Come

Vivere dentro San Patrignano: &quotHo scoperto l&039eroina a 16 anni, non riuscivo a chiedere aiuto&quot

La prima cosa che colpisce entrando a San Patrignano è la dimensione e la portata del progetto. Alcuni numeri ti aiuteranno a capire di cosa stiamo parlando. La comunità conta 1300 ospiti e più di 300 dipendenti; Il complesso si estende su oltre 200 ettari tra vigneti, uliveti, sale riunioni, dormitori, cantine, ristoranti, attività produttive e strutture di ogni genere.Nella grande sala da pranzo può ospitare più di duemila persone mangiano contemporaneamente e ogni giorno le cucine producono circa 3.500 pasti non stop. Il rito del mangiare si divide in due momenti: chi mangia per primo deve alzarsi appena ha finito di servire gli altri ospiti.

C’è anche un centro medico, una specie di centro medico mini-ospedale diviso in più reparti con tutto il necessario per il primo soccorso dei nuovi arrivati. “Sanpa” è la più grande comunità di riabilitazione per tossicodipendenti in Europa, e c’è qualcuno che lo dice anche in tutto il mondo. Ovviamente tutto questo ha un costo di circa 30 milioni di euro (sì, avete letto bene).

Okuma: Come si vive a san patrignano

Circa la metà delle spese è coperta da proventi da attività produttive (San Patrignano produce vini, formaggi, pelletteria e falegnameria, vestiti, sciarpe, articoli per la casa, ecc. (tutti realizzati dai bambini della comunità), mentre il resto del denaro proviene da donazioni di privati ​​e dall’organizzazione di eventi, coloro che lavorare a San Patrignano mi piace sottolineare che lo Stato non paga niente, così come il canone per gli ospiti è zero.

Niente metadone, lavori da solo

Ma San Patrignano non te lo spieghi solo con i numeri. Dietro questo c’è un progetto e un’idea molto precisa di cosa significhi curare i tossicodipendenti. Prima di tutto it c’è da dire: chi entra in “Sanpa” è quasi in fase di ritiro è sempre stato indietro, ma non deve sorprendere n: La disintossicazione vera e propria, spiega Antonio Boschini, leader terapeutico della comunità, è solo un milionesimo della strada da percorrere per uscirne davvero. La dipendenza non si cura con i farmaci (niente metadone o altri oppiacei sintetici) ma con un programma di recupero essenzialmente educativo e riabilitativo.

Come funziona la Community Life

Ogni nuovo ospite è Un ragazzo viene utilizzato come l’educatore che è in comunità da almeno un anno e lo segue 24 ore su 24. La giustificazione è abbastanza semplice: “Chi ha superato la dipendenza – spiega Boschini – è per chi sta passando il miglior educatore”.

Il percorso riabilitativo dura dai 3 ai 4 anni. Il lavoro svolto è principalmente psicologico: i bambini che entrano in “Sanpa” hanno bisogno di ritrovare la fiducia in se stessi e imparare ad accettare le proprie debolezze. Regole: Chi abita in comunità non può usare un PC o uno smartphone, non è consentito bere vino a tavola, la televisione è razionata e si può parlare alla famiglia solo per lettera, mentre la prima B è consentito solo dopo .. un anno.

Lavori per il riscatto

Ayrıca bakınız: Pietra ollare – Cos’è – Come si usa | Alimentipedia.it

Se vi state chiedendo cosa fanno gli ospiti del comune dall’alba al tramonto, c’è un’altra cosa che dovete sapere: a San Patrignano lavoriamo. Ai bambini viene insegnato un mestiere che li aiuterà ad affrontare il mondo esterno una volta che saranno fuori. All’interno del comune c’è di tutto: dal caseificio al centro di formazione per odontotecnici, dal laboratorio tessile alla scuola per parrucchieri “Sanpa Hair”. Tutto quello che si fa a San Patrignano è di alta qualità e ricordate che non siamo retorica: spesso gli ordini provengono da marchi del lusso e più del 70% dei giovani che lasciano il comune poi trovano lavoro.

In un certo senso, questo complesso di edifici immerso nel verde delle colline riminesi, separati da prati, ulivi e viali, ricorda una grande unità produttiva. Ma lo scopo non è (e non può essere) solo quello di creare qualcosa destinato al mercato: il lavoro è uno strumento di redenzione e di salvezza, un modo per imparare ad affrontare la vita di nuovo o per la prima volta a fare.

Come è cambiato il mondo della droga in 40 anni

Il comune di San Patrignano ha una storia di 40 anni. Quando fu fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, l’eroina era al suo apice e il fenomeno della dipendenza era ancora in gran parte sconosciuto. Negli anni ’80 il “tossicodipendente” era il tossicodipendente di strada, la dose veniva assunta per via endovenosa, lo stigma sociale nei confronti del tossicodipendente era molto forte.

Per “ottenere” ci voleva un sacco di soldi e spesso se non li aveva, era costretto a prenderli in qualche modo.Oggi, se non è cambiato tutto, sicuramente molto è cambiato: l’eroina esiste ancora, così come i decessi per overdose, ma il mercato offre decine di droghe: l’accessibilità di molte di queste sostanze è maggiore che in passato – alcune droghe sintetiche possono anche acquistabile su Darknet – l’età media al primo utilizzo è diminuita e in generale il “problema droga” non fa più scalpore come 30 o 40 anni fa.

Dalla protesta alla conformità

La cocaina e le sostanze sintetiche (MDMA, anfetamine e ketamina) hanno preso il sopravvento sul mercato. Dai dati dell’Osservatorio di San Patrignano emerge che la droga più utilizzata da 9 bambini su 10 è la cocaina. Seguono la cannabis (utilizzata dall’87% dei nuovi arrivati) e l’eroina (57%). Poco più del 50% dei nuovi arrivati ​​usava anche l’ecstasy. L’uso di ketamina, anfetamina e allucinogeni è inferiore, ma continua a destare preoccupazione.

