Come

Bambini che non Mangiano: 6 Semplici Consigli per Stimolare l&039Appetito

Bambini che non mangiano: Betotal, C arpantina e vitamine “stimolanti della fame”.

Spesso l’ora del pasto può diventare un vero incubo quando i nostri bambini scelgono di non mangiare. Li vediamo con la bocca chiusa e scuotendo la testa in un continuo “No!” Così una sensazione di paura ci sopraffà e proviamo di tutto per farle assaggiare qualche boccone: promesse, compromessi, giocattoli, mille distrazioni, le seguiamo in giro per casa con piatti e posate e aspettiamo l’occasione giusta per aprirla

Chi di voi non è stato sopraffatto da sentimenti di rabbia mista a impotenza e alla tentazione di forzare la mano per guardarlo mangiare, terrorizzato dal fatto che il bambino non si allatti correttamente?

Okuma: Come stimolare l appetito nei bambini

Per chi come me in questa pagina vorrebbe dare suggerimenti su come provare a stuzzicare l’appetito dei bambini, sa quanto sia difficile parlare di questo argomento. Le voglie dei bambini più lunatici non possono essere accese con un interruttore, ma richiedono tempo e pazienza.

Pertanto, prima di ricorrere ad agenti farmacologici non sempre efficaci e non privi di possibili effetti collaterali (es.: sciroppo di carpantina o pericatina) o anche nei multivitaminici a base di vitamine del gruppo B (es.: Betotal, Solbinon etc) sono stati prontamente pubblicizzati come “stimolanti dell’appetito” in base alla logica biologica che aiutano nel metabolismo dei nutrienti (sebbene non sia mai stato dimostrato fino ad oggi che questi prodotti riescano effettivamente ad “aumentare la fame”) c’è qualcos’altro che possiamo fare di più efficace e “fisiologicamente”?

prendendo molto tempo e pazienza ci sono molte altre cose che possono aiutare il bambino a migliorare il suo rapporto con il cibo

Ayrıca bakınız: Termometro ambiente interno: le migliori app per misurare la temperatura | Greenissimo.it

In generale, se non vogliamo cadere in dannosi circoli viziosi comuni di sfida madre-bambino che ruotano attorno al cibo (mentre il bambino inizia a innervosirsi a tavola, non tanto perché è non affamato, ma perché vuole opporsi a chi lo costringe a mangiare e così lo vince!), bisogna attenersi Nota alcune parole chiave:

  • “Grande pazienza’ per i genitori: NON TIRARE MAI la mano! La pazienza è uno dei doni più grandi e i bambini ci aiutano a coltivarla…qualunque cosa accada, bisogna mantenere sempre un atteggiamento calmo e sorridente…anche nei momenti in cui la rabbia sta per esplodere!
  • “Divertimento e motivazione” per i bambini: proprio come a scuola, anche a tavola quando manca la motivazione, quando “si prende il corpo con non coinvolgere i suoi “amici sensuali”, probabilmente non andremo molto lontano

Consigli per invogliare i bambini a mangiare:

1) per sfamare mamma e papà! Ci siamo mai chiesti se il nostro piccolo ha già capito che non è l’unico a mangiare in casa? Hai capito che anche i genitori e i fratelli mangiano? Oppure si ritrova sempre solo sul seggiolone mentre mangia? Ricorda che il desiderio che i bambini hanno di imitare i loro genitori può in questo caso essere utilizzato a nostro vantaggio! Ma non gli mostriamo solo che ‘proviamo la sua pappa’ esclamando ‘quanto è buona!!!’…no…deve anche essere totalmente assorto e osservarci durante il ‘rituale di alimentazione’ è molto giovane! Da appena 6 mesi, quindi a pranzo mettiamo la sedia vicino al tavolo e lasciamo che ci guardino mentre mangiamo e…se si mettono in contatto…non neghiamo loro un assaggio o anche di più! Diamo loro la possibilità di mangiare da soli, di sperimentare, perché no, di giocare con il cibo. Ecco perché permettiamo ai nostri bambini di toccare il cibo, annusarne il profumo e la consistenza. Il corpo, i canali sensoriali, sono strumenti di conoscenza fondamentali quando si interagisce con il mondo esterno, anche quando si ha a che fare con il cibo. Quindi lasciamo che lo facciano da soli, non importa se si sporcano, non è la fine del mondo! Con questo gli abbiamo dato qualcosa di più importante di una maglia pulita, gli abbiamo dato un po’ di autonomia. Quando il bambino è più grande, può essere una buona idea spiegare loro che il cibo è il nostro carburante e senza di esso non avremmo l’energia per fare tutto ciò che vogliamo.

