Come

D-dimero alto e valori normali: cosa significa?

Che cos’è il D-Dimero?

Il D-Dimero è un frammento proteico che risulta dalla scomposizione della fibrina; è formata in particolare dall’unione per legame covalente di due frammenti D di fibrina (da cui il nome).

In condizioni fisiologiche, la fibrina è una proteina coinvolta nel processo di coagulazione, mantenendo in parte l’integrità della i tessuti mentre guariscono Una volta interrotta l’emorragia, il tappo di fibrina viene rimosso e durante il processo di dissoluzione del coagulo vengono prodotti i prodotti di degradazione della fibrina e del fibrinogeno (incluso il D-dimero). /p>

D -dimero non è presente nel sangue umano in condizioni fisiologiche (o, più precisamente, è presente in concentrazioni molto basse); pertanto, non ha una specifica funzione biologica. Tuttavia, la sua misurazione fornisce informazioni indirette molto utili sull’attivazione del sistema di coagulazione del paziente.

Okuma: D-dimero alto come si cura

Il peso molecolare del D-dimero è di circa 180.000 dalton, con un’emivita compresa tra 4 e 6 ore: in altre parole, durante questo periodo la sua concentrazione plasmatica si dimezza.

Qual è lo scopo della misurazione del D-dimero?

La misurazione del livello ematico del D-dimero consente al medico di sospettare un’errata attivazione del sistema di coagulazione ed è particolarmente importante nella diagnosi di malattie gravi quali:

  • Embolia polmonare (EP)
  • Trombosi venosa profonda (TVP)
  • Coagulazione intravascolare disseminata (DIC)

Es Si tratta quindi di un esame che viene utilizzato prevalentemente in situazioni di emergenza, o comunque nell’ambito del ricovero ospedaliero, anche per la breve emivita del metabolita misurato.

Con gli strumenti attualmente utilizzati dai laboratori di analisi, il test ha un’elevata sensibilità ma una bassa specificità: in parole povere, questo significa che

  • consente tutte le attivazioni di il Sistema di coagulazione del sangue (alta sensibilità)
  • ma che la sua positività non dovrebbe essere necessariamente dovuta ad una patologia tromboembolica (bassa specificità).

In altre parole, il test ha un alto valore predittivo negativo: Nel caso positivo, non fornisce informazioni specifiche sulla patologia sospetta, mentre nel caso negativo, esclude piuttosto le attivazioni della cascata della coagulazione.

Valori di riferimento

Il paziente sano ha i seguenti valori circolanti:

  • 500 ng/ml di unità di fibrinogeno equivalenti (FEU)

Ayrıca bakınız: Portico chiuso con vetrate: come fare e quali permessi servono | Zaza Design

Fonte: Mayo

(Nota, gli intervalli di riferimento possono variare da laboratorio a laboratorio, quindi fai riferimento a S rapporti sul tuo rapporto)

Interpretazione

Livelli inferiori a 500 ng/mL di unità di fibrinogeno equivalenti (FEU) hanno un valore predittivo negativo di circa il 100% e, secondo la FDA, possono essere considerati sufficienti per escludere la diagnosi di embolia polmonare e trombosi venosa profonda se sospettato il test è moderato o medio.

Altri strumenti che aiutano il medico a valutare le condizioni tromboemboliche sono i punteggi clinici, i. H. l’assegnazione di un punteggio numerico a un particolare segno o parametro clinico per stimare la probabilità della presenza di una particolare sindrome; Si consideri, ad esempio, il punteggio di Wells, che consente di dividere i pazienti suggestivi di embolia polmonare in diverse classi in base ai seguenti fattori di rischio:

  • Sintomi di trombosi venosa profonda (3 punti)
  • nessuna diagnosi alternativa può spiegare in modo più soddisfacente la malattia (3 punti)
  • tachicardia con pulsazioni superiori a 100 (1,5 punti)
  • immobilità (3 giorni o più) o intervento chirurgico nelle ultime quattro settimane (1,5 punti)
  • Storia di trombosi venosa profonda o embolia polmonare (1,5 punti)
  • Perdita di sangue rosso vivo con tosse (1 punto)
  • Presenza di tumore maligno (1 punto)

Sommando i punti, la probabilità di un’embolia polmonare può essere stimata come segue:

  • Punteggio over 6: Probabilità alta
  • Punteggio compreso tra 2 e 5: Probabilità media
  • Punteggio inferiore a 2: Probabilità bassa it

Va ​​bene ha sottolineato che la concentrazione di D-dimero aumenta con l’età, quindi la sua accuratezza diagnostica è inferiore negli individui più anziani. Si precisa che i limiti di decisione possono essere modulati anche in funzione dell’età in modo da poter valutare più accuratamente il rischio di tromboembolismo venoso.