Ma anche il consumo di droghe è un fenomeno in continua evoluzione: negli ultimi anni, ad esempio, c’è stato un ritorno dell’eroina e, purtroppo, un ritorno della siringa tra i giovanissimi.

Negli anni ’80 quasi tutti i bambini che entravano a San Patrignano erano eroinomani oggi – secondo i dati comunali – sono meno del 60%. E c’è un altro dato che fa riflettere: negli anni ’80 il 70% dei tossicodipendenti ha avuto un’esperienza carceraria, oggi la percentuale è scesa al 20%, segno che il tossicodipendente non è più emarginato e non ha più bisogno di commettere reati per assumere droghe . In sostanza, siamo passati dalla “droga della sfida” (faccio le droghe per essere diverso dalla società) alla “droga dell’omologazione” (lo faccio perché lo fanno tutti).

Un problema che colpisce di più gli uomini

Ayrıca bakınız: Come Guadagnare 500 Euro subito? Ecco 8 idee semplici

Rispetto ai primi anni di vita in comunità il fenomeno della polidipendenza è aumentato (dal 20 al 40%) e la percentuale è vertiginosa di tossicodipendenti che hanno confessato abusi sessuali. Per le donne, questa cifra è impressionante: 35% contro il 5% per i ragazzi. All’inizio degli anni ’90 la percentuale di ex tossicodipendenti vittime di abusi era prossima allo zero, ma allora parlare di violenza sessuale era ancora un tabù e i dati potevano essere falsificati. Un altro aspetto del problema non può essere trascurato: l’80% dei casi dei ragazzi rimasti nella comunità sono maschi, una solida indicazione che la tossicodipendenza – per una serie di ragioni – è principalmente un problema maschile.

>

Le storie di chi è uscito allo scoperto: “L’eroina è stata l’inizio della fine”

Gianluca è in comunità da tre anni. Entrò quando aveva vent’anni. “Ero in totale solitudine – racconta –. Ho iniziato con le canne a 17 anni e da lì è stata tutta un’escalation: pillole, MDMA. Poi sono entrato nell’eroina ed è stato l’inizio della fine. Prima che fosse, diciamo, qualcosa di sociale, divenne un’abitudine solitaria. Era insopportabile. Ho vissuto come un parassita. Chi mi ha convinto a venire a San Patrignano? Sono stati i miei genitori a spingermi a farlo. Ero così fuori dal mondo che non capivo, “Non sapevo in cosa mi stavo cacciando.” “E ora?” E ora sono vivo. Non è il paradiso, ma vivo a testa alta”.

(foto Ansa)

Laura è entrata a far parte della community quando aveva 18 anni. Lei è al secondo anno di terapia. “Sono stati i miei genitori a spingere, soprattutto mia madre. Ad un certo punto mi hanno detto: o vai in chiesa o non vai più a casa. O così o pomì, diciamo. Io non l’ho fatto Vedo una volta l’opportunità di poter condurre una vita diversa: la vita era diventata quella per me. Ho avuto rari momenti di lucidità, ma dopo tre ore tutto è tornato alla normalità. Ci sono molti qui che, come me, sono entrati perché sono stati spinti dalla madre, dalla sorella, dal figlio o dal fidanzato. La linea dura funziona? Sì, ma deve esserci anche una consapevolezza personale perché mi hanno dato il permesso più volte ma ho continuato a fare quello che volevo. “

p>

Cristina fa l’eroina a San Patrignano da più di tre anni e undici: “Qui ho scoperto quanto è bello scrivere. Mio fratello mi ha detto che dalla prima all’ultima lettera si vede il cambiamento di persona attraverso la lettera.”

Dalla canna all’eroina: “Non potevo chiedere aiuto”

Emiliano ha alle spalle anche più di 20 anni di tossicodipendenza: “Quando sono arrivato qui per la prima volta (tre anni e mezzo fa, ndr) ho avuto problemi di ogni genere, dall’alcol all’eroina. Ho iniziato a bere a 12 anni, fumavo erba a 14 e ho scoperto l’eroina a 16. E se avessi provato a smettere prima? Sì, due volte, in altre comunità. Ma è stato un fallimento: forse non ero pronto, o forse non sono stato portato a quel tipo di comunità. Qui a San Patrignano è diverso: siamo noi a formare la comunità.Qui ogni minuto diventa una comunità, ogni giorno quando qualcosa non va, qualcuno viene a chiederti come stai. Come sono entrato nella droga? Anche se non crederesti ora che sono una persona molto introversa che non è in grado di esprimere la mia sofferenza e chiedere aiuto, ho sofferto la vita e ti ho insensibile lì. Poi appena sali su quella giostra non c’è più”.

“Non ho mai vissuto sano di mente, non so come sarà la vita là fuori”

«Sono tre anni e mezzo che non mi drogo – continua Emiliano – Non ho mai vissuto una vita lucida. Non ho idea di come sarà la mia vita fuori da qui. Qui mi hanno dato gli strumenti, li ho fatti miei, ma la vera community partirà dopo. Ho sempre temuto il giudizio degli altri, ho sempre temuto la mia sensibilità e la mia fragilità. Qui ho capito che quello che ho è tanto e che posso regalarlo. Ho paura di uscire? Sì, ho molta paura, ma penso che sia una cosa comune.

Ayrıca bakınız: Frasi della buonanotte per una persona speciale – La Mente è Meravigliosa

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button