2) Le novità sono sempre belle! Offriamo e diamo loro la possibilità di provare cose nuove, assaggiare e gustare diversi tipi di piatti. Anche se inizialmente rifiuti un nuovo alimento, non aver paura di rimetterlo a posto dopo alcuni giorni o settimane!

3) Divertiti con i colori di frutta e verdura! Un tavolo è generalmente il colore verde che “fa più paura ai bambini”, beh aiutiamoli a superare quella paura!Una cosa divertente che ho fatto con alcuni bambini di 5 anni è stata creare dei veri e propri “quadri” in cucina con piatti con cibi di diversi colori. Niente di complicato, non devi essere un artista esperto. I nostri strumenti erano uova, carote, pomodori, legumi e la grande fantasia dei bambini. Dopo aver ammirato le loro “opere d’arte”, i bambini si sono divertiti a mangiarle!

4) Coinvolgiamoli nella preparazione! È sempre molto stimolante per i bambini mangiare qualcosa che hanno preparato loro stessi. Una cosa molto carina sarebbe allestire un piccolo giardino, magari come balcone, con vasi di piante e fiori, sarebbe un’attività molto divertente che potremmo fare con i nostri bambini. Pensa a quante cose potremmo lavorare: sviluppare la motricità fine nel trattare con il suolo, imparare a stare attenti (in questo caso alle piante), rispettare l’ambiente, osservare il meraviglioso ciclo della natura e quindi il seme da cui nasce la pianta che emerge darà vita ad un frutto o ad un ortaggio. Quindi impara che creare può essere più gratificante che distruggere. Poi pensa a quanto può essere bello per un bambino avere una verdura “di casa” e cucinarla insieme alla mamma per poi mangiarla a tavola con i genitori in un clima sereno e totalmente comunitario. È vero, tutto questo richiede tempo e pazienza. Tuttavia, se ciò non fosse possibile, un’alternativa potrebbe essere quella di inserirli durante lo shopping. Se questo è il caso, assicurati di stabilire prima delle regole chiare e assicurati che siano implementate, altrimenti potremmo finire con biscotti e gelato per cena. Non bisogna mai dimenticare una cosa: i bambini amano davvero le cose piccole e semplici e soprattutto amano fare qualcosa insieme a noi genitori!

Altro aspetto fondamentale, il già citato sopra per garantire un sano rapporto con il cibo è il momento in cui ti siedi a tavola. Un clima sereno di totale condivisione, un momento in cui si mangia insieme e non si guarda la TV aiuterà sicuramente il bambino a godersi il pasto e ad associare questo momento a sensazioni positive. Quindi, non inseguiamo i nostri ragazzi per casa sperando che mangino un boccone, non diamo loro mille distrazioni per fargli mangiare una ciotola di pasta. Non si accorgono nemmeno di cosa stanno mangiando, quindi è “piuttosto che saziante che nutrimento”. Insistono per non mangiare a tavola? Ebbene, senza arrabbiarsi, senza arrabbiarsi, senza compromessi, con tono rassicurante e pacato, gli diciamo che neanche lui può mangiare. Tuttavia, a questo punto è assolutamente vietato proporre alternative, sei a stomaco vuoto . È estremamente difficile per i genitori non nutrire il proprio figlio, ma ricorda che stai crescendo e crescere spesso non comporta compiti facili.

Ayrıca bakınız: Come condividere un post su Instagram (reposting facile) – ShareThis

6) Attenzione agli spuntini fuori orario! È importante che il bambino faccia uno spuntino (preferibilmente uno spuntino salutare), ma non in ogni momento della giornata. Ricorda, un ingrediente chiave è la “fame”! Se il bambino può accedere facilmente a ciò che gli piace di più durante la giornata, è inevitabile che non mangi a tavola. Quindi stabiliamo orari, facciamo spuntini sani e impariamo a dire NO quando continuiamo tra i pasti. Aiutiamo il bambino a sentire il famoso rombo della fame: questo non solo gli fa aumentare l’appetito a tavola, ma ha anche imparato ad ascoltare il suo corpo, che non dobbiamo sottovalutare. p>

Naturalmente, a fronte di un rifiuto totale e persistente di mangiare, è sempre opportuno rivolgersi al pediatra, verificare la crescita staturoponderale e assicurarsi che non vi siano problemi fisici che influiscano sull’appetito del bambino.

Comunque, BUON APPETITO e ricordatevi che la cura di sé inizia a tavola.

Ippocrate scrisse: “Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”

p>

________________________________________________________

Scritto da: Dott. Annalisa Rende – Psicomotoria Funzionale

_________________________________________________________

Ayrıca bakınız: Onicotecnica: che cos&039è e cosa fa? | HDNails di Natalia Fuks

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button