Come

Sitografia tesi di laurea e bibliografia: la nostra guida

Cerchi consigli su come scrivere il sito web di tesi?

In questa guida ti spieghiamo passo dopo passo come creare un sito web dopo la tesi e come strutturare correttamente la tua bibliografia , dalla selezione della fonte al la trascrizione nelle note della tua tesina.

Okuma: Come si scrive la bibliografia finale della tesi

Con l’avvento di Internet e la digitalizzazione delle risorse, sta diventando sempre più comune utilizzare fonti online per creare report e documenti.

Questa dinamica è evidente anche durante la stesura di la Tesi: oltre ai documenti e ai libri di testo che ne fanno le risorse web sono uno scrigno di preziose informazioni a cui attingere.

Ora vediamo come scrivere una tesi e come creare un sito web per la tesi e una bibliografia perfetta per la tua tesina sfruttando appieno questi fondi.

Strumenti e fonti web per scrivere una tesi perfetta urea

Bibliografia e sitografia: una definizione

Scrivere una bibliografia e una sitografia di una tesi può essere a prima vista essere complesso. Da un punto di vista scientifico, senza queste fonti sarebbe impossibile realizzare una tesi di diploma completa e affidabile.

Prima di entrare nel dettaglio, però, vediamo cosa si intende per bibliografia e sitografia :

  1. La bibliografia è la Raccolta di fonti cartacee che sono state consultate per la stesura della tesi. Possiamo includere libri, documenti, articoli e riviste;
  2. Sitografia è la raccolta di fonti online citate nella tesi, ovvero i siti web e in generale tutti gli elementi digitali in essi disponibili

Selezione della fonte è una delle fasi più delicate della stesura di una tesi. Prima di scrivere il testo, devi ricercare le informazioni da trattare nel tuo lavoro, avendo cura di selezionare fonti affidabili e coerenti con il tuo lavoro.

Dopo aver presentato domanda per la tua tesi, il Per ottenere una bibliografia e una sitografia di base della tesi, devi prima parlare con il tuo relatore: lui saprà sicuramente darti suggerimenti interessanti da cui partire per iniziare essere in grado. Successivamente puoi recarti in biblioteca o consultare i cataloghi OPAC online per vedere quali documenti ci sono e trattare l’argomento di tuo interesse.

Internet è un potentissimo alleato nella ricerca di informazioni per la tesi: su molti siti web sono presenti interi database di articoli scientifici, articoli di giornale e documenti necessari alla preparazione della tua tesi sono essenziali.

Per contestualizzare tutti, vediamo come è strutturata una tesi e come includere una bibliografia e una sitografia di tesi nel tuo lavoro.

Per cominciare: struttura della tesi

Ayrıca bakınız: Le quattro regole per trovare il senso della vita – Annarosa Pacini

Prima di parlare del sito web della tesi, diamo uno sguardo dettagliato a come costruire una tesi e quali parti non dovrebbero mancare nella tua tesi.

Scrivere una tesi potrebbe non essere facile: è infatti necessario un impegnativo lavoro di ricerca, a partire dalla selezione alle fonti degli argomenti da trattare.

La prima cosa da dire è che ci sono diversi tipi di tesi da scegliere in base agli obiettivi che vuoi raggiungere con la tua tesi. Possiamo distinguere:

  • Lavoro di ricerca che prevede un importante lavoro di studio e ricerca sull’argomento prescelto per fornire un nuovo punto di vista o far emergere originalità e aspetti innovativi;
  • Lavoro di raccolta consistente nell’analisi e nell’elaborazione di un’ampia raccolta di fonti e bibliografie al fine di creare una sintesi efficace di tutta la letteratura rilevante sull’argomento prescelto.

Sia che tu decida di fare un paper di ricerca o un’antologia, queste parti non devono mancare nel tuo lavoro:

  • Thesis Index

    strong> , essenziale per riassumere e sintetizzare gli argomenti trattati nel tuo lavoro e per guidare il lettore;

  • Introduzione della tesi , una prima parte utile per spiegare in poche righe l’intento dello studio della tua tesi e gli obiettivi che persegue;
  • parte principale del testo , in cui devi dettagliare tutti i punti del tuo lavoro;
  • Tesi, in cui è necessario riassumere il contenuto del proprio lavoro e trarre conclusioni, parlando di possibili sviluppi dell’argomento, mostrando risultati o proponendo soluzioni a un problema;
  • Bibliografia e sitografia tesi , dove elenchi tutti i documenti online e cartacei che hai utilizzato per scrivere la tua tesi.

