Come

Elezioni Usa 2020: chi sono i grandi elettori e come funziona il sistema elettorale? | Euronews

Che si tratti di Donald Trump o del suo sfidante Joe Biden, il candidato presidenziale più popolare alla fine può effettivamente perdere.

Questo perché le elezioni presidenziali negli Stati Uniti, a differenza di molti altri paesi, non sono decise da chi otterrà il maggior numero di voti.

Okuma: Come vengono eletti i grandi elettori americani

Invece, i collegi elettorali dei singoli stati federali determinano il risultato di un sistema controverso secondo il sistema “il vincitore prende tutto”.”).

Che cos’è il collegio elettorale e come funziona?

Il collegio elettorale degli Stati Uniti è composto da un gruppo di elettori che rappresentano ciascuno dei 50 stati degli Stati Uniti ed elegge il presidente. A ogni stato viene assegnato un numero di principali elettori in base alla popolazione. La California, ad esempio, ne ha 55 mentre il Wyoming ne ha 3.

I grandi elettori di solito supportano il candidato che ottiene il maggior numero di voti nel loro stato. Chi vince il referendum in California ottiene i voti di tutti i 55 maggiori elettori.

Ci sono 538 maggiori elettori, ovvero la somma di deputati statunitensi (435), senatori (100) e 3 maggiori elettori assegnati alla capitale Washington che non si fanno di nessuno stato. Per vincere, un candidato alla presidenza ha bisogno del sostegno di almeno 270 elettori.

Stati nel limbo

Negli Stati Uniti ci sono due grandi partiti politici, il Partito Democratico, di sinistra, sebbene vi siano tendenze più conservatrici al suo interno, e il Partito Repubblicano, tradizionalmente conservatore.

La maggior parte degli stati vota sempre in un modo o nell’altro. I partiti li considerano come roccaforti, motivo per cui sono spesso trascurati nelle campagne elettorali. L’attenzione dei candidati è quindi concentrata sugli stati oscillanti in cui entrambi i partiti hanno una possibilità di vincere e sono di conseguenza considerati la chiave per vincere le elezioni:

Ayrıca bakınız: Ceretta a casa: segreti e consigli per la depilazione fai da te

Pennsylvania, Michigan, Wisconsin, Florida, Iowa e Ohio questi sono alcuni degli stati nel conteggio delle elezioni del 2020. Un elenco che potrebbe anche essere ampliato per includere stati che in passato sono spesso diventati repubblicani, come Arizona, Carolina del Nord (dove Obama ha vinto una misurata vittoria nel 2008) e Georgia

Un sistema elettorale controverso

Il collegio elettorale conferisce “ai piccoli stati molto più potere nella scelta del presidente rispetto ai loro mandati popolari ai grandi stati”, ha affermato David Redlawsk, professore di scienze politiche alla Science dell’Università del Delaware, ha affermato Euronews.

La California, ad esempio, ha 55 elettori mentre il Wyoming ne ha 3, sebbene la popolazione della California sia circa 68 volte quella del Wyoming.

Inoltre, in tutti gli stati tranne due, i voti dei maggiori elettori vanno tutti al candidato che ha vinto il voto popolare. Redlawsk sottolinea che ciò significa che “chiunque voti per il candidato perdente in uno stato è essenzialmente non rappresentato”.

Quindi puoi vincere il voto popolare, ma perdere le elezioni, eh nel 2000, quando George W. Bush ha ricevuto il sostegno di 271 elettori primari, anche se Al Gore ha ricevuto 500.000 voti in più a livello nazionale.

Nel 2016, Donald Trump ha trionfato con 304 elettori primari, sebbene Hillary Clinton abbia ricevuto quasi tre milioni di voti in più a livello nazionale.

p>

Sebbene impopolare tra gli elettori americani, è improbabile che il sistema cambi poiché il Congresso dovrebbe cambiare la Costituzione. Ciò richiederebbe il sostegno di due terzi di entrambe le Camere del Congresso: un accordo che al momento sembra altamente improbabile.

Come è nato il sistema elettorale?

Come fondatori di The Gli Stati Uniti hanno scritto la Costituzione del 1787, hanno discusso l’elezione del Presidente e del Vice Presidente degli Stati Uniti.

Ayrıca bakınız: Come Cucinare il Baccalà: ecco i consigli utili e le ricette | Galbani

I fondatori, dopo aver intrapreso una guerra contro la monarchia britannica, temevano che l’esecutivo potesse finire.

Secondo vari storici, sembra che i fondatori nutrissero anche una certa sfiducia nei confronti della democrazia diretta, mentre altri si occupavano di bilanciare gli interessi dei singoli stati.

“Alcuni volevano che il Congresso eleggesse il Presidente. Altri volevano che fosse indipendente dal Congresso”, ha detto Redlavsk. Il compito era quello di eleggere il Presidente, non il Congresso”.

Molti storici sostengono che il sistema ha le sue radici anche nella tratta degli schiavi.Un altro compromesso raggiunto alla convenzione ha permesso agli stati del sud di aggiungere tre quinti della loro numerosa popolazione di schiavi alla popolazione totale per ottenere elettori più grandi e più seggi al Congresso.

Il sistema in uso oggi prende finalmente forma con il 12° Emendamento, varato nel 1804 per correggere una lacuna della costituzione originaria emersa nelle elezioni del 1800 e vinta dal Partito Democratico-Repubblicano.

Fino ad allora, i maggiori elettori avevano il diritto di esprimere due preferenze per il Presidente: sia Thomas Jefferson che Aaron Burr, membri del Partito Democratico-Repubblicano, ricevevano lo stesso numero di voti (75).

Un pareggio inaspettato considerando che i Democratici-Repubblicani avevano previsto che uno degli elettori si sarebbe astenuto dal votare per Aaron Burr per assicurarsi la vittoria di Jefferson e lasciare Burr stesso come vicepresidente del piano, tuttavia, non è stato rispettato: tutti i maggiori gli elettori hanno espresso un voto comune di Jefferson-Burr. Il voto della Camera è stato quindi necessario per rompere l’impasse e dare la presidenza a Jefferson.

Il 12° emendamento è stato approvato per evitare il ripetersi di una situazione simile: prevede che il grande elettore esprima una preferenza per il presidente e vicepresidente in modo tale che più candidati non possano ricevere lo stesso numero di voti.

Ayrıca bakınız: Come si recita il Santo Rosario | La guida di Radio Maria

.

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button