.net

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button