In questo articolo ci concentriamo su un aspetto in particolare, ovvero la bibliografia e la sitografia della tesi. Solitamente questi due elementi vengono citati dopo l’ultima parte del lavoro per dedicarvi una sezione ad hoc.

Ora vediamo come scrivere correttamente una bibliografia e una sitografia, dall’uso di abbreviazioni alla citazione di una sitografia senza autore.

Come scrivere sitografia

Parlando di sitografia e significato, abbiamo detto che questo si riferisce all’insieme di fonti online che hai citato nel tuo documento di ricerca.

Per citarli, puoi utilizzare un posto speciale nell’ultima parte del lavoro dedicata alla raccolta delle fonti.

Non esistono standard ufficiali e inequivocabili. per la creazione del sito web, ma ecco alcune regole di base per citare correttamente le tue fonti digitali.

Menziona un sito web

Per citare un sito web nella tesi del sito e non devi fare riferimento a pagine specifiche, puoi semplicemente menzionare l’URL > a.

Ad esempio:

Ministero della Giustizia : https://www.giustizia.it

Menzione di un articolo o di un documento

Se invece devi citare un articolo o un documento specifico, è meglio citare il nome e il cognome dell’autore, poi l’URL dove si trova l’articolo e, se applicabile, la data dell’ultimo aggiornamento della pagina.

Ayrıca bakınız: Come Fare la Gelatina per Dolci: idee e consigli | Galbani

Nota che alcuni articoli di riviste digitali hanno il DOI (Digital Object Identifier), un identificatore permanente aggiunto su http://dx.doi.org/ per aprire il documento nel browser. In questo caso, puoi citare l’articolo includendo anche il DOI nella menzione.

Come scrivere la bibliografia

Ora che abbiamo visto come citare il sito web della tesi, vediamo come includere la bibliografia nei tuoi scritti.

Quando si cita un libro in bibliografia, è bene citare questi elementi:

  • Cognome dell’autore;
  • Titolo e sottotitolo del libro in corsivo;
  • Luogo di pubblicazione;
  • Editore;
  • Anno di pubblicazione e possibile edizione.

Ad esempio:

Perniola M., L’arte avanzata, Torino Einaudi, 2015

Per citare altri libri dello stesso autore, ottavo Assicurati di disporli nell’ordine cronologico di pubblicazione. Ad esempio:

Calvino I, Il sentiero dei nidi di ragno, Torino, Einaudi, 1947;

Calvino I, Il barone rampante, Torino, Einaudi, 1957.

Se vuoi citare un libro di più autori, puoi usare i loro cognomi e Inserisci i nomi in ordine alfabetico e cita tutti i punti che abbiamo già menzionato per menzionare il libro con un solo autore. In questo caso:

Centanni M., Daniotti C., Pedersoli A., Guida alla stesura di una tesi, saggio, saggio, Milano, Bruno Mondadori, 2004.

Menzione di un articolo

Se vuoi inserire un articolo di giornale o rivista nella bibliografia della tua tesi , puoi utilizzare questo grafico come guida:

  • Cognome e nome dell’autore dell’articolo;
  • Titolo dell’articolo in corsivo;
  • Titolo della rivista tra virgolette e preceduto da “in” (corsivo) ;
  • Anno (identificato con “a.” e in numeri romani) e numero di giornale (identificato con n. e in numeri arabi, in grassetto);
  • data di uscita;
  • Qualsiasi selezione di pagine consultate.

Hai le idee più chiare su come scrivere una bibliografia e una sitografia di tesi?

Siamo sicuri che, grazie ai nostri consigli, potrai scrivere una tesi perfetta e portare a termine con successo la tua carriera accademica.

Ayrıca bakınız: Investire in Criptovalute: Guida Base per Principianti 2022

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button