Valori elevati

Poiché anche piccole deviazioni dagli intervalli di riferimento possono essere prive di significato clinico, i valori di D-dimero aumentati devono essere considerati cospicui, ma non lo sono un’indicazione di una specifica condizione patologica Condizione. In realtà possono essere associati a:

  • embolia polmonare (EP)
  • trombosi venosa profonda (TVP)
  • coagulazione intravascolare disseminata (DIC)
  • li>
  • malattie del fegato
  • infiammazione
  • neoplasie maligne
  • stati di ipercoagulabilità
  • gravidanza
  • interventi chirurgici recenti
  • emorragia recente
  • ematoma recente
  • trauma recente

Il valore del D-dimero di per sé non è quantitativamente correlato con la gravità della malattia o con la gravità clinica del paziente.

Valori bassi

Ayrıca bakınız: Come Utilizzare il Burro d&039Arachidi | NA.mA

I valori del D-dimero inferiori al cut-off di laboratorio di riferimento sono considerati fisiologici.

Fattori che influenzano il test

In alcuni casi, il test può essere positivo anche se non c’è tromboembolismo. Alcuni esempi di condizioni confondenti che possono dare risultati falsi positivi sono:

  • vecchiaia
  • malattie del fegato
  • presenza di alti livelli di fattori reumatoidi
  • li >

  • Gravidanza
  • Trauma recente.

Al contrario, l’assunzione di anticoagulanti può portare a risultati falsi negativi.

Quando è richiesta la visita

La visita è richiesta dal medico, solitamente in caso di urgenza o emergenza, quando si sospettano gravi malattie legate a patologie tromboemboliche. Le sue due manifestazioni principali sono l’embolia polmonare e la trombosi venosa profonda.

Le condizioni di rischio che aumentano il rischio di sviluppare queste malattie sono:

  • Interventi chirurgici recenti, in particolare interventi ortopedici Rilevanza;
  • Neoplasie in corso;
  • riposo a letto prolungato;
  • Identificato stato di ipercoagulabilità.

Tra i segni ei sintomi più caratteristici della trombosi venosa profonda si possono citare:

  • dolore improvviso ad uno degli arti inferiori;
  • Gonfiore di uno degli arti inferiori;
  • Cambi di colore su uno degli arti inferiori;

Tuttavia, in caso di embolia polmonare, il paziente può

  • avere difficoltà respiratorie che si manifestano improvvisamente senza che siano note malattie polmonari o cardiache;
  • Dolore toracico con tosse e possibilmente emottisi (tosse con sangue).

Test associati

Data la portata ristretta della patologia, cioè correlata alle variazioni del D-dimero, lo studio può essere combinato con altri studi che condividono la struttura della coagulazione valutare la paziente, ad es. B.:

  • tempo di protrombina (PT) e tromboplastina parziale attivata dal tempo (aPTT),
  • fibrinogeno,
  • conta piastrinica.

Preparazione richiesta

Non è richiesta alcuna preparazione speciale per il test del d-dimero, che consiste nel prelevare un normale campione di sangue da una vena (tipicamente il braccio).

Ayrıca bakınız: Cosè la Tessera del Tifoso: costi, come funziona e come farla | DAZN News Italia

Riferimenti

  • Antigene D-dimero: concetti attuali e prospettive future

    Riferimenti

    • li>
    • Confronto dell’accuratezza diagnostica in pazienti ambulatoriali e ospedalieri dei test del D-dimero per valutare l’embolia polmonare
    • Livelli di cutoff del D-dimero aggiustati per l’età per escludere l’embolia polmonare: lo studio ADJUSTPE

    .

Related Articles

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Back